La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sviluppo Imprese in sicurezza Dott. Carlo Zecchi Coord. Contarp INAIL Liguria Benefici derivanti da una corretta gestione delle problematiche della SSL:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sviluppo Imprese in sicurezza Dott. Carlo Zecchi Coord. Contarp INAIL Liguria Benefici derivanti da una corretta gestione delle problematiche della SSL:"— Transcript della presentazione:

1 Sviluppo Imprese in sicurezza Dott. Carlo Zecchi Coord. Contarp INAIL Liguria Benefici derivanti da una corretta gestione delle problematiche della SSL: Possibili linee attuative Genova Auditorium Confindustria 9 giugno 2009

2 La gestione di SSL: opportunità per le imprese INAIL Direzione Regionale Liguria - Contarp Dopo i primi due anni di attività si applica un Sistema Bonus/Malus Tasso Medio (Art. 8) Tasso Medio (Art. 8) Tasso specifico aziendale (Art. 22 c.2) = rapporto oneri/retribuzioni dei primi tre anni del quadriennio precedente Tasso specifico aziendale (Art. 22 c.2) = rapporto oneri/retribuzioni dei primi tre anni del quadriennio precedente dal confronto della sperequazione tra i due tassi ne discende Oscillazione del tasso medio per andamento infortunistico (Art.22) Oscillazione del tasso medio per andamento infortunistico (Art.22)

3 INAIL Direzione Regionale Liguria - Contarp Art. 22 c. 6 1^ Oscillazione (automatica) max +/- 7% sino a 100 lavoratori-anno max +/- 10% da 101 a 200 lavoratori-anno max +/- 13% da 201 a 500 lavoratori-anno max +/- 20% oltre 500 lavoratori-anno La gestione di SSL: opportunità per le imprese

4 INAIL Direzione Regionale Liguria - Contarp Art. 22 c. 7 2^ Oscillazione (automatica) La gestione di SSL: opportunità per le imprese

5 INAIL Direzione Regionale Liguria - Contarp Art. 24 Oscillazione del tasso medio per prevenzione (a richiesta) L istanza deve essere presentata alla competente Sede territoriale unitamente alla documentazione prescritta entro il 31 gennaio dellanno per il quale la riduzione è richiesta. La gestione di SSL: opportunità per le imprese

6 INAIL Direzione Regionale Liguria - Contarp Art. 24 Oscillazione del tasso medio per prevenzione Moduli di domanda (ritirabili insieme alle guide di compilazione presso le Sedi Inail o scaricabili dal sito ) : Moduli di domanda (ritirabili insieme alle guide di compilazione presso le Sedi Inail o scaricabili dal sito : Mod. OT/20 primi due anni di attività; Mod. OT/20 primi due anni di attività; Mod. OT/24 successivamente Mod. OT/24 successivamente La gestione di SSL: opportunità per le imprese

7 SGSL NON CERTIFICATO PROCESSO DI VALUTAZIONE INPUT INVIO AI RICHIEDENTI IL MODELLO QUESTIONARIO SGSL VALUTAZIONE DEL Q- SGSL SECONDO PARAMETRI PRESTABILITI SI NO 30 GIU OUTPUT

8 INDICATORI NEL SGSL DOCUMENTO DI POLITICA SULLA SSL INSERIMENTO DELLA SSL NELLA PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE AZIENDALE NOMINA DEL RESPONSABILE DI SISTEMA ESEMPI PROCEDURALI CONTROLLO OPERATIVO / MONITORAGGIO AUDIT INTERNO RIESAME DEL SISTEMA

9 Perché investire in SSL … Italia Infortuni denunciati al giorno (superiori 3 gg.) ca Infortuni Mortali/ giorno 3-4 M.P. denunciate/giorno ca. 70 Costo annuo giornate lavorative perse per infortuni e M.P.: ca. 16,5 mln. Costo annuo complessivo Azienda Italia per infortuni e M.P. ca. 41,5 mld. (3,2% PIL) Costi diretti INAIL ca. 6,2 mld.

10 Perché investire in SSL …

11 26 maggio 09

12 Gli incidenti non sono intrinsechi al lavoro. Lesperienza dimostra che la maggior parte degli incidenti si possono evitare. Cè bisogno dellimpegno dei governi, degli imprenditori e dei lavoratori per attuare sistematicamente le buone pratiche di prevenzione al livello nazionale e al livello dellimpresa. (Sameera Maziadi Al-Tuwaijri direttrice del programma dellILO per la sicurezza sul lavoro )

13 Strategia europea per il periodo OBIETTIVO Riduzione del 25% degli infortuni e delle malattie professionali nellUnione Europea AZIONI - Miglioramento e semplificazione della legislazione, nonché il rafforzamento della sua applicazione - Definizione e attuazione di strategie nazionali - Inclusione dei temi della salute e sicurezza sul lavoro nelle altre politiche europee - Individuazione e valutazione dei possibili nuovi rischi mediante la ricerca

14 Grafico dei costi per le contromisure costi livello di sicurezza (n. casi anomali gestiti)

15 Grafico dei costi per problemi di sicurezza costi livello di sicurezza (n. casi anomali gestiti)

16 livello minimo di sicurezza per norme cogenti I costi complessivi costi Curva dei costi totali livello di sicurezza ottimizzato costo minimo livello di sicurezza

