La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Salento dai mille volti Istituto AttuatorePartner IISS Egidio Lanoce Istituto Comprensivo MAGLIE ZOLLINO-STERNATIA anno scolastico 2009-2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Salento dai mille volti Istituto AttuatorePartner IISS Egidio Lanoce Istituto Comprensivo MAGLIE ZOLLINO-STERNATIA anno scolastico 2009-2010."— Transcript della presentazione:

1 Salento dai mille volti Istituto AttuatorePartner IISS Egidio Lanoce Istituto Comprensivo MAGLIE ZOLLINO-STERNATIA anno scolastico

2 Soggetto attuatore Soggetti partners IISS "EGIDIO LANOCE" Codice meccanigrafico: LEIS02100Q Via Giannotta 34, Maglie (LE) Tel: fax: Home page: Istituto Professionale Industria Artigianato (IPSIA) Codice meccanografico: LERI02101B via Giannotta 34, Maglie (LE) Istituto Professionale Servizi Commerciali e Turistici (IPSCT) Codice meccanografico: LERC02101P via S. Pio, Maglie (LE) Istituto Professionale per lAgricoltura e lAmbiente (IPAA) Codice meccanografico: LERA02101Q via Circolane, Maglie (LE) Istituto Scolastico Comprensivo Codice meccanografico: LEIC81800Q via G.Matteotti, Zollino (LE) Associazione Scuole e Lavoro - ASCLA Struttura formativa accreditata di orientamento e formazione professionale via IV Novembre 3/5, Casarano (LE) Università del Salento Dipartimento di Scienze Pedagogiche, Psicologiche e Didattiche Soggetto accreditato per la formazione dal MIUR via Stampacchia 45/47, Lecce (LE)

3 Metomotiva è un acronimo scaturito dalla fusione delle parole metodo e motivazione (allo studio), in quanto sono questi ultimi gli elementi principali che contribuiscono al successo formativo degli allievi nella prospettiva dellacquisizione delle competenze e dellapprendimento dei saperi e di base. In tal senso è stato pensato il titolo completo del progetto, che è il seguente: Metodo + Motivazione = Successo formativo Se il titolo guarda al piano della metodologia, la dimensione didattica guarda allambiente, ad una proposta di sviluppo per Il Salento come territorio ecosostenibile (Sottotitolo). Si è voluto rendere anche visivamente il progetto attraverso unimmagine, che ne costituirà il logo, da diffondere attraverso brochure, locandine, rete telematica e vari altri strumenti di diffusione. Come si evince dallimmagine, la motivazione allo studio è rappresentata della locomotiva che corre lungo un percorso articolato (che costituisce il metodo) per arrivare, dopo il sacrificio della salita, in cima ad una montagna illuminata dal sole (successo formativo) dalla quale finalmente si può scorgere uno splendido paesaggio e provare la soddisfazione degli sforzi compiuti. Il paesaggio attorno vuole richiamare limportanza della natura, in quanto tutto lintervento formativo,ha come comune denominatore Il Salento come modello di territorio ecosostenibile. L a s c e l t a d e l t i t o l o

4 FINALITA 1) Contribuire alla lotta contro la dispersione scolastica 2) Rimotivare gli allievi allo studio AZIONI DI SISTEMA - Istituzione del comitato tecnico scientifico - Azioni di monitoraggio delle attività e valutazione finale - Spinta alle buone pratiche ed alla trasferibilità FORMAZIONE DEI FORMATORI Per ciò che concerne la formazione dei docenti coinvolti nel progetto, sono previsti dei moduli di formazione affidati ad esperti esterni forniti dallUniversità, che è soggetto partner di rete. Il piano esecutivo della formazione dei formatori persegue quattro macro obiettivi di seguito delineati: - linsegnamento secondo una struttura modulare - lindividualizzazione del percorso, in funzione dellalunno, secondo le strategie più consone - le attività di accompagnamento dellallievo, dallaccoglienza al termine del percorso - ladozione di metodologie attive e motivanti, quali il cooperative learning CONTENUTI DELLA FORMAZIONE DEI FORMATORI 1) CONTESTO SOCIALE E COMPITI DELLA SCUOLA 2) MOTIVAZIONE ALLO STUDIO E SUCCESSO FORMATIVO 3) ELEMENTI DI METODOLOGIA DELLO STUDIO I m p i a n t o o r g a n i z z a t i v o

5 ModuloUnità didattiche Asse culturale di riferimento Comunicazione Comunicazione scritta Comunicazione orale Asse dei linguaggi Matematica Algebra Aritmetica Geometria Asse della matematica Scienze Fisica Chimica Biologia Scienza naturali Asse scientifico tecnologico In fase esecutiva, si procederà alla progettazione dei contenuti di dettaglio per ogni asse (per le attività curriculare ed extra-curriculari) MODALITA Le modalità didattiche utilizzate nei moduli in aula saranno orientate al saper fare. In tal senso, di seguito vengono elencati i principali elementi delle applicazioni didattiche: - Didattica laboratoriale - Cooperative learning - Problem solving - Learning by doing Si privilegerà per pertanto una metodologia finalizzata allacquisizione di comepenze, oltre che, ovviamente, dei saperi teorici di base. S t r u t t u r a d i d a t t i c a DESTINATARI Gli alunni coinvolti sono costituiti da gruppi classe, come di seguito indicato: - 1 classe di III Media - 3 classi di I Superiore Le classi terminali della Scuola Media devono infatti prepararsi alla continuità formativa nella Scuola Superiore, evitando il rischio di discontinuità traumatizzanti o demotivanti. Le classi prime del superiore presentano daltra parte il maggior rischio di dispersione e al contempo devono migliorare una ancora inadeguata motivazione allo studio. Esemplificazione dei contenuti sul tema del SALENTO COME MODELLO DI TERRITORIO ECOSOSTENIBILE

