La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

II MODULO LINGUAGGIO E COMUNICAZIONE. LINGUAGGIO: sistema simbolico di comunicazione; facoltà di comunicare simbolicamente; capacità cognitiva che ci.

Copie: 1
II MODULO LINGUAGGIO E COMUNICAZIONE. LINGUAGGIO: sistema simbolico di comunicazione; facoltà di comunicare simbolicamente; capacità cognitiva che ci.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "II MODULO LINGUAGGIO E COMUNICAZIONE. LINGUAGGIO: sistema simbolico di comunicazione; facoltà di comunicare simbolicamente; capacità cognitiva che ci."— Transcript della presentazione:

1 II MODULO LINGUAGGIO E COMUNICAZIONE

2 LINGUAGGIO: sistema simbolico di comunicazione; facoltà di comunicare simbolicamente; capacità cognitiva che ci permette di usare una lingua COMUNICAZIONE: fitta rete di scambi di informazioni e di relazioni sociali che coinvolgono ogni essere vivente nella vita quotidiana LINGUAGGIO E COMUNICAZIONE

3 LINGUAGGIO VERBALE NON VERBALE Suoni Gesti Parole Espressione del volto Frasi Sguardo Racconti Prossemica Descrizioni Silenzio Narrazioni Aspetti prosodici Domande Pause Parole mots words Emozioni sguardi gestii

4 Le proprietà del linguaggio Referenzialità o semanticità Arbitrarietà Trasmissione per tradizione Convenzionalità Categorizzazione Distanziamento Non direzionalità Relazionalità Dualità Produttività o creatività Organizzazione e modificabilità Rapida evanescenza Oggettivabilità Autoreferenzialità

5 IL LINGUAGGIO: ASPETTI STRUTTURALI ASPETTI FONEMICI MORFO-SINTASSI LESSICO REGOLE FONOLOGICHE PRODUZIONE COMPRENSIONE LIVELLOSEMANTICO O CONCETTUALE

6 IL LINGUAGGIO: ASPETTI FUNZIONALI FUNZIONE COMUNICATIVA e CONVERSAZIONALE FUNZIONE NARRATIVA FUNZIONE PRAGMATICA -ATTO COMUNICATIVO-

7 IL LINGUAGGIO: ASPETTI FUNZIONALI LA FUNZIONE PRAGMATICA SI RIFERISCE ALLUSO CONCRETO DEL LINGUAGGIO NELLA VITA QUOTIDIANA. IN QUESTO MODO IL LINGUAGGIO DIVENTA AZIONE, CIOE ATTO COMUNICATIVO

8 Esempi di funzione pragmatica Negoziazione dellattenzione (guarda!) Espressione di emozioni (sono felice mi rendi triste) Marcatura di eventi (ecco fatto! a presto) Drammatizzazione nello svolgersi di un gioco (la mamma ti prepara la pappa) Discussione, conversazione (non sono daccordo) Negoziazione dellazione (mi potresti dire; potremmo andare…) Chiarificazione (perché usi quel tono?) Fonte: Ninio e Snow (1999)

9 IL LINGUAGGIO: ASPETTI FUNZIONALI LA FUNZIONE NARRATIVA SI RIFERISCE AL RACCONTARE, CIOE ALLUTILIZZO DEL LINGUAGGIO PER RIVIVERE LE PROPRIE ESPERIENZE: EVENTI, EMOZIONI, PENSIERI.. IN QUESTO MODO IL LINGUAGGIO AIUTA A CONOSCERE LA PROPRIA STORIA E AD ORGANIZZARE IL SISTEMA DEL SE

10 Esempi di funzione narrativa Monologhi di Emily (Nelson, 1989) Picture book reading (Britto et al., 2002) Reminiscing (Fivush, 2007)

11 Funzione sociale e culturale Sia la funzione pragmatica sia quella narrativa sottolineano gli aspetti sociali e culturali del linguaggio. La funzione pragmatica aiuta a strutturare le relazioni La funzione narrativa aiuta a strutturare il Sé (memoria autobiografica)

