La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE CADUTE NELLANZIANO: LE CADUTE NELLANZIANO: TRA PREVENZIONE, CURA, ASSISTENZA E …PROGETTAZIONE TRA PREVENZIONE, CURA, ASSISTENZA E …PROGETTAZIONE Reggio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE CADUTE NELLANZIANO: LE CADUTE NELLANZIANO: TRA PREVENZIONE, CURA, ASSISTENZA E …PROGETTAZIONE TRA PREVENZIONE, CURA, ASSISTENZA E …PROGETTAZIONE Reggio."— Transcript della presentazione:

1 LE CADUTE NELLANZIANO: LE CADUTE NELLANZIANO: TRA PREVENZIONE, CURA, ASSISTENZA E …PROGETTAZIONE TRA PREVENZIONE, CURA, ASSISTENZA E …PROGETTAZIONE Reggio Emilia, 8 Giugno 2007 Reggio Emilia, 8 Giugno 2007 LE CADUTE E LOSPEDALE PER ACUTI LE CADUTE E LOSPEDALE PER ACUTI Progetti in campo Progetti in campo allArcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia M.L. Davoli - U.O. Geriatria M.L. Davoli - U.O. Geriatria e GRUPPO PREVENZIONE CADUTE GRUPPO PREVENZIONE CADUTE – ASMN- Reggio Emilia – ASMN- Reggio Emilia

2 PREVENZIONE DELLE CADUTE IN OSPEDALE PER ACUTI: un obiettivo semplice? I fattori di rischio intrinseci ed estrinseci sono differenti in ospedale rispetto al domicilio (malattie acute, delirium, farmaci, strumentazione medica ecc. I fattori di rischio in ospedale possono variare rapidamente (variazioni cliniche, nuovi farmaci, trasferimenti, ecc.) I fattori di rischio in ospedale possono variare a seconda del setting specifico ( Chirurgia, Servizi, Medicina riabilitativa, ecc.) Molti interventi efficaci in comunità non possono essere trasferiti al setting ospedaliero (modifiche strutturali, interventi riabilitativi a lungo termine, ecc.)

3 PREVENZIONE DELLE CADUTE IN OSPEDALE PER ACUTI: un obiettivo a cui possiamo rinunciare? Il rischio di cadute è maggiore in ospedale che in comunità (4.8/1000 bed days) Le cadute rappresentano da 1/4 a 2/3 degli incident report degli ospedali Oltre il 5% delle cadute esita in fratture Indipendentemente dai traumi le cadute aumentano i tempi di degenza e il rischio di successiva istituzionalizzazione Spesso danno origine a contenziosi legali

4 PREVENZIONE DELLE CADUTE IN OSPEDALE PER ACUTI: un obiettivo evidence-based? AGS-BGS Guideline 2001 The evidence is insufficient to make recommendations for or against multifactorial interventions in acute hospital settings Cochrane Rewiew : Intervention for preventing falls in older people in residential care facilities and hospitals – Protocol Oliver D et al: Strategies to prevent falls and fractures in hospitals and care homesand effect of cognitive impairement: Systematic review and meta-analyses – BMJ, 2006

5 AGS/BGS: Clinical Guideline for Prevention of Falls in Older Persons - Update 2006 Older person encounters health care provider Screen falls or risk of falling Answer Yes? Single fall? Evaluate gait and balance Deficit in gait or balance? Reassess periodically Multifactorial assessment Indication? Initiate intervention Screening questions: 1.Recurrent falls? 2.Difficulty in walking or balance? 3.Fear of falling? 4.Present with acute fall? Y Y Y Y

6 PREVENZIONE DELLE CADUTE IN OSPEDALE PER ACUTI: un obiettivo evidence-based? Intervento multifattoriale: RR 0.82 (95% CI 0,68-1) ( risk assessment, care planning, medical- diagnostic approaches, environmental changes, medication review, hip protectors, removal restraints, exercise) Interventi singoli: Riduzione contenzione fisica RR 0.83 ( 95%CI ) Dispositivi di allarme: studi inadeguati Esercizio: non significativo Modifiche ambientali (pavimento): non significativo Revisione della terapia: RR 0.53 (95% CI ) Oliver D et al: Strategies to prevent falls and fractures in hospitals and care homesand effect of cognitive impairement: Systematic review and meta-analyses – BMJ, 2006

7 ASMN: ospedale senza cadute? NPSA 2007: Achieving zero falls is not realistic … PROGETTI IN CAMPO Gestione del rischio in Geriatria: audit sulle cadute linea guida per la contenzione fisica Gestione del rischio in Ospedale : linea guida per la prevenzione delle cadute in ospedale Gestione del paziente che cade e dei traumi correlati :. Ambulatorio ( Servizio) Prevenzione delle Cadute e Traumi Correlati. Unità Funzionale di Ortogeriatria

