La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Met la mec II semestre Semeiotica Medica Semeiotica Chirurgica Medicina Sistematica Chirurgia Sistematica Attività a piccoli gruppi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Met la mec II semestre Semeiotica Medica Semeiotica Chirurgica Medicina Sistematica Chirurgia Sistematica Attività a piccoli gruppi."— Transcript della presentazione:

1 Met la mec II semestre Semeiotica Medica Semeiotica Chirurgica Medicina Sistematica Chirurgia Sistematica Attività a piccoli gruppi

2 Clin Med Card –FI Semeiotica rilievo di 1.Sintomi (soggettivi) 2. Segni (obiettivi)

3 Clin Med Card –FI Semeiotica La raccolta dellanamnesi DEVE precedere esame obiettivo

4 Clin Med Card –FI Semeiotica rilievo di 1.Sintomi (soggettivi) 2. Segni (obiettivi) e di ogni altro dato riguardante la malattia -s. fisica -s. strumentale - s. di laboratorio

5 Teorema di Bayes Probabilità di un evento futuro sulla base di probabilità a priori (eventi precedenti o associati RISCHIO PRE-TEST Sensibilità e specificità del test PROBABILITA POST-TEST

6 Probabilità di Ulcera dopo lEsame Clinico (%) Prevalenza di Ulcera (%) Dolore Notturno Dolore da Fame Uso di NSAID Storia Familiare + Uso di Antiacidi Fegato Anormale Dolore spalla dx

7 Probabilità di patologia coronarica in un paziente con angina TIPICA prima e dopo indagini specifiche AnamnesiAnamnesi ECG sforzo Scintigrafia + 95% + 99% 85-90% - 85% Da BRAUNWALD PAG. 1238

8 Probabilità di patologia coronarica in un paziente con angina TIPICA prima e dopo indagini specifiche AnamnesiAnamnesi ECG sforzo Scintigrafia + 95% + 99% - 85% 85-90% +90% - 60% -30% Da BRAUNWALD PAG. 1238

9 Clin Med Card –FI Modalita di Raccolta dellanamnesi 1.Motivo della visita o del ricovero

10 Clin Med Card –FI Modalita di Raccolta dellanamnesi 1.Motivo della visita o del ricovero 2.Anamnesi patologica prossima 3.Anamnesi patologica remota

11 Clin Med Card –FI Modalita di Raccolta dellanamnesi 1.Motivo della visita o del ricovero 2.Anamnesi patologica prossima 3.Anamnesi patologica remota 4.Anamnesi familiare e fisiologica

12 Clin Med Card –FI Modalita di Raccolta dellanamnesi 1.Motivo della visita o del ricovero 2.Anamnesi patologica prossima 3.Anamnesi patologica remota 4.Anamnesi familiare e fisiologica 5.Riconsiderare i diversi punti con il paziente

13 Clin Med Card –FI Modalita di Raccolta dellanamnesi 1.Motivo della visita o del ricovero 2.Anamnesi patologica prossima 3.Anamnesi patologica remota 4.Anamnesi familiare e fisiologica 5.Riconsiderare i diversi punti con il paziente Nelle Cartelle Cliniche: 1.Motivo del ricovero 2.Anamnesi familiare 3. Anamnesi fisiologica 4.Anamnesi patologica remota 5.Anamnesi patologica prossima - elementi di indentificazione (eta) -tempo (data) ordinata esauriente SINTETICA

14 PER CONOSCERE IL PAZIENTE E LA SUA MALATTIA Rapporto soddisfacente per il paziente e per il medico Intervista competente Ascoltare senza interferire Interrogare senza suggerire Osservare

15 Clin Med Card –FI COMFORT - setting fisico - come presentarsi e rivolgersi al paziente - aspetto

16 Clin Med Card –FI COMFORT - setting fisico - come presentarsi e rivolgersi al paziente - aspetto INIZIO - domande aperte - domande dirette

17 Clin Med Card –FI COMFORT - setting fisico - come presentarsi e rivolgersi al paziente - aspetto INIZIO - domande aperte - domande dirette FACILITAZIONE - bene, avanti mi parli… incoraggiare