12 Come si sviluppa il linguaggio? SISTEMA LINGUISTICO (ASPETTI FORMALI) CONTESTOCULTURA CONOSCENZE (SISTEMA COGNITIVO)

13 Teorie innatiste forti SISTEMA LINGUISTICO (ASPETTI FORMALI) CONTESTOAMBIENTE CONOSCENZE (SISTEMA COGNITIVO) Alcuni riferimenti: Chomsky; Fodor, Idea di Bambino: prederminato dagli aspetti genetici e biologici Parole-chiave: LAD, dominio-specificità, modulo

14 Teorie ambientaliste forti SISTEMA LINGUISTICO (ASPETTI FORMALI) CONTESTOAMBIENTE CONOSCENZE (SISTEMA COGNITIVO ) Alcuni riferimenti: Skinner, comportamentisti Idea di Bambino: vaso vuoto Parole chiave: comportamento, ambiente Non considerato

15 I modelli interazionisti sociocostruzionisti SISTEMA LINGUISTICO (ASPETTI FORMALI) CONOSCENZE (SISTEMA COGNITIVO) Alcuni riferimenti: Vygotskij, Bruner, Ninio, Scuola di Palo Alto Idea di Bambino: attivo, socialmente co-costruito Parole-chiave: cultura, interazioni sociali interiorizzate, facilitatori sociali, format, primato degli aspetti pragmatici, aspetti interpretativi, atto comunicativo CONTESTO CULTURA

16 Tappe del primo sviluppo linguistico dai 6-7 mesi lallazione canonica dai 9-10 mesi lallazione variata Inizia la comprensione di parole SVILUPPO PREVERBALE PRIME PAROLE mesi, parole come associazione suono-significato (proto-parole) Intelligenza senso-motoria (percezione e azione) Intenzionalità comunicativa Azioni mezzi-fini Gesti deittici Attenzione congiunta Gesti referenziali Sviluppo motorio, capacità di esplorazione Intersoggettività secondaria Permanenza delloggetto

17 Tappe del primo sviluppo linguistico mesi, grande aumento della produzione Parole referenziali Utilizzo di funtori, aumento dei verbi e aggettivi Olofrase ESPLOSIONE DEL VOCABOLARIO PRIME COMBINAZIONI Forme transizionali Forme combinatorie vere e proprie Capacità rappresentative (funzione semiotica) Gioco simbolico Sviluppo di atti comunicativi Aumento atti comunicativi Miglioramento attenzione selettiva e sostenuta Memoria

18 Differenze individuali: Anna e Arianna a 20 e 24 mesi

19 Differenze individuali nello sviluppo del linguaggio bambini referenziali orientati verso oggetti lessico costituito da nomi bambini espressivi orientati verso la socialità e lespressione dei propri sentimenti lessico costituito da espressioni sociali stereotipati più rapidi nello sviluppo sintattico

20 Tappe dello sviluppo linguistico Completamento dellinventario fonetico Miglioramento delle strutture morfo-sintattiche 4 ANNI 6-7 ANNI Miglioramento degli aspetti strutturali (regole grammaticali) Teoria della mente Capacità narrative Capacità conversazionali Atti comunicativi complessi

21 La capacità conversazionale Impara ad aprire la conversazione e a stare in tema con ladulto Impara ad adattare lo stile conversazionale alla persona Conversa solo sul qui ed ora DAI 24 MESI DAI 4-5 ANNI Diventa più flessibile Conversa anche sul passato e sul futuro Fonte: Chapman (2000)

22 La capacità narrativa Implica abilità complesse dal punto di vista pragmatico e cognitivo Comprende script, eventi personali, eventi di fantasia Prerequisiti Prerequisiti: atti comunicativi (discussione di eventi, mantenimento del topic dellinterlocutore)

23 Lo sviluppo delle capacità narrative 1)Accumulo non organizzato (storie senza tema centrale) 2)Sequenza (descrizione con tema centrale) 3)Narrazione primitiva (contiene inizio, tema centrale, conseguenze) 4)Catena (contiene inizio, tema centrale, conseguenze, finale repentino) 5)Vera Narrazione 5)Vera Narrazione (con finale come risoluzione del problema) Fonte: Paul et al. (1996)

24 MEMORIA AUTOBIOGRAFICA, NARRAZIONE E SVILUPPO DEL SE Sin dalla più tenera età, il bambino tende a raccontare a sé, grazie al linguaggio, tutti gli eventi accaduti a lui stesso o ad altri, di cui ha avuto esperienza, cercando di organizzarli e di attribuirvi un significato, e di collocarli allinterno del sistema simbolico e culturale di appartenenza (Bruner). Il prodotto che ne deriva è la memoria autobiografica. I processi implicati (raccontare- organizzare- dare significato) nel loro insieme costituiscono la narrazione.

