La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Neuropsicologia è la disciplina che studia i deficit cognitivi e comportamentali conseguenti a lesioni cerebrali correlandoli con i meccanismi anatomo-funzionali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Neuropsicologia è la disciplina che studia i deficit cognitivi e comportamentali conseguenti a lesioni cerebrali correlandoli con i meccanismi anatomo-funzionali."— Transcript della presentazione:

1 La Neuropsicologia è la disciplina che studia i deficit cognitivi e comportamentali conseguenti a lesioni cerebrali correlandoli con i meccanismi anatomo-funzionali che ne sottendono il funzionamento.

2 Il neuropsicologo clinico lavora, solitamente, in ambito ospedaliero ed parte di un team interdisciplinare, composto da professionisti di diversa formazione (neurologi, neurochirurghi, psicologi, logopedisti, terapisti occupazionali, educatori, assistenti sociali); Il neuropsicologo clinico si occupa della valutazione, della diagnosi e della gestione della riabilitazione dei pazienti cerebrolesi con deficit cognitivi ed alterazioni comportamentali;

3

4 FUNZIONI STRUMENTALI Emisfero destro Abilità visuo-percettive Abilità visuo-spaziali Orientamento topografico Emisfero sinistro Comunicazione verbale Calcolo Prassia

5 ATTENZIONE

6 L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri e di organizzare risposte appropriate; LAttenzione è legata al concetto di arousal : veglia (arousal )coma

7 LAttenzione è unabilità cognitiva complessa e multicomponenziale: Componenti intensive allerta tempi di risposta alla comparsa di uno stimolo; attenzione sostenuta la capacità prestare attenzione a lungo nel tempo, mentre si eseguono compiti monotoni e ripetitivi; Componenti selettive attenzione selettiva capacità di prestare attenzione ad uno stimolo specifico (target) inserito tra altri stimoli (distrattori) senza lasciarsi distrarre attenzione divisa capacità di ripartire la propria attenzione tra più stimoli riguardanti diversi modalità sensoriali (es. uditivo e visivo)

8 Nel bambino si può avere un grave disturbo dellattenzione, che viene designato con il nome di sindrome del bambino iperattivo o, con lacronimo in lingua inglese di ADHD ( Attention Defi cit and Hyperactivity Disorder ). In particolare, nellADHD si determina un difetto di attenzione selettiva in quanto i segnali ambientali più importanti non possono essere distinti dal rumore di fondo, per cui tutti gli stimoli ambientali appaiono uguali; da questa alterazione derivano anche limpulsività e liperattivita che insieme al deficit di attenzione costituiscono la triade di sintomi dellADHD.

9 AFASIA

10 Lafasia è un disturbo della comunicazione verbale conseguente ad una lesione acquisita del cervello ed interessa una o più componenti del complesso processo di comprensione e produzione di messaggi verbali

11 Alcune caratteristiche dellafasia: Lesione acquisita del SNC; (si distingue quindi dal ritardo del linguaggio) Lesione focale a carico, quasi sempre, dellemisfero sinistro Compromissione della componente linguistica; Lafasia interessa la espressione, ripetizione, comprensione del linguaggio, la lettura e scrittura Lafasia interessa i processi centrali di elaborazione linguistica, mentre lascia intatti i processi periferici (articolatori, fonatori e percettivi); Si distingue quindi dalla disartria, dalla balbuzie e da altri deficit della articolazione del linguaggio.

12 Classificazione clinica dei disturbi afasici viene eseguita seguendo due criteri: Fluente/non fluente Ripetizione conservata/ripetizione compromessa

13 Afasie nonfluenti Esistono diverse afasie non fluenti. Il prototipo della afasie non fluenti è la: Afasia di Broca

14 Afasie fluenti Esistono diverse afasie fluenti. Il prototipo della afasie fluenti è la : Afasia di Wernicke

15

16 Afasia di Broca Ampie lesioni nella regione frontale sinistra Leloquio è ridotto, difficoltoso; la produzione è agrammatica; lAgrammatismo è clinicamente caratterizzato da riduzione e semplificazione delle strutture grammaticali: i verbi, se presenti, appaiono in forme non declinate (infinito o participio passato), le parole di classe chiusa (pronomi, preposizioni, articoli,….) tendono ad essere omessi; lordine delle parole può esser invertito; Leloquio oltre ad esser ridotto ed agrammatico, presenta anomie La comprensione risulta parzialmente compromessa; Compiti di transcodifica: ripetizione e lettura ad alta voce sono difficoltose, la scrittura è come lespressione orale; la comprensione della lettura è discretamente conservata.

17 Afasia di Wernicke Lesione localizzata nella parte posteriore della prima circonvoluzione temporale, larea di Wernicke Leloquio è fluente, abbondante, a volte logorroico; la produzione orale è caratterizzata da parafasie fonemiche, neologismi, gergo fonemico; La comprensione è gravemente compromessa; I compiti di transcodifica (lettura ad alta voce, ripetizione, scrittura sotto dettato e copia) sono compromessi;

18 Disturbi fonologici nellafasia Parafasie fonemiche: omissioni, sostituzioni, trasposizioni, aggiunta o ripetizione di fonemi allinterno della parola. Quando più parafasie fonemiche si combinano, la parola prodotta non è più riconoscibile, si parla di neologismo; un discorso composto prevalentemente da neologismi, viene definito gergo neologistico (o fonemico). Rientra in questo cluster di disturbi anche la conduites dapproche.

