La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Member of Deloitte Touche Tohmatsu www.deloitte.it Studio Tributario e Societario Genova, 9 ottobre 2008 PIANIFICAZIONE FISCALE DEGLI INCENTIVI Relatore:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Member of Deloitte Touche Tohmatsu www.deloitte.it Studio Tributario e Societario Genova, 9 ottobre 2008 PIANIFICAZIONE FISCALE DEGLI INCENTIVI Relatore:"— Transcript della presentazione:

1 Member of Deloitte Touche Tohmatsu Studio Tributario e Societario Genova, 9 ottobre 2008 PIANIFICAZIONE FISCALE DEGLI INCENTIVI Relatore: Grazia Biora

2 Member of Deloitte Touche Tohmatsu Studio Tributario e Societario 2 Sistemi di incentivazione ai dipendenti Nel PACCHETTO RETRIBUTIVO DEI DIPENDENTI i modelli di incentivazione possono concretizzarsi in: erogazione di fringe benefit come forma di solidarismo verso i dipendenti incentivo fiscale sulle componenti variabili della retribuzione

3 Member of Deloitte Touche Tohmatsu Studio Tributario e Societario 3 Sistemi di incentivazione ai dipendenti I PACCHETTI DI INCENTIVAZIONE possono essere costruiti utilizzando: forme retributive partecipative ai risultati aziendali forme retributive partecipative al capitale

4 Member of Deloitte Touche Tohmatsu Studio Tributario e Societario Stock option REGIME FISCALE AGEVOLATO (art. 51, co. 2, lett. g-bis) del TUIR – ABROGATO) La differenza fra il valore delle azioni al momento dellassegnazione e lammontare corrisposto dal dipendente non concorre a formare il reddito da lavoro dipendente se: Il prezzo di esercizio delle opzioni è almeno pari al valore normale delle azioni alla data dellofferta Linvestimento azionario complessivo non supera il 10% dei diritti di voto o il 10% del capitale Lopzione è esercitabile non prima che siano scaduti tre anni dalla sua attribuzione Al momento in cui lopzione è esercitabile la società risulta quotata in mercati regolamentati Il beneficiario non cede né da in garanzia per 5 anni un investimento nei titoli oggetto di opzione che non sia inferiore alla differenza tra il valore delle azioni al momento dellassegnazione e lammontare corrisposto

5 Member of Deloitte Touche Tohmatsu Studio Tributario e Societario Stock option LE MODIFICHE APPORTATE DAL DL N. 112/2008 Abrogazione della lettera g-bis) dellart. 51 comma 2 del TUIR La differenza tra il valore delle azioni al momento dellassegnazione e lammontare corrisposto dal dipendente costituisce reddito di lavoro dipendente ed è assoggettata ad imposizione

6 Member of Deloitte Touche Tohmatsu Studio Tributario e Societario Stock option LE MODIFICHE APPORTATE DAL DL N. 112/2008 (segue) La legge di conversione del decreto ha modificato il regime previdenziale prevedendo lesclusione dalla base imponibile previdenziale dei redditi da lavoro dipendente derivanti dai piani di stock option (modificato art. 27 del DPR 30 maggio 1955 n. 797) Prima: imponibile fiscale = imponibile contributivo Dopo la modifica: esercizi di stock option esclusi dalla base imponibile.

7 Member of Deloitte Touche Tohmatsu Studio Tributario e Societario Stock option DECORRENZA Le nuove disposizioni fiscali e previdenziali si applicano agli esercizi effettuati a decorrere dal 25 giugno 2008

8 Member of Deloitte Touche Tohmatsu Studio Tributario e Societario 8 Stock option (schema sinottico) GRANT EXERCISE NESSUN RILIEVO FISCALE E CONTRIBUTIVO se lopzione non è trasferibile quindi non negoziabile Attribuzione delle azioni SALE Realizzo monetario Imposta sostitutiva sulle rendite finanziarie (CAPITAL GAIN TAX) su INCASSATO – PREZZO PAGATO Data in cui viene effettuata la promessa dal datore al lavoratore Assoggettamento ad imposizione fiscale Attribuzione delle opzioniEsercizio delle opzioniRivendita delle azioni Vantaggio ottenuto (BENEFIT): Valore – prezzo pagato Non qualificate 12,5% Qualificate: 40% del capital gain a tassazione ordinaria Periodo di maturazione (vesting)

