La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LINEE GUIDA DELLUCIIM PER LA RIFORMA Genova Convegno Interregionale Uciim 14-15 maggio 2011 Rossella Verri.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LINEE GUIDA DELLUCIIM PER LA RIFORMA Genova Convegno Interregionale Uciim 14-15 maggio 2011 Rossella Verri."— Transcript della presentazione:

1 LINEE GUIDA DELLUCIIM PER LA RIFORMA Genova Convegno Interregionale Uciim maggio 2011 Rossella Verri

2 PREMESSA Valori fondanti dellUCIIM Dal pensiero di Nosengo Fondatore dellUCIIM La civiltà come lamore, come larte, come il regno di Dio sono interiori alluomo: se un generazione scomparisse trascurando di suscitare questa ricchezza interiore nella generazione successiva, questa, pur trovandosi a vivere in mezzo ad istituzioni politiche ottime, a consuetudini morali buone, ai monumenti della arti, delle lettere e della religione e ai ritrovati del progresso scientifico, non ne comprenderebbe il valore, li trascurerebbe e magari li distruggerebbe e in conseguenza di questo, diventerebbe assai presto incivile e spiritualmente povera Da La persona e leducazione Nosengo 1958

3 Valori fondanti dellUCIIM - Contributo UCIIM 46° Settimana Sociale dei Cattolici Italiani Reggio Calabria ottobre 2010 Valore della vita, della famiglia Dignità della persona, del lavoro, socialità Competenza, conoscenza, creatività Educazione, aspetto vitale, che necessita di un giusto riconoscimento e di un reale supporto prima nella famiglia e poi nella scuola, affinchè vi siano adulti significativi che siano reali punti di riferimento per vincere, nella cooperazione, la sfida educativa Valorizzazione dellassociazionismo che porta ad una maggiore assunzione di responsabilità diretta di giovani e adulti Valorizzazione della dimensione interculturale dellaccoglienza

4 Una rinnovata visione etica ed ideale della vita Recuperare il rilievo etico delle istituzioni Rinnovare i valori etici

5 Educare prima che Istruire La scuola è il luogo ove, attraverso lacquisizione sistematica e critica della cultura, si promuove la formazione integrale delluomo e del cittadino. la scuola ha come obiettivi la promozione e la formazione integrale dello studente, alunno, persona, cittadino I contenuti disciplinari sono il mezzo e non il fine Il termine educazione deve essere inteso come propedeutico ad ogni singola disciplina

6 La scuola È il luogo in cui passano tutti i cittadini A scuola si svolge lavoro importante e strategico per il futuro del Paese Leducazione e listruzione dei cittadini sono fondanti per costruire identità, senso di appartenenza e radici comuni

7 Benedetto XVI Leducazione e la formazione costituiscono oggi una delle sfide più urgenti che la Chiesa e le Istituzioni sono chiamate ad affrontare

8 Orientamenti Pastorali CEI per il decennio La scuola ha il compito di aiutare a trasmettere il patrimonio culturale elaborato nel passato, aiutare a leggere il presente, far acquisire le competenze culturali per costruire il futuro, concorrere, mediante lo studio e la formazione di una coscienza critica, alla formazione del cittadino e alla crescita del senso del bene comune

9 Che cosa può fare oggi la scuola pubblica per riqualificare la formazione? Fornendo unofferta culturale adeguata ai nuovi bisogni, ispirata al pluralismo dei valori e volta a creare una coscienza civile matura. Occorre tornare a valorizzare leducazione, prima che listruzione riscoprire la pedagogia dei valori rivalutare la figura dellinsegnante che è anzitutto un docente di etica, in quanto i suoi stessi comportamenti contengono messaggi valoriali impliciti Ripensare listruzione e leducazione scolastica orientandola al cambiamento Riscoprire il compito delletica teorica e pratica o applicata

10 La professione Insegnante La formazione nella scuola ha una funzione sociale Linsegnante è : testimone delleducazione che trasmette mediatore didattico-scientifico responsabile verso il futuro responsabile verso il passato

11 Funzione sociale dellinsegnante Linsegnante è un educatore che testimonia i valori col suo esempio Responsabilità verso il Futuro significa porre sempre attenzione alle conseguenze Responsabilità verso il Passato significa conservare la memoria storica Compito degli insegnanti è dare ai nostri allievi occasioni per diventare testimoni della storia che studiano così che imparino a essere testimoni di quella che vivono(M. Fossati Salvare la memoria):

12 UCIIM Nazionale Aggiornamento, formazione del personale della scuola,docenti, dirigenti, formatori Pareri e Proposte in sede Miur sui contenuti delle Riforme del Scuola Audizioni presso le Commissioni competenti delle Camere Contributi e proposte presso le sedi istituzionali

13 Collaborazioni con Associazioni della Scuola, dellUniversità UNESU (Ufficio nazionale per leducazione,la scuola e luniversità della CEI) Associazioni cattoliche europee Università Istituti di sostegno alla persona

14 UCIIM COMUNICAZIONE La Rivista La Scuola e luomo Newsletter Uciimnotizie Pubblicazioni associative ed interassociative Sito Diretta Internet per i Convegni Interviste radiofoniche e televisive Comunicati Stampa