19 Disturbi semantico-lessicali nellafasia Anomia: mancata produzione dellunità lessicale; Circonlocuzione: sostituzione della parola mancante con unespressione più o meno articolata; Parafasia verbale: produzione di unaltra parola al posto di quella target; Parafasia semantica: produzione di una parola in cui si può ravvisare una somiglianza con quella da riprodurre;

20 Agrammatismo stimolo: descrizione figura produzione orale: …si..persona… mamma….oh….mamma mia …lava…con acqua poi rubinetto aperto…a terra …..poi biscotti in cucina ….no armadio, oh mamma mia, si piccoli…bambini….due salire merenda…ma cade …si fa male…sorella

21 Valutazione dei disturbi del linguaggio

22 Abilità linguistiche da indagare in un esame dei disturbi del linguaggio: Eloquio spontaneo Comprensione Denominazione Ripetizione Linguaggio scritto

23

24 APRASSIA

25 Per aprassia si intende lincapacità di un paziente di eseguire un gesto su richiesta dellesaminatore, anche se non sono presenti deficit di moto, di senso o di coordinazione motoria che possano giustificare tale difficoltà.

26 LAprassia viene distinta in: Aprassia Ideativa (AI): il pz non sa cosa deve fare, cioè non riesce a rappresentarsi mentalmente il gesto da compiere; Aprassia Ideomotoria (AIM): il pz sa ideare una sequenza motoria corretta, ma non sa come metterla in atto, cioè tradurla in un adeguato pattern motorio; Il paziente sa cosa deve fare ma non sa come farlo. Il paziente esegue movimenti goffi, incerti e incompleti e siccome ne è consapevole cerca di correggerli. Aprassia Orale (AO): il pz non riesce ad eseguire, quando richiesto, i movimenti che riguardano la muscolatura dellapparato faringo-bucco-facciale;

27 Per esaminare lAPRASSIA IDEOMOTORIA lesaminatore chiede al soggetto di fare la pantomima di un gesto complesso (ad es. battere un chiodo con un martello) oppure si utilizzano anche prove di imitazione di gesti più o meno complessi (ad es. lesaminatore esegue alcuni gesti senza significato ed il paziente deve ripeterli su imitazione) oppure viene richiesto di eseguire gesti di saluto, di comando, di farsi il segno della croce o il saluto militare. Nella APRASSIA IDEATIVA si chiede al paziente di mostrare come si usano oggetti reali (prove di utilizzazione di oggetti). L APRASSIA OROBUCCOFACCIALE si devono valutare i movimenti bucco facciali (si dice ad esempio al paziente: mi mostri come succhia con una cannuccia, come spegne una candela etc)

28 I DISTURBI DELLATTENZIONE SPAZIALE: il NEGLECT

29 Il Neglect Caratteristiche cliniche I pazienti con Eminegligenza Spaziale, o Neglect, mostrano unalterata rappresentazione del lato sinistro dello spazio. Questi pazienti si comportano come se la parte sinistra del loro copro e/o dellambiente che li circonda, non esistesse; in altre parole, agiscono come se non fossero in grado di percepire ed esplorare tutto ciò che si trova nello spazio controlaterale alla lesione emisferica. Losservazione del paziente rileva chiaramente questo deficit dellattenzione spaziale: egli non infila la manica sinistra della camicia o la gamba sinistra dei pantaloni; gli uomini radono solo la parte destra del volto e le donne mettono cipria, rossetto e ombretto solo sul lato destro del viso; nelligiene personale, trascurano totalmente la parte sinistra del corpo; inforcano male gli occhiali; mangiano solo la parte destra del cibo nel piatto, non trovano gli oggetti posti allo loro sinistra né descrivono il lato sinistro del luogo in cui si trovano; si perdono quando si spostano da un posto ad un altro…..

30 Bisezione di una linea

31 Disegno della margherita

32 ABILITA VISUO-COSTRUTTIVE E VISUO-SPAZIALI

33 Abilità visuo-costruttive capacità di costruire strutture complesse ponendo gli elementi che le costituiscono nei corretti rapporti spaziali reciproci; se questa abilità viene compromessa, si parla di aprassia costruttiva.

34

35

36 Prove costruttive bidimensionali Ricostruzione di figure (WAIS-R, 1987) - lesaminato deve ricomporre 4 oggetti (un manichino, un profilo umano, una mano, un elefante) mettendo insieme i vari elementi avendo a disposizione un tempo max ( ); Disegno con Cubi (WAIS-R, 1987) - lesaminato deve mettere insieme i vari cubi per costruire 10 disegni di complessità crescente avendo a disposizione un tempo max (60-120);

37 Abilità visuo-spaziali capacità di analizzare adeguatamente le relazioni spaziali esistenti tra stimolo ed osservatore e quelle reciproche esistenti tra i vari stimoli.

38 Test di giudizio di orientamento di linee (Benton et al, 1978) Prova di percezione visuo-spaziale Il compito che lesaminato deve svolgere è semplice: deve identificare, tra le 11 possibili alternative, la corretta inclinazione di una coppia di linee; Vengono presentate 35 coppie di rette-stimolo, una per volta, poste sullo stesso foglio di carta in cui sono presenti le 11 alternative; il soggetto dovrà individuare quali linee hanno la medesima inclinazione.


Scaricare ppt "La Neuropsicologia è la disciplina che studia i deficit cognitivi e comportamentali conseguenti a lesioni cerebrali correlandoli con i meccanismi anatomo-funzionali."

Presentazioni simili


Annunci Google