La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gli elementi di base della progettazione organizzativa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gli elementi di base della progettazione organizzativa."— Transcript della presentazione:

1 Gli elementi di base della progettazione organizzativa

2 Organizzazione: complesso delle modalità secondo cui viene effettuata la divisione del lavoro in compiti distinti e realizzato il coordinamento. Combinazione dei parametri della progettazione organizzativa e dei fattori situazionali: CONFIGURAZIONI Tesi centrale sostenuta da Mintzberg: la progettazione di unorganizzazione efficace implica cinque configurazioni: 1) struttura semplice, 2) burocrazia meccanica, 3) burocrazia professionale, 4) soluzione divisionale e 5) adhocrazia

3 I cinque meccanismi di coordinamento

4 La progettazione di unorganizzazione è basata sulla divisione del lavoro in compiti distinti e sul loro coordinamento. I meccanismi di coordinamento sono 5: 1) Adattamento reciproco. 2) Supervisione diretta. 3) Standardizzazione dei processi di lavoro. 4) Standardizzazione degli output. 5) Standardizzazione delle capacità dei lavoratori

5 Attività più complessa e numero dei membri del gruppo in aumento: Attività non standardizzabile: dalladattamento reciproco, alla supervisione diretta, alla standardizzazione. ritorno alladattamento reciproco.

6 Le cinque parti dellorganizzazione

7 Le parti che compongono lorganizzazione sono 5:

8 1) Nucleo operativo (base dellorganizzazione). Meccanismo di coordinamento: adattamento reciproco o supervisione diretta di un manager. 2) Vertice strategico (vertice dellorganizzazione): Meccanismo di coordinamento: adattamento reciproco 3) Linea intermedia: Meccanismo di coordinamento: supervisione diretta. 4) Tecnostruttura (lato sinistro dellorganizzazione): Meccanismo di coordinamento: adattamento reciproco e standardizzazione delle capacità. 5) Staff di supporto (lato destro dellorganizzazione): Meccanismo di coordinamento più importante: standardizzazione delle capacità.

9 Le cinque parti fondamentali dellorganizzazione in unimpresa industriale

10 La progettazione

11 Essenza delle scienze dellartificiale: progettazione (H. Simon, 1969). Progettare nellorganizzazione: manovrare le leve che influenzano la divisione del lavoro e i meccanismi di coordinamento, modificando le modalità di funzionamento dellorganizzazione.

12 I parametri di progettazione sono 9 e possono essere suddivisi in 4 raggruppamenti: 1) progettazione delle posizioni individuali, 2) progettazione della macrostruttura, 3) progettazione dei collegamenti laterali e 4) progettazione del sistema decisionale.

13 GruppoParametri di progettazioneConcetti collegati Progettazione delle posizioni Specializzazione delle mansioni Formalizzazione del comportamento Formazione e indottrinamento Divisione del lavoro Standardizzazione dei processi di lavoro Sistema di flussi regolari Standardizzazione delle capacità Progettazione della macrostruttura Raggruppamento in unità Dimensione delle unità Supervisione diretta Divisione del lavoro direzionale Sistemi di autorità formale, di flussi regolati, di comunicazioni informali e di costellazioni di lavoro Organigramma Sistema di comunicazioni informali Supervisione diretta Ampiezza del controllo Progettazione dei collegamenti laterali Sistemi di pianificazione e controllo Meccanismi di collegamento Standardizzazione degli output Sistema di flussi regolati Reciproco adattamento Sistemi di comunicazioni informali, di costellazioni di lavoro e di processi decisionali ad hoc. Progettazione del sistema decisionale Decentramento verticale Decentramento orizzontale Divisione del lavoro direzionale Sistemi di autorità formale, di flussi regolati, di costellazioni di lavoro e di processi decisionali ad hoc Divisione del lavoro direzionale Sistemi di comunicazioni informali, di costellazioni di lavoro e di processi decisionali ad hoc. I parametri di progettazione organizzativa

14 La progettazione delle posizioni individuali

15 Le mansioni possono essere specializzate lungo 2 dimensioni: 1) larghezza o ampiezza specializzazione orizzontale delle mansioni. 2) profonditàspecializzazione verticale delle mansioni.

16 Problemi provocati dalla specializzazione delle mansioni : comunicazione, coordinamento, bilanciamento, e di alienazione dei lavoratori (Taylor e lo Scientific Management e Worthy), minaccia diretta per la produttività.

17 L allargamento delle mansioni sviluppa lungo 2 dimensioni: 1) ampia varietà di compiti Allargamento orizzontale delle mansioni 2) ampia varietà di compiti e maggiore controllo su essi Allargamento verticale delle mansioni I risultati dellallargamento delle mansioni dipendono dalle mansioni e dal loro grado di specializzazione.

18 Worthy: introduzione del fattore umano nella valutazione della performance lavorativa. Terkel: la stessa mansione può motivare una persona e alienare unaltra (Ciò che fa bene ad un uomo nuoce a un altro). Possibile spiegazione: scala dei bisogni di Maslow.

19 La specializzazione delle mansioni nelle diverse parti dellorganizzazione Mansioni non qualificate (nucleo operativo e unità di staff) Alcune posizioni manageriali di più basso livello Mansioni professionali (nucleo operativo e unità di staff) Tutte le altre posizioni manageriali AltaBassa Alta Bassa Specializzazione verticale Specializzazione orizzontale

20 La formalizzazione del comportamento

21 Formalizzazione del comportamento: eliminazione della discrezionalità dei membri dellorganizzazione e regolamentazione del comportamento. Il comportamento può essere formalizzato attraverso: 1) le mansioni; 2) il flusso di lavoro; 3) le regole.

22 Motivi della formalizzazione: ridurre la variabilità del comportamento; prevederlo e controllarlo; coordinare in modo preciso e predeterminato le attività; imporre le procedure più efficienti per una produzione efficiente; assicurare un trattamento imparziale ai clienti.

23 Weber: burocrazia come tipo ideale di organizzazione. Organizzazione burocratica: il comportamento all interno è predeterminato o prevedibile, ovvero standardizzato. Organizzazione organica: caratterizzata dallassenza di standardizzazione.

24 La formalizzazione del comportamento nelle diverse parti dellorganizzazione

25 Attività più stabile e ripetitiva Attività maggiormente programmata Organizzazione più burocratica Differenze nella formalizzazione del comportamento nelle diverse parti dellorganizzazione

26 La formazione e lindottrinamento

27 Formazione: processo esterno allorganizzazione attraverso cui le capacità e le conoscenze legate alla mansione sono insegnate. Le mansioni complesse (mestiere vs professione) necessitano di formazione La formazione è il parametro di progettazione per lutilizzo della standardizzazione delle capacità.

28 Indottrinamento: processo interno allorganizzazione attraverso cui vengono acquisite le norme organizzative. La socializzazione descrive il processo attraverso il quale un nuovo membro apprende il sistema di valori, le norme e i modelli di comportamento richiesti dalla società, organizzazione o gruppo nel quale è entrato. (Schein, 1968) Lindottrinamento è il parametro con cui lorganizzazione socializza formalmente i suoi membri a proprio vantaggio. Le mansioni variabili o lontane richiedono programmi di indottrinamento interno. Differenze nel ricorso alla formazione e allindottrinamento nelle diverse parti dellorganizzazione


Scaricare ppt "Gli elementi di base della progettazione organizzativa."

Presentazioni simili


Annunci Google