La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le grandi tematiche politico-ambientali Corso di Geografia e Politica dellAmbiente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le grandi tematiche politico-ambientali Corso di Geografia e Politica dellAmbiente."— Transcript della presentazione:

1 Le grandi tematiche politico-ambientali Corso di Geografia e Politica dellAmbiente

2 Le risorse energetiche Lenergia, o dellineludibile necessità Le forme Le forme Chimica Chimica Elettrica Elettrica Elettromagnetica Elettromagnetica Meccanica Meccanica Nucleare Nucleare Termica Termica Le fonti Le fonti Primarie Primarie (rinnovabili e non rinnovabili) Secondarie Secondarie

3 Le fonti primarie non rinnovabili I combustibili di origine fossile Petrolio Petrolio Carbone Carbone Gas naturale = Metano Gas naturale = Metano Assicurano l80% del consumo mondiale di energia Caratteristiche: Distribuzione spaziale ineguale Distribuzione spaziale ineguale Tendenzialmente tutte appropriate Tendenzialmente tutte appropriate Richiedono una gran quantità di investimenti per estrarle dal loro ambito naturale e renderle commerciabili Richiedono una gran quantità di investimenti per estrarle dal loro ambito naturale e renderle commerciabili Sono sostituibili => favoriscono le innovazioni tecnologiche Sono sostituibili => favoriscono le innovazioni tecnologiche

4 Le materie prime combustibili per il nucleare Uranio e Torio Uranio e Torio Problemi ambientali rilevanti: Sicurezza tecnica del reattore Sicurezza tecnica del reattore Trattamento e conservazione delle scorie Trattamento e conservazione delle scorie Rischio di attentati e proliferazione delle armi atomiche Rischio di attentati e proliferazione delle armi atomiche In Italia, il referendum del 1987 ha inibito per legge la costruzione di nuove centrali nucleari, ma negli ultimi mesi il governo italiano ha deciso il rilancio della produzione energetica nucleare. Alcune perplessità sulla capacità risolutiva del nucleare di fronte alle ricorrenti crisi dei mercati petroliferi: Rappresentano comunque risorse soggette ad esaurimento e non abbastanza estese da consentire la sostituzione di petrolio e gas Rappresentano comunque risorse soggette ad esaurimento e non abbastanza estese da consentire la sostituzione di petrolio e gas Elevati costi di costruzione delle centrali e di mantenimento dei reattori Elevati costi di costruzione delle centrali e di mantenimento dei reattori Difficoltà della distribuzione Difficoltà della distribuzione Incerti rapporti del nucleare con leffetto-serra Incerti rapporti del nucleare con leffetto-serra

5 Le fonti primarie rinnovabili Rispondono alla condizione di equità intergenerazionale Irradiazione solare => Energia solare diretta Irradiazione solare => Energia solare diretta Acqua => Energia idraulica Acqua => Energia idraulica Vento => Energia eolica Vento => Energia eolica Biomasse Biomasse Gradienti termici e maree Gradienti termici e maree Geotermia Geotermia La rinnovabilità delle risorse non è un concetto assoluto: Si tratta di una rinnovabilità che risulta dal lavoro della natura, che opera con i suoi ritmi e le sue regole, cosicché la risorsa «rinnovabile» può esaurirsi qualora il suo tasso di utilizzo superi il tasso di accrescimento.

6 Alcuni esempi di sfruttamento delle energie rinnovabili

7 La (in)sostenibilità dei trend di consumo energetico I risparmi energetici sono un fenomeno marginale in un quadro di sostanziale stabilità dei valori dellintensità energetica (IE), che stabilisce un rapporto fra la ricchezza prodotta (PIL) e il consumo di energia (E): LIE è assunta come misura fondamentale dellefficienza del sistema, nel senso che quanto è più bassa lintensità energetica tanto maggiore è lefficienza e viceversa. La domanda crescente di combustibili fossili incontrerà a breve un trend declinante dellofferta, che metterà lumanità di fronte a una difficile transizione verso un regime energetico più sostenibile, soprattutto in relazione alle prospettive di esaurimento dei giacimenti di petrolio nel breve/medio periodo (crisi petrolifera stimata entro la fine del XXI secolo) IE= E/PIL

