La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 Partners del progetto : Apindustria Verona, Associazione Artigiani Riuniti, CCIAA di Verona, CGIL, CISL, UIL, CNA,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 Partners del progetto : Apindustria Verona, Associazione Artigiani Riuniti, CCIAA di Verona, CGIL, CISL, UIL, CNA,"— Transcript della presentazione:

1 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 Partners del progetto : Apindustria Verona, Associazione Artigiani Riuniti, CCIAA di Verona, CGIL, CISL, UIL, CNA, Comune di Verona, Confindustria Verona, INAIL, Provincia di Verona, SPISAL ULSS 20, 21, 22, UPA. LINEE GUIDA SUL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO (SGSSL): LE AZIENDE A CONFRONTO

2 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 I nominativi e le aziende che hanno contribuito alla stesura della linea guida Vincenzo Rampanti RIVA ACCIAIO Stefano Bovo MIDAC BATTERIES Mario Zappelli KSS ITALIA Andrea Carrara AGRICOLA TRE VALLI Massimiliano Carpene SITEC DI CARPENE MASSIMILIANO Stefano Campedelli AGEC Luigi Cobianchi SACCHIFICIO VENETO Orlando Carlesso APOLLONIO Corrado Cavallini FRESENIUS KABI ITALIA Jessica Tibasco GLAXO SMITH KLINE Claudio Zattera OFFICINE FERROVIARIE VERONESI Luciano Vanti MONDADORI PRINTING Giovanni Claudio Zuffo CGIL VERONA Daniele Cappellin e Luciano Tomezzoli COMUNE DI VERONA Adolfo Dal Ben OLIMPIAS S.p.A. Stefano Bigarelli SOCIETA EDITRICE ARENA Giorgio Cappello AERMEC Pietro Mazzoccoli AZIENDA ULSS 20 LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEGLI INFORTUNI ED INCIDENTI IN UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEGLI INFORTUNI ED INCIDENTI IN UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO 2

3 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 Premessa Lintento del GRUPPO DI LAVORO GESTIONE DEGLI INFORTUNI E DEGLI INCIDENTI e stato, quindi, quello di fornire dei documenti che possano essere usati come strumenti per indicare, descrivere e costruire i presupposti per limplementazione di un sistema, atto a prevenire e gestire gli infortuni creando e rafforzando la consapevolezza che: loperare in sicurezza e un vantaggio ed una crescita per lazienda.

4 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 Premessa Le indicazioni riportate devono essere viste come una possibile traccia da seguire e non come lunica via perseguibile. Il gruppo di lavoro, si e principalmente focalizzato sulla piccola-media impresa che di fatto risulta essere prevalente nel territorio, cercando di proporre soluzioni che non comportino necessariamente investimenti importanti, consapevole delle resistenze che possono nascere da spese non direttamente connesse agli aspetti produttivi.

5 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 Premessa Lo spirito che crediamo debba essere presente nella gestione degli aspetti di Sicurezza, Salute ed Ambiente, salvo restando le responsabilità chiaramente definite da un punto di vista legislativo, e la collaborazione e partecipazione diffusa di tutte le figure aziendali spinte dalla comune volontà di implementare una reale politica di prevenzione che sia parte integrante della strategia aziendale

6 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 Per una più facile consultazione ed applicazione delle procedure elaborate, vengono di seguito riportate alcune precisazioni: Il gruppo di lavoro ha fatto la scelta di predisporre n° 4 procedure distinte, al fine di permettere agli eventuali fruitori di decidere, in modo meno vincolante se: applicare lintero pacchetto di procedure, integrare le proprie procedure con una di quelle predisposte. applicare una singola procedura

7 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 Per una più facile consultazione ed applicazione delle procedure elaborate, vengono di seguito riportate alcune precisazioni: Lobiettivo dellapplicazione delle suddette procedure, è quello di raccogliere dati utili che possano permettere di intervenire immediatamente per evitare il ripetersi degli infortuni e degli incidenti (attraverso la ricerca delle cause e la loro eliminazione con lattuazione delle azioni correttive).