25 MEMORIA AUTOBIOGRAFICA, NARRAZIONE E SVILUPPO DEL SE La narrazione implica il passaggio da un linguaggio interno (per sé) ad uno esterno (per gli altri) (Smorti, 2007): Linguaggio interno: è una sorta di dialogo con se stessi, non soggiace a nessun tipo di vincolo, è caratterizzato dal dominio del tutto sulla parte, del senso sul significato, non è articolato in modo sintattico e fonetico, ma è piuttosto contratto e basato su riferimenti contestuali e significati impliciti. Linguaggio esterno: è vincolato dalle regole fonetiche, sintattiche e culturali che impongono che il linguaggio si adatti al contesto e allo scopo, e dalla necessità di rispettare le regole convenzionali del racconto, che rendono la narrazione comprensibile agli altri, coerente e dotata di senso.

26 MEMORIA AUTOBIOGRAFICA, NARRAZIONE E SVILUPPO DEL SE Smorti utilizza la metafora dellimbuto con un filtro: Nel passaggio dal linguaggio interiore a quello esterno, è come se ogni parola o pensiero dovesse passare attraverso il filtro degli strumenti della cultura e dellappartenenza sociale: si verifica un vero e proprio processo di selezione e di riorganizzazione degli eventi presenti nella memoria autobiografica, che conduce ad un modo diverso, cioè più culturale e sociale, di dare significato alle proprie esperienze e quindi di definire la propria identità personale. Quindi, attraverso la narrazione lindividuo costruisce il Sé e lo rende comprensibile e conoscibile agli altri.

27 MEMORIA AUTOBIOGRAFICA, NARRAZIONE E SVILUPPO DEL SE Attraverso le conversazioni e gli stili di conduzione di queste, i genitori favoriscono modalità più o meno complesse ed elaborate di narrazione autobiografica. Gli studi sul reminiscing (Fivush et al., anni 2000) hanno individuato due stili materni caratteristici, correlati a competenze narrative nei bambini: Stile elaborativo : ampie descrizioni, maggior numero di dettagli e particolari (favorisce nel bambino, anche a lungo termine, una maggiore competenza ed autonomia nel ricordare gli eventi del proprio passato e nello strutturarli in sequenze narrative più complesse). Stile ripetitivo : modalità tipo domanda-risposta, finalizzato non tanto ad estendere ed ampliare le capacità del bambino nel ricordare, bensì a testarle o verificarle (favorisce narrazioni più semplificate).

28 MEMORIA AUTOBIOGRAFICA, NARRAZIONE E SVILUPPO DEL SE DIFFERENZE DI GENERE… (Fivush, Brotman, Buckner, Goodman, 2000; Fivush, Buckner, 2003) Sia le madri sia i padri mostrano differenze tra maschi e femmine: Con le figlie: stile più elaborativo e ad alto contenuto emotivo e strutture narrative di tipo socio-relazionale Con i figli maschi: stile più ripetitivo, minor riferimento alle emozioni (tranne alla rabbia) e strutture narrative più autonome (centrate su oggetti e eventi) …E DI CULTURA (Markus e Kitayama, 1991, 2001; Wang, 2004) Cultura occidentale (nordamericana ed europea): conversazioni tra adulto e bambino che stimolano a focalizzarsi su di sé, a parlare delle proprie esperienze, a soffermarsi sui particolari e a fornire descrizioni dettagliate (favorisce un Sé indipendente, definito e rappresentato come unico e differenziato) Cultura orientale (giapponese e cinese): le conversazioni attribuiscono meno importanza al ricordo di eventi individuali, focalizzandosi sulla comunità nel suo complesso, e sottolineando emozioni o stati interni connessi alle relazioni con gli altri e alla vita di gruppo. (favorisce nel bambino la costruzione di un Sé interdipendente, definito e rappresentato rispetto agli altri)

