La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth,"— Transcript della presentazione:

1 Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth, Steven Wright, Jen Sullivan. In: Communications in Information literacy, Volume 1, Issue2, Fall 2007 Scopo dellarticolo è di riportare le conclusioni di uno studio fatto presso lUniversita di Monash, Australia che ha cercato di spiegare come sono cambiate le modalità di ricerca dellinformazione presso gli studenti universitari nellultimo decennio, e questo al fine comprendere come si sono modificate le esigenze di apprendimento delle competenze informative. In particolare sono stati presi in esame i laureandi. Lapproccio utilizzato è di tipo interpretativo/costruttivista ed è stata utilizzata una tecnica etnografica, attraverso delle interviste agli studenti. Gli ambiti dellindagine si sono riferiti a queste tre aree tematiche: la scelta delle fonti in che fase si decide di smettere di cercare informazioni aggiuntive (cioè il momento di transizione tra la raccolta e lutilizzo della documentazione) come vengono gestite le informazioni raccolte. il ruolo sia dei docenti supervisori della ricerca che dei bibliotecari e fanno emergere la necessità che i bibliotecari vengano percepiti anche come educatori allinterno della comunità accademica. Le conclusioni a cui giunge lo studio enfatizzano il ruolo sia dei docenti supervisori della ricerca che dei bibliotecari e fanno emergere la necessità che i bibliotecari vengano percepiti anche come educatori allinterno della comunità accademica.

2 Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth, Steven Wright, Jen Sullivan. In: Communications in Information literacy, Volume 1, Issue2, Fall 2007 Un ulteriore questione di fondo che ha fatto da cornice allo studio è stata come i docenti che seguono le tesi e i bibliotecari possono aiutare gli studenti a muoversi e a migliorare le proprie capacità in tutte le fasi del processo che va dalla ricerca dinformazione pertinente alla loro ricerca, alla sua valutazione e selezione e allutilizzo della stessa. Alcune considerazioni terminologiche: information behaviour ha sostituito in letteratura la precedente espressione più utilizzata, e cioè: information-seeking behavior perché la vecchia espressione metteva laccento su una sola fase del processo, quella della ricerca, mentre lattuale sembra essere più onnicomprensiva e compatibile con quanto previsto dagli standards IL.

3 Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth, Steven Wright, Jen Sullivan. In: Communications in Information literacy, Volume 1, Issue2, Fall 2007 Per la loro indagine hanno selezionato studenti della Facoltà di Information Technology, ritenendo che questi fossero i più alfabetizzati da un punto di vista tecnologico e che però non fossero altrettanto esperti sui metodi di ricerca e di valutazione dellinformazione recuperata. Nonostante la ricerca abbia ricoperto un ampio spettro di domante connesse alla raccolta dinformazioni in generale si sono focalizzati sulle risorse elettroniche, e in particolare: a) i tipi di fonti utilizzate (Source use in the electronic age) b) come gli studenti decidono quando hanno raccolto un numero adeguato dinformazioni (Knowing when to stop) c) come gli studenti gestiscono le informazioni raccolte (Management of Information)

4 Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth, Steven Wright, Jen Sullivan. In: Communications in Information literacy, Volume 1, Issue2, Fall 2007 Rispetto al punto a) i tipi di fonti utilizzate, questa domanda in particolare confronta luso delle fonti online con quello delle fonti tradizionali e personali e indaga sulle preferenze al riguardo. Lautorevolezza delle fonti elettroniche è inclusa nella discussione. Rispetto al punto b) come gli studenti decidono quando hanno raccolto un numero adeguato dinformazioni (Knowing when to stop) resta ancora molto da indagare per capire quali influenze che provengono dal contesto contribuiscono a far decidere allo studente quando ha raccolto una quantità sufficiente dinformazioni. Infine anche il punto c) come gli studenti gestiscono le informazioni raccolte (Management of Information) è collegato come gli altri allaumentata disponibilità dinformazione e a come gestirla in un contesto tecnologico avanzato.

5 Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth, Steven Wright, Jen Sullivan. In: Communications in Information literacy, Volume 1, Issue2, Fall 2007 La loro ricerca prende le mosse da tre precedenti studi: Barrett, A.(2005). The infromation-seeking habits of graduate student researchers in the humanities. The Journal of Academic Librarianship, 31 (4), George, C., Bright, A., Hurlbert, T. Linke E.C., St.Clair, G. & Stein, J. (2006). Scholarly use of information: Graduate students infromation seeking behavior. Information Research, 11(4), Art. No.272 Junni, P. (2007). Students seeking information for their Mastersì theses: the effect of the Internet. Information Research, 12 (2).

