La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 1 Il programma Gioventù Il programma Gioventù

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 1 Il programma Gioventù Il programma Gioventù"— Transcript della presentazione:

1 L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/ Il programma Gioventù Il programma Gioventù

2 2L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Gioventù è un programma di educazione non formale e promuove progetti europei di mobilità giovanile internazionale di gruppo e individuale, l'apprendimento interculturale e le iniziative locali dei giovani di età compresa tra i 15 e i 25 anni.

3 3L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Il programma dazione comunitaria GIOVENTÙ è stato istituito con decisione n. 1031/2000/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 13 aprile Il programma dazione comunitaria GIOVENTÙ è stato istituito con decisione n. 1031/2000/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 13 aprile /2000/CE Esso comprende attività già previste da programmi precedenti, quali Gioventù per lEuropa e Servizio Volontario Europeo. Esso comprende attività già previste da programmi precedenti, quali Gioventù per lEuropa e Servizio Volontario Europeo.

4 4L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 I principali obiettivi del programma sono: favorire lintegrazione dei giovani nella società e incoraggiarne lo spirito di iniziativa; favorire lintegrazione dei giovani nella società e incoraggiarne lo spirito di iniziativa; aiutare i giovani ad acquisire conoscenze, capacità e competenze e a riconoscere il valore di tali esperienze; aiutare i giovani ad acquisire conoscenze, capacità e competenze e a riconoscere il valore di tali esperienze; consentire ai giovani di esprimere liberamente il proprio senso di solidarietà in Europa e nel mondo e sostenere la lotta al razzismo e alla xenofobia; consentire ai giovani di esprimere liberamente il proprio senso di solidarietà in Europa e nel mondo e sostenere la lotta al razzismo e alla xenofobia; promuovere una migliore comprensione della varietà culturale, insita nel nostro comune patrimonio europeo, e dei nostri comuni valori fondamentali; promuovere una migliore comprensione della varietà culturale, insita nel nostro comune patrimonio europeo, e dei nostri comuni valori fondamentali; contribuire alleliminazione di ogni forma di discriminazione e alla promozione delluguaglianza nella società; contribuire alleliminazione di ogni forma di discriminazione e alla promozione delluguaglianza nella società; introdurre nei progetti una dimensione europea con ripercussioni positive sulle attività giovanili a livello locale. introdurre nei progetti una dimensione europea con ripercussioni positive sulle attività giovanili a livello locale.

5 5L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Una delle priorità chiave per la Commissione Europea è permettere ai giovani con minori opportunità (ad esempio, i giovani disabili o quelli provenienti da un ambiente svantaggiato sotto laspetto culturale, geografico o socioeconomico) di usufruire delle iniziative per la mobilità e leducazione non formale promosse dal programma GIOVENTÙ.

6 6L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 I destinatari del programma sono i gruppi di giovani, le organizzazioni giovanili, gli animatori giovanili, le autorità locali, le organizzazioni operanti nel terzo settore, tutti coloro che lavorano con e per i giovani.

7 7L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azioni Azione 1: Scambi Gioventù per l'Europa Azione 2: Servizio Volontario Europeo Azione 3: Iniziative giovani Azione 4: Azioni congiunte Azione 5 : Misure di Sostegno

8 8L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 1: Scambi Gioventù per l'Europa Azione 1: Scambi Gioventù per l'Europa Gioventù per l'Europa offre un'opportunità unica di incontro tra gruppi di giovani. Gli scambi hanno una finalità pedagogica di apprendimento in un contesto non formale e si possono realizzare sia con i paesi del programma sia con i paesi al di fuori dell'Europa, coinvolgendo gruppi di giovani provenienti da due o più nazioni. I gruppi hanno la possibilità di approfondire temi comuni, scoprire analogie e differenze e conoscere le reciproche culture. Questo tipo di esperienza, che vede i giovani protagonisti, può servire a combattere pregiudizi e stereotipi negativi. Gioventù per l'Europa offre un'opportunità unica di incontro tra gruppi di giovani. Gli scambi hanno una finalità pedagogica di apprendimento in un contesto non formale e si possono realizzare sia con i paesi del programma sia con i paesi al di fuori dell'Europa, coinvolgendo gruppi di giovani provenienti da due o più nazioni. I gruppi hanno la possibilità di approfondire temi comuni, scoprire analogie e differenze e conoscere le reciproche culture. Questo tipo di esperienza, che vede i giovani protagonisti, può servire a combattere pregiudizi e stereotipi negativi.