18 Clin Med Card –FI COMFORT - setting fisico - come presentarsi e rivolgersi al paziente - aspetto INIZIO - domande aperte - domande dirette FACILITAZIONE - bene, avanti mi parli… incoraggiare CONFRONTO E INTERPRETAZIONE mi sembra turbato, non la sento tranquillo

19 Clin Med Card –FI COMFORT - setting fisico - come presentarsi e rivolgersi al paziente - aspetto INIZIO - domande aperte - domande dirette FACILITAZIONE - bene, avanti mi parli… incoraggiare CONFRONTO E INTERPRETAZIONE mi sembra turbato, non la sento tranquillo RIFLESSIONE: ripetere e riformulare

20 Clin Med Card –FI COMFORT - setting fisico - come presentarsi e rivolgersi al paziente - aspetto INIZIO - domande aperte - domande dirette FACILITAZIONE - bene, avanti mi parli… incoraggiare CONFRONTO E INTERPRETAZIONE mi sembra turbato, non la sento tranquillo RIFLESSIONE: ripetere e riformulare SOSTEGNO - riassicurazione - empatia

21 Clin Med Card –FI SILENZIO - cosa sta pensando - stava per dire … - queste cose sono difficili da dire CONCLUSIONE - Elaborazione - Variazioni

22 Clin Med Card –FI Messaggio verbale Scelta delle parole Tonale= volume e tono Paralinguistico Mimico gestuale

23 - Non mostrare fretta - Non mostrare meraviglia - Non commentare il comportamento di altri medici ATTENZIONE! -Il paziente non espone il problema, ma pone DIAGNOSI PERSONALI o formulate da altri -Vogliono mostrare i risultati delle indagini eseguite

24 Clin Med Card –FI Elementi contrastanti durante il colloquio Facilitare lintervistavsControllare lintervista Ascoltare senza frettavsRaccogliere tutti i dati importanti nel minor tempo possibile Evitare di inibire il pazientevsSollecitare il paziente ad approfondire il problema Ricercare accurate informazioni vsTollerare la vaghezza, sulla malattiaspecie dei pazienti anziani e ansiosi Sforzarsi di seguire uno schema vsEssere pronti a diagnosticomodificare e a rispondere alle rivelazioni e ai segnali del paziente Tenere unaccurata documentazione vsNon permettere che dellintervistapenna e carta inibiscano una comunicazione libera

25 Clin Med Card –FI Il medico è responsabile di ciò che il paziente tace; avrebbe dovuto chiederglielo Ippocrate

26 Punti chiave per la definizione di segni o sintomi: per esempio il dolore SEDE

27 Punti chiave per la definizione di segni o sintomi: per esempio il dolore SEDE IRRADIAZIONE

28 Punti chiave per la definizione di segni o sintomi: per esempio il dolore SEDE IRRADIAZIONE INTENSITA

29 Punti chiave per la definizione di segni o sintomi: per esempio il dolore SEDE IRRADIAZIONE INTENSITA QUALITA

30 Punti chiave per la definizione di segni o sintomi: per esempio il dolore SEDE IRRADIAZIONE INTENSITA QUALITA DURATA

31 Punti chiave per la definizione di segni o sintomi: per esempio il dolore SEDE IRRADIAZIONE INTENSITA QUALITA DURATA MODALITA DI COMPARSA

32 Punti chiave per la definizione di segni o sintomi: per esempio il dolore SEDE IRRADIAZIONE INTENSITA QUALITA DURATA MODALITA DI COMPARSA ANDAMENTO

33 Punti chiave per la definizione di segni o sintomi: per esempio il dolore SEDE IRRADIAZIONE INTENSITA QUALITA DURATA MODALITA DI COMPARSA ANDAMENTO FREQUENZA

34 Punti chiave per la definizione di segni o sintomi: per esempio il dolore SEDE IRRADIAZIONE INTENSITA QUALITA DURATA MODALITA DI COMPARSA ANDAMENTO FREQUENZA FATTORI FAVORENTI

35 Punti chiave per la definizione di segni o sintomi: per esempio il dolore SEDE IRRADIAZIONE INTENSITA QUALITA DURATA MODALITA DI COMPARSA ANDAMENTO FREQUENZA FATTORI FAVORENTI AGGRAVANTI