6 Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth, Steven Wright, Jen Sullivan. In: Communications in Information literacy, Volume 1, Issue2, Fall 2007 Lo studio di George (2006) concerne le modalità di ricerca di 100 studenti laureandi del Carnagie Mellon Institute. I risultati mostrano che gli studenti sono influenzati principalmente dagli altri studenti. Preferiscono le risorse online, Internet e le varie Intranet allestite dalle biblioteche e utilizzano le proprie risorse cartacee (libri) o li prendono da altre biblioteche universitarie. I fattori che influenzano i comportamenti risultano essere: la convenienza, la velocità, i limiti di tempo, la conoscenza del servizio e le richieste contenute nei programmi dei corsi. Dal punto di vista delle differenze per ambito disciplinare, tra i 14 studenti dinformatica si ha un maggiore utilizzo di Google e di siti web. Questi sono anche stati quelli meno disposti a mettere in discussione la qualità delle info reperite con Internet. Gli altri ambiti disciplinari analizzati sono stati arte e architettura (16 studenti) business e politica (11) ingegneria (26), studi umanistici (20) e scienze (13). Gli umanisti sono quelli che utilizzano meno Google e cercano sui siti web solo marginalmente un po di piu del gruppo che lo fa meno di tutti (arte e architettura). Questultimo gruppo è risultato essere anche il più critico rispetto alla qualità riscontrata sui siti Internet.

7 Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth, Steven Wright, Jen Sullivan. In: Communications in Information literacy, Volume 1, Issue2, Fall 2007 Nello studio di Barrett (2005) compiuto su 10 studenti laureati in materie umanistiche si evidenzia anche un gap generazionale nelluso delle risorse online. Nello studio di Junni (2007) anche si rilevano delle differenze per ambito disciplinare (economia, psicologia e matematica) ad esempio guardando al numero di risorse online citate nella bibliografia della tesi, in come hanno trovato e ottenuto le pubblicazioni e in come hanno selezionato le fonti. Ad esempio gli studenti di psicologia utilizzano molto di più gli articoli rispetto a quelli di economia che a loro volta comunque li utilizzano di piu di quelli di matematica che preferiscono le monografie e le bibliografie collegate ai corsi. Diversi studi hanno indicato limportanza rivestita dalle fonti informali d informazione ottenute dai docenti o da altri studenti e alcuni ritengono che proprio questa sia la fonte più preziosa. E sia gli studi di Barrett che di George considerano ancora cruciale questo canale di scambio.

8 Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth, Steven Wright, Jen Sullivan. In: Communications in Information literacy, Volume 1, Issue2, Fall 2007 Circa il punto b) come gli studenti decidono quando hanno raccolto un numero adeguato dinformazioni (Knowing when to stop) gli studi precedenti hanno evidenziato la crescita esponenziale del volume dinformazione recuperabile ma non si sono soffermati ad analizzare i criteri utilizzati dagli studenti per ritenere daver reperito una quantità sufficiente di documentazione sullargomento che li concerne. Fa eccezione lo studio di Limberg (1999) che nella sua analisi di 25 studenti della scuola superiore svedese utilizza due categorie: leccesso dinformazione e linformazione sufficiente, concetto tuttaltro che semplice ed esplorandolo in diversi contesti di lavoro. A quali teorie si può far riferimento per cercare di stabilire in base a cosa gli studenti reputano di aver trovato informazione sufficiente? Una possibilità è la teoria del foraggio ottimale presa dal mondo animale (che si riferisce a come gli animali adattino i loro comportamenti in base alla quantità di cibo che hanno a disposizione per aver garantita la sopravvivenza). In questottica alcuni autori (Smith e Winterhalder, Sandstrom e Pirolli) si sono riferiti al foraggio dellinformazione, enfatizzando il soppesare i costi benefici intrapresi nella ricerca dinformazione. In questottica i cercatori soppeserebbero mettendo in relazione in termini di tempo o sforzo la continuazione della ricerca con il ritorno che otterrebbero nel continuare la ricerca. La disponibilità di tempo è un elemento cruciale. Alcuni come Barrett evidenziano che la decisione di concentrarsi più sullo scrivere che sul continuare a cercare è dovuta il più delle volte a costrizioni di carattere temporale.

