La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania1 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home E-mail FUO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania1 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home E-mail FUO."— Transcript della presentazione:

1 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania1 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO Definizione e criteri della febbre: temperatura orale >38.3°C temperatura ascellare >37.8°C persistenza da almeno 2-3 settimane mancata conclusione diagnostica nonostante almeno una settimana di studio intensivo problema: aleatorietà della definizione di studio intensivo

2 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania2 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO Storia naturale della maggior parte delle febbri: risoluzione spontanea diagnosi relativamente rapida risposta favorevole ai comuni antibiotici determinate più spesso da cause comuni che possono avere anche manifestazioni inconsuete

3 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania3 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO Nelle descrizioni iniziali (1961-) le cause più comuni di febbri indeterminate, o di febbricole, si supponeva fossero infezioni, meno spesso le cosiddette connettiviti o vasculiti, e ancora meno neoplasie occulte. Il termine febbre criptogenetica era utilizzato impropriamente, e derivava, e forse deriva ancora, da carenze di impostazione diagnostica

4 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania4 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO La diffusione delle metodiche di coltura microbiologica, i metodi sierologici, le maggiori possibilità di identificazione microscpica, anche su tessuti, di agenti infettivi, assai prima delle tecniche in PCR, ha ridotto il numero di febbri da causa indeterminata presumibilmente secondarie a infezioni. Così forme tubercolari e endocarditi infettive sono ormai più facilmente identificate e curate.

5 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania5 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO Tra le malattie autoimmuni sempre più raramente LES e artrite reumatoide restano febbri da causa sconosciuta (più agevole diagnostica) le malattie reumatiche per cui non esiste un test specifico restano invece spesso nellambito delle febbri indeterminate: –periarterite nodosa –malattia di Still delladulto –arterite giganto-cellulare e polimialgia reumatica

6 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania6 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO Le neoplasie occulte oggi restano, sempre o a lungo, la causa più frequente di febbre a etiologia indeterminata: in generale, più è prolungata una febbre, più è probabile che sia dovuta a cause non-infettive la frequenza di febbri dovute a neoplasie cresce con il crescere delletà anagrafica le localizzazioni a livello epatico o linfonodale sono le cause più frequenti

7 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania7 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO APPROCCIO DIAGNOSTICO Non si può includere ogni possibile causa di febbre ma deve essere diretto specificamente sulla base della presentazione clinica anamnesi, accurata e ripetuta esame fisico attento e quotidiano e sulleventuale evidenza di coinvolgimento di organo

8 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania8 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO Febbri mono- o oligo-sintomatiche: le febbri più alte, settiche, suggeriscono un processo infettivo (dovè lascesso?), una vasculite o un linfoma una discrepanza polso-temperatura (bradicardia relativa) suggerisce febbre tifoide, ma anche la psittacosi,leptospirosi, un linfoma o una febbre da farmaci un inversione del consueto ritmo circadiano della temperatura, con picchi diurni, è frequente nella periarterite nodosa, nella tubercolosi, nella brucellosi e nelle febbri fittizie.

9 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania9 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO Una febbre con due picchi quotidiani può essere un indizio di Still delladulto (artrite reumatoide giovanile delladulto). Si osserva anche nella leishmaniosi, nella malaria, nella tubercolosi miliare, malattie assi diverse ma che richiedono il sospetto ed esami specifici per giungere alla tempestiva diagnosi.

10 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania10 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO nota: queste condizioni patologiche si rivelano tardivamente causa di febbre, che a lungo è rimasta indeterminata NEOPLASIE frequenti –linfomi, Hodgkin e non-H –metastasi al fegato e/o al snc –ipernefroma inconsuete –epatomi –carcinomi pancreatici –sindromi pre-leucemiche rare –mixomi atriali –tumori primitivi del snc

11 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania11 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO nota: queste condizioni patologiche si rivelano tardivamente causa di febbre, che a lungo è rimasta indeterminata INFEZIONI Frequenti: –brucellosi –endocardite infettiva –ascessi addominali –ascessi sotto-diaframmatici –ascessi pelvici –tbc extra-polmonari

12 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania12 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO nota: queste condizioni patologiche si rivelano tardivamente causa di febbre, che a lungo è rimasta indeterminata INFEZIONI inconsuete: –cytomegalovirus –toxoplasmosi –salmonellosi minori –ascessi renali e peri-renali –ascessi splenici –malattia di Lyme

13 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania13 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO nota: queste condizioni patologiche si rivelano tardivamente causa di febbre, che a lungo è rimasta indeterminata INFEZIONI RARE: –ascessi dentari e peri-dentari –ascessi cerebrali –sinusite cronica –malaria –leptospirosi –osteomieliti –linfogranuloma venereo –febbre da graffio di gatto –febbre Q

