La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Proposte didattiche per la Scuola dellinfanzia e scuola primaria Luciana Ventriglia Insegnante- Formatore A.I.D.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Proposte didattiche per la Scuola dellinfanzia e scuola primaria Luciana Ventriglia Insegnante- Formatore A.I.D."— Transcript della presentazione:

1 Proposte didattiche per la Scuola dellinfanzia e scuola primaria Luciana Ventriglia Insegnante- Formatore A.I.D.

2 Apprendimento Apprendimento Si verifica quando chi apprende decide di mettere in relazione nuove informazioni con le conoscenze che già possiede, rielaborando da sé il materiale di studio, organizzando reti concettuali che collegano i concetti chiave in una struttura unitaria e significativa (J.D. Novak)

3 Apprendimento È come un attaccapanni: se non si trova il gancio a cui appendere il cappotto, questo cade a terra (J.Bruner)

4 Didattica per lapprendimento Conflitto cognitivo Co-costruzione della conoscenza Dimensione operativa Monitoraggio Motivazione, autostima Senso di autoefficacia / stile di attribuzione Sfida ottimale Metacognizione Autoconsapevolezza

5 SE IO FOSSI IL RE DELLA SCRITTURA …. Lascerei le ventuno lettere dellalfabeto perché tutte servono e sono necessarie. Mi piacerebbe eliminare la V e usare solo la F, però non potrei più riconoscere la parola Foglia dalla parola Voglia. Userei, però una magia. Tutte le volte che io scrivo, le lettere si autocorreggono in modo da rappresentare la parola esatta, che corrisponde a quella che avevo pensato io. Le parole scritte dovrebbero conoscere il mio pensiero e andare daccordo con lui. Potrebbero lavorare secondo il principio del tele-trasporto. Quando io scrivo delle frasi con le parole con i suoni sbagliati, la P da un posto dovrebbe andare ad un altro posto dove magari ho messo la B.

6 Autoconsapevolezza Io confondo la N e la M e anche la F e la V e anche la P e la B. non le confndo quando le vedo, le confonto quando le vevo scrivere. Questo problema celo dalla prina e ancora non sono riuscito a superarlo e anche confonto la O con la U. se mi confnto scrivo una parolo, ma chi legge ne legge unaltra o legge una non-parolo ( prod. scritta classe III° ) Le lettere mi combinano scherzi. Sono birichine, smemorate perché non si ricordano che suoni sono. Si travestono per non farsi riconoscere. Mi sono nemiche perché mi fanno sbagliare (dettato alla maestra) Mi confondo il suono di alcune lettere e poi le sbaglio a scrivere. Adesso ho preso il toro per le corna e lho immobilizzato. Il toro sono le lettere che mi danno noia (l, h v, f, n, m, d, t, p, b, a, o, u) (intervento orale Le difficoltà nella scrittura)

7 Lettura e scrittura: processo di apprendimento I bambini hanno la cattiva abitudine di non chiedere il permesso per imparare (Emilia Ferreiro)

8 Fasi di acquisizione della lingua scritta Scrittura preconvenzionale Scrittura sillabica Scrittura sillabico-alfabetica Scrittura alfabetica

9 Scrittura preconvenzionale Non cè corrispondenza fra segni tracciati e i suoni delle parole da scrivere, mentre è presente una relazione tra la parola scritta e le caratteristiche del referente.

10 Scrittura sillabica Cè corrispondenza fra quantità delle sillabe della parola detta e quantità di segni che bisogna scrivere.

11 Scrittura sillabico-alfabetica E rappresentato un numero di suoni superiore a quello delle sillabe,ma non ancora tutti i suoni che compongono le parole

12 Scrittura alfabetica In questa fase i bambini capiscono che la quantità di lettere della parola scritta deve corrispondere alla quantità di suoni della parola detta

13 Come conoscere il livello di concettualizzazione della lingua scritta posseduto dal bambino? Come conoscere il livello di concettualizzazione della lingua scritta posseduto dal bambino?

14 Scrittura spontanea Attività nella quale il bambino viene sollecitato a scrivere parole e frasi Così come sai! si individua levoluzione del livello di concettualizzazione della scrittura si controlla lesecutività della scrittura (direzione, orientamento lettere, occupazione spazio foglio, adeguatezza del segno grafico, ecc.)

15 Lo spazio per la lettura e scrittura nella scuola dellinfanzia L a scuola dellinfanzia dovrebbe permettere a tutti i bambini una sperimentazione libera sui segni della scrittura in un ambiente ricco di scritture diverse, un ascolto della lettura ad alta voce, di vedere gli adulti scrivere, di cercare di leggere, di giocare con il linguaggio per scoprire somiglianze e differenze sonore (E. Ferreiro)

16 Consapevolezza fonologica Conoscenza metalinguistica Abilità di - identificare - classificare - segmentare segmenti fonologici della parola - fondere - manipolare Apprendimento lettura e scrittura

17 Didattica metafonologica PA TA TA RO SA

18 Didattica metafonologica P A T A T A R O S A

19 Didattica metafonologica TA VO LO CA RO TA CAR TO NE

20 Didattica metafonologica P A S T A P A R E T E

21 Didattica metafonologica N A S O V A S O … A S O T N O T E

22 Processo di acquisizione della scrittura (Uta Frith 1985) Fase logografica Fase alfabetica Fase ortografica Fase lessicale VOCABOLARIO VISIVO CONVERSIONE GRAFEMA/FONEMA ASSOCIAZIONE GRUPPI GRAFEMICI /SUONO SINGOLO SCRITTURA DIRETTA DELLA PAROLA PROCESSO AUTOMATICO