9 Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth, Steven Wright, Jen Sullivan. In: Communications in Information literacy, Volume 1, Issue2, Fall 2007 Venendo al punto c) come gli studenti gestiscono le informazioni raccolte (Management of Information) Secondo una definizione di H. Bruce et. Al (2004) lo scopo della gestione delle informazioni è quello di poterle recuperare quando servono, ricordando quindi dove e come trovarle. Questi studi indagano sulle diverse maniere di archiviare linformazione da parte di professionisti, ricercatori, managers e studenti. Il metodo più popolare tra studenti e ricercatori sembra essere quello si salvare le pagine con il Segnalibri dei browser. Oppure molti preferiscono non memorizzare ma cercare nuovamente alloccorrenza. Il livello di utilizzo di sw per la gestione dinformazioni raggiunge il 25% tra i ricercatori e il 10% tra gli studenti. Nello studio svedese (Pilerot, 2004) la maggior parte dei 18 studenti analizzati utilizza tra le 30 e le 50 cartelle di articoli e di liste bibliografiche per gestire la crescita delle informazioni recuperate anche se metà almeno del gruppo aveva ricevuto una formazione allutilizzo di un sw per la gestione delle informazioni personali prima del corso e la maggior parte di loro preferisce bibliografie stampate sulle quali fare più facilmente annotazioni.

10 Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth, Steven Wright, Jen Sullivan. In: Communications in Information literacy, Volume 1, Issue2, Fall 2007 Filosofia della ricerca approccio interpretativo/costruttivista che cerca di comprendere i bisogni relativi alle competenze informative dei laureandi così come il sistema di valori, le convinzioni e i significati attribuiti attorno a questa tematica (bisogni informativi, modalità di ricerca, integrazione delle conoscenze) laureandiE stato selezionato un campione di 15 studenti come esempio teorico (theoretical sampling). Questultimo concetto si riferisce alla selezione di partecipanti che siano rappresentativi delle principali categorie della popolazione ritenuta rilevante ai fini della ricerca. In questo caso la categoria emergente era unica: quella dei laureandi. Il livello di laurea e il luogo sono state considerate delle sottocategorie, come pure letà e il sesso (9 donne e 6 uomini). Facoltà di Information Technology tecnica etnografica mediante intervistaSono stato scelti tutti studenti della Facoltà di Information Technology in modo da avere un campione omogeneo.E stata utilizzata una tecnica etnografica mediante intervista per raccogliere i dati. Lo schema dellintervista prevedeva 11 domande, alcune di queste contenevano dei suggerimenti in modo da non perdere dei dati in caso di risposte lacunose.

11 Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth, Steven Wright, Jen Sullivan. In: Communications in Information literacy, Volume 1, Issue2, Fall 2007 Le domande spaziavano sui seguenti argomenti: Selezione, definizione e ri-definizione dellargomento della ricerca; Le varie fonti dinformazione disponibili; La consapevolezza di quando ritenere sufficiente linformazione raccolta; La determinazione dellautorevolezza delle fonti online; Lutilizzo delle risorse elettroniche; La gestione e lassimilazione dellinformazione recuperata; Il ruolo degli studi precedenti e della propria esperienza; Le maniere con cui accrescere linformazione ricercata, includendo laiuto a tal fine da parte dei bibliotecari. 4 intervistatori, alternandosi a gruppi di due, hanno condotto le interviste della durata di unora circa. Col permesso dei partecipanti le interviste sono state registrate.

12 Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth, Steven Wright, Jen Sullivan. In: Communications in Information literacy, Volume 1, Issue2, Fall 2007 Analisi dei dati In seguito si è proceduto alla sbobinatura e trascrizione delle interviste. Conformemente a quanto prevede la teoria costruttivista sottesa allindagine, che riconosce che colui che analizza i dati è in costante interazione con coloro che vengono intervistati, il background degli intervistatori non potrà non influenze linterpretazione dei dati (Charmaz, 2003). Tutti e quattro gli intervistatori sono stati coinvolti nellindagine, inizialmente in modo indipendente, facendo annotazioni sul testo ed evidenziando parole significative che potessero essere considerate tematiche potenziali o categorie a queste collegate. In seguito è avvenuto un confronto tra di loro in modo da raggiungere un accordo sui temi principali emersi. In seguito i dati sono stati così categorizzati, come risulta dalla seguente tabella

