La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROGETTO SBULLONARE IL BULLISMO. DEFINIZIONE Il bullismo è un comportamento che va al di la di un normale scambio di violenze psicologiche verbali o fisiche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROGETTO SBULLONARE IL BULLISMO. DEFINIZIONE Il bullismo è un comportamento che va al di la di un normale scambio di violenze psicologiche verbali o fisiche."— Transcript della presentazione:

1 PROGETTO SBULLONARE IL BULLISMO

2 DEFINIZIONE Il bullismo è un comportamento che va al di la di un normale scambio di violenze psicologiche verbali o fisiche diventa bullismo quando cè unoppressione che si protrae nel tempo e tende a trasformare in modo stabile loppresso in vittima e a far trionfare la perversione del carnefice.

3 CARATTERISTICHE DEL BULLISMO Intenzionalità, metter in atto comportamenti aggressivi allo scopo di offendere laltro e arrecargli danno Persistenza, ripetitività dei comportamenti di prepotenza protratti nel tempo Asimmetria del potere, relazione fondata sul disequilibrio e sulla disuguaglianza di forza del bullo e della vittima Tipologie diverse con cui si manifesta, di tipo fisico con modalità verbali dirette (offese, minacce) e con modalità di tipo psicologico ed indiretto (esclusione, diffamazione) o con strumenti impersonali (internet) Natura sociale del fenomeno, avviene normalmente alla presenza di altri che possono assumere il ruolo di rinforzo del comportamento o solo sostenere e legittimare loperato del bullo

4 DOVE AVVIENE? - 41,3 % nellambiente scolastico - 49,6 % in classe - 4,9 % durante la strada per tornare a casa - 23 % per le strade o in locali Allinterno della scuola gli episodi avvengono soprattutto durante lorario della ricreazione, nell'orario di mensa, e nel tragitto casa scuola.

5 LE PRINCIPALI CAUSE Disagio esistenziale Sentimenti di ingiustizia Bisogni di riconoscimento e di leadership nel gruppo di pari

6 INTERVENTO Lapproccio dei bulli è provocatorio e ha lo scopo consapevole o inconsapevole, di produrre una forte pressione allazione, cerca di farci spostare da una posizione di ascolto e tolleranza ad una di tipo aggressivo, violento, punitivo, che rinforza dentro di loro il desiderio di vendetta, giustizia e rivincita. Solo dopo che si è arrivati a capire il vero motivo del loro soffrire si potrà dar loro giustizia e insegnargli a spegnersi.

7 In questo contesto di intervento, gli approcci individuali meno efficaci sembrano quelli di tipo punitivo e sanzionatorio, dal momento che tendono a lasciare il bullo nella sua incapacità di trovare prospettive e comportamenti diversi per affrontare con maggiore efficacia la vita relazionale. Tali sistemi di intervento possono persino peggiorare la situazione, dal momento che una sospensione potrebbe, per diversi motivi, assumere un valore di rinforzo positivo del comportamento sgradito. La famiglia e la scuola, in questo contesto di interventi, vengono addestrate ad evitare ed isolare i bulli, oltre che irrigidirsi di fronte ai loro comportamenti negativi. Lobiettivo, al contrario, deve essere quello di favorire nel bullo lemissione di comportamenti positivi da premiare, principalmente attraverso i rinforzi sociali che lui ricerca con i suo comportamenti negativi.

8 INTERVENTO SULLA VITTIMA Per la vittima talvolta è utile un lavoro di supporto psicologico centrato sullo sviluppo dellassertività, ma anche sul potenziamento della stima di sé, spesso logorata da continui attacchi e dalle critiche subite. INTERVENTO SUL BULLO training di alfabetizzazione socio-emotiva, ossia percorsi specifici mirati a migliorare le abilità deficitarie dellintelligenza emotiva e delle capacità socio-relazionali, con particolare attenzione allo sviluppo della prosocialità. INTERVENTO SULLA FAMIGLIA parent training (Fedeli D., 2005), si conducono dei percorsi di aiuto alla genitorialità, volti a fornire informazioni sui metodi educativi più efficaci per inibire lo sviluppo di comportamenti disadattivi nei propri figli.

9 CINQUE REGOLE Non indietreggiare quando sei aggredito Spostati di fianco Stai a distanza di sicurezza Non parlare in prima persona (non dire io… Trasformare le offese del bullo in domande aperte

10 Prepos nella scuola - orientamento e formae mentis - bilancio delle competenze - peer education - consulte studentesche - accoglienza - gestione delle assemblee - prevenzione del bullismo - educazione alla non violenza - educazione alla salute - prevenzione del disagio - prevenzione della droga - comunicazione educativa - comunicazione didattica - didattica personalizzata - circoli di studio - riunione dei bocciati - obbligo formativo - comunicazione aumentativa - counseling psicomotorio - counseling e disabilità - consulenza organizzativa - formazione agli insegnanti - formazione personale ata - aggiornamento - Analisi degli staff - Ottimizzazione dei talenti - Gestione delle Risorse Umane - formazione al metodo di studio - laboratori di recupero - Prevenzione e recupero dello Stress, del Burn- Out e del Mobbing - cooperative learning - gestione del clima relazionale delle classi - educazione allaffettività -educazione allinnamoramento -dialogo interculturale -dialogo interreligioso Prevenire è Possibile


Scaricare ppt "PROGETTO SBULLONARE IL BULLISMO. DEFINIZIONE Il bullismo è un comportamento che va al di la di un normale scambio di violenze psicologiche verbali o fisiche."

Presentazioni simili


Annunci Google