9 9L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 2: Servizio Volontario Europeo Azione 2: Servizio Volontario Europeo Il volontariato transnazionale offre ai giovani una esperienza di apprendimento interculturale in un contesto non formale, promuove la loro integrazione sociale e la partecipazione attiva. I giovani possono svolgere un'attività di volontariato all'estero per un periodo limitato (fino a 12 mesi), lavorando come "volontari europei" in progetti locali in vari settori.

10 10L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 3: Iniziative giovani Azione 3: Iniziative giovaniAzione 3: Iniziative giovaniAzione 3: Iniziative giovani Questa azione del programma offre ai giovani la possibilità di sviluppare ed esprimere la loro creatività e il loro spirito di iniziativa. Un gruppo di giovani può ideare e gestire un progetto a livello locale trattando temi e problematiche legati al mondo giovanile e di attualità in Europa. Inoltre, i giovani che hanno terminato il Servizio Volontario Europeo hanno la possibilità di mettere a frutto l'esperienza e le competenze acquisite durante il loro periodo di volontariato avviando un progetto di sviluppo professionale o personale.

11 11L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 4: Azioni congiunte Azione 4: Azioni congiunte Le Azioni Congiunte si rivolgono ad organizzazioni che operano nei settori dell'istruzione, della formazione e della gioventù e offrono sostegno ad iniziative che favoriscono la complementarità e l'interazione tra i programmi comunitari SOCRATES, LEONARDO DA VINCI e GIOVENTÙ.

12 12L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 5 : Misure di Sostegno Azione 5 : Misure di Sostegno Le misure di sostegno offrono supporto a chi lavora nel settore della gioventù o è interessato alle questioni giovanili. I progetti contribuiscono a: - realizzare gli obiettivi del programma; - sostenere attività direttamente connesse alle altre Azioni al fine di migliorarne la qualità e incentivare nuovi progetti e partenariati; - sviluppare le politiche europee in favore dei giovani; - promuovere attività innovative; - favorire lo scambio di buone prassi. I settori nei quali è possibile realizzare varie tipologie di progetti sono la cooperazione, la formazione e l'informazione dei giovani. I settori nei quali è possibile realizzare varie tipologie di progetti sono la cooperazione, la formazione e l'informazione dei giovani.

13 13L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 1 > Gioventù per l'Europa Azione 1 > Gioventù per l'Europa In particolare, vengono incoraggiati i progetti che riuniscono giovani provenienti da più di due paesi (progetti multilaterali), poiché rappresentano un maggiore valore aggiunto e offrono una esperienza interculturale più ricca per i giovani coinvolti nello scambio. I progetti bilaterali interessano due paesi e sono rivolti in primo luogo a chi non ha mai organizzato scambi di giovani, né vi ha mai partecipato, oppure riguardano giovani con minori opportunità. I progetti bilaterali interessano due paesi e sono rivolti in primo luogo a chi non ha mai organizzato scambi di giovani, né vi ha mai partecipato, oppure riguardano giovani con minori opportunità.

14 14L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 1 - Gioventù per l'Europa chi può partecipare? Ogni scambio di giovani presenta un gruppo di accoglienza o uno o più gruppi di invio. Almeno uno dei gruppi deve provenire da uno Stato membro dell'Unione europea. Il primo passo consiste nel formare un gruppo, che discuterà sull'idea del progetto e concorderà come procedere. Il secondo passo consiste nell'individuare un partner (o più partner) per lo scambio. Le Agenzie nazionali possono fornire assistenza nel processo di individuazione dei partner. Le organizzazioni giovanili europee, con sede in uno dei paesi partecipanti al programma e con otto sezioni distaccate in altrettanti paesi, possono partecipare al programma GIOVENTÙ, presentando progetti di scambi multilaterali direttamente alla Commissione Europea.