15 16 dic.2009 Parere sul Regolamento e sulle Indicazioni nazionali dei Licei 25 marzo 2010 Contributo al MIUR sulle Indicazioni nazionali 20 maggio 2010 Audizione presso la Camera dei Deputati : Parere su Formazione iniziale insegnanti 10 giugno 2010 Intervento al MIUR sulle Linee Guida DD.PP.RR. 16 marzo 2010 concernenti i Regolamenti per il riordino Istituti Tecnici e Professionali 22 giugno 2010 Parere presso Camera Deputati su Formazione Insegnanti LINEE GUIDA UCIIM RIFORMA Interventi essenziali 2010

16 LUciim sulla Riforma Indicazioni Nazionali Licei Obiettivo prioritario della Indicazioni nazionali del Licei è definire gli obiettivi specifici di apprendimento in funzione delle competenze al fine di consentire una migliore certificazione delle competenze e un migliore riconoscimento dei crediti formativi

17 LUciim sulla Riforma(seguito) Indicazioni nazionali Licei Nelle attuali Indicazioni Uciim per il Licei prevale la presentazione di contenuti rispetto alla declinazione delle competenze. Per maggiore chiarezza espositiva e per una migliore fruibilità sarebbe opportuno presentare un elenco di competenze, un elenco di contenuti (nuclei disciplinari) e fornire suggerimenti metodologici secondo la seguente struttura :

18 LUciim sulla Riforma(seguito) Indicazioni nazionali Licei Struttura proposta Profilo generale disciplinare (premessa) Obiettivi specifici di apprendimento competenze contenuti (nuclei disciplinari) Indicazioni metodologiche

19 LUciim sulla Riforma(seguito) Istituti tecnici e professionali Le Linee Guida per gli Istituti Tecnici e Professionali devono avere elementi di coerenza e analogia con il Licei per ciò che riguarda le discipline di base: lingua italiana, inglese, matematica e storia. Occorre armonizzare le linee guida con gli assi culturali e le competenze di cittadinanza Valorizzare la progettazione trasversale e il ruolo centrale del consiglio di classe Le competenze esigono la laboratorialità che, però, necessita di un organico diverso dalla rigida frontalità

20 LUciim sulla Riforma(seguito) Istituti Tecnici e Professionali Organico funzionale di istituto Salvaguardia specificità insegnanti tecnico-pratici Rilascio qualifiche mediante progetti integrati tra Istruzione Statale e Formazione professionale

21 LUciim sulla Riforma Osservazioni sul PECUP (Profilo educativo culturale e professionale) Inserire più competenze trasversali Armonizzare le competenze trasversali, con particolare attenzione alle competenze chiave di cittadinanza, tra i PECUP dei Licei, degli Istituti tecnici e degli Istituti professionali Nel PECUP dei Licei occorre inserire gli strumenti organizzativi e metodologici presenti nei PECUP degli Istituti tecnici e degli Istituti professionali (inserito)

22 LUciim sulla Riforma(seguito) Formazione iniziale insegnanti La formazione iniziale degli insegnanti non deve essere strettamente ancorata ai posti in organico, ma si deve dare la possibilità ai giovani di accedere ai corsi di laurea, alle abilitazioni e ai concorsi per la nomina a tempo indeterminato Non si condivide leccessiva subalternità dei docenti e dei dirigenti nei percorsi di tirocinio e il mancato coinvolgimento nei percorsi di laurea magistrale

23 Ruolo delle Associazioni Professionali E indispensabile riconoscere un ruolo rilevante delle Associazioni Professionali dei docenti e dei dirigenti scolastici nella progettazione e realizzazione dei corsi di laurea magistrale e del tirocinio formativo attivo

24 Ruolo delle Associazioni Professionali(seguito) E opportuno che il ruolo delle Associazioni Professionali sia sostenuto e incrementato nelle opportune sedi MIUR e nei CCNL del personale della scuola. Le Associazioni Professionali sono riconosciute come organi di partecipazione nella Costituzione dellU.E. e in molti paesi, come la Francia, la Germania e la Gran Bretagna. Lassociazionismo dei docenti e dei dirigenti promuove la coesione sociale nella scuola, sostiene il patto di corresponsabilità tra la scuola e il mondo esterno.

25 Altre Proposte Uciim –Reinserire nel prossimo rinnovo del CCNL del personale della scuola laggiornamento come diritto-dovere, mai abrogato a partire dal D.P.R. 417 del 74, tuttora vigente, e riconoscerlo anzitutto come punteggio ai fini della carriera –Revisione dello stato giuridico del personale docente, a cui sono attribuiti ormai compiti e ruoli aggiuntivi, che devono essere riconosciuti. Ad oggi sono stati revisionati gli stati giuridici dei Dirigenti Scolastici e dei Dsga. –Costruire una nuova carriera docente –Stanziare fondi per laggiornamento mirato e riconosciuto di tutto il personale della scuola sui Punti innovativi della Riforma e sulla Didattica Innovativa: competenze, laboratori in aula, didattica orientativa, organizzazione oraria (prevista dallautonomia), flessibilità oraria organizzativa (prevista dalla riforma).

26 IL FINE DELLEDUCAZIONE Fine delleducazione è tradurre il sapere (possedere le conoscenze) nel saper fare (saper utilizzare in concreto date conoscenze) e il saper fare nel sapere essere (sapere organizzare le competenze in situazioni interattive) sulla base dei Valori Etici


Scaricare ppt "LINEE GUIDA DELLUCIIM PER LA RIFORMA Genova Convegno Interregionale Uciim 14-15 maggio 2011 Rossella Verri."

Presentazioni simili


Annunci Google