La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L'intervento educativo per lalunno con disturbi dellapprendimento (d.s.a.) deve comprendere e conciliare: una programmazione flessibile, riferita agli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L'intervento educativo per lalunno con disturbi dellapprendimento (d.s.a.) deve comprendere e conciliare: una programmazione flessibile, riferita agli."— Transcript della presentazione:

1

2 L'intervento educativo per lalunno con disturbi dellapprendimento (d.s.a.) deve comprendere e conciliare: una programmazione flessibile, riferita agli obbiettivi della classe e non differenziata condivisa dallintero consiglio di classe, dalla famiglia e dagli specialisti luso di strumenti compensativi ed eventuali dispense da alcune prestazioni

3 deve essere commisurato alle potenzialità dellalunno rispettare i tempi dapprendimento dellalunno d.s.a. come ad esempio concordare con il discente i tempi e i modi delle verifiche sommative valutare lapprendimento della competenza, tenendo sempre in considerazione le abilità di partenza ed i tempi personali dovuti al riattivarsi del processo dapprendimento

4 Lintervento individualizzato per il D.S.A. modifica la didattica della classe?

5

6 Brainstorming Significato letterale: tempesta delle idee possibilmente di tipo visivo tirare fuori le idee come vengono non dare giudizi in fase finale rianalizzare le idee espresse e creare i collegamenti tra le idee

7 Mappe mentali Studiando i taccuini di scienziati famosi: Edison, Newton, Einstein si notò che i loro appunti sono organizzati in modo differente apparentemente in disordine il senso dellordine appare diverso con alcune linee che collegano le abbreviazioni emerge il flusso di pensiero Tony Bunzan conia il termine m.m. alla fine degli anni 60

8 Mappe concettuali Quando lalunno dice Ho in testa ciò che voglio dire ma non so come dirlo! oppure ho tante idee in testa … cosa devo dire prima e cosa dopo?..mi sono perso!

9 quando ci si perde…si usa una mappa! la mappa la può proporre il docente per non far perdere lalunno o la può usare il discente per orientarsi definizione di M.C. è stata coniata da J.D.Novac a metà degli anni ottanta

10

11 Alcuni accorgimenti con il D.S.A. per luso delle m.c. Fornire, mentre si danno le istruzioni, dei criteri es: non più di 6 parole chiave evitare, nella prima fase,di richiedere la correttezza ortografica e sintattica permettere luso della m.c. nel corso dellinterrogazione e della verifica scritta

12 evitare, durante lattività, di essere direttivi, di guidare lattività sostituendosi sono sospesi il giudizio e la valutazione In una prima fase la mappa può apparire molto confusa e eccessivamente ricca di parole o al contrario eccessivamente sintetica

13 può essere assente la sequenzialità, lordine gerarchico e temporale è necessario far osservare e riflettere il discente guidandolo nellanalisi dellerrore stimolandolo all auto-correzione, allanalisi delleccesso o stimolandolo allarricchimento

14 Lavoro a coppia o con tutor Si propone a tutto il gruppo classe di fare un lavoro a due o a tre i compiti possono essere suddivisi: il normo-lettore legge leventuale testo, lalunno d.s.a. coordina lattività mettendo in atto le proprie competenze nel problem-solving il C. di C. individua un compagno adatto a svolgere il ruolo tutor

15 NOTA PER LE SCUOLE SU DISLESSIA E DSA: PROVVEDIMENTI COMPENSATIVI E DISPENSATIVI La dislessia è un disturbo specifico di apprendimento che può verificarsi in ragazzi per il resto normali, cioè senza handicap neurologici o sensoriali o condizioni di svantaggio sociale. La difficoltà di lettura può essere più o meno grave e spesso si accompagna a problemi nella scrittura e/o nel calcolo. Lo sviluppo delle conoscenze scientifiche ha permesso di stabilire che si tratta di una caratteristica costituzionale, determinata biologicamente e non dovuta a problemi psicologici o di disagio socio-culturale. Queste difficoltà permangono dopo la prima fase di acquisizione e si manifestano in un difficile rapporto col testo scritto e la sua decodifica. E' facile capire come in una cultura come la nostra, così fortemente legata alla scrittura, questo problema incida pesantemente condizionando la vita scolastica e in seguito la vita professionale.

16 Molti di questi ragazzi non sono riconosciuti come dislessici e non ottengono alcuna facilitazione o adattamento della didattica che permetta loro di avere pari opportunità di apprendimento. Il mancato riconoscimento ha importanti conseguenze psicologiche, determina spesso labbandono della scuola e talvolta un futuro professionale di basso livello nonostante le potenzialità di creatività e di intelligenza che questi ragazzi manifestano. Inoltre influisce negativamente sullo sviluppo della personalità e compromette un adattamento sociale equilibrato. Anche se riconosciuti, i ragazzi dislessici attualmente non godono di nessuna tutela specifica, a differenza di quanto accade in numerosi paesi europei. Per riuscire a leggere e scrivere devono impegnare al massimo le loro capacità e le loro energie, si stancano molto ed impegnano molto tempo, sono lenti, troppo lenti, commettono errori, saltano parole e righe.