14 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania14 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO nota: queste condizioni patologiche si rivelano tardivamente causa di febbre, che a lungo è rimasta indeterminata MALATTIE REUMATICHE frequenti frequenti: Still delladulto, m.di Horton (in età geriatrica) inconsuete: periarterite nodosa, artrite reumatoide a esordio in età geriatrica, artriti reattive rare: LES, vasculiti (malattia di Takayasu, angioiti da ipersensibilità), sindrome di Felty, febbre reumatica acuta

15 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania15 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO nota: queste condizioni patologiche si rivelano tardivamente causa di febbre, che a lungo è rimasta indeterminata CAUSE MAL CLASSIFICABILI Frequenti –febbri da farmaci –cirrosi e epatiti croniche Infrequenti –epatite granulomatose Rare –febbre familiare mediterranea –Crohn, Whipple, Fabry, –iperPTH, tiroiditi subacute, feocromocitomi –disfunzioni ipotalamiche –ematomi occulti

16 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania16 FARMACI RIPORTATI COME CAUSA DI FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Cardiovascolari: alfa-metil-dopa, chinidina, procainamide, idralazina, nifedipina, oxprenololo antimicrobici: penicillina G,ampicillina, meticillina, cloxacillina, cefalotina, cefapirina, cefamandolo, tetraciclina, lincomicina, sulfonamide, bactrim, streptomicina*, vancomicina, colistina, isoniazide, pas, nitrofurantoina

17 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania17 FARMACI RIPORTATI COME CAUSA DI FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA ALTRI: iodio, cimetidina, levamisole, metoclopramide, clofibrato, allopurinolo, folati, PGE2, interferon, propiltiouracile, triamterene ANTINEOPLASTICI: bleomicina, daunorubicina, procarbazina, citarabine, idroxiurea

18 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania18 FARMACI RIPORTATI COME CAUSA DI FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Neurologici: difenilidantoina, carbamazepina, clorpromazina, nomifensina, aloperidolo, trifluperazina, amfetamine, LSD* antinfiammatori: ibuprofen, tolmetin, aspirina

19 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania19 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO elementi anamnestici associati in presenza di febbre da causa indeterminata che suggeriscono particolari diagnosi Contatti con animali brucellosi leishmaniosi psittacosi leptospirosi febbre da graffio del gatto febbre Q febbre da morso di ratto

20 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania20 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO elementi anamnestici associati in presenza di febbre da causa indeterminata che suggeriscono particolari diagnosi MIALGIE trichinosi (ves normale) endocardite infettiva m. di Still delladulto toxoplasmosi LES periarterite nodosa artrite reumatoide febbre familiare mediterranea

21 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania21 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO elementi anamnestici associati in presenza di febbre da causa indeterminata che suggeriscono particolari diagnosi CEFALEA DI RECENTE INSORGENZA encefaliti e meningo- encefaliti croniche brucellosi neoplasie cerebrali arteriti - Horton - endocarditi lente

22 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania22 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO elementi anamnestici associati in presenza di febbre da causa indeterminata che suggeriscono particolari diagnosi CONFUSIONE MENTALE meningiti –tbc –da criptococco –da sarcoidosi –metastatiche neoplasie cerebrali brucellosi febbre tifoide infezioni da HIV

23 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania23 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO elementi anamnestici associati in presenza di febbre da causa indeterminata che suggeriscono particolari diagnosi Disturbi visivi e/o dolore agli occhi arterite gigantocellulare Takayasu endocardite batterica ascessi cerebrali febbre familiare mediterranea febbre ricorrente

24 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania24 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO elementi anamnestici associati in presenza di febbre da causa indeterminata che suggeriscono particolari diagnosi DOLORE AL COLLO tiroiditi subacute Still delladulto arterite giganto-cellulare (articolazione temporo- mandibolare)

25 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania25 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO segni fisici associati a febbre da causa indeterminata che suggeriscono particolari diagnosi Iperpigmentazione cutanea –malattia di Whipple –vasculite da ipersensibilità xeroftalmia –artrite reumatoide –les cheratopatia a bande –Still delladulto occhi acquosi –periarterite nodosa

26 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania26 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO segni fisici associati a febbre da causa indeterminata che suggeriscono particolari diagnosi Congiuntiviti –tbc, febbre da graffio di gatto, les soffusione congiuntivale –leptospirosi, febbri ricorrenti emorragie sub-congiuntivali –endocarditi infettive subacute, trichinosi uveite –tubercolosi, Still delladulto, Sarcoidosi, LES