15 15L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 1 - Gioventù per l'Europa Quali sono i criteri generali dei progetti? Gli scambi sono rivolti a gruppi di giovani che risiedono in uno dei paesi del programma, di età compresa tra i 15 e i 25 anni. Il programma GIOVENTÙ incoraggia in particolare il coinvolgimento di giovani con minori opportunità. In casi eccezionali, si possono prevedere partecipanti di età inferiore ai 15 anni o superiore ai 25 anni, in presenza di valide motivazioni e in numero limitato. Quali sono i criteri generali dei progetti? Gli scambi sono rivolti a gruppi di giovani che risiedono in uno dei paesi del programma, di età compresa tra i 15 e i 25 anni. Il programma GIOVENTÙ incoraggia in particolare il coinvolgimento di giovani con minori opportunità. In casi eccezionali, si possono prevedere partecipanti di età inferiore ai 15 anni o superiore ai 25 anni, in presenza di valide motivazioni e in numero limitato. In linea di principio, le dimensioni dei gruppi prevedono un minimo di 16 e un massimo di 60 partecipanti. I vari gruppi nazionali dovrebbero essere equilibrati in termini di numero di partecipanti. Durata In linea di principio, la durata dell'attività di scambio va dai 6 ai 21 giorni, escluso il viaggio. Gli scambi di durata inferiore ai 6 giorni non sono ammissibili, perché non garantiscono una efficace esperienza di apprendimento interculturale.

16 16L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 2 > Servizio Volontario Europeo Un progetto del Servizio Volontario Europeo (SVE) consente a un giovane di svolgere attività di volontariato in un paese straniero per un periodo di tempo limitato, normalmente fino a 12 mesi. Le attività di servizio volontario possono ad esempio riguardare il settore dell'ambiente, delle arti e della cultura, rivolgersi a bambini, giovani o anziani, o interessare il patrimonio culturale, gli sport e il tempo libero.

17 17L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 2 - Servizio Volontario Europeo I volontari parteciperanno ad attività che rispondono ai principi generali elencati di seguito: -si svolgono in un paese diverso da quello in cui risiede il volontario; -non hanno fine di lucro e non sono retribuite; -offrono un valore aggiunto alla comunità locale; -non sostituiscono attività lavorative; -hanno una durata limitata nel tempo (fino a 12 mesi). -si svolgono in un paese diverso da quello in cui risiede il volontario; -non hanno fine di lucro e non sono retribuite; -offrono un valore aggiunto alla comunità locale; -non sostituiscono attività lavorative; -hanno una durata limitata nel tempo (fino a 12 mesi).

18 18L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 2 - Servizio Volontario Europeo un progetto SVE prevede un partenariato trilaterale: un volontario, un volontario, un'organizzazione d'invio un'organizzazione d'invio e un'organizzazione di accoglienza. Chi può diventare volontario? e un'organizzazione di accoglienza. Chi può diventare volontario? Hanno accesso al programma tutti i giovani di età compresa, in linea di massima, tra i 18 e i 25 anni, legalmente residenti in uno dei paesi ammissibili. Sono ammesse alcune eccezioni riguardanti l'età, valutate caso per caso.

19 19L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 2 - Servizio Volontario Europeo Che cos'è l'organizzazione d'invio? Per organizzazione d'invio si intende qualsiasi tipo di organizzazione non governativa, associazione, ente o iniziativa locale senza fine di lucro. Per organizzazione d'invio si intende qualsiasi tipo di organizzazione non governativa, associazione, ente o iniziativa locale senza fine di lucro. Che cos'è l'organizzazione di accoglienza? Per organizzazione di accoglienza si intende qualsiasi tipo di organizzazione non governativa, associazione, ente o iniziativa locale senza fine di lucro. I progetti possono riguardare singole attività o avere carattere più continuativo. La Commissione europea accoglie favorevolmente la nascita di nuovi partenariati, sia a livello locale che europeo. La Commissione europea accoglie favorevolmente la nascita di nuovi partenariati, sia a livello locale che europeo.