23 Le due vie per la lettura Via fonologica indiretta conversione fusione recupero del significato M. A. T. I. T.A MATITA Via diretta lessicale confronto riconoscimento - dizionario immagazzinato -parole in forma visiva MATITA MATITA

24 La scuola osserva i processi COSA OSSERVARE?

25 ELEMENTI DA OSSERVARE scuola dellinfanzia Disturbo di linguaggio Inadeguatezza nei giochi metafonologici Difficoltà a memorizzare filastrocche Difficoltà nella manualità fine Goffaggine nel vestirsi, allacciarsi le scarpe,…. Inadeguato riconoscimento destra/sinistra

26 ELEMENTI DA OSSERVARE scuola primaria Difficoltà a memorizzare sequenze ( mesi, giorni, ordine alfabetico,…) Difficoltà a copiare dalla lavagna Utilizzo difficoltoso dello spazio-pagina Lentezza nellacquisizione del codice alfabetico e della corrispondenza grafema/fonema Scrittura speculare di grafemi e numeri Errori fonologici nella fase alfabetica della scrittura (inversioni, sostituzioni, omissioni, intrusioni) Difficoltà con i digrammi e trigrammi Scarsa competenza metafonologica Difficoltà grafo-motorie

27 ELEMENTI DA OSSERVARE scuola primaria Lettura lenta con errori (salti di riga, ripetizione di riga, confusione tra grafemi p/b/d; a/e/o; u/n; m/n) Difficoltà di calcolo a mente entro il 10 Lentezza ed errori nella enumerazione allindietro da 20 a 0 Difficoltà nella lettura e scrittura dei numeri ad una cifra Difficoltà a memorizzare le procedure delle operazioni aritmetiche Difficoltà di attenzione

28 Dallidentificazione precoce alla diagnosi diagnosi SERVIZI SANITARI SCUOLA formazione FAMIGLIA osservazione sistematica monitoraggio processo apprendimento screening

29 IL BAMBINO CON D.S.A NELLA SCUOLA PRIMARIA Lentezza nella lettura (con progressi nella correttezza) Comprensione del testo non sempre adeguata Errori fonologici (scambio di grafemi, omissione o aggiunta di grafema o di sillaba, inversione, grafema inesatto) errori semantico lessicali (separazioni, fusioni illegali, uso dellh, parole omofone non omografe), altri errori (accento, doppie)

30 IL BAMBINO CON D.S.A NELLA SCUOLA PRIMARIA Difficoltà nellorganizzazione di un testo scritto. Prestazioni grammaticali inadeguate Contenuti di apprendimento dimenticati Difficoltà nellacquisizione del lessico speciale nei testi di studio Difficoltà nella lingua scritta straniera (per la differenza tra scrittura e pronuncia es.:inglese)

31 IL BAMBINO CON D.S.A NELLA SCUOLA PRIMARIA Difficoltà memorizzazione delle tabelline Difficoltà nei sistemi di calcolo scritto e a mente Difficoltà nellimparare le procedure delle operazioni aritmetiche Difficoltà nelle abilità esecutive della scrittura

32 IL MIO MANDO MASCUSSO (Il mio mondo nascosto) IN AMMAM DAI UNA MANO (Mamma mi dai una mano). ASPETTA UN NINOTO (minuto) CHE NOTO (metto) LA CROSTATA IN FORNO. CHE IO SO CON FARE DELL COSSECHE MESSONO SA FARE. SOLTANDO IO SO FARE COSE PELLISSINE ME IO SONO UN GEMIO DELLA LEGO EVO ANCHE LE PISTE CON LA LEGO. MATTEO A PAURA TEL BUGLIO E A LORA A PAURA ANCHE TELL UONO MERO

33 CHE COSA FARE? Procedere con gradualità (presentazione inizialmente solo dello stampato maiuscolo,….) Utilizzare differenti mediatori didattici Fare uso di organizzatori grafici della conoscenza (mappe, schemi, tabelle…) Favorire limpiego di strategie individuali (ascolto, lettura, comprensione, produzione scritta, calcolo, studio, memoria, attenzione,…) Curare la continuità educativa in verticale e in orizzontale Evitare di far leggere a voce alta (promuovere il piacere di condividere un testo letto) Evitare la scrittura veloce sotto dettatura Evitare lo studio della lingua straniera scritta Non richiedere lo studio a memoria delle tabelline Sollecitare luso di strumenti compensativi e dispensativi Favorire luso del computer

34 A proposito di strategie…. Promuovere una relazione positiva con il bambino Io nella mente di… Per mia sorella io leggo male, il mio babbo dice che faccio male le o; la mamma che guardo sempre la tv. Per la maestra di matematica, io sono disordinato. Per la maestra di italiano, ha capito che mi piace scrivere. (da registrazione)

35 Al lettore adulto dite: E faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: Perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca… E piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi allaltezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi.… per non ferirli. Janusz Korczak. Quando ridiventerò bambino PERCHE?


Scaricare ppt "Proposte didattiche per la Scuola dellinfanzia e scuola primaria Luciana Ventriglia Insegnante- Formatore A.I.D."

Presentazioni simili


Annunci Google