36 Punti chiave per la definizione di segni o sintomi: per esempio il dolore SEDE IRRADIAZIONE INTENSITA QUALITA DURATA MODALITA DI COMPARSA ANDAMENTO FREQUENZA FATTORI FAVORENTI AGGRAVANTI ALLEVIANTI

37 Punti chiave per la definizione di segni o sintomi: per esempio il dolore SEDE IRRADIAZIONE INTENSITA QUALITA DURATA MODALITA DI COMPARSA ANDAMENTO FREQUENZA FATTORI FAVORENTI AGGRAVANTI ALLEVIANTI ALTRI SINTOMI DI ACCOMPAGNAMENTO

38 Clin Med Card –FI Anamnesi familiare - età dei genitori e fratelli malattie o cause di morte - Matrimonio (stato di famiglia) - Figli patologia eredo familiare: m. cardiovascolari (ipertensione) m. metaboliche (+ ambiente obesità) m. neoplastiche m. allergiche anemie Più specifica se vi sono chiari riferimenti nellanamnesi

39 Clin Med Card –FI 2.- ANAMNESI FISIOLOGICA Nascita ………………………………… Allattamento ……………………… Fonazione e deambulazione ……………………………………………………………… Ambiente materiale e morale nellinfanzia ………………………………… Grado distruzione …………………………………… Puberta (mestruazioni) …………………………………………………………………… (Servizio militare) ……………………………………………………………………………. Matrimonio (gravidanze), figli ……………………………………………………… Professione e ambiente di lavoro ………………………………………………… Ambiente familiare …………………………………………………………………………. Alcool ……………. Fumo ……………… Appetito …………… Sete ………… Digestione ………………………………….Alvo ………………………………………….. Diuresi ………………… Sonno …………………………………………. Peso abituale 3. – ANAMNESI PATOLOGICA

40 Clin Med Card –FI A.Fisiologica -Nascita prematuri <36 sett. immaturi <2500g -Mestruazioni – oligom >37gg polim <21gg amen >90gg ipermenorr menorragia metrorragia dismenorrea -s. premestruale -Gravidanza e aborti -Menopausa -Abitudini alimentari -Cibo quantità e qualità, -alcool,caffè Attività fisica Hobbies (o II° lavoro)

41 Clin Med Card –FI Alvo -Emissione di feci formate una volta al giorno ( gr) -Stipsi<50gr250 Tenesmo rettale Sensazione - penosa - urgente - continua

42 DIURESI : Quantita di urine nelle 24 ore: 1500 ml Anuria: <100 ml/24 ore Oliguria: <400 ml/24 ore Poliuria: >2000 ml/24 ore Pollachiuria: >5 volte al di Nicturia: >1 volta per notte MINZIONE = Atto che porta emissione u da vescica Disuria minzione ritardata in due tempi, inizialegetto deformato terminale ristagno (capacità fisiologica ) ritenzione completa emissione urine a GOCCE Stranguria Incontinenza= emissione NON controllata involontaria Incosciente Cosciente (ortostatismo, tosse)

43 Clin Med Card –FI Segue anamnesi fisiologica! Anamnesi: Farmacologica: Uso e abuso di: - analgesici - tranquillanti - lassativi - contraccettivi e ter ormonale sost - ricostituenti (??) - digestivi ALLERGIE - Prodotti di erboristeria - omeopatici Comportamenti a rischio

44 ….. ci sono altre cose di cui mi vuol parlare ??

45

46

47

48

49

50 ESAME Obiettivo GENERALE Tipo morfologico

51 Clin Med Card –FI BMINormale (Peso/ m2) = tipo stenico – iperstenico – ipostenico normomacromicro splancnico normotipobrachitipolongitipo MISURA VITA : punto più stretto fra arcata costale e cresta iliaca FIANCHI : punto più largo sotto cresta iliaca RAPPORTO VITA / FIANCHI: f 0.85; m 0.95

52 Clin Med Card –FI PLICOMETRIA – arti; sottoscapolare, periombelicale, ala iliaca Distribuzione delladipe nel sottocute: DONNA: collo X mammelle addome cingolo pelvico cosce UOMO: nuca volto X spalle tronco addome

