La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Modulo di Citologia ed Istologia Carlo Rodolfo Dente I Stanza 240 Carlo Rodolfo Dente I Stanza 240

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Modulo di Citologia ed Istologia Carlo Rodolfo Dente I Stanza 240 Carlo Rodolfo Dente I Stanza 240"— Transcript della presentazione:

1 Modulo di Citologia ed Istologia Carlo Rodolfo Dente I Stanza 240 Carlo Rodolfo Dente I Stanza 240 Esame Integrato Biologia Cellulare e dello Sviluppo Esame Integrato Biologia Cellulare e dello Sviluppo Citologia ed Istologia per Biotecnologie Tor Vergata

2 Orario Lezioni Esercitazioni Inizio da definireGiovedì Esercitazioni Inizio da definireGiovedì Martedì e Venerdì Ottobre e Novembre Giovedì Giovedì

3 Testi consigliati Citologia e Generale LewinZanichelli LewinZanichelli GeneraleBeckerPearsonGeneraleBeckerPearson

4 Testi consigliati EsercitazioniWeatherElsevierEsercitazioniWeatherElsevier EsercitazioniRoss Ambrosiana/Z anichelli EsercitazioniRoss IstologiaJunqueiraPiccinIstologiaJunqueiraPiccin IstologiaKerr IstologiaKerr

5 Citologia ed Istologia (6 cfu) modulo Il corso di Citologia ed Istologia (6 cfu) è un modulo allinterno dellinsegnamento di Biologia Cellulare e dello Sviluppo (12 cfu) Lesame finale assegnerà una valutazione che non potrà essere verbalizzata e che confluirà nella valutazione del corso di Biologia dello Sviluppo verbalizzazionelassegnazione dei 12 cfu La verbalizzazione, e lassegnazione dei 12 cfu, avverrà solo previo superamento di entrambi i moduli Citologia ed Istologia (6 cfu) modulo Il corso di Citologia ed Istologia (6 cfu) è un modulo allinterno dellinsegnamento di Biologia Cellulare e dello Sviluppo (12 cfu) Lesame finale assegnerà una valutazione che non potrà essere verbalizzata e che confluirà nella valutazione del corso di Biologia dello Sviluppo verbalizzazionelassegnazione dei 12 cfu La verbalizzazione, e lassegnazione dei 12 cfu, avverrà solo previo superamento di entrambi i moduli

6 superamento propedeutico Il superamento della prova di Citologia ed Istologia è quindi propedeutico al sostenimento dellesame di Biologia dello Sviluppo appelli superare Ci saranno appelli delle due materie in sequenza allinizio e verso la fine di ogni sessione desame, in modo da permetterVi di superare lesame ad ogni sessione sostenere entrambi gli appelli di Citologia ed Istologiamedesima sessionediscrezione del docente La possibilità di sostenere entrambi gli appelli di Citologia ed Istologia, allinterno della medesima sessione, è a totale discrezione del docente superamento propedeutico Il superamento della prova di Citologia ed Istologia è quindi propedeutico al sostenimento dellesame di Biologia dello Sviluppo appelli superare Ci saranno appelli delle due materie in sequenza allinizio e verso la fine di ogni sessione desame, in modo da permetterVi di superare lesame ad ogni sessione sostenere entrambi gli appelli di Citologia ed Istologiamedesima sessionediscrezione del docente La possibilità di sostenere entrambi gli appelli di Citologia ed Istologia, allinterno della medesima sessione, è a totale discrezione del docente

7 Lesame consiste in Parte pratica Parte pratica, riconoscimento di un preparato al microscopio ottico Parte orale Parte orale, riguardante la citologia e listologia Lesame consiste in Parte pratica Parte pratica, riconoscimento di un preparato al microscopio ottico Parte orale Parte orale, riguardante la citologia e listologia Esonero di CITOLOGIA Alla fine delle lezioni di Citologia si terrà un test scritto (30 domande), il cui voto farà media nellesame finale Esame finale Votazione 25 al test lorale verterà solo sullistologia. Votazione 24, oppure migliorare il voto del test, comprenderà anche la citologia.