29 Il linguaggio rivolto al bambino Studi sul madrese (pochi studi sul padrese, nessuno studio sul contesto extrafamigliare) semplificazione grammaticale semplificazione grammaticale vocabolario ristretto vocabolario ristretto intonazione alta (spesso esagerata) intonazione alta (spesso esagerata) ridondanza ridondanza ritmo lento ritmo lento largo uso della referenza largo uso della referenza

30 Lo stile comunicativo tutoriale Conferma del successo, complimenti incoraggiamenti Aiuto ad elaborare largomento Imitazione più espansione Denominazione contingente Descrizione semplice contingente Descrizione complessa

31 Lo stile comunicativo asincronico/svalutativo Comportamento intrusivo non contingente Cambiamento di focus Risposta mancata Disconferma verbale

32 Stile controllante Diretto: controllo dellazione e attenzione del bambino attraverso il linguaggio e lazione (ordini, istruzioni, imperativi, domande chiuse) Modulato:controllo in modo indiretto e cortese (suggerimenti e verbi al condizionale)

33 Parlare a bambini con problemi di sviluppo I genitori con bambini in difficoltà sono più direttivi e meno responsivi, più centrati sulla comunicazione verbale e poco su quella non verbale

34 Il linguaggio dei genitori di bambini con problemi di linguaggio Usano meno parole, espansioni esempi, frasi comprensibili e complete Differenze nella sintassi (meno domande aperte) Parlano più velocemente Linguaggio con minore complessità concettuale Sono meno sintonizzati sulle produzioni del bambino

35 Favorire e sostenere lo sviluppo linguistico e comunicativo del bambino

36 Strategie centrate sul bambino Comunicare faccia a faccia (modalità verbale, prosodica, gestuale, facciale, corporea) Centrarsi sul bambino Seguire linteresse del bambino Commentare in diretta

37 Strategie che promuovono linterazione Parlare con un ritmo lento Fare frequenti pause per favorire la presa di turno conversazionale Usare turni bilanciati nella conversazione Cogliere e confermare il successo comunicativo Fare domande aperte

38 Strategie che modellano il linguaggio Semplificare il linguaggio Ripetere frequentemente le frasi Denominare in modo contingente Descrivere Imitare ed espandere Stimolare lapprendimento di una parola-target Ristrutturare

39 Strategie che promuovono lemergere del discorso Dare spiegazioni Dare suggerimenti Creare una realtà immaginaria Esprimere in modo organizzato i contenuti, i sentimenti, i desideri impliciti Fare riferimento allesperienza passata e futura Aiutare a raccontare eventi Aiutare ad esplicitare i punti di vista Descrivere eventi/immagini in modo complesso

40 Per concludere... Linguaggio come sistema complesso e composto da sotto-componenti tra loro in stretta relazione Linguaggio e pensiero come aspetti di tra loro fortemente interrelati Centralità degli aspetti pragmatici Ruolo del contesto come facilitatore e sostenitore dello sviluppo linguistico

41 Per concludere … Possibilità di uso di strategie linguistiche adeguate alle competenze del bambino che ne favoriscono la comunicazione e linguaggio

42 Possibili domande desame Componenti strutturali del linguaggio Componenti funzionali del linguaggio Funzione pragmatica del linguaggio Funzione narrativa del linguaggio Teorie sullo sviluppo del linguaggio Sviluppo preverbale Tappe di sviluppo del linguaggio Narrazione e sviluppo del sé Memoria autobiografica e sviluppo del sé Stili materni di reminiscing Lo sviluppo della capacità narrativa


Scaricare ppt "II MODULO LINGUAGGIO E COMUNICAZIONE. LINGUAGGIO: sistema simbolico di comunicazione; facoltà di comunicare simbolicamente; capacità cognitiva che ci."

Presentazioni simili


Annunci Google