53 SENSORIO o STATO di COSCIENZA a)Integro b)Irritato c) Depresso Sensorio irritato: DELIRIO Caratterizzato da: false impressioni sensoriali: ILLUSIONE= falsa percezione sensoriale di stimoli esistenti ALLUCINAZIONE: percezioni sensoriali di stimoli inesistenti tranquillo: solo parole senza senso rumoroso violento Sensorio depresso sonnolenzastimolaz.Coscienza piena soporestimolaz.Coscienza incompleta stuporesvegli, ma non completamente coscienti coma

54 DECUBITO Indifferente Obbligato Supino: Coliche con interessamento peritoneale Prono: Coliche senza interessamento peritoneale Laterale: Pleurite Paralisi emidiaframma Emotorace Bronchiectasie (Colica Renale) Cane di Fucile (meningite) Semiseduta (ortopnoica) mm. respiratori ausiliari Scompenso Cardiaco Asma < superficie ventilatoria (polmonite, versamento pleurico, pneumotorace, epatomegalia, meteorismo, ascite) Opistotono Tetano Attacchi Isterici Tetania PASSIVO Sincope Coma

55 Clin Med Card –FI Esame cute Temperatura Colorito Umidità Spessore Elasticità annessi cutanei Sistema pilifero Unghie Ghiandole sebacee e sudorifere

56 FEBBRE Ascesa Acme Defervescenza: lisi crisi subfebbrile °C lieve °C moderata °C alta °C iperpiressia> 40 °C Febbricola lieve entità (37.5 °C) LUNGA DURATA (TBC, Infezioni croniche) ContinuaVariazioni quotidiane non superiori ad 1° C (Polmoniti, Tifo) RemittenteSempre al di sopra della norma ma con oscillazioni CHE SUPERANO IL GRADO (Sepsi, Ileotifo) IntermittentePeriodi con temperatura normale (Malaria) RicorrenteFebbre elevata (4 - 5 gg.) e periodi di apiressia (Anemia Aplastica, Spirochetosi) Ondulante(Brucellosi, Endocardite, Linfogranuloma) Biliosettica UrosetticaBrivido, crisi

57 Clin Med Card –FI Determinanti del colorito cutaneo melanina carotene ossiemoglobina desossiemoglobina minor contenuto di melanina: palmo pianta polpastrelli letto ungueale

58 Clin Med Card –FI Melanodermia M. di Addison: - pigm. bruna diffusa, + manifestaz. nelle zone esposte; iperpigm. Areole Mammarie, - pliche palmari - cicatrici - macchie ardesiache mucosa orale Emocromatosi: EMOSIDERINA e MELANINA cute e organi interni diabete bronzino cirrosi pigmentarie insuff. Cardiaca DISCROMIE CUTANEE - ipercromie: gravidiche cloasma gravidico varicose – emoriderosi distruttuale arti inferiori - dermatologichelogiche (pitiriasi varsi…) albinismo - acromievitiligo tinea versicolor - porfiria colorito brunastro nelle regioni fotoesposte con cute fragile

59 Clin Med Card –FI Pseudo itteri - acridina (malaria, lupus discoide) - ac. Picrico - trinitrotoluene - urocromo - carotenoidi (aurantiasi!) - accumulo precursori vit.A (diabete – mixedema) Palme mani, piante dei piedi NON CONGIUNTIVE e MUCOSE

60 Clin Med Card –FI Colorito rosso visibilità ossiemoglobina dilatazione capillari superficiali flusso Colorito rosso bluastro emoglobina totale emoglobina ridotta stasi (volto, congiuntive, mucosa orale, mani e piedi)

61 Clin Med Card –FI CIANOSI Hb ridotta > 5 gr/dL

62 Clin Med Card –FI Cianosi sedi: labbra, lingua, mucosa orale congiuntiva palpebrale zigomi lobi auricolari pinne nasali estremità letto ungueale

63 Clin Med Card –FI Cianosi PERIFERICA: ridotto flusso cutaneo - bassa portata cardiocircolatoria - ostruzione arteriose e venose - vasocostrizione saturazione pO2 arteriosa normale Cianosi CENTRALE: MUCOSE saturazione pO2 arteriosa ridotta - mescolanza venoso-arterioso - insufficiente ossigenazione a livello polmonare - policitemia - emoglobina anormale PSEUDO CIANOSI: Sali doro e dargento

64 Clin Med Card –FI localizzato Colorito pallido generalizzato melanina - congenito (generalizzato) ALBINISMO - acquisito: Vitiligo (chiazze, simmetrico, zone esposte) tinea versicolor (torace, collo) visibilita ossiemoglobina - diminuito flusso nei vasi superficiale, sincope, shock, ipertensione - diminuita quantità ANEMIA in volto, mucose, congiuntive, unghie - edema (maschera melanina, ossiemoglobina.

