La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il nuovo progetto regionale VIRC (Valutazione Integrata del Rischio Cardiovascolare) per la prevenzione Mario Cordoni U.O. Malattie Cardiovascolari – UTIC.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il nuovo progetto regionale VIRC (Valutazione Integrata del Rischio Cardiovascolare) per la prevenzione Mario Cordoni U.O. Malattie Cardiovascolari – UTIC."— Transcript della presentazione:

1 Il nuovo progetto regionale VIRC (Valutazione Integrata del Rischio Cardiovascolare) per la prevenzione Mario Cordoni U.O. Malattie Cardiovascolari – UTIC Ospedale Villamarina Piombino

2 Lidentificazione del rischio cardiovascolare è uno degli obiettivi principali della prevenzione primaria e costituisce la premessa necessaria per lattivazione di azioni finalizzate alla riduzione dei fattori di rischio modificabili La modalità più appropriata per identificare le persone a rischio di ammalare è quella realizzata attraverso la valutazione del rischio cardiovascolare globale assoluto Questa procedura, considerando insieme i valori di più fattori di rischio, permette di stimare la probabilità di andare incontro a malattia nel corso degli anni successivi

3 LA NUOVA CARTA ITALIANA

4

5

6

7

8

9 Calcolo del rischio mediante algoritmi ISS e Framingham Vantaggi Facilità e praticità duso Affidabilità dopo i aa Svantaggi Sottostima dei pazienti < 50 aa Non considerano e quindi sottostimano: *Malattia CV subclinica *Danni dorgano *Familiarità per Patologie CV precoci *S.Metabolica *Obesità *pcr *Sedentarietà

10 Cosa si intende per rischio cardiovascolare elevato? Il rischio assoluto di manifestare una patologia cardio-e cerebrovascolare > 20% nei successivi 10 anni (utilizzando lalgoritmo di Framingham)

11 Alto rischio CV per ISS: >10%? >15%? >20%? La popolazione italiana è naturalmente meno colpita da patologie CV rispetto agli statunitensi di Framingham, almeno dai 40 ai 70 anni Suscita oggettivi criticismi trasferire il cut-off del 20% per lalto rischio automaticamente dal Framingham alle coorti italiane dellISS Se utilizziamo lalgoritmo nazionale dellISS, appare sufficiente, per ora, oggettivare numericamente il rischio CV, lasciando ad approfondimenti e consensus ulteriori la possibilità di stabilire un valore di cut-off italiano (attuale propensione per il 15%)

12 Proposta di sintesi Cut-off suggerito per evidenziare gli individui ad alto rischio: a) >14% con ISS b) >19% con Framingham Fare emergere dalla popolazione sana almeno la seguente categoria di persone ad alto rischio CV (metodo semplice ed economico): tutte le persone di età < 55 aa a rischio intermedio (10-19% col Framingham oppure 7-14% con ISS) che presentino in associazione i seguenti due fattori: a) Familiarità per eventi CV precoci b) Obesità o Sindrome Metabolica N.B. Lottimale sarebbe nella fascia fra 10 e 15% poter ricercare anche i segni di malattia subclinica (TSA, ecocardio…) ma i costi sarebbero difficilmente accettabili in qs periodo di risorse limitate per la prevenzione primaria

13 difficoltà a trasferire sul singolo il concetto di rischio maggioranza della popolazione a basso rischio strumenti di calcolo del rischio poco aderenti alla realtà in cui si opera attenzione puntata solo sui parametri presi in considerazione nelle tabelle (colesterolo, fumo…) necessità di ulteriori stratificazioni (intolleranza al glucosio, obesità, IVS, …..determinanti socioeconomici) Problemi nella valutazione del rischio CV in Medicina Generale

14 MG Marmot. Studio Whitehall,1978 (da Collecchia, 2007)

15 MG Marmot. Studio Whitehall,1978 (da Collecchia, 2007)

16 A. Rosengren et al Studio Interheart, 2004 (da Collecchia, 2007)

17 ISS - Studio Quadri, 2004 (da Collecchia, 2007)

18 Epidemiologici Validazione di un unico database strutturato con dati anagrafici, anamnestici, sociali, clinici, bioumorali Determinazione di una mappa multiparametrica per la valutazione del rischio CV basata sui dati della popolazione regionale Obiettivi del Progetto VIRC

19 Clinici Acquisizione dei dati in modo quantitativo e strutturato, secondo parametri prefissati e sulla base della letteratura Determinazione insieme al paziente di obiettivi predefiniti da ricontrollare nel tempo Obiettivi del Progetto VIRC

20 Delibera Giunta Regionale n.958 del 18/12/2006 Piano Nazionale della Prevenzione : Progetto Cuore. Approvazione del programma attuativo regionale e costituzione del Comitato di coordinamento.

21 Programma VIRC

22 Registrazione visita

23 Storico visite

24 Dati Anagrafici

25 Dati Biometrici

26 Dati Medici

27 Anamnesi Paziente

28 Anamnesi Familiare

29 Patologie/ Ricoveri/ Interventi

30 Terapia in corso

31 Patologia Attuale non CV

32 Patologia Attuale CV

33 Risposte/ Richiesta esami lab.

34 Indicazione Consulenze

35 Calcolo Rischio CV

36 Indicazioni e Obiettivi Paziente

37 Generazione Referto

38 Grafico multiparame trico

39 Grafico predetto/conc ordato

40 Eventi

41 Server VIRC

42 Richiesta Account

43 Conferma Account

44 Accesso a VIRC

45 Continuità Assistenziale Spostare il centro dellassistenza dal medico al paziente Favorire la comunicazione fra le figure professionali, sempre più numerose, che concorrono alla cura del paziente Favorire la condivisione di strumenti ed obiettivi fra i professionisti sanitari Obiettivi del Progetto VIRC

46

47

48


Scaricare ppt "Il nuovo progetto regionale VIRC (Valutazione Integrata del Rischio Cardiovascolare) per la prevenzione Mario Cordoni U.O. Malattie Cardiovascolari – UTIC."

Presentazioni simili


Annunci Google