6 Salento dai mille volti I SEZIONE a cura di ISTITUTO E. LANOCE MAGLIE

7 IL SALENTO, LA CULTURA, LE TRADIZIONI, LA GASTRONOMIA, PER UNA TERRA DAI MILLE VOLTI Feste e sagre Le tradizioni popolari Lenogastronomia La cultura della taranta

8 FESTE E SAGRE Il Salento è da sempre terra ricca di cultura e tradizioni, dove sacro e profano convivono nelle numerose feste e sagre che animano per lo più i mesi estivi ma che da qualche tempo assumono una sequenzialità in grado di coprire quasi tutti i periodi dellanno. Le feste per il santo patrono, le celebrazioni per la Settimana Santa, il Carnevale sono gli esempi di questo profondo retroterra culturale che si perde nella notte dei tempi. Così la danza delle tarantate a Galatina in occasione della festa dei santi Pietro e Paolo il 29 giugno; e come non parlare della sagra della municeddha a Cannole dall11 al 13 agosto o della notte di San Rocco con tamburelli, pizzica e ballate a Torre Paduli o, ancora del monumentale presepe vivente di Tricase sul Monte Orco.

9 LE TRADIZIONI POPOLARI Costituiscono la stessa essenza del Salento turistico in un intreccio di suggestioni, credenze e devozioni, usanze antiche vengono tramandate per generazioni mantenendo inalterato il fascino mediterraneo. Tra queste una citazione meritano le Tavole di San Giuseppe, dei veri e propri pranzi offerti in onore del Santo come voto o richiesta di grazia. Lorigine di queste tavole e legata a la liturgie bizantina secondo i monaci basiliani, mossi a compassione verso la gente povera del luogo offrivano protezione e pasti caldi.

10 LE TRADIZIONI POPOLARI Capitolo a parte per la focara, gigantesco falò realizzato a Novoli il 17 gennaio per i festeggiamenti in onore del patrono SantAntonio abate. Nella piazza centrale si ammassano migliaia di fascine su cui viene sistemata una bengalata, fuochi dartificio che una volta innescati raggiungono la bandiera raffigurante SantAntonio, posizionata sulla sommità della focara.

11 LE TRADIZIONI POPOLARI Di grande impatto visivo in tutte le feste salentine è la tradizione delle luminarie, veri e propri merletti di luce per la cui riuscita spesso si ingaggiano sfide tra le tante ditte del Salento.

12 LENOGASTRONOMIA Ormai da qualche anno, il Salento si annovera tra i maggiori itinerari legati oltre che alla cultura propriamente detta anche a quella branca in continua espansione che è lenogastronomia. La cucina salentina è umile e povera ma molto nutriente e ricca di sapori, specchio delle tante dominazioni che si sono avvicendate in questa terra lasciando tracce indelebili nellarte culinaria.

13 LENOGASTRONOMIA La necessità di consumare un pasto molto energetico nel breve spazio di una pausa durante il faticosissimo lavoro della terra imponeva ai contadini di mangiare vivande semplici come i fichi secchi, le frise, i legumi. Oggi questo e molto altro viene gustato da turisti provenienti da tutto il mondo nelle puteche che punteggiano piccoli e grandi centri del Salento. Il tutto innaffiato dal buon vino dei nostri vigneti odorosi scaldati dal sole e curati dalla sapiente mano delluomo.

14 LA CULTURA DELLA TARANTA Il Salento, i paesi della Grecìa, Galatina sono noti ai più per il rito e la cultura della Taranta. Anticamente era diffusa la credenza, poi sfatata da numerosi studi scientifici su base antropologica, che un ragno nero presente nei campi di grano, pizzicasse i mietitori e generasse un senso di frenesia dalla quale ci si liberava solo bevendo lacqua del pozzo di San Paolo situato nellomonima chiesetta a Galatina.

15 LAMBIENTE NATURALE (Istituto Lanoce Maglie) L A STORIA GEOLOGICA DEL S ALENTO Calcari e calcareniti Sacche bauxitiche Serre salentine Coste I L CARSISMO Grotte, vore, doline Acqua di superficie e acqua di profondità I L CLIMA L A FLORA I L MARE

16 L A STORIA GEOLOGICA DEL S ALENTO

17

18

19

20


Scaricare ppt "Salento dai mille volti Istituto AttuatorePartner IISS Egidio Lanoce Istituto Comprensivo MAGLIE ZOLLINO-STERNATIA anno scolastico 2009-2010."

Presentazioni simili


Annunci Google