8 Rilevazione evento CADUTA UO Geriatria GERIATRIA N° cadute rilevate % 1.3 (15/1114)2.4 (30/1250) Età media 83.4 Sesso maschile % Storia di caduta/13 FASCIA ORARIA (turno)Geriatria % Mattino20 10 Pomeriggio 6,6 20 Notte

9 Rilevazione evento CADUTA UO Geriatria LUOGOGeriatria % camera bagno corridoio GG dallingresso … CONTENZIONE ASSENZA TESTIMONI

10 Rilevazione evento CADUTA UO Geriatria Geriatria % MODALITA DI CADUTA Cade alzandosi dal letto50 60 Andata/ritorno dal bagno14.2 / Scivola in bagno Inciampa deambulando7.1 6 Cade alzandosi dalla carrozzina/ 16 FATTORI AMBIENTALI GRADO DI AUTONOMIA autosufficienti parzialmente autosufficienti non autosufficienti

11 Rilevazione evento CADUTA UO Geriatria Geriatria% FARMACI sedativi e neurolettici diuretici CONSEGUENZE nessuna Ferite-contusioni minori Traumi gravi ( fratture, ecc) 0 3 DENUNCIA

12 Rilevazione evento CADUTA UO Geriatria ALCUNE IPOTESI PER IL MIGLIORAMENTO: incompletezze e incongruenze nella raccolta dei dati ridefinizione responsabilità? formazione? riformulazione della scheda di raccolta? prevalenza delle cadute nelle ore notturne interventi ambientali? revisione lavoro notturno? ridistribuzione del personale? prevalenza delle cadute senza testimoni riorganizzazione sorveglianza? riorganizzazione risorse informali? Prevalenza delle cadute in camera, nel tentativo di alzarsi dal letto approfondimento motivazioni? interventi ambientali? alzate programmate per il bagno? …………. Incostanza della denuncia procedura specifica? ……………………………………………………………………………

13 FATTORI DI RISCHIO ESTRINSECI CONTENZIONE: sponde cinture, polsini, sedie con davanzale ecc. La contenzione non riduce il rischio di cadute ma ne aumenta il danno

14

15 RACCOMANDAZIONI PER LUSO DELLA CONTENZIONE FISICA IN OSPEDALE CONSENTITA (C) Sedazione, incoscienza, ebbrezza Periodi pre e post-sedazione Trasporto in barella Protezione di dispositivi medicali necessari per limmediato benessere Auto o etero-lesionismo o comportamenti di immediato rischio per se o per gli altri Per mantenere un corretto allineamento posturale in pazienti con defict psicomotori Continuo rischio di cadute in pazienti inconsapevoli del deficit motorio Dopo avere corretto le cause scatenanti e escluso ogni alternativa

16 RACCOMANDAZIONI PER LUSO DELLA CONTENZIONE FISICA IN OSPEDALE Consentita alle seguenti condizioni: La decisione deve essere documentata in cartella, è di competenza del medico, o, in situazione di emergenza, dellinfermiere, previa ratifica del medico nel più breve tempo possibile (C) La prescrizione deve contenere: motivazione, tipo di contenzione, durata (limitata nel tempo ore, riprescritta previa rivalutazione) ( C ) durante il periodo di contenzione il paz. deve essere rivalutato ogni 30 m –8 ore, rimuovendo la restrizione se non più necessaria (D) La valutazione di eventuali effetti dannosi deve avvenire almeno ogni 4 ore (C) Durante la contenzione deve essere garantito il movimento per almeno 10 m ogni 2 ore ad eccezione della notte (C ) Devono essere perseguiti il comfort e la sicurezza, devono essere utilizzati mezzi auorizzati e il personale deve essere istruito sulluso (D)

17 RACCOMANDAZIONI PER LUSO DELLA CONTENZIONE FISICA IN OSPEDALE NON ADEGUATA (C ) Prevenzione wandering, cadute, stati confusionali, agitazione NON CONSENTITA (D) Punizione Comodità dello staff Alternative al controllo Routine Con mezzi di fortuna