27 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania27 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO segni fisici associati a febbre da causa indeterminata che suggeriscono particolari diagnosi LINFOADENOPATIE –LINFOMI –MONONUCLEOSI INFETTIVA –STILL DELLADULTO –tubercolosi –brucellosi –febbre da graffio di gatto –infezioni da cmv –hiv –Whipple –linfogranuloma venereo –toxoplasmosi

28 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania28 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO segni fisici associati a febbre da causa indeterminata che suggeriscono particolari diagnosi SOFFI CARDIACI DI RECENTE INSORGENZA –endocarditi –mixomi atriali BRADICARDIA RELATIVA –febbre tifoide –malaria –leptospirosi –psittacosi –lesioni del snc –febbri da farmaci

29 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania29 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO segni fisici associati a febbre da causa indeterminata che suggeriscono particolari diagnosi DOLORABILITA M.Trapezio –ascesso sub-frenico mm. Glutei –brucellosi lingua –febbri ricorrenti –arterite a cellule giganti

30 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania30 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO segni fisici associati a febbre da causa indeterminata che suggeriscono particolari diagnosi Orchiepididimiti tbc renale brucellosi altre –linfomi –leptospirosi –periarterite nodosa –mononucleosi infettiva

31 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania31 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO segni di laboratorio associati a febbre da causa indeterminata che suggeriscono particolari diagnosi ves elevata (>100 mm/h) Still delladulto arterite a cellule giganti endocarditi infettive linfomi e carcinomi (ipernefroma) ascessi e osteomieliti subacute febbri da farmaci fattore reumatoide elevato endocarditi lente vasculiti da ipersensibilità epatiti croniche attive –artrite reumatoide –malaria

32 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania32 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO segni di laboratorio associati a febbre da causa indeterminata che suggeriscono particolari diagnosi elevazione delle transaminasi mononucleosi infettiva CMV psittacosi febbri da farmaci leptospirosi toxoplasmosi brucellosi febbre q febbri ricorrenti

33 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania33 Home FUO Le febbri di origine sconosciuta, o meglio, non definita, sono divenute di diagnosi meno frequente in rapporto alle migliorate possibilità di test di laboratorio e strumentali. In effetti, però, in rapporto alla qualità delle singole professionalità mediche, o delle organizzazioni sanitarie, i tempi di diagnosi possono permanere assai lunghi.

34 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania34 Home FUO Un consueto iter diagnostico prevede un numero abbastanza contenuto di esami di laboratorio preliminari, che debbono però includere anche esame delle urine e urinocoltura protidogramma elettroforetico ripetute emocolture, dopo sforzo o dopo la comparsa di brivido test serologici per alcune malattie infettive

35 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania35 Home FUO test reumatici e per auto-immunità (ana, ena) alcuni enzimi (LDH, CPK) ma soprattutto una anamnesi accurata anche tardiva, con tutti i possibili approfondimenti una attenzione particolare alla comparsa di nuovi segni obiettivi, fisici, sia con paziente ambulatoriale che in regime di ricovero

36 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania36 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO esami strumentali i cui risultati, associati alla presenza di febbre da causa indeterminata, suggeriscono particolari diagnosi sempre Quali esami strumentali sono indicati sempre? Una ecografia addominale (fegato, milza, reni, testicoli o annessi femminili) Una ecografia cervicale: tiroide Eco-doppler in presenza di trombo- flebiti o di protesi vascolari Un ecocardiogramma (ENDOCARDITI? MIXOMI? TROMBOSI CAVALE?) una radiografia del torace

37 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania37 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO esami strumentali i cui risultati, associati alla presenza di febbre da causa indeterminata, suggeriscono particolari diagnosi Quali altri esami radiologici possono essere indicati in presenza di febbri di origine indeterminata? Clisma del tenue –linfomi –Crohn –Whipple panoramica dentaria radiografia dei seni paranasali broncoscopia urografia

38 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania38 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO esami strumentali i cui risultati, associati alla presenza di febbre da causa indeterminata, suggeriscono particolari diagnosi Quali risultati attendersi da una diagnostica con tac e/o rmn? Pochi se non vi è una indicazione clinica di organo o di segmento corporeo (addome, torace, encefalo) molti se vi è una indicazione clinica più precisa o, a diagnosi fatta, per definire i coinvolgimenti dorgano poco evidenti

39 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania39 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO esami strumentali i cui risultati, associati alla presenza di febbre da causa indeterminata, suggeriscono particolari diagnosi Le indagini radio-isotopiche possono aggiungere elementi di certezza a una diagnosi di FUO? Solitamente no, anche se possono consentire lindividuazione di accumuli di cellule specifiche, specie di tipo infiammatorio lutilizzo di anticorpi monoclonali marcati implica una diagnosi preliminare abbastanza precisa