8 Leffetto serra e il cambiamento climatico Aumento della temperatura dellatmosfera a causa della crescita della percentuale di alcuni gas (GHG – Greenhouse gases), in particolare di anidride carbonica. Leffetto–serra naturale è una condizione vitale per il nostro pianeta, ma la sua accentuazione, dovuta soprattutto allaccumulo di CO 2 legata alla combustione di carburanti fossili, intrappola e riflette una maggiore quantità di calore che non riesce più a disperdersi nello spazio e riscalda più della norma latmosfera. => LOnu crea lIPCC (International Panel on Climate Change) con lincarico di studiare i cambiamenti climatici legati alleffetto-serra. Viene provata lesistenza di una correlazione tra gas-serra e riscaldamento terrestre. => LOnu crea lIPCC (International Panel on Climate Change) con lincarico di studiare i cambiamenti climatici legati alleffetto-serra. Viene provata lesistenza di una correlazione tra gas-serra e riscaldamento terrestre. Oggi non si considera più il cambiamento climatico come una fase di un ciclo, ma come un trend di riscaldamento accelerato 1988

9 Il Protocollo di Montreal (1987 – in vigore dal 1/01/1989) Il Protocollo di Montreal (1987 – in vigore dal 1/01/1989) Obiettivo: proteggere lozonosfera dallimpoverimento, controllando le emissioni delle sostanze responsabili del c.d. buco dellozono Clorofluorocarburi (CFC) e Clorofluorobromuri (halon) Il Protocollo di Kyoto (1997 – in vigore dal 16/02/2005) Il Protocollo di Kyoto (1997 – in vigore dal 16/02/2005) Perché tanto tempo? Il no degli Stati Uniti impediva il raggiungimento della doppia soglia minima di impegni sottoscritti: 55% dei paesi del mondo le cui emissioni rappresentino il 55% del totale delle emissioni controllate. Ladesione della Federazione Russa nel 2004 ne ha permesso lentrata in vigore.

10 Il Protocollo di Kyoto Obiettivo: riduzione totale delle emissioni di GHG del 5,2% rispetto al 1990 per il periodo Mercato delle emissioni (Emission Trading): borsa dove è possibile acquistare le quote dei paesi virtuosi che sono riusciti a ridurre le emissioni di CO 2 più del dovuto. JI – Joint Implementation JI – Joint Implementation Meccanismi flessibili: CDM – Clean Development Mechanism Carbon Sink - LULUCF Carbon Sink - LULUCF Consentono di aquisire diritti a eccedere le emissioni assegnate (Assigned Amount Units) grazie ad azioni internazionali atte a ridurre le emissioni di GHG fuori dal territorio nazionale. Decisione 2002/358/CE => lUE accetta gli impegni di Kyoto approvando la riduzione delle emissioni dell8% rispetto al 1990 nel periodo , potenziando il mercato delle emissioni attraverso la Direttiva 2003/87/CE che crea lEU – Emission Trading Scheme. Oggi è in fase di negoziazione il pacchetto emissioni-energia dellUE che stabilisce la formula entro il 2020 => riduzione del 20% delle emissioni di CO 2, 20% del consumo di energia derivante da rinnovabili, aumento del 20% dellefficienza energetica.

