La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Moli e numero di Avogadro Una mole di una qualunque sostanza contiene un numero di atomi o molecole pari a N A =6,02×10 23 (numero di Avogadro) Il peso.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Moli e numero di Avogadro Una mole di una qualunque sostanza contiene un numero di atomi o molecole pari a N A =6,02×10 23 (numero di Avogadro) Il peso."— Transcript della presentazione:

1 Moli e numero di Avogadro Una mole di una qualunque sostanza contiene un numero di atomi o molecole pari a N A =6,02×10 23 (numero di Avogadro) Il peso molare M di una sostanza è pari al peso di una mole della sostanza in esame Massa di un atomo (molecola): Esempio: per lalluminio M=26,9815 g/mol in 26,9815g di Al ci sono N A atomi la massa di un atomo di Al è 4,48× g Data una massa M cam di una sostanza, il numero di moli è: Il numero di atomi è invece dato da:

2 I gas ideali A densità molto basse, i gas reali tendono ad obbedire alla legge dei gas perfetti: Nella precedente equazione T è la temperatura assoluta e R=8,31 J/(mol K)=0,082 l·atm/(mol/K) è la costante dei gas Introducendo la costante di Boltzmann k=R/N A =1,38× J/K, la legge dei gas perfetti diventa:

3 Isoterme reversibili per i gas perfetti p V Se T è costante, lequazione pV=nRT rappresenta un ramo di iperbole nel piano pV A B VAVA VBVB Lavoro compiuto dal gas nel tratto AB: Se V B >V A (espansione) è L>0; se V B

4 Isobare reversibili per i gas perfetti p V Se p è costante, si ha un tratto di retta orizzontale nel piano pV A B VAVA VBVB Lavoro compiuto dal gas nel tratto AB: Se V B >V A (espansione) è L>0; se V B

5 Isocore reversibili per i gas perfetti p V Se V è costante, si ha un tratto di retta verticale nel piano pV A B Lavoro compiuto dal gas nel tratto AB: 2 a Legge di Gay-Lussac: p/T=costante

6 Calori specifici molari dei gas Definizione di calore specifico: Esprimendo la massa m in termini del numero di moli n e della massa molare M, si ha: dove si è introdotto il calore specifico molare C=cM Nei solidi e nei liquidi i calori specifici non dipendono dal tipo di trasformazione a cui essi sono soggetti Nei gas invece i calori specifici dipendono dal tipo di trasformazione: C V = calore specifico molare a volume costante C P = calore specifico molare a pressione costante

7 Espansione libera di un gas perfetto Joule osservò sperimentalmente che la temperatura del gas non varia in seguito allespansione, mentre cambiano sia p che V L=0 perchè nellespansione non cè un pistone che si muove Q=0 perchè il gas è termicamente isolato per il primo principio della termodinamica anche ΔE int =0 essendo variati p e V, ma non T, E int non può dipendere da p e V, ma dipende solo da T: E int = E int (T)

8 Energia interna di un gas perfetto (1) p V Consideriamo un gas ideale che passa da uno stato iniziale A(p A,V A,T A ) ad uno stato finale B(p B,V B,T B ) seguendo il percorso AAB (AA isocora, AB isoterma) A A B Variazione di energia interna:

9 Energia interna di un gas perfetto (2) Applichiamo la prima legge della termodinamica al tratto AA : perchè AA è isocora Nel tratto AB la variazione di energia interna è nulla perchè lungo AB la temperatura non cambia ed E int dipende solo da T: Dalle relazioni precedenti segue dunque che:

10 Relazione di Mayer p V Consideriamo una trasformazione isobara AB e calcoliamo i valori di ΔE int, Q e L AB Dal confronto tra le due espressioni di ΔE int :

11 Calori specifici dei gas Tipo di gasCVCV CPCP γ= C P /C V Monoatomico (es. He, Ne, Ne, Ar...) (3/2)R(5/2)R5/3 Biatomico (es. O 2, N 2...) (5/2)R(7/2)R7/5 Poliatomico (es. CO 2, NH 4...) 3R4R4/3 I valori dei calori molari vengono calcolati nellambito della teoria cinetica dei gas Nel caso dei gas poliatomici occorre tener conto della struttura molecolare del gas

12 Adiabatiche reversibili di un gas ideale In una adiabatica il calore scambiato è nullo: Q=0 Primo principio della termodinamica in forma differenziale: Tenendo conto che E int =nC V T e dL=pdV, si ha che: Ricavando la pressione dallequazione di stato pV=nRT: Dalla relazione di Mayer R=C P - C V :

13 Equazioni delladiabatica reversibile Integrando la precedente equazione differenziale si ha: Ricavando la temperatura dallequazione di stato pV=nRT : Ricavando il volume dallequazione di stato pV=nRT : Esistono dunque tre equazioni per le trasformazioni adiabatiche reversibili, tutte equivalenti tra loro.

14 Adiabatiche nel piano pV p V A Ladiabatica passante per un punto A del piano pV ha, nel punto A, una pendenza maggiore (in modulo) rispetto allisoterma passante per lo stesso punto Il lavoro da A a B si può calcolare integrando la curva adiabatica da A a B oppure sfruttando il primo principio della termodinamica: B

15 Trasformazioni reversibili di un gas perfetto: quadro riassuntivo Trasform.EquazioneQLΔE int Isocora V=cost p/T=cost nC V (T f - T i )0 Isobara p=cost V/T=cost nC P (T f - T i ) p(V f - V i ) nC V (T f - T i ) Isoterma T=cost pV=cost nRTln(V f /V i ) 0 Adiabatica pV γ =cost TV γ-1 =cost p 1-γ T γ =cost 0-nC V (T f -T i )nC V (T f - T i )

16 Macchine termiche Macchina termica = dispositivo che scambia calore con lambiente e produce lavoro Per produrre lavoro in maniera continuativa, una macchina termica deve operare in maniera ciclica se la macchina termica utilizza un gas perfetto, il lavoro è pari allarea del ciclo nel piano pV Rendimento = rapporto tra lavoro compiuto dalla macchina termica e calore assorbito in un ciclo il rendimento di una macchina termica è un numero sempre compreso tra 0 e 1 il rendimento esprime lefficienza della macchina

17 Ciclo di Carnot Il ciclo di Carnot è costituito da due isoterme reversibili a temperature T A e T B e due adiabatiche reversibili

18 Rendimento del ciclo di Carnot (1) Calori scambiati dalla macchina nelle 4 trasformazioni:

19 Rendimento del ciclo di Carnot (2) Consideriamo ora le equazioni delle 4 trasformazioni: Tenendo conto dei risultati precedenti:

20 Secondo principio della termodinamica Il primo principio stabilisce la conservazione dellenergia, ma non pone limiti alle trasformazioni di energia da una forma allaltra Il secondo principio invece stabilisce delle limitazioni precise alle trasformazioni di energia e individua il verso in cui avvengono spontaneamente i processi fisici Esistono due enunciati del secondo principio, tra loro equivalenti: Enunciato di Kelvin-Planck: è impossibile realizzare un processo che abbia come unico risultato la trasformazione in lavoro del calore fornito da una sola sorgente Enunciato di Clausius: è impossibile realizzare un processo che abbia come unico risultato il trasferimento di calore da un corpo ad un altro a temperatura maggiore


Scaricare ppt "Moli e numero di Avogadro Una mole di una qualunque sostanza contiene un numero di atomi o molecole pari a N A =6,02×10 23 (numero di Avogadro) Il peso."

Presentazioni simili


Annunci Google