40 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania40 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO esami strumentali i cui risultati, associati alla presenza di febbre da causa indeterminata, suggeriscono particolari diagnosi Le indagini radio-isotopiche possono aggiungere elementi di certezza a una diagnosi di FUO? Le scintigrafie con gallio o indio possono essere utili per identificare localizzazioni ascessuali o neoplastiche profonde lindio è preferito per lo studio delle localizzazioni addominali

41 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania41 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO esami strumentali i cui risultati, associati alla presenza di febbre da causa indeterminata, suggeriscono particolari diagnosi Le indagini radio-isotopiche possono aggiungere elementi di certezza a una diagnosi di FUO? Le terapie con steroidi e con molti antibiotici possono determinare numerosi falsi negativi anche i falsi positivi sono frequenti, per numerose ragioni

42 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania42 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO esami strumentali i cui risultati, associati alla presenza di febbre da causa indeterminata, suggeriscono particolari diagnosi Lesame istologico in caso di lesioni sottoposte a biopsia è sempre di certezza diagnostica? Si può esaminare una lesione concomitante (sarcoidosi, localizzazioni micotiche etc) Anche con lutilizzo di metodiche abbastanza variegate può sfuggire una componente che richiederebbe un differente approccio Lesaminatore e/o gli esaminatori possono non disporre di adeguata competenza per forme inconsuete o borderline

43 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania43 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO esami strumentali i cui risultati, associati alla presenza di febbre da causa indeterminata, suggeriscono particolari diagnosi Ago-aspirato midollare o biopsia ossea (cresta iliaca) con eventuale coltura –linfomi –mielomi non-secernenti –leucosi aleucemiche –tubercolosi miliare –sarcoidosi –brucellosi (mielocoltura) –altre infezioni batteriche –leishmaniasi –malaria

44 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania44 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO esami strumentali i cui risultati, associati alla presenza di febbre da causa indeterminata, suggeriscono particolari diagnosi Rachicentesi ed esame del liquido cefalorachidiano (in presenza di sintomatologia neurologica, oppure nel sospetto o nella diagnosi di HIV) –meningiti della base cranica (tbc o sarcoidosi) –linfomi del snc –carcinomatosi meningea –coriomeningite linfocitaria

45 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania45 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO esami strumentali i cui risultati, associati alla presenza di febbre da causa indeterminata, suggeriscono particolari diagnosi Quali problemi sorgono per le diagnosi di febbri indeterminate nonostante una diagnostica approfondita? Difficoltà a intraprendere una terapia in assenza di diagnosi definita Difficoltà nella scelta di un antibiotico se se ne volesse usare uno Difficoltà nella posologia di un cortisonico se se ne volesse usare uno

46 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania46 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO possibilità di diagnosi in assenza di specifica sintomatologia dorgano ESAMI ENDOSCOPICI esofago-gastro-duodenoscopia –riscontro di lesioni infiltrative (linfomi, eosinofili, granulomi) –riscontro di lesioni neoplastiche pancolonscopia, con esplorazione dellileo terminale –Crohn –tbc –linfomi Laparoscopia –masse ascessuali o linfonodali sospettate con eco, tac o rmn

47 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania47 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO Frequenza di diagnosi tardive nelle febbri di origine sconosciuta Infezioni39% Neoplasie17% Malattie del collageno18% Varie26% calcolate su un totale di 154 pazienti in età pediatrica e 234 pazienti adulti, derivanti da 5 studi pubblicati

48 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania48 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO Frequenza di diagnosi tardive nelle febbri di origine sconosciuta Infezioni39% endocarditi5% ascessi addominali4% infezioni urinarie4% infezioni epatobiliari 4% brucellosi1% patologie ossee2% meningiti batteriche1% virosi6% altre8%

49 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania49 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO Frequenza di diagnosi tardive nelle febbri di origine sconosciuta Neoplasie17% linfomi/leucemie12% carcinomi3% altre2%

50 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania50 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO Frequenza di diagnosi tardive nelle febbri di origine sconosciuta Malattie del collageno18% LES3% artrite reumatoide5% Horton/polimialgia6% altre3%

51 AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania51 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home FUO Frequenza di diagnosi tardive nelle febbri di origine sconosciuta Varie26% embolie polmonari2% sarcoidosi1% s. da ipersensibilità2% artefatti2% altre9% nessuna diagnosi11%


Scaricare ppt "AvantiIndietro Guglielmo M.Trovato, Istituto di Medicina Interna e Terapia Medica, Università di Catania1 FEBBRI DI ORIGINE SCONOSCIUTA Home E-mail FUO."

Presentazioni simili


Annunci Google