8 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 Per una più facile consultazione ed applicazione delle procedure elaborate, vengono di seguito riportate alcune precisazioni: In particolare si sottolinea che lapplicazione della procedura semplificata per la gestione degli incidenti può determinare effetti positivi sulla prevenzione degli infortuni.

9 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 Per una più facile consultazione ed applicazione delle procedure elaborate, vengono di seguito riportate alcune precisazioni: Al fine di diffondere la CULTURA DELLA SICUREZZA, e quindi al fine di raggiungere migliori risultati in termini di prevenzione antinfortunistica, è necessario che le organizzazioni che vorranno applicare le suddette procedure attuino azioni di formazione ed informazione a tutti i lavoratori, sul loro contenuto.

10 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 Per una più facile consultazione ed applicazione delle procedure elaborate, vengono di seguito riportate alcune precisazioni: Lelaborazione di indicatori legati ai costi della non sicurezza possono determinare una forte motivazione nellapplicazione di un sistema di gestione della sicurezza

11 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 PROCEDURA SEMPLIFICATA PER LA GESTIONE DEGLI INFORTUNI Linea Guida 2 Per la gestione degli infortuni ed incidenti in un sistema di gestione per la Sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro PROCEDURA SEMPLIFICATA PER LA GESTIONE DEGLI INCIDENTI PROCEDURA SEMPLIFICATA PER LA GESTIONE DI COMPORTAMENTI IMPRUDENTI E PERICOLOSI PROCEDURA SEMPLIFICATA PER LANALISI DEI DATI RELATIVI AGLI INFORTUNI

12 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 PROCEDURA SEMPLIFICATA PER LA GESTIONE DEGLI INFORTUNI SCOPO: definire le attività e le responsabilità per la gestione degli infortuni accaduti in azienda in modo da: Garantire allinfortunato una immediata assistenza sanitaria Garantire una corretta sequenza di attività necessarie alliter burocratico dellinfortunio Avere a disposizione dati registrati da utilizzare per analisi e statistiche finalizzate alla prevenzione degli infortuni Determinare la ricerca delle cause dellinfortunio e se necessario lattuazione delle azioni correttive corrispondenti

13 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 E accaduto un infortunio Comunicazione successiva allufficio preposto es. ufficio personale Comunicazione immediata al diretto superiore e altri soggetti ( RSPP, Direttore, RLS ) Registrazione sul registro infortuni Inoltro documentazione allINAIL Intervista allinfortunato se le condizioni lo permettono ed a eventuali testimoni. Sopralluogo da parte dei soggetti individuati ( diretto superiore, RSPP, altri ) Compilazione modulo A RAPPORTO DI INFORTUNIO SUL LAVORO compilato ( es. diretto superiore dellinfortunato ) Compilazione modulo B AZIONE CORRETTIVA RELATIVA ALLINFORTUNIO SUL LAVORO compilato ( es. RSPP ) Individuazione causa infortunio e azione correttiva, attuazione e verifica efficacia azione correttiva. Comunicazione immediata alladdetto squadra pronto soccorso/al sistema di emergenza sanitario ( nei casi più gravi )

14 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 PROCEDURA SEMPLIFICATA PER LA GESTIONE DEI COMPORTAMENTI IMPRUDENTI E PERICOLOSI SCOPO: Gli scopi derivanti dallapplicazione di questa procedura sono: Fare aumentare losservanza delle norme di sicurezza generali ed aziendali da parte dei lavoratori sul luogo di lavoro CON IL FINE PRIMARIO DI RIDURRE GLI INFORTUNI Favorire lapporto dei lavoratori nel segnalare eventuali comportamenti imprudenti e pericolosi. Implementare la sorveglianza sui comportamenti imprudenti e pericolosi. Comunicare ai lavoratori allosservanza delle procedure di sicurezza. Definire le responsabilità relativa allapplicazione di questa procedura. Definire le modalità di registrazione dei comportamenti imprudenti e pericolosi. Avere a disposizione dati registrati da utilizzare per analisi statistiche finalizzate alla prevenzione degli infortuni