8 Citologia = Studio della cellula

9 cellule1665HookeDescrive le cellule in lamine di sughero utricoli e sacculi1671MalpighiConferma osservazioni di Hooke chiamando le unità osservate utricoli e sacculi Cellule adipose Scopre le Cellule adipose Globuli rossi e spermatozoi1678LeeuwenhoekDescrive le strutture fibrose in muscoli e tendini. Scopre Globuli rossi e spermatozoi Sistemi lamellari delle ossa1734HaversDescrive i Sistemi lamellari delle ossa Globuli Bianchi1768SpallanzaniDescrive i Globuli Bianchi 1769HellerIndica nelle fibre le unità costituzionali degli organi

10 Nucleo CellulareFibre Nervose1781FontanaScopre Nucleo Cellulare e le Fibre Nervose 21 tessuti1801Bichat21 tessuti in base a caratteristiche fisico-chimiche e comportamento nelle malattie Vescicole1808OkenPiante ed animali costituiti da Vescicole Teoria Cellulare1838ScheidenEnuncia la Teoria Cellulare nei vegetali Teoria Cellulare1839SchwannEnuncia la Teoria Cellulare negli animali Definizione di Cellula1850SchultzeDefinizione di Cellula ˜1850VirchowOsserva la divisione cellulare

11 Circa metà dell800 concetto di cellula ormai condiviso SCHULTZE, 1850Cellula Particella microscopica elementare della sostanza vivente Costituita da una massa mucillaginosa contrattile Ben delimitata Non miscibile con acqua Contiene un corpiciattolo detto nucleo

12 Teoria Cellulare 1.Tutti gli esseri viventi sono costituiti da cellule. La cellula è lunità fondamentale di funzione e organizzazione Protozoi Metazoi Protozoi (organismi monocellulari) Metazoi (organismi pluricellulari) ProcariotiEucarioti Procarioti ed Eucarioti

13 Teoria Cellulare 2.Tutte le cellule, benché autonome, derivano da altre cellule Carrel, inizio 900, prime colture cellulari

14 Teoria Cellulare 3.Tutte le cellule derivano da un progenitore comune Weismann (1880)

15 Eccezioni alla teoria Cellule non microscopiche Esistono cellule ben visibili ad occhio nudo, uova degli uccelli (oocita umano al limite della risoluzione) Tessuti con elementi extra-cellulari Tessuto connettivo Tessuto connettivo, in gran parte costituito da elementi extra-cellulari, ma sempre sintetizzate ed assemblate dalle cellule connettivali Sincizi Fusione di cellule Fusione di cellule, estesi citoplasmi plurinucleati (muscolo) Plasmodi Moltiplicazione del nucleo Moltiplicazione del nucleo senza divisione cellulare (epatociti)

16 Eccezioni alla teoria Autonomia delle cellule non assoluta Inibizione da contatto Inibizione da contatto Una volta riempito lo spazio a loro disposizione le cellule smettono di replicarsi e differenziano oppure muoiono Interazione cellula-cellula Interazione cellula-cellula Scambio di informazioni tra le varie cellule, per cui non completamente indipendenti Virus Parassiti obbligati, al confine tra vivente e non-vivente Non rientrano nella teoria

17 Evoluzione cellulare Tutte le cellule derivano da un progenitore comune Gli eucarioti si sono evoluti dai procarioti circa 1,5 miliardi di anni fa TEORIA DELLINVAGINAZIONE TEORIA DELLENDOSIMBIONTE

18 Cellula Procariotica Ribosomi DNA Citoplasma Membrana Cellulare Parete Cellulare

19 Cellula Eucariotica Membrana Cellulare Mitocondri Membrana Nucleare DNA Nucleo Citoplasma

20 TEORIA DELLINVAGINAZIONE Linvaginazione della membrana plasmatica dei procarioti ha dato origine agli organelli intra-cellulari ed al sistema di endo-membrane

21 Citoplasma Sistema di endomembrane Cromatina Membrana plasmatica Copertura Primitiva

22 TEORIA DELLENDOSIMBIONTE Endosimbiosi Endosimbiosi Due organismi che vivono in stretta collaborazione, uno allinterno dellaltro, traendone reciproco vantaggio procarioti fotosintetici autotrofi Movimento di piccoli procarioti fotosintetici (cloroplasti) o autotrofi (mitocondri) allinterno di cellule procariotiche più grandi

23 Cellula ospite DNA Cianobatterio Mitocondrio Cloroplasto Nucleo Procariota autotrofo aerobico

24 CITOPLASMA Citoplasma è tutta la regione compresa tra lInvolucro Nucleare e la Membrana Plasmatica Comprende gli organelli cellulari

25 CITOSOL Citosol è la sostanza semifluida che si trova nel citoplasma Proteine, enzimi, sali minerali e le sostanze solubiliNON comprende gli organelli cellulari

26 Lisosoma Mitocondrio Perossisoma Golgi Reticolo Endoplasmatico Nucleo Citoplasma Citosol

27 NUCLEO Organello cellulare più grande Involucro Nucleare Involucro Nucleare Sistema di membrane a doppio strato Racchiude il DNA

28 NUCLEOLO Regione del nucleo, solitamente di forma sferica Nelle cellule non in divisione Organizzatori nucleolari ribosomi Organizzatori nucleolari e ribosomi Anche più di uno per nucleo