65 Clin Med Card –FI Lesioni della Cute Lesioni primarie: Non palpabili Macula Eritema Palpabili Masse solide papula placca nodulo pomfo Circoscritte con fluido in cavita allinterno degli strati cutanei vescicole (<5 mm) bolle (>5 mm) pustole Lesioni secondarie Pedita di superficie cutanea erosioni ulcera fissurazioni Materiale sulla superficie cutanea squame croste

66 Clin Med Card –FI Umidita cutanea - ipoidrosi anidrosi (osservare mucosa orale e tono oculare) - iperidrosi - ipercapnia - m. di Basedow sudamina: ritenzione di andare sotto lo strato corneo Spessore e turgore della cute - cute normalmente non sollevabile in pliche se presenza di pliche: < idratazione cute e sottocute Atrofie:- strie gravidiche - ascite - Cushing - artrite reumatoide localizzate: territori varicosi Sclerosi: indurimento e analasticità cutanea (sclerodermia)

67 Clin Med Card –FI Edema Distribuzione Consistenza Cute - edemi declivi= malleolare pretibiale sacro scroto - edemi antigravitari= periorbitale ANASARCA: idrotorace, pericardio - ASCITE

68 Clin Med Card –FI Edema Localizzato - locale - da cause generali labbra palpebre – volto scroto

69

70 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE Clin. Med. Cardiol. FI Tecnica Numero di misurazioni - Inizialmente effettuare tre misurazioni, opportunamente intervallate nel corso di 3 visite diverse - Successivamente, o in caso di valori iniziali elevati, eseguire almeno 2 misurazioni - Aspettarsi notevole variabilità; solo misurazioni differenti di almeno 10 mm Hg sono significativamente diverse; se le differenze superano i 10 mm Hg eseguire ulteriori misurazioni

71 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE Clin. Med. Cardiol. FI Tecnica Performance - Gonfiare rapidamente il bracciale sino a superare di 20 mm Hg la pressione sistolica, rilevata dalla scomparsa del polso radiale - Sgonfiare il bracciale alla velocità di 3 mm Hg/sec - Misurare la pressione diastolica alla fase V (scomparsa dei toni) eccetto che nei bambini ove è preferibile utilizzare la fase IV (attenuazione) - Se i toni di Korotkoff sono deboli, fare sollevare al paziente il braccio ed aprire e chiudere la mano 5-10 volte, prima di gonfiare rapidamente il bracciale

72 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE Condizioni del paziente Posizione - Per la prima misurazione il paziente dovrebbe essere supino da almeno 5. La pressione dovrebbe essere misurata ad entrambe le braccia e, nei pazienti sotto i 20 anni, anche ad una gamba. Successivamente eseguire misurazioni in ortostatismo, subito ed ogni 2 - Per le misurazioni durante il follow-up, il paziente dovrebbe sedere tranquillamente per 5 ed il braccio dovrebbe essere sostenuto a livello del cuore - Nei pazienti in trattamento antiipertensivo può essere necessario misurare la pressione in clino ed ortostatismo

73 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE Clin. Med. Cardiol. FI Condizioni del paziente Circostanze - Vietare il caffè nellora antecedente - Vietare il fumo nei 15 antecedenti - Vietare gli analettici adrenergici nellora antecedente (per es. fenilefrina contenuta in decongestionanti nasali e midriatici - Ambiente tranquillo e riscaldato - Le misurazioni eseguite dal paziente a casa in circostanze diverse sono generalmente preferibili ed hanno valore superiore nel predire la successiva morbilità cardiovascolare

74 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE Clin. Med. Cardiol. FI Strumentazione - Dimensioni del bracciale: la camera enflatile dovrebbe circondare e ricoprire 2/3 della circonferenza del braccio; se ciò non avviene, posizionare la camera enflatile direttamente sopra larteria brachiale. Se la camera enflatile ed il bracciale sono troppo piccoli, i valori ottenuti saranno imprecisi e sovrastimeranno i valori reali - I manometri aneroidi dovrebbero essere ricalibrati ogni 6 mesi contro uno sfigmomanometro a mercurio -