17 … i costi complessivi costi livello eticamente minimo di sicurezza livello di sicurezza costo ottimale Curva dei costi totali costo sociale

18

19

20 Dove si ferma la ns capacità gestionale? Processo normale Casi anomali previsti Casi anomali non previsti Gestione dellordinario Gestione dello straordinario Gestione dellignoto

21 RAPPORTO ILO del 27 APRILE 2007

22 Cosa è il risk management di Annita Pappagallo Presidente Onorario ANRA Essere imprenditori significa assumersi dei rischi, l'importante è non assumersi rischi di entità tale da mettere in crisi l'azienda. Parliamo ovviamente di rischi che possono portare perdite o danni e, conseguentemente, incidere sui profitti, sulle quote di mercato dell'azienda o danneggiarne l'immagine. In sintesi, si tratta di ragionare secondo uno schema che si sviluppa secondo sette fasi: 1.individuazione delle risorse a disposizione dell'azienda; 2.individuazione dei rischi che corre l'azienda; 3. valutazione dei rischi: se sono gravi, in entità o frequenza; 4.controllo di questi rischi al fine di prevenirli o ridurli; 5.assunzione in proprio - in tutto o in parte - dei rischi finanziariamente (legalmente/socialmente ndr) sostenibili; 6. trasferimento dei rischi a terzi o all'assicuratore; 7. monitoraggio nel tempo dell'evoluzione dei rischi e del programma di risk management messo in atto.

23 Da Holos

24 z Missione: quello per cui lorganizzazione è al mondo, quello per cui esiste, il suo scopo z Visione: lidea che lorganizzazione ha di sè stessa in uno specifico punto del futuro: 5 anni, 10 anni, 20 anni o più. Quello che essa aspira raggiungere z Valori: i principi guida che dovrebbero aiutarla a determinare le scelte, le decisioni, le politiche ed i comportamenti. Quello che fluisce nellorganizzazione dalla missione e dalla visione Le Organizzazioni come Cultura z Obiettivi: gli specifici traguardi che si è data e la strategia con cui essi saranno raggiunti z Comportamento: le forme di comportamento favorevole che tutti i membri della organizzazione, in differenti contesti, dovrebbero mostrare z Relazionalità: la natura delle relazioni, per esempio tra portatori di interesse di diversa specie, tra le funzioni, tra i manager ed i loro gruppi, tra colleghi, ecc. z Azioni e risultati: i risultati specifici che, presi insieme, muovono lorganizzazione verso la visione e la realizzazione della missione

25

26

27

28 LE STRATEGIE DI IMPRESA PER LA SSL

29 SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE INTEGRATO Sistema di Gestione della Qualità Sistema di Gestione Ambientale Sistema di Gestione della Sicurezza

30 SISTEMAQualità (ISO 9000)Ambiente (ISO 14000)Sicurezza OHSAS 1800: 2007 (L. G. UNI-INAIL) OGGETTOProcessi produttivi Prodotti e Servizi Gestione dellAmbiente Processi ed effetti ambientali Processi, impianti, luoghi di lavoro OBIETTIVIMiglioramento del Processo Produttivo Soddisfazione del Cliente Rispetto dellAmbiente Organizzazione aziendale integrata sul territorio Salute e Sicurezza dei lavoratori Igiene nel luogo di lavoro DOCUMENTIManuale della Qualità Procedure Istruzioni Modulistica Manuale Ambientale Procedure Istruzioni Modulistica Manuale della Sicurezza Procedure operative Istruzioni Modulistica Lintegrazione

31 Sistema ITALIA dati Sincert (certificazioni rilasciate da Organismi accreditati SINCERT) La progressione ISO 9001ISO OHSAS (apr)

32 S.S.L. GESTIONE PER PROCESSI

33 LA METODOLOGIA OPERATIVA PLAN DO CHECK ACT ANALISI DEL PROBLEMA E PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA IMPLEMENTAZIONE DI QUANTO PIANIFICATO CONTROLLO E VERIFICA DEI RISULTATI RIESAME E CORREZIONE

34 SGSL UNI-INAIL VALUTAZIONE STATO INIZIALE POLITICAPOLITICA PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA Compiti, responsabilità Coinvolgimento personale Comunicazione,flusso informativo, cooperazione Documentazione Gestione operativa VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE Adempimenti leggi, regolamenti Individuazione fonti di pericolo Valutazione rischi PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI MONITORAGGIOMONITORAGGIO RIESAME E MIGLIORAMENTO INTEGRAZIONE CON I PROCESSI AZIENDALI (produttività, budget, ecc.) SENSIBILIZZAZIONE AZIONE Modifica organizzazione lavoro Interventi di bonifica ed adeguamento Informazione, formazione, addestramento Gestione flusso informativo, consultazione Gestione documentazione Procedure, integrazione con processi aziendali Piani emergenza


Scaricare ppt "Sviluppo Imprese in sicurezza Dott. Carlo Zecchi Coord. Contarp INAIL Liguria Benefici derivanti da una corretta gestione delle problematiche della SSL:"

Presentazioni simili


Annunci Google