15 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 Comportamento imprudente e pericoloso in atto da parte di un lavoratore Richiedere al lavoratore losservanza delle norme di sicurezza Datore di lavoro RSPP Datore di lavoro, dirigenti, preposti RSPP ASPP RLS Compagni di lavoro Registrazione richiamo verbale al lavoratore MODULO D Addestramento e sua registrazione Eventuale contestazione Disciplinare Chi lo fà Segnalare immediatamente laccaduto a

16 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 PROCEDURA SEMPLIFICATA PER LA GESTIONE DEGLI INCIDENTI SCOPO: Gli scopi derivanti dallapplicazione di questa procedura sono: Fare aumentare losservanza delle norme di sicurezza generali ed aziendali a parte dei lavoratori sul luogo di lavoro. Implementare la sorveglianza sulla gestione degli incidenti Richiamare i lavoratori allosservanza delle procedure di sicurezza. Definire le responsabilità relativa allapplicazione di questa procedura. Definire le modalità di registrazione degli Incidenti Avere a disposizione dati registrati da utilizzare per analisi e statistiche finalizzate alla prevenzione degli infortuni.

17 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 E accaduto un incidente Comunicarlo immediatamente al proprio dirigente / preposto Chi lo fà Dipendenti Compilazione del MODULO E Segnalazione incidenti Sopralluogo immediato se possibile sul luogo dellincidente Dirigente/Preposto RSPP ASPP Proposta di azione correttiva per eliminare la causa dellincidente Attuazione dellazione correttiva Verifica dellattuazione dellazione correttiva Verifica dellefficacia dellazione correttiva attuata

18 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 PROCEDURA SEMPLIFICATA PER LANALISI DEI DATI RELATIVI AGLI INFORTUNI PREMESSA: Fermo restando gli indici regolamentati da norme specifiche ( UNI 7249 – dicembre 1995 statistiche degli infortuni sul lavoro ), in questa procedura sono trattati altri possibili indicatori, utili per monitorare landamento degli infortuni al fine di: Gestire le eventuali azioni correttive per un miglioramento continuo. Definire obiettivi e programmi per ridurre gli eventi Analizzare e programmare corsi di informazione formazione/ addestramento mirati. Di seguito alcuni esempi Analizzare i costi dellinfortunio.

19 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 Il sistema di gestione : risultati ottenuti Infortuni : numero infortuni per anno ( )

20 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 Il sistema di gestione : risultati ottenuti Infortuni : indice di frequenza (infortuni/numero di ore lavorate)

21 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 Il sistema di gestione : risultati ottenuti Infortuni : durata media infortuni

22 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 Il sistema di gestione : risultati ottenuti Infortuni : indice di incidenza (infortuni/numero di lavoratori)

23 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 Il sistema di gestione : risultati ottenuti Infortuni : indice di gravità

24 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 Esempi di moduli compilati

25 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006

26

27

28

29 NON VOGLIAMO PIU TROVARCI AD AFFRONTARE SITUAZIONI DI QUESTO TIPO.

30 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 OPPURE

31 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 GRAZIE E BUONA SICUREZZA A TUTTI Dal Gruppo di Lavoro

32 PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 DOVE SONO CONSULTABILI E SCARICABILI I TESTI DELLE LINEE GUIDA E DEGLI ALLEGATI SITI WEB :


Scaricare ppt "PROGETTO:Verona Aziende Sicure 2006 Partners del progetto : Apindustria Verona, Associazione Artigiani Riuniti, CCIAA di Verona, CGIL, CISL, UIL, CNA,"

Presentazioni simili


Annunci Google