13 Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth, Steven Wright, Jen Sullivan In: Communications in Information literacy, Volume 1, Issue2, Fall 2007 TemiCategorieCitazioni Sensazioni relative alleccesso dinformazioni Raggiungimento punto saturazione …immagino che si raggiunga il punto di saturazione quando si raggiungono le 400 citazioni bibliografiche Non sapere quando fermarsi Io non so quando occorre fermarmi e suppongo che continuerò a leggere Strategie utilizzate per decidere quando linformazione raccolta è sufficiente Controllare che non ci sia ridondanza/ripetizione dinformazione È quando le informazioni cominciano a ripetersi e non compare nulla di nuovo Affidarsi al supervisore..qualcosa che il tuo supervisore utilizza per farti capire che è abbastanza Iniziare il processo di scrittura Io non penso di sapere quando ho raccolto abbastanza informazioni. Quel che mi aiuta è quando inizio a scrivere.

14 Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth, Steven Wright, Jen Sullivan. In: Communications in Information literacy, Volume 1, Issue2, Fall 2007 Risultati a) scelta delle fonti I risultati emersi indicano che Internet e le altre risorse elettroniche hanno una considerevole influenza sul modo in cui i partecipanti allindagine cercano informazioni e hanno un impatto sul tipo di fonti utilizzate. Si è visto che Google comunque ha un ruolo chiave anche quando gli studenti conoscono e utilizzano le banche dati disponibili in biblioteca. Dovuto alla popolarità, familiarità di uso, velocità e gran numero di risultati, Google è per la maggior parte degli intervistati la pietra di paragone con cui misurare tutte le altre fonti utilizzate Non tutta linformazione utilizzata dagli studenti è elettronica e per loro il supporto non è significativo quanto il formato dei documenti prevalente nelle loro discipline. Cioè a seconda del contesto disciplinare sono più utilizzati i libri o alcuni capitoli di questi oppure gli articoli, e in altri casi ancora anche gli articoli dei periodici elettronici non sono altrettanto aggiornati che i working papers che si possono trovare ad esempio sui siti personali degli studiosi e dei ricercatori. Anche se la maggior parte degli intervistati era ben consapevole dellimportanza di trovare linformazione più idonea a prescindere dal supporto, in alcuni di loro la passione per linformazione online non aveva limiti. Largomento più forte a sostegno della preferenza per linformazione elettronica è la convenienza (niente code alla fotocopiatrice, nessuna limiti di orario, eliminata la necessità di spostarsi da casa alluniversità, ecc.) Uno dei risultati più sorprendenti dello studio è stato che gli studenti intervistati non distinguevano in modo veloce e netto tra le differenti tipologie di risorse elettroniche, includendo in una onnicomprensiva categoria dellonline dai periodici elettronici messi a disposizione dalla biblioteca agli host dei siti recuperati tramite Google, ecc. Questo è collegato alla questione dellautorevolezza delle risorse online, infatti su questo punto cè stata una considerevole varietà nelle risposte. Come anche altri studi hanno rilevato le persone sono ancora molto importanti anche in questepoca di immaterialità delle risorse. Se quindi la fonte dinformazione proviene da queste una parte almeno degli studenti ritiene di potercisi affidare. In particolare il prof che segue la tesi è considerata una risorsa chiave.

15 Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth, Steven Wright, Jen Sullivan. In: Communications in Information literacy, Volume 1, Issue2, Fall 2007 b)Sapere quando fermarsi nella raccolta dinformazioni Indipendentemente dallanzianità e dallesperienza dei ricercatori tutti sembrano aver dei problemi nellidentificare il momento in cui interrompere la ricerca perché si è già raccolta informazione a sufficienza. Come osserva Kuhltau (1991) la decisione di considerare esaurita la fase della ricerca si collega con la messa a fuoco del progetto di ricerca, cosa non sempre facile. Alla domanda relativa a questo punto la maggior parte degli studenti ha risposto di non sapere riconoscere il momento in cui bloccare la fase della ricerca. Alcuni han detto di supporre di doversi fermare quando han raggiunto le 400 citazioni, ma che anche in questo caso non erano sicuri che non si dovesse continuare. Una delle strategie utilizzate dagli studenti per capire quando fermarsi è quella di farlo quando continuando a cercare si trovano le stesse citazioni (ripetizione). Qualche altra volta il segnale di stop viene dato in maniera diretta o indiretta dal supervisore della ricerca. Altre risposte: a volte iniziare a scrivere è un buon modo per capire se si dispone di sufficiente documentazione, o stabilire a priori una data entro la quale fermarsi.