17 Altra caratteristica è la sostituzione in lettura e scrittura di lettere con grafia simile p b d g q - a/o - e/a o suoni simili: t/d - r/l - d/b - v/f e altre non prevedibili. Molti dislessici hanno difficoltà : - ad imparare l'ordine alfabetico, i giorni della settimana, i mesi in ordine. - nell'espressione anche verbale del pensiero, hanno un lessico povero e non memorizzano i termini difficili. - a riconoscere le caratteristiche morfologiche della lingua italiana; quasi sempre le prestazioni grammaticali sono inadeguate. Molti dislessici sono anche discalculici, ovvero non riescono a: - imparare le tabelline - fare calcoli in automatico - fare numerazioni regressive - imparare le procedure delle operazioni aritmetiche. Praticamente tutti i dislessici hanno grosse difficoltà ad apprendere le lingue straniere, in particolare scritte, e la difficoltà maggiore è rappresentata dalla lingua inglese a causa delle differenze molto accentuale tra la scrittura e la pronuncia delle lettere e tra la pronuncia e la scrittura di una stessa lettera in parole diverse

18 Per i motivi sopra indicati si ritiene importante che i ragazzi segnalati dai servizi sanitari con dislessia o difficoltà di apprendimento, ottengano la possibilità di uso, dove necessario, di strumenti compensativi quali: - tabella dei mesi, tabella dell'alfabeto e dei vari caratteri, - tavola pitagorica, - tabella delle misure, tabelle delle formule, - calcolatrice, - registratore, - cartine geografiche e storiche, tabelle della memoria di ogni tipo - computers con programmi di videoscrittura con correttore ortografico e sintesi vocale, commisurati al singolo caso - cassette registrate (dagli insegnanti, dagli alunni, e/o allegate ai testi), mediante anche la predisposizione in ogni scuola di una fonoteca scolastica contenente il testo parlato dei libri in adozione, ed altri testi culturalmente significativi, ( possibilità di collaborazione col Centro del "Libro parlato dell'Unione Italiana Ciechi) - dizionari di lingua straniera computerizzati, tabelle, traduttori - richiesta alle case editrici di produrre testi anche ridotti e contenenti audio- cassette o cd-rom

19 Parallelamente, in maniera commisurata alle necessità individuali e allentità del disturbo di apprendimento, si dovrà garantire la dispensa da alcune prestazioni quali: - lettura a voce alta, scrittura veloce sotto dettatura, lettura di consegne, uso del vocabolario, studio mnemonico delle tabelline; - dispensa dallo studio delle lingue straniere in forma scritta, a causa delle difficoltà rappresentate dalla differenza tra scrittura e pronuncia; - tempi più lunghi per prove scritte e per lo studio, mediante una adeguata organizzazione degli spazi ed un flessibile raccordo tra gli insegnanti; - organizzazione di Interrogazioni programmate; - assegnazione di compiti a casa in misura ridotta; - possibilità d'uso di testi ridotti non per contenuto, ma per quantità di pagine (come già avviene in vari paesi europei tra i quali la Gran Bretagna dove esiste lo stesso testo ampio oppure ridotto per i dislessici). Associazione Italiana Dislessia Onlus Via Testoni, Bologna Tel Fax

20 …si ritiene importante che i ragazzi segnalati dai servizi sanitari come soggetti con dislessia o difficoltà di apprendimento ottengano la possibilità di uso, dove necessario dei seguenti STRUMENTI COMPENSATIVI CHE COSA SONO GLI STRUMENTI COMPENSATIVI?

21 SONO QUEGLI STRUMENTI CHE PERMETTONO DI COMPENSARE DIFFICOLTA DI ESECUZIONE DI COMPITI AUTOMATICI DERIVANTI DA UNA DISABILITA SPECIFICA METTENDO IL SOGGETTO IN CONDIZIONI DI OPERARE PIU AGEVOLMENTE G. Stella 2001 COSA SIGNIFICA COMPITO AUTOMATICO?

22 UNABILITA E LA CAPACITA DI UN SOGGETTO DI ESEGUIRE UNA PROCEDURA, COMPOSTA DA UNA SEQUENZA DI ATTI IN MODO: v RAPIDO v STANDARDIZZATO v CON BASSO DISPENDIO DI RISORSE ATTENTIVE Un soggetto viene definito abile in un compito quando riesce ad eseguirlo ripetutamente, in modo soddisfacente e senza sforzo apparente. RIESCE QUINDI AD AUTOMATIZZARE LE PROCEDURE

23 Automatizzare significa: PER LA LETTURA: decodificare in modo automatico, rapido e corretto il grafema (linguaggio scritto) in fonema (linguaggio orale) PER LA SCRITTURA: trasformare il linguaggio verbale, tenendo conto delle regole linguistiche, in linguaggio scritto in modo automatico, rapido e corretto.