9 Member of Deloitte Touche Tohmatsu Studio Tributario e Societario 9 Stock option DEFINIZIONE AMPIA Attribuzione, con promessa unilaterale da parte di un datore di lavoro, del diritto allacquisto (potenziale) di un certo numero di azioni di una determinata società, o di altra facente parte del medesimo gruppo, a soggetti che a quella medesima società sono legati da un rapporto di dipendenza, collaborazione o di amministrazione

10 Member of Deloitte Touche Tohmatsu Studio Tributario e Societario Prestazioni alberghiere e di ristorazione REGIME IVA Il DL 112/2008 ha soppresso la lett. e) dellart. 19-bis1, comma 1 del DPR 633/72: eliminata lindetraibilità oggettiva dellIVA assolta sulle prestazioni alberghiere e di ristorazione. Quindi IVA detraibile su tali prestazioni se le relative spese sono state sostenute nellesercizio dimpresa (principio di inerenza)

11 Member of Deloitte Touche Tohmatsu Studio Tributario e Societario Prestazioni alberghiere e di ristorazione PRESUPPOSTI DELLA DETRAZIONE possesso della fattura annotazione del documento nel registro acquisti nesso di inerenza DECORRENZA Il nuovo regime si applica alle operazioni effettuate a partire dall (vale a dire alle prestazioni pagate e/o fatturate da tale data)

12 Member of Deloitte Touche Tohmatsu Studio Tributario e Societario Prestazioni alberghiere e di ristorazione PRESTAZIONI FRUITE DA UN SOGGETTO DIVERSO DAL COMMITTENTE (DIPENDENTI IN TRASFERTA) Se le prestazioni alberghiere e di ristorazione sono fruite da un soggetto diverso dal committente la detrazione compete se la fattura reca lintestazione anche di tale soggetto Il datore di lavoro, per detrarre lIVA relativa alle prestazioni fruite dai propri dipendenti in trasferta, deve risultare cointestatario della fattura

13 Member of Deloitte Touche Tohmatsu Studio Tributario e Societario Prestazioni alberghiere e di ristorazione Rimane indetraibile lIVA relativa: allacquisto diretto o allimportazione di alimenti e bevande, ove estranea allattività dimpresa alle spese di rappresentanza

14 Member of Deloitte Touche Tohmatsu Studio Tributario e Societario Prestazioni alberghiere e di ristorazione DISCIPLINA AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE Il DL 112/2008 ha modificato lart. 109, comma 5, del TUIR: deducibilità ridotta al 75% delle spese relative a prestazioni alberghiere e a somministrazione di alimenti e bevande. DECORRENZA A partire dal periodo dimposta successivo a quello in corso al (2009 per gli esercizi solari) Le nuove disposizioni si applicano nella determinazione degli acconti per il 2009

15 Member of Deloitte Touche Tohmatsu Studio Tributario e Societario Prestazioni alberghiere e di ristorazione SPESE DI RAPPRESENTANZA la limitazione della deducibilità opera anche in relazione a tali spese (circ. Agenzia Entrate n. 53/2008) SPESE RELATIVE ALLE TRASFERTE la limitazione non opera con riferimento alle spese di vitto e alloggio sostenute dalle imprese per le trasferte effettuate fuori dal territorio comunale dai lavoratori dipendenti e dai titolari di collaborazioni coordinate e continuative. (valgono, infatti, i limiti previsti dallart. 95 del TUIR)


Scaricare ppt "Member of Deloitte Touche Tohmatsu www.deloitte.it Studio Tributario e Societario Genova, 9 ottobre 2008 PIANIFICAZIONE FISCALE DEGLI INCENTIVI Relatore:"

Presentazioni simili


Annunci Google