11 Lacqua, loro blu del XXI secolo E ancora un Global Commons? Attraverso la gestione delle risorse idriche (privatizzazioni), lacqua sta diventando un bene privato trattabile secondo logiche di mercato. Tuttavia la gestione dellacqua è necessaria, per mettere in atto adeguate misure di risparmio, distribuzione e depurazione. Si è dato il via a livello europeo ad una politica sostenibile a lungo termine Non esistono meccanismi di regolazione globale dellacqua simili a quelli elaborati per laria, ma solo una gran quantità di trattati bilaterali e approcci confliggenti fra loro: Principio della sovranità territoriale assoluta Principio della sovranità territoriale assoluta Principio della integrità territoriale assoluta Principio della integrità territoriale assoluta Regola del primo (storico) utilizzatore Regola del primo (storico) utilizzatore Regola della ragionevole ed equa spartizione Regola della ragionevole ed equa spartizione Regola dellappartenenza Regola dellappartenenza Regola dello sviluppo ottimale Regola dello sviluppo ottimale Direttiva 2000/60/CE

12 La Biodiversità La varietà delle forme di vita Due approcci: genetico, basato sulla classificazione delle specie viventi di Linneo genetico, basato sulla classificazione delle specie viventi di Linneo ecosistemico, basato sulla varietà delle specie in un dato ecosistema ecosistemico, basato sulla varietà delle specie in un dato ecosistema Quando si comincia a parlare di biodiversità? => Rachel Carson pubblica Silent Spring, denunciando i pericoli invisibili del DDT. Lautrice afferma che lavvelenamento della catena alimentare in un punto produce un avvelenamento sistemico e generale. => Rachel Carson pubblica Silent Spring, denunciando i pericoli invisibili del DDT. Lautrice afferma che lavvelenamento della catena alimentare in un punto produce un avvelenamento sistemico e generale. Si prende coscienza che lazione umana e le trasformazioni dellambiente comportano lalterazione di un ecosistema e la riduzione della sua complessità, intesa come ricchezza di specie e produttività. 1962

13 Il cambiamento biologico degli ecosistemi Selezione naturale Selezione naturale Cambiamenti climatici Cambiamenti climatici Azione delluomo => dalla prédaction alla production, cioè lartificializzazione dello spazio attraverso lagricoltura. Lattività agricola ha contribuito ad accelerare il processo di perdita di biodiversità, perché luomo seleziona le specie a lui più utili eliminando le altre (ad esempio le erbacce). Azione delluomo => dalla prédaction alla production, cioè lartificializzazione dello spazio attraverso lagricoltura. Lattività agricola ha contribuito ad accelerare il processo di perdita di biodiversità, perché luomo seleziona le specie a lui più utili eliminando le altre (ad esempio le erbacce). Il cambiamento biologico di origine antropica sta portando alla «sesta estinzione»

14 Strategie di conservazione della natura 1872 => nasce il primo parco naturale di Yellowstone 1872 => nasce il primo parco naturale di Yellowstone 1970 => National Environmental Policy Act 1970 => National Environmental Policy Act 1971 => Convenzione di Ramsar, primo trattato globale che assume lecosistema a base dellazione per la conservazione della natura 1971 => Convenzione di Ramsar, primo trattato globale che assume lecosistema a base dellazione per la conservazione della natura 1992 => Convenzione sulla diversità biologica (Rio de Janeiro) 1992 => Convenzione sulla diversità biologica (Rio de Janeiro) Conservazione della diversità biologica Conservazione della diversità biologica Uso sostenibile delle sue componenti Uso sostenibile delle sue componenti Equa divisione dei benefici derivanti dalluso delle componenti della biodiversità Equa divisione dei benefici derivanti dalluso delle componenti della biodiversità 1992 => Direttiva 92/43/CEE Habitat, direttiva di recepimento della CDB, che prevede la realizzazione di un network di aree protette europee «Natura 2000» 1992 => Direttiva 92/43/CEE Habitat, direttiva di recepimento della CDB, che prevede la realizzazione di un network di aree protette europee «Natura 2000» 2001 => Sesto Programma dazione per lambiente (2001/2010), riconosce la biodiversità come uno degli obiettivi prioritari dello sviluppo sostenibile 2001 => Sesto Programma dazione per lambiente (2001/2010), riconosce la biodiversità come uno degli obiettivi prioritari dello sviluppo sostenibile


Scaricare ppt "Le grandi tematiche politico-ambientali Corso di Geografia e Politica dellAmbiente."

Presentazioni simili


Annunci Google