20 20L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 2 - Servizio Volontario Europeo Non sono previsti compensi per la partecipazione, ma il volontario riceve vitto, alloggio e una piccola indennità dall'organizzazione di accoglienza. È compito dei volontari prendere contatto con l'organizzazione d'invio e con l'organizzazione di accoglienza. Non sono previsti compensi per la partecipazione, ma il volontario riceve vitto, alloggio e una piccola indennità dall'organizzazione di accoglienza. È compito dei volontari prendere contatto con l'organizzazione d'invio e con l'organizzazione di accoglienza. Gli interessati alle attività di servizio volontario disponibili possono accedere alla base dati dei progetti offerti dalle strutture ospitanti. Rivolgersi alla propria Agenzia nazionale per maggiori informazioni.

21 21L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 3 > Iniziative Giovani Un'iniziativa di gruppo è un progetto ideato e gestito da un gruppo di giovani. Questi progetti rappresentano altrettanti esempi innovativi del contributo che i giovani vogliono e possono dare alla società che li circonda, nel rispetto dei loro interessi e bisogni. I progetti possono avere una durata compresa fra tre mesi e un anno. Dove possono svolgersi i progetti? Le iniziative di gruppo possono essere realizzate in tutti i paesi partecipanti ma non nei paesi terzi. Le iniziative di gruppo possono essere realizzate in tutti i paesi partecipanti ma non nei paesi terzi.

22 22L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 3 – Iniziative Giovani Chi può partecipare? Gruppi di giovani di età compresa, in linea di massima, tra i 15 e i 25 anni e residenti in uno dei paesi partecipanti. Un gruppo deve essere composto da almeno quattro persone, una delle quali si assume la responsabilità di presentare la domanda e di firmare il contratto.

23 23L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 3 – Iniziative Giovani Come vengono finanziati i progetti? Poiché l'obiettivo principale dell'azione è quello di sostenere progetti gestiti dai giovani e che vanno a beneficio della comunità locale, viene data la massima priorità a progetti di questo tipo. Poiché l'obiettivo principale dell'azione è quello di sostenere progetti gestiti dai giovani e che vanno a beneficio della comunità locale, viene data la massima priorità a progetti di questo tipo. Il finanziamento comunitario per un progetto di iniziativa di gruppo è basato su un importo forfettario, denominato importo di riferimento, che non può superare i euro e può variare a seconda del paese in cui si svolge l'attività. L'importo assegnato ad ogni progetto dipende dalla priorità del progetto stesso.

24 24L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 3 – Iniziative Giovani Priorità 1 Progetti gestiti da giovani a beneficio della comunità locale in cui si svolgono. I giovani coinvolti dovrebbero provenire dagli ambienti meno privilegiati sotto l'aspetto culturale, geografico e socioeconomico. I progetti con priorità 1 sono ammissibili al finanziamento fino al 100% dell'importo di riferimento, ovvero fino all'ammontare della sovvenzione per la quale viene presentata domanda. Priorità 1 Progetti gestiti da giovani a beneficio della comunità locale in cui si svolgono. I giovani coinvolti dovrebbero provenire dagli ambienti meno privilegiati sotto l'aspetto culturale, geografico e socioeconomico. I progetti con priorità 1 sono ammissibili al finanziamento fino al 100% dell'importo di riferimento, ovvero fino all'ammontare della sovvenzione per la quale viene presentata domanda. Priorità 2 Iniziative i cui risultati vanno principalmente a vantaggio dei giovani coinvolti nel progetto, provenienti dagli ambienti meno privilegiati sotto l'aspetto culturale, geografico e socioeconomico. I progetti con priorità 2 sono ammissibili al finanziamento fino al 75% dell'importo di riferimento o fino all'ammontare della sovvenzione per la quale viene presentata domanda. Priorità 2 Iniziative i cui risultati vanno principalmente a vantaggio dei giovani coinvolti nel progetto, provenienti dagli ambienti meno privilegiati sotto l'aspetto culturale, geografico e socioeconomico. I progetti con priorità 2 sono ammissibili al finanziamento fino al 75% dell'importo di riferimento o fino all'ammontare della sovvenzione per la quale viene presentata domanda. Priorità 3 Iniziative promosse da gruppi di giovani, i cui risultati andranno principalmente a beneficio dei membri del gruppo che realizza il progetto. I progetti con priorità 3 sono ammissibili al finanziamento fino al 50% dell'importo di riferimento ovvero fino all'ammontare della sovvenzione per la quale viene presentata domanda. Priorità 3 Iniziative promosse da gruppi di giovani, i cui risultati andranno principalmente a beneficio dei membri del gruppo che realizza il progetto. I progetti con priorità 3 sono ammissibili al finanziamento fino al 50% dell'importo di riferimento ovvero fino all'ammontare della sovvenzione per la quale viene presentata domanda.