75 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE Clin. Med. Cardiol. FI Procedura - Braccio:libero da indumenti ad altezza del cuore (1 cm = 0,8 mm Hg) su un piano di appoggio ma:in posizione ottimale anche per chi misura - Localizzazione arteria brachiale - Avvolgere il bracciale, centrando la camera sopra larteria brachiale con il margine inferiore del bracciale a 2,5 cm dalla piega del gomito - Determinare la massima inflazione che fa scomparire il polso radiale o brachiale (apprezzare le caratteristiche del polso!)

76 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE Clin. Med. Cardiol. FI Procedura - Rapidamente e progressivamente sgonfiare il bracciale. Attendere prima di gonfiare - Posizionare lo stetoscopio nella fossa antecubitale dove era stata apprezzata larteria brachiale con la palpazione. Applicare fonendoscopio a piatto con pressione leggera (pressione eccessiva distorce i suoni) - Rapidamente gonfiare ad una pressione di 30 mm Hg superiore a quella determinata palpatoriamente - Sgonfiare a velocità tale che la pressione cali di 2-3 mm al secondo

77 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE Clin. Med. Cardiol. FI Procedura - Pressione sistolica: almeno 2 toni consecutivi numeri pari - Pressione diastolica: fase V di Korotkoff - Attendere 1-2 prima di determinare la misura nello stesso braccio e fare la media

78 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE BMJ 2001; 322: Sphygmomanometry: factors common to all techniques Important factors affecting measurement - The inherent variability of blood pressure - The defence reaction - The limitations of the device being used - The accuracy of the device - Blood pressure is not as easily measured in some groups, such as elderly people

79 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE BMJ 2001; 322: Mismatching of bladder and arm - Bladder too smallOverestimation of blood pressure Undercuffing - Bladder too largeUnderestimation of blood press. Overcuffing Undercuffing more common than overcuffing

80 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE BMJ 2001; 322: Recommended bladder dimensions Dimensions (cm)SubjectMaximum arm circumf (cm) 4 X 13Small children17 10 X 18Medium sized children Lean adults26 12 X 26Majority of adults arms33 12 X 40Obese adults50

81 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE BMJ 2001; 322: Conventional sphygmomanometry: technique of auscultatory blood pressure measurement Rose classification of observer error Systematic error Terminal digit preference Observer prejudice

82 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE BMJ 2001; 322: Conventional sphygmomanometry: technique of auscultatory blood pressure measurement Observer training techniques Direct instruction by an experienced observer Instruction manuals and booklets Audiotapes Video films CD Rom presentations

83 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE BMJ 2001; 322: Conventional sphygmomanometry: technique of auscultatory blood pressure measurement Advice to be included in the instructions accompanying a sphygmomanometer using a mercury manometer - Guidelines and precautions - Health and safety when handling mercury - Mercury spillage - Cleaning the manometer tube

84 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE BMJ 2001; 322: Measurement of blood pressure: an evidence based review - The accurate measurement of blood pressure in clinic settings is of paramount importance - Guidelines for its measurement should be followed, particularly when it is newly detected or the patient has cardiovascular target organ damage, other atherosclerotic risk factors, or is receiving antihypertensive treatment

85 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE BMJ 2001; 322: Measurement of blood pressure: an evidence based review - Evidence regarding factors which distort blood pressure readings and the magnitude of their effect is generally weak, but factors shown in high quality studies to be able to affect readings by more than 5 mm Hg include talking, acute exposure to cold, recent ingestion of alcohol, incorrect arm position, and incorrect cuff size - The white coat effect can raise blood pressure more than 20/10 mm Hg in up to 40% of patients

86 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE BMJ 2001; 322: Measurement of blood pressure: an evidence based review - The benefits and cost effectiveness of self measurement or ambulatory monitoring are still under investigation, but they should be considered for the evaluation of suspected white coat hypertension, apparent drug resistance, episodic hypertension, suspected autonomic dysfunction, or a hypotensive reaction to antihypertensive treatment

