La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Alessandro Finazzi Psicologia del lavoro Il disagio nel lavoro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Alessandro Finazzi Psicologia del lavoro Il disagio nel lavoro."— Transcript della presentazione:

1 Alessandro Finazzi Psicologia del lavoro Il disagio nel lavoro

2 IL DISAGIO NEL LAVORO Alessandro Finazzi LO STRESS W.B. Cannon Introdusse in biologia il termine stress derivandolo dallingegneria (tensione sforzo, carico). Ad esso è associato il termine strain (rottura per carico eccessivo) Hans Seyle (1950) Benessere: le sollecitazioni dellambiente sono proporzionali alle capacità di risposta delluomo. Lo stress è la risposta non specifica dellorganismo ad ogni richiesta effettuata ad esso. Reazione armoniosa: stress positivo (eustress) Reazione distruttiva: stress negativo (distress)

3 IL DISAGIO NEL LAVORO Alessandro Finazzi LO STRESS Sindrome generale di Adattamento Tre fasi: 1.Allarme: shock iniziale con abbassamento di resistenza e controshock che mobilita le reazioni fisiologiche. 2.Resistenza: adattamento massimo con riequilibrio delle funzioni. 3.Esaurimento: squilibrio funzionale e alterazioni strutturali in seguito a risposte elevate o difese inefficaci.

4 IL DISAGIO NEL LAVORO Alessandro Finazzi LO STRESS Sindrome generale di Adattamento

5 IL DISAGIO NEL LAVORO Alessandro Finazzi LO STRESS Sindrome generale di Adattamento

6 IL DISAGIO NEL LAVORO Alessandro Finazzi LO STRESS Sindrome generale di Adattamento

7 IL DISAGIO NEL LAVORO Alessandro Finazzi LO STRESS Evoluzione del modello di Seyle Mason (1975): alla base della risposta biologica ci sarebbe, oltre alle strutture anotomo-funzionali responsabili dellattivazione emozionale a livello fiosologico, lapparato psichico a cui ricondurre le reazioni endocrine personalizzate e specifiche Lazarus e Monat (1977): le conseguenze dello stress dipendono dalle capacità e dalle strategie dei soggetti (costituzione gentica, esperienze di vita, fattori culturali, apprendimento e condizionamento, ecc.

8 IL DISAGIO NEL LAVORO Alessandro Finazzi LO STRESS Gli stressors (caratteristiche ambientali squilibranti) Holmes e Rahe (1967) Scala di valutazione del riadattamento sociale: 43 eventi stressanti ordinati gerarchicamente secondo lunità di cambiamento di vita. Dohrenwend (1980): modifica la scala di Holmes e Rahe considerando laspettativa soggettiva, il gruppo sociale di appartenenza e levoluzione dellincidenza dello stressor nella storia individuale

9 IL DISAGIO NEL LAVORO Alessandro Finazzi LO STRESS Differenze individuali La valutazione degli stressors deve tener conto dellattività psicologica della persona coinvolta. Il lavoro può essere considerato anche come un reattivo che rivela differenze di stili personali e di maturità psicologica. Taylor e Cooper (1988): considerato lalta variabilità individuale non è possibile tracciare un profilo della personalità resistente allo stress

10 IL DISAGIO NEL LAVORO Alessandro Finazzi LO STRESS Conseguenze 1.Morbilità e mortalità: stress più elevato nelle società del benessere 2.Costo finanziario e organizzativo: conseguenze economiche sulla collettività. 3.Motivazione e rischio di stress: correlazione negativa tra motivazione e percezione delle conseguenze. 4.Somatizzazioni: varie patologie insorgenti. Fisiche per i lavoratori manuali, psichiche per quelli intellettuali.

11 IL DISAGIO NEL LAVORO Alessandro Finazzi LO STRESS Conseguenze 1.Disagio psichico: contesto alienante produce sensazioni dimpotenza che riduce la capacità di fronteggiare lo stress. 2.Esperienza impoverita: segnali di unesistenza segnata dallo stress: Superlavoro Devalorizzazione del lavoro Impoverimento della vita familiare Riduzione della vita sociale Progetti degradati.