25 25L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 4 > Iniziative Congiunte Qual è lo scopo delle azioni congiunte? I programmi comunitari varati nei settori dell'istruzione (SOCRATE), della formazione professionale (LEONARDO DA VINCI) e della gioventù (GIOVENTÙ) sono strumenti complementari che mirano a creare, a livello europeo, le condizioni nelle quali giovani di tutte le età possano acquisire l'esperienza, le conoscenze e le competenze necessarie per vivere, lavorare e partecipare attivamente alla società. Le azioni congiunte sono incluse in tutti e tre i programmi e conferiscono una dimensione concreta alla complementarità, consentendo il sostegno di iniziative che vanno al di là del campo di azione di ogni singolo programma. Possono essere previste anche azioni congiunte volte a promuovere l'interazione tra il programma GIOVENTÙ e altri programmi comunitari, al di fuori della Direzione generale Istruzione e cultura. Possono essere previste anche azioni congiunte volte a promuovere l'interazione tra il programma GIOVENTÙ e altri programmi comunitari, al di fuori della Direzione generale Istruzione e cultura.

26 26L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 4 – Iniziative Congiunte Come, quando e dove si presenta la domanda? Le azioni congiunte sono oggetto di inviti a presentare proposte pubblicati nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee, dove sono indicati i temi da trattare, i tipi di progetti previsti, il tipo di sostegno offerto, i criteri di ammissibilità e di selezione, la procedura e le scadenze per l'inoltro delle domande.

27 27L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 5 > Misure di Sostegno Cosa sono? La cooperazione e i partenariati, le misure di formazione e l'informazione dei giovani sono gli aspetti principali dello sviluppo di attività nell'ambito dell'azione 5 del programma GIOVENTÙ. Per disporre di strumenti che permettano di conseguire tali obiettivi sono stati individuati nove tipi di attività che offrono ai richiedenti opportunità di mettere a punto nuovi progetti GIOVENTÙ, migliorare le proprie competenze nell'istruzione non formale ed informare altre persone sul programma GIOVENTÙ. Tutte le misure di accompagnamento devono avere un collegamento diretto con le azioni e/o gli obiettivi del programma GIOVENTÙ. Tutte le misure di accompagnamento devono essere senza fini di lucro.

28 28L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 5 - Misure di Sostegno I nove tipi di attività sovvenzionabili sono indicati di seguito: 1. Esperienza di formazione pratica (job shadowing: osservazione in situazione di lavoro) Questa attività consente ai giovani lavoratori di acquisire le competenze necessarie per organizzare un progetto transnazionale lavorando presso un'organizzazione partner per un periodo di tempo limitato. 2. Visite di fattibilità Queste visite permettono ai responsabili di un progetto di discutere un'idea prima di presentare una domanda relativa alle azioni 1 o Seminari di contatto Riuniscono potenziali partner per progetti GIOVENTÙ. 4. Visite di studio Offrono l'opportunità di conoscere le disposizioni che disciplinano le attività in campo giovanile in altri paesi. 5. Seminari Sono uno strumento per lo scambio di esperienze e di buone prassi, per consultazioni, per l'elaborazione di strategie o per altri scambi di idee in relazione al programma GIOVENTÙ e alla politica giovanile.