87 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE Clin. Med. Cardiol. FI Possibili errori dovuti allo sfigmomanometro - Perdita del mercurio - Ostruzione dellorifizio dellaria - Colonna non verticale - Scala non leggibile / vetro sporco - Perno non stabile - Dimensioni inadeguate della camera daria - Non corretta connessione allapparecchio - Tubi deteriorati - Velcro usurato - Valvola difettosa - Ostruzione del filtro dellaria

88 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE Circulation 1993; 88: Common problems in measuring blood pressure and recommendations for avoiding them ProblemResultRecommendation Equipment Stethoscope ear pieces pluggedPoor sound transmissionClean ear pieces Ear pieces poorly fittingDistorted soundsAngle ear pieces forward Bell or diaphragm crackedDistorted soundsReplace equipment Tubing too longDistorted soundsLength from ear pieces to bell should be cm Mercury manometer Meniscus not at 0 at restInaccurate readingReplace or remove mercury Column not verticalInaccurate readingPlace manometer on level surface Bouncing of mercury with infl/deflationInaccurate readingClean tubing and air vent, replace mercury Aneroid manometer Needle not at 0 at restInaccurate readingRecalibrate Bladder/cuff Too narrow for armBlood pressure too highUse cuff length 80% of circumference Too wide for armUnable to fit on armUse regular but longer cuff Inflation system Faulty valvesInaccurate readingReplace equipment Difficulty inflating and deflating bladder Leaky tubing or bulbInaccurate readingReplace equipment

89 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE Circulation 1993; 88: Common problems in measuring blood pressure and recommendations for avoiding them ProblemResultRecommendation Observer Digit preferenceInaccurate readingBe aware of tendency Cut-off biasInaccurate readingRecord to nearest 2 mm Hg Direction biasInaccurate readingRecord to nearest 2 mm Hg Fatigue or poor memoryInaccurate readingWrite down reading immediately Subject Arm below heart levelReading too highPlace pt with midpoint of upper arm at heart level Arm above heart levelReading too lowPlace pt with midpoint of upper arm at heart level Back unsupportedBlood pressure too highAvoid isometric exercise during measurement Legs danglingBlood pressure too highAvoid isometric exercise during measurement ArrhythmiaBlood pressure level variableMake multiple measurements and average Large or muscular armBlood pressure reading highUse appropriate cuff size Calcified arteriesBlood pressure reading highNote presence of positive Osler sign in record

90 LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA BASATA SULLE EVIDENZE Circulation 1993; 88: Common problems in measuring blood pressure and recommendations for avoiding them ProblemResultRecommendation Technique Cuff Wrapped too looselyBlood pressure reading too highRewrap more snugly Applied over clothingInaccurate readingRemove arm from sleeve Manometer Below eye levelBlood pressure reading too highPlace manometer at eye level Above eye levelBlood pressure reading too highPlace manometer at eye level Stethoscope head Not in contact with skinExtraneous noisePlace head correctly Applied too firmlyDiastolic reading too lowPlace head correctly Not over arterySounds not well heardPlace head over palpated artery Touching tubing or cuffExtraneous noisePlace below edge of cuff Palpatory pressure omittedDanger or missing auscultatory gapRoutinely check systolic pressure by palpation first Underestimation of systolic pressure Inflation level too highPatient discomfortInflate to 30 mm Hg above palpatory BP Inflation level too lowUnderestimation of systolic pressureInflate to 30 mm Hg above palpatory BP Inflation rate too slowPatient discomfortInflate at even rate Diastolic pressure too high Deflation rate too fastSystolic pressure too lowDeflate at 2 mm Hg/s or 2 mm Hg per beat Diastolic pressure too highDeflate at 2 mm Hg/s or 2 mm Hg per beat Deflation rate too slowForearm congestionDeflate at 2 mm Hg/s or 2 mm Hg per beat Diastolic pressure too highCompletely deflate cuff at end of measurement

91 BMJ 2001; 322: Applicazione corretta del bracciale

92 BMJ 2001; 322: Palpazione dellarteria

93 BMJ 2001; 322: Posizione dello stetoscopio

94 BMJ 2001; 322: Paziente in posizione seduta standard


Scaricare ppt "Met la mec II semestre Semeiotica Medica Semeiotica Chirurgica Medicina Sistematica Chirurgia Sistematica Attività a piccoli gruppi."

Presentazioni simili


Annunci Google