29 RIBOSOMI Organelli nucleari e citoplasmatici Composti da: Proteine 60% RNA ribosomiale 40% Sito della sintesi delle proteine Sito della sintesi delle proteine Poliribosomi o polisomi

30 Sistema di Endomembrane Le membrane degli organelli cellulari sono in relazione le une con le altre 1.Involucro nucleare 2.Reticolo endoplasmatico 3.Vescicole di trasporto 4.Apparato del Golgi 5.Lisosomi 6.Vacuoli 7.Membrana plasmatica

31 MITOCONDRI Organelli con una doppia membrana ed un proprio DNA Sia in cellule animali che in cellule vegetali Sia in cellule animali che in cellule vegetali respirazione cellulare Organelli deputati alla respirazione cellulare Processo catabolico, esoergonico aerobico Energia estratta da macro-molecole organiche, Glucosio, per produrre ATP

32 CLOROPLASTI Organelli con una doppia membrana ed un proprio DNA Solo in cellule vegetali Solo in cellule vegetali fotosintesi Organelli deputati alla fotosintesi Processo anabolico, endoergonico, anaerobico Energia luminosa ed acqua convertite in macro-molecole organiche, Glucosio

33 CELLULA ANIMALE

34 CELLULA VEGETALE

35 CITOSCHELETRO Rete di fibre che si spande in tutto il citoplasma Supporto cellulare e movimento 3 componenti principali: Microfilamenti Microfilamenti Proteine globulari actina Proteine globulari (actina) supporto e contrazione cellulare Filamenti intermedi Filamenti intermedi Proteine fibrose Proteine fibrose, supporto Microtubuli Microtubuli proteine globulari tubulina proteine globulari (tubulina), supporto e motilità

36 Proprietà delle cellule Capacità di differenziarsi Formazione di un organismo multi-cellulare con organi a funzionalità specifica Capacità di ricambio Metabolismo, capacità di rinnovare i loro costituenti, sia proteine che organelli intracellulari Fenomeni anabolici Fenomeni anabolici, costruzione della materia vivente, prevalgono nel periodo di crescita. Fino ai 20 anni Fenomeni catabolici Fenomeni catabolici, distruzione della materia vivente, prevalgono nel periodo della vecchiaia. Dopo i 50 anni. Tra i 20 e i 50 anni i due fenomeni si equivalgono

37 Proprietà delle cellule Capacità di movimento Le cellule non sono strutture immobili, possono muoversi anche se formano un tessuto. Spermatozoi sono tra le più mobili Capacità di essere eccitate (TROPISMO) Le cellule sono eccitabili perché in grado di rispondere a stimoli provenienti dallesterno Tropismo positivo Tropismo positivo, la cellula è risponde positivamente e si può muovere verso la fonte dello stimolo Tropismo negativo Tropismo negativo, la cellula risponde negativamente e può allontanarsi dalla fonte dello stimolo

38 Proprietà delle cellule Capacità di accrescimento Ipertrofia Le cellule si accrescono fino a circa il doppio del volume e poi si dividono. Se ciò non avviene si hanno fenomeni di Ipertrofia, che può ripercuotersi sullorgano interessato in maniera positiva o negativa Capacità di riprodursi Iperplasia Le riproduzione delle cellule, fondamentale per la formazione di un organismo multi-cellulare, è controllata molto finemente. Quando il controllo fallisce Iperplasia, ingrossamento dellorgano per maggior numero di cellule

39 Proprietà delle cellule Durata della vita Durata della vita Le cellule non sono immortali (almeno non tutte), ma hanno un tempo di vita limitato I tessuti del nostro corpo si rinnovano di continuo, durante tutto il periodo della vita TESSUTO NERVOSO E MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO E MUSCOLARE Non presentano fenomeni di morte cellulare, il numero di cellule definito durante lo sviluppo rimane costante nel corso della vita dellindividuo La morte cellulare avviene per NECROSI, APOPTOSI o AUTOFAGIA Durata della vita Durata della vita Le cellule non sono immortali (almeno non tutte), ma hanno un tempo di vita limitato I tessuti del nostro corpo si rinnovano di continuo, durante tutto il periodo della vita TESSUTO NERVOSO E MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO E MUSCOLARE Non presentano fenomeni di morte cellulare, il numero di cellule definito durante lo sviluppo rimane costante nel corso della vita dellindividuo La morte cellulare avviene per NECROSI, APOPTOSI o AUTOFAGIA


Scaricare ppt "Modulo di Citologia ed Istologia Carlo Rodolfo Dente I Stanza 240 Carlo Rodolfo Dente I Stanza 240"

Presentazioni simili


Annunci Google