29 29L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/ Corsi di formazione Aiutano le persone operanti nel settore giovanile e in quello dell'istruzione non formale ad acquisire competenze e conoscenze avanzate nel proprio campo di attività. 7. Informazione dei giovani Quest'attività sostiene la produzione e le modalità innovative di diffusione di informazioni riguardo agli obiettivi e alle priorità del programma GIOVENTÙ. 8. Partenariati e reti transnazionali Quest'attività promuove la creazione di nuove reti nell'ambito del programma GIOVENTÙ. 9. Sostegno alla qualità e all'innovazione Quest'attività mira a coinvolgere giovani con minori opportunità nel programma GIOVENTÙ a livello nazionale, regionale e locale.

30 30L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 5 - Misure di Sostegno Chi può partecipare? Chi può partecipare? · operatori giovanili; · formatori; · personale di sostegno; · tutori; · responsabili di progetto; · animatori giovanili; · gruppi di giovani; · altri soggetti coinvolti o interessati nell'istruzione non formale. Possono presentare domanda in riferimento all'azione 5 le organizzazioni senza scopo di lucro e gli enti pubblici con esperienza nel campo della gioventù e dell'apprendimento non formale nonché gruppi di giovani costituiti appositamente per realizzare un progetto. Le attività possono essere svolte in uno qualsiasi dei paesi che prendono parte al progetto. Tutte le attività devono prevedere la partecipazione di almeno uno Stato membro dell'UE.

31 31L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 5 - Misure di Sostegno Come vengono finanziati i progetti? La sovvenzione comunitaria si basa sul principio del co-finanziamento, con l'intervento di altri soggetti pubblici e/o privati. Il programma GIOVENTÙ non può farsi carico dell'intero costo del progetto. I contributi degli organizzatori e/o dei partecipanti possono essere in contanti o in natura, ovvero una combinazione di entrambi. Attività da 1 a 6 Si tratta di attività cofinanziate sulla base di quote fisse e di importi forfettari, in quanto hanno durata limitata e un numero limitato di partecipanti. Le quote fisse e gli importi forfettari sono da intendersi come importi massimi e possono essere modificati in funzione delle diverse situazioni nazionali. Attività da 7 a 9 Per queste attività il finanziamento del programma GIOVENTÙ si basa sulle spese effettive e non deve superare il 50% del costo totale del progetto.

32 32L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Principi generali e fondi previsti per la Cooperazione Transfrontaliera (CBC) La Commissione Europea ha stanziato per il periodo fondi supplementari, pari a 10 milioni di euro, per la Cooperazione Transfrontaliera. Tali fondi saranno utilizzati a livello decentrato per finanziare progetti presentati nellambito delle Azioni 1, 2 e 5 del programma comunitario Gioventù. Lo scopo è quello di incentivare la comunicazione fra i giovani che vivono nelle regioni di confine tra Stati membri e paesi in pre-adesione. La Direzione Generale - Allargamento dellUnione ha definito quali sono le regioni di confine ed ha assegnato i fondi per ciascun paese in base alla popolazione delle regioni di confine e in rapporto alla popolazione nazionale. La Cooperazione Transfrontaliera seguirà le regole e lo spirito del programma Gioventù (scadenze, formulari, criteri, principi generali).

33 33L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Paesi partecipanti alla Cooperazione Transfrontaliera Austria, Bulgaria, Cipro, Germania, Estonia, Finlandia, Grecia, Italia, Polonia, Slovacchia, Slovenia, Repubblica Ceca, Ungheria. Per quanto riguarda lItalia, le regioni eleggibili sono il Friuli Venezia Giulia e il Veneto. Attuazione della Cooperazione Transfrontaliera Fasce di età: Sarà applicata la fascia detà consentita nel Programma Gioventù - 15/18 – 25 per tutte le Azioni. Tuttavia in alcune circostanze possono essere ammesse delle eccezioni se debitamente motivate.