18 MEZZI DI CONTENZIONE (autorizzazione-prescrizione) PRESCRIZIONE……………………………………………………………………………………… APPLICAZIONE DALLE ORE ………………………….. ALLE ORE …………………………. DEL GIORNO…………………………………………CONTROLLO OGNI …………..minuti MOTIVO DELLA PRESCRIZIONE.………….………………………………………………….. ………………………………………………...…………………………………………………………. MEZZI ALTERNATIVI TENTATI E FALLITI: ………………………………………………….…………………………………………………………………………………………………………… ……………………………………………………………………………………………………………. IL MEDICO ……………………….. PER MOTIVI DI URGENZA LA DECISIONE E PRESA ALLI.P. : ……………………………………………………………………………………………………………. E VIENE CONFERMATA / REVOCATA DAL DOTT………………………………… ALLE ORE…………………… IL MEDICO ………………………… RIVALUTAZIONE ALLE ORE …………: CONFERMA REVOCA EVENTUALI DANNI RILEVATI………………………………………………………..………… ……………………………………………………………………………………………………………. IL MEDICO

19 Risk mangement: prevenzione delle cadute in ospedale Gruppo di lavoro: infermieri,tecnici, medici delle U.O. di Geriatria, RRF, Cardiologia, Neurologia, Urologia, Radiologia un metodologo responsabili infermieristici dellAzienda 3 sottogruppi: a)Definizione linea guida b)Definizione strumenti di screening c)Audit

20 Risk mangement: prevenzione delle cadute in ospedale a)Definizione linea guida: Adattamento e integrazione di: Minimising the risk of falls and fall-related injuries: guidelines for acute,sub-acute and residential care settings 2005 b) Definizione strumenti di screening c) Audit : scheda raccolta dati dellevento ( audit, comunicazione ai reparti e ai servizi ospedalieri, comunicazione ai servizi territoriali > STORIA DI CADUTE: dal 16 al 52 % dei pazienti cade più di una volta Il 58% ripete lo stesso tipo di caduta, il 64% cade nello stesso tipo di luogo (Gaebler)

21 COME UTILIZZARE FATTORI DI RISCHIO PER PREVENIRE LE CADUTE? RISK SCORE TEST DI PERFORMANCE RISK ASSESSMENT SISTEMATICO

22 COME UTILIZZARE FATTORI DI RISCHIO PER PREVENIRE LE CADUTE? RISK SCORE Sensibilità e specificità non soddisfacenti, non evidenzia fattori di rischio modificabili, tranquillizza la coscienza, richiede se positivo un assessment sistematico successivo Se si utilizzano vanno validati nel proprio contesto All thath glitters is not gold ( D. Oliver) CONLEY STRATIFY MORSE

23 COME UTILIZZARE FATTORI DI RISCHIO PER PREVENIRE LE CADUTE? RISK ASSESSMENT SISTEMATICO Fall History, Fall Circumstances, and Fall Risk Factors Assessment Health History and Functional Assessment Medications and Alcohol Consumption Review Vital Signs and Pain Assessment Vision Screening Gait and Balance Screening and Assessment Musculoskeletal and Foot Assessment Continence Assessment Cardiovascular Assessment Neurological Assessment Depression Screening Walking Aids, Assistive Technologies, Protective Devices Assessment Environmental Assessment ( by Lyons)

24 UK National Service Framework for Older People at least one general ward in an acute hospital should be developed as a centre for excellence in orthogeriatric practice every locality should have in place, by 2005, a dedicated service for the prevention of falls and fractures

25 ORTOGERIATRIA C

26 Incarico alta specializzazione in osteoporosi e osteopatie metaboliche delletà senile Ambulatorio Osteoporosi e Osteopatie Metaboliche Attivo dal 1993 Rivolto a tutta la popolazione Attività: densitometria ossea + counselling visite specialistiche per casi complessi Ambulatorio ( Servizio) Prevenzione delle Cadute e Traumi Correlati Attivo dal 2007 Rivolto ai >65 aa e allanziano che cade (recurrent falls, con traumi gravi) Attività: ambulatoriale (day service) 4 ore/sett. – 2 nuovi paz. consulenza interna Unita funzionale di Ortogeriatria

27 Guidance on services for falls and fracture prevention in older people from the British Geriatrics Society Falls and Bone Health Special Interest Group Close JCT et al, Age ageing Primary care assessment – routine enquiry about falls whenever older people have contact with the primary care team or social services (as part of single assessment process) [1 ].Agree initial primary care assessment and local secondary care referral criteria 2.Referral pathway from the community for outpatient multidisciplinary assessment and treatment of community dwelling fallers,including strength and balance training by a physiotherapist.A home visit by an experienced occupational therapist to raise awareness of safety issues may be appropriate for selected patients [9 ] 3.Referral pathway from A&E for the multidisciplinary assessment of older people presenting to A&E with a fall including access to specialistmedical review and access to detailed cardiovascular investigation for patients with non-accidental falls.A home visit by an experiencedoccupational therapist to raise awareness of safety issues may be appropriate for selected patients [10,11 ] 4.Referral pathway from community to physiotherapist-led (or nurse-led following training by a physiotherapist)home exercise programme for community dwelling,cognitively intact people aged 80 years or over [12,13 ].