12 IL DISAGIO NEL LAVORO Alessandro Finazzi LO STRESS Strategie di coping (fronteggiamento) Lazarus: atteggiamenti, attività cognitive e comportamentali a livello ambientale e personale. Funzione protettiva in tre modi: 1.Modifica delle condizioni responsabili del problema: necessario un intervento concertato. 2.Modifica del significato dellesperienza vissuta: ridefinizione della caratteristiche della situazione. 3.Mantenimento delle conseguenze psicologiche entro limiti accettabili (aiuto esterno specializzato)

13 IL DISAGIO NEL LAVORO Alessandro Finazzi LO STRESS Psicopatologia del lavoro Modello soggettivo basato sullidea che luomo è un essere concreto, una persona in situazione. La qualità della sua vita psichica di lavoro è legata allambiente sociale. Questo ambito differisce dagli studi sullo stress per loggetto dindagine (il soggetto) e per la metodologia (cambiamenti strutturali profondi dellorganizzazione lavorativa)

14 IL DISAGIO NEL LAVORO Alessandro Finazzi LO STRESS Psicodinamica del mondo del lavoro Organizzazione come prodotto del funzionamento nei confronti dellambiente esterno e come prodotto del funzionamento psichico dei soggetti. Organizzaz.RepressivaValoriale Ideologica Super-IoSanzionatoreAl servizio de Ideale dellIo Atteggiam. Richiesto al soggetto Sottomissione, obbedienza, conformità Adesione ideale, Io ideale ConseguenzePunizioniFrustrazioni

15 IL DISAGIO NEL LAVORO Alessandro Finazzi PATOLOGIE ORGANIZZATIVE Alcune definizioni… Nevrosi disturbo psichico senza causa organica i cui sintomi sono espressione simbolica di un conflitto. Psicosi disturbo psichico caratterizzato dalla perdita di comprendere il significato della realtà. Può essere reversibile o irreversibile. Può avere cause organiche. Il soggetto non ha consapevolezza critica della sua situazione patologica. Adattamento sociale difficile.

16 IL DISAGIO NEL LAVORO Alessandro Finazzi PATOLOGIE ORGANIZZATIVE I sintomi dellorganizzazione malata Sistema incoerente di finalità e valori; poco identificati i bisogni negli scambi esterni. Funzionamento inefficace ed inefficiente. Comunicazioni inadeguate. Morale basso, frustrazione, passività. Delusione circa limmagine interna. Difficile equilibrio, ripiegamento.

17 IL DISAGIO NEL LAVORO Alessandro Finazzi PATOLOGIE ORGANIZZATIVE Le resistenze al cambiamento Lorganizzazione nevrotica può guarire. Se non si attuano rimedi efficaci inizia la disgregazione (psicosi) Cause fondamentali della resistenza al cambiamento: Rigidità della leadership Conflitti paralizzanti Paura del cambiamento

18 IL DISAGIO NEL LAVORO Alessandro Finazzi PATOLOGIE ORGANIZZATIVE Lorganizzazione malata ha un comportamento fallimentare basato sullillusione, falsa le ragioni effettive delle difficoltà, persevera in tentativi sbagliati, è sorda alle informazioni interne ed esterne, non vede il disagio, la direzione non dispone di feedback, i sottosistemi trovano equilibri peculiari e si disturbano. La povertà di informazione estrania il sistema dalla realtà, genera entropia, confusione, inattività, spreco.

19 IL DISAGIO NEL LAVORO Alessandro Finazzi PATOLOGIE ORGANIZZATIVE Kets De Vriers e Miller (1984): tipologia di organizzazioni malate 1.paranoide: diffidenza, sospetto, controllo 2.compulsiva: perfezionismo, eccessiva formalizzazione. 3.drammatica: narcisismo, cambiamento continuo, potere accentrato. 4.depressiva: rassegnazione, scarsa operatività, decisioni rinviate, apatia. 5.Schizoide: instabilità, precarietà, forti tensioni.

20 IL DISAGIO NEL LAVORO Alessandro Finazzi BENESSERE ORGANIZZATIVO La salute psicosociale nel contesto della vita dellorganizzazione. Le resistenze sono causate dai meccanismi di difesa che conservano limmagine e lequilibrio affettivo costituito, protegge da impulsi che potrebbero provocare conflitti e consapevolezze penose. Prevenire è meglio che curare. Centrale il ruolo di una leadership sana

21 IL DISAGIO NEL LAVORO Alessandro Finazzi BENESSERE ORGANIZZATIVO La cultura organizzativa Insieme di assunti, valori, convinzioni, credenze, aspettative, linguaggi, rituali, consuetudini. Importante la parte simbolica. La sua integrità consente il governo della complessità e delle contraddizioni. Conferisce identità. Lintegrità psicologica di una organizzazione richiede il riconoscimento tra le diverse componenti e i diversi interessi professionali e sociali che vi convivono. Soddisfa anche le esigenze di benessere dei singoli.


Scaricare ppt "Alessandro Finazzi Psicologia del lavoro Il disagio nel lavoro."

Presentazioni simili


Annunci Google