La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IDENTITA DELLA DISCIPLINA E IDONEITA DEL DOCENTE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IDENTITA DELLA DISCIPLINA E IDONEITA DEL DOCENTE."— Transcript della presentazione:

1 IDENTITA DELLA DISCIPLINA E IDONEITA DEL DOCENTE

2 Identità della disciplina e Idoneità del docente SOMMARIO SOMMARIO 1.Storia dellIRC.Storia dellIRC 2.Natura e finalità.Natura e finalità. 3.IRC e catechesi.IRC e catechesi. 4.LIRC nella comprensione della Chiesa.LIRC nella comprensione della Chiesa 5.Linsegnante di religione (Idr).Linsegnante di religione (Idr). 6.La legge 186/03.La legge 186/03. 7.I titoli di qualificazione professionale.I titoli di qualificazione professionale. 8.Lidoneità.Lidoneità. 9.La nomina dintesa.La nomina dintesa. 10.L'Idr secondo la Chiesa.L'Idr secondo la Chiesa

3 Identità della disciplina e idoneità del docente – Storia dellIRC Storia dellIRC Storia dellIRC Il sistema scolastico italiano nasceva con lestensione della legislazione piemontese allintero territorio nazionale secondo i canoni indicati dalla legge Casati. La legge n° 3725 del 13 novembre 1859 (legge Casati), destinata a rimanere per molti decenni in Italia la legge fondamentale in materia scolastica, tra le tante cose introduceva, tra le varie discipline, anche linsegnamento religioso. Nella scuola elementare esso figurava come prima materia obbligatoria, impartita da maestro e controllata dal parroco; nelle scuole secondarie di indirizzo classico e tecnico era impartita da un "direttore spirituale" e nelle scuole normali, quelle cioè che preparavano i maestri all'insegnamento nella scuola elementare, da un titolare di cattedra e costitutiva materia d'esame finale. Vi era però la possibilità dell'esonero su