28 Guidance on services for falls and fracture prevention in older people from the British Geriatrics Society Falls and Bone Health Special Interest Group Close JCT et al, Age ageing Referral pathway from secondary care to a syncope/cardiovascular investigation/unexplained falls assessment service [11 ] 6.Use of calcium vitamin D supplements in ambulatory female nursing/residential home population [14 ] 7.Risk factors for falls and osteoporosis to be considered and addressed in a combined approach to prevention,particularly in those who have already sustained a low trauma fracture [3 ] 8.Hip protectors are recommended for those at high risk of hip fracture,particularly older people in care,although problems with compliance should be recognised [15 ] 9.Appoint a local falls coordinator (e.g.a clinical nurse specialist)who will have management responsibility (important that he/she is within the PCT hierarchy)to liaise with primary and secondary care,social services,housing,ambulance,voluntary sector etc.to develop a coordinated approach to falls services,health promotion and audit.

29 Many geriatricians are not convinced that falls clinics are any better than a general geriatric medical clinic (with good access to allied health workers and community services).In fact,these two approaches have never been compared head to head. The marriage of falls and osteoporosis is a natural liaison and it has been a puzzle why they have generally been kept apart, be it in the research area or service development. …coordinated falls strategy involving a number of different services is required. No easy task! Naganathan V, Cumming R, Age Ageing 2003

30 Victorian Falls Clinics NARI, 2004 Falls Clinics in Australia attive dal 1988 COMPONENTI: Geriatra Fisioterapista Terapista occupazionale Infermiera Psicologo Podiatra Segreteria Attività media : 4 ore /settimana Tempo medio della valutazione: 2 ore 10 m ( m) N° nuovi pazienti al mese : 8 (3-12)

31 Evaluation of a Minimum Data Set for Victorian Falls Clinics NARI, 2004 Nel 2003 valutazione dellattività e dei risultati (16 Falls Clinics- 526 casi) mediante un MDS che ha valutato : 1.Caratteristiche demografiche dei pazienti allingresso 2.N° cadute, n° e tipo traumi conseguenti, bisogno di intervento medico prima e dopo 6 mesi 3.Stato funzionale (mBarthel, Frenchay,) 4.Equilibrio (Timed up and go test, Step test) 5.Forza muscolare alle gambe 6.Cammino (Walking speed/velocity) 7.Paura di cadere (m Falls Efficacy Scale) 8.N° di farmaci 9.Pressione in clino e ortostatismo 10.Compliance agli interventi raccomandati

32 Evaluation of a Minimum Data Set for Victorian Falls Clinics NARI, 2004 Età media aa 76.9 (±10,0) Sesso F 73% Vive solo a domicilio 43% Inviati dal Curante 60% Motivo : cadute 75% turbe del cammino 21% vertigini 18% Cadute nei 6 mesi precedenti: multiple 79% con traumi 54% Fratture da caduta negli ultimi 6 mesi: 12%

33 Evaluation of a Minimum Data Set for Victorian Falls Clinics NARI, 2004 FATTORI DI RISCHIO RILEVATI: ~7 Alterazione equilibrio 76% Debolezza muscolare 67% Malattie croniche 64% Instabilità alla marcia 53% Polifarmaci 53% INTERVENTI: ~ 5.6 Esercizi a domicilio 46% Visite a domicilio 46% Modifiche e ausili al domicilio 31% Invio a un centro di riabilitaz. 40% Informazioni / istruzioni 41% Diagnosi e terapia di pat. 31% Esercizi di gruppo 26%

34 Evaluation of a Minimum Data Set for Victorian Falls Clinics NARI, 2004 COMPLIANCE Completa solo nel 25% ( < in chi vive solo) Compliance migliore per : interventi medici Compliance peggiore per: hip protectors esercizi di gruppo modifiche comportamentali

35 Evaluation of a Minimum Data Set for Victorian Falls Clinics NARI, 2004 OUTCOMES N° totale delle cadute <64% N° cadute con traumi <75% Il 63% dei recurrent fallers cade meno Piccolo ma significativo miglioramento delle misure secondarie : equilibrio, andatura, attività motoria, forza delle gambe, paura di cadere, n° di farmaci

36 GERIATRA terapisti fisiatra ortopedico Oculista, ORL neurologo cardiologo Servizi sanitari e sociali territoriali


Scaricare ppt "LE CADUTE NELLANZIANO: LE CADUTE NELLANZIANO: TRA PREVENZIONE, CURA, ASSISTENZA E …PROGETTAZIONE TRA PREVENZIONE, CURA, ASSISTENZA E …PROGETTAZIONE Reggio."

Presentazioni simili


Annunci Google