16 Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth, Steven Wright, Jen Sullivan. In: Communications in Information literacy, Volume 1, Issue2, Fall 2007 c) gestione dellinformazione recuperata Anche questultima fase analizzata presenta come la precedente diverse criticità. A misura che cresce la quantità di documentazione reperita aumenta la necessità di organizzarla in modo da poterla utilizzare al meglio. Le capacità in questambito variano da unorganizzazione di base ad affidarsi alla memoria come metodo dimmagazzinamento e recupero. Metà però degli studenti partecipanti usa EndNote e altri analoghi sw. Qualcuno arriva a crearsi un proprio db. Una strana situazione si crea poi nellepoca digitale: siccome per leggere in genere si stampa quel che si ottiene su supporto elettronico, si crea lesigenza di allineare/sincronizzare in qualche modo larchiviazione del materiale cartaceo e di quello online. E un altro paradosso è che a volte si perde più tempo con la ricerca online in quanto qualcosa ci sembra interessante, lo scarichiamo, lo stampiamo e solo quando iniziamo a leggerlo ci accorgiamo che non era poi così interessante o pertinente. Unulteriore complicazione può essere rappresentata dal cambiamento di focus che interviene nel processo della ricerca che può comportare la necessità di ricategorizzare la documentazione recuperata.

17 Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth, Steven Wright, Jen Sullivan. In: Communications in Information literacy, Volume 1, Issue2, Fall 2007 Conclusioni Un elemento interessante emerso dalla ricerca è come continui ad essere importante anche lera digitale la componente personale nel reperimento dinformazioni. La questione del quando fermarsi nella fase della raccolta dinformazioni sembra essere la più problematica per gli studenti (molte risposte come non so, o questo è davvero difficile, ecc.). Ciò indica che bisognerà trovare il modo di aiutare gli studenti a trovare gli strumenti per poter capire più agevolmente quando possono smettere di cercare e per farlo servirà fare ulteriori studi. Circa poi il fatto che la metà degli studenti utilizza dei sw per la gestione dellinformazione questo non significa che ne conoscano a pieno le funzionalità e il loro affidarsi puramente alla memoria è ancora molto frequente. Quanto poi al problema emerso della doppia gestione della documentazione cartacea e di quella online attualmente non è un problema solo degli studenti ma anche di molte organizzazioni.

18 Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth, Steven Wright, Jen Sullivan. In: Communications in Information literacy, Volume 1, Issue2, Fall 2007 Il suggerimento che gli autori si sentono di dare a conclusione del loro studio è che sia i bibliotecari che i docenti potrebbero fare di più per aiutare gli studenti nelle tre aree analizzate, anche se non nella stessa misura: i docenti possono intervenire maggiormente sul punto come capire quando smettere di cercare, ma comunque i bibliotecari devono esser consapevoli di questa problematica e introdurla nei loro corsi di IL. E la lista di strategie indicate dagli studenti in questa ricerca può essere un buon punto di partenza (ripetizione delle citazioni; consiglio del docente, stabilire a priori una data limite, linizio del processo di scrittura, consigliarsi con altri…) Occorre che per meglio sfruttare le competenze dei bibliotecari nellambito della scelta delle fonti ottimali dinformazione, questi si alleino con i docenti per far comprendere alluniversità intesa nel suo insieme limportanza di questa formazione e che arrivino ad essere percepiti anche come educatori allinterno della comunità universitaria nel suo insieme, affinché i corsi di IL entrino permanentemente nel curriculum. Einoltre auspicabile un contatto diretto tra docenti bibliotecari e studenti, infatti così i docenti possono diventare più sensibili e competenti a loro volta per poter fornire agli studenti direttamente un aiuto.


Scaricare ppt "Research students in the electronic age : impact of changing information behaviour on Information Literacy needs / Kirsty Williamson, Vivienne Bernarth,"

Presentazioni simili


Annunci Google