24 Gli strumenti compensativi aiutano a superare la difficoltà di automatizzazione che lalunno dislessico presenta mettendolo in condizione di operare più agevolmente. A CHE COSA SERVONO GLI STRUMENTI COMPENSATIVI?

25 TABELLA DELLE MISURE TABELLA DELLE FORMULE

26 CALCOLATRICE permette di recuperare il risultato di qualsiasi calcolo presuppone La capacità di leggere e scrivere correttamente i numeri, i segni delloperazione, la conoscenza di alcune regole operative delle operazioni

27 COMPUTER VIDEOSCRITTURA permette di identificare le parole ortograficamente scorrette attraverso il controllo ortografico; di economizzare lo sforzo per scrivere testi in soggetti con grave disabilità di scrittura di revisionare ed espandere il testo senza doverlo riscrivere necessita della conoscenza della tastiera e di una minima velocità di digitazione

28 CASSETTE REGISTRATE ALLEGATE AI TESTI DIZIONARI DI LINGUA STRANIERA COMPUTERIZZATI, TABELLE, TRADUTTORI RICHIESTA ALLE CASE EDITRICI DI PRODURRE TESTI ANCHE RIDOTTI E CONTENENTI AUDIOCASSETTE O CD-ROM

29 Parallelamente, in base alle necessità individuali e allentità del disturbo di apprendimento si dovrà garantire LA DISPENSA DA ALCUNE PRESTAZIONI

30 DISPENSA DALLA LETTURA A VOCE ALTA, SCRITTURA VELOCE SOTTO DETTATURA, LETTURA DI CONSEGNE, USO DEL VOCABOLARIO DISPENSA DALLO STUDIO DELLE LINGUE STRANIERE IN FORMA SCRITTA PREVISIONE DEI TEMPI PIU LUNGHI PER LE PROVE SCRITTE E PER LO STUDIO, MEDIANTE UNADEGUATA ORGANIZZAZIONE DEGLI SPAZI E RACCORDO FLESSIBILE TRA INSEGNANTI

31 ASSEGNAZIONE DI COMPITI A CASA IN MISURA RIDOTTA POSSIBILITA DUSO DI TESTI RIDOTTI, NON PER CONTENUTO MA PER QUANTITA DI PAGINE E DI FACILE LETTURA ORGANIZZAZIONE DELLE INTERROGAZIONI PROGRAMMATE

32 le caratteristiche grafiche aumentare linterlinea almeno a 2 è preferibile usare come dimensione il carattere 14 considerando un eventuale disgrafia è opportuno lasciare uno spazio ampio per scrivere

33 Le caratteristiche del testo di facile lettura Non più di 50 parole complessive nella scuola primaria Non più di 150 parole complessive …. Parole tratte dal Vocabolario di base Frasi brevi, semplici, coordinate più che subordinate Esplicitare sempre soggetto ed oggetto, evitando i pronomi, attenzione ai connettivi Verbi in modo finito, allindicativo, in forma attiva Evitare doppie congiunzioni e doppie negazioni

34 Distinguere informazioni principali e secondarie Non sovraccaricare il testo di troppe informazioni e dati Evidenziare i passaggi necessari alla comprensione ed esplicitarne il contenuto Fornire il testo in anticipo

35 La quantità degli esercizi io avrei saputo fare lespressione di matematica, ma gli esercizi erano troppi ….. Non è pietismo, ma se si riduce il numero delle richieste si verifica comunque lapprendimento della competenza !

36 Il progetto pedagogico ha come finalità far star bene lalunno dislessico nel contesto scolastico tenendo conto degli alti rischi di abbandono difficoltà psicologiche difficoltà dinserimento sociale e lavorativo

37 È necessario: uscire da una concezione incentrata sulluniformità nel modo dapprendere, pensare ed esprimersi evitare un sistema incentrato e governato dalla rigidità dei programmi valutazione comparativa e competitiva leccessivo tecnologicismo

38 ….ed allora,in presenza di un discente d.s.a., linsegnante può esprimere al massimo la principale dote di un docente: la capacità di essere umano sempre attento ai bisogni di supporto alle potenzialità ad i tempi dapprendimento

39 la penna deve correre con il pensiero. Ma non sempre avviene ciò...

40 alle volte il pensiero corre più veloce della penna


Scaricare ppt "L'intervento educativo per lalunno con disturbi dellapprendimento (d.s.a.) deve comprendere e conciliare: una programmazione flessibile, riferita agli."

Presentazioni simili


Annunci Google