34 34L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Il programma GIOVENTÙ è prioritariamente indirizzato ai giovani residenti in uno dei seguenti Paesi definiti come Paesi del Programma: i 25 STATI Membri dellUE - i 3 Paesi EFTA/SEE (Islanda, Liechtenstein, Norvegia) e i 3 paesi candidati (Bulgaria - Romania e Turchia) I Paesi di altre parti del mondo sono definiti Paesi Partner e possono partecipare alle Azioni 1, 2 e 5 del Programma suddivisi nelle seguenti regioni prioritarie: I Paesi di altre parti del mondo sono definiti Paesi Partner e possono partecipare alle Azioni 1, 2 e 5 del Programma suddivisi nelle seguenti regioni prioritarie: Regioni Prioritarie 1: PAESI PARTNER MEDITERRANEI* (Algeria, Egitto, Israele, Giordania, Libano, Marocco, Siria, Tunisia, Turchia, Cisgiordania e Striscia di Gaza); PAESI PARTNER MEDITERRANEI* (Algeria, Egitto, Israele, Giordania, Libano, Marocco, Siria, Tunisia, Turchia, Cisgiordania e Striscia di Gaza); COMUNITÀ DEGLI STATI INDIPENDENTI (CSI) (Armenia, Azerbaijan, Bielorussia, Georgia, Moldavia, Russia, Ukraina); COMUNITÀ DEGLI STATI INDIPENDENTI (CSI) (Armenia, Azerbaijan, Bielorussia, Georgia, Moldavia, Russia, Ukraina); EUROPA SUD-ORIENTALE (Albania, Bosnia e Erzegovina, Crozia, Ex Repubblica Yugoslava di Macedonia Serbia e Montenegro). EUROPA SUD-ORIENTALE (Albania, Bosnia e Erzegovina, Crozia, Ex Repubblica Yugoslava di Macedonia Serbia e Montenegro).

35 35L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Regioni Prioritarie 2: AMERICA LATINA (Argentina, Bolivia, Brasile, Cile, Colombia, Costa Rica, Cuba, Ecuador, Guatemala, Honduras, Mexico, Nicaragua, Panama, Paraguay, Peru, El Salvador, Uruguay, Venezuela). *Il programma Euro-Med Youth (Euro-Med) Il Programma Euro-Med Youth permette ai 10 Paesi Partners Mediterranei una posizione privilegiata quale paese Partner nel settore della cooperazione giovanile. Il programma intende facilitare lintegrazione di giovani nella società e nel mondo lavorativo cosi come stimolare il processo democratico della società civile nei Paesi Partner Mediterranei.

36 36L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Il Prossimo Programma si chiamerà « Gioventu in Azione » Data indicativa per la presentazione della call ottobre 2006

37 37L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Per ottenere supporto: Agenzia Nazionale Italiana dal lunedì al venerdì, dalle ore alle ore e dalle ore alle ore L'Agenzia Nazionale Italiana riceve il pubblico il martedì e il giovedì, dalle ore alle ore Previa richiesta sono possibili appuntamenti al di fuori dei giorni indicati. Agenzia Nazionale Polacca Narodowa Agencja Programu MLODZIEZ Ul. Mokotowska 43, IV p. PL – Warsaw Tel: (48 22) / Fax: (48 22) / Website:

38 38L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Oppure Education, Audiovisual & Culture Executive Agency Youth Department BOUR 01/01 B-1049 Brussels Youth: SOS Volunteer Helpdesk: Website: Linea telefonica generale: Fax: calls for proposals e application forms:

39 39L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Informazioni dettagliate sul futuro Programma saranno pubblicate nella Newsletter dellAgenzia che si puo ottenere inviando un messaggio mail al seguente indirizzo Nel Prossimo numero: Il prossimo programma: Gioventù in azione : portrait e informazioni pratiche


Scaricare ppt "L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 1 Il programma Gioventù Il programma Gioventù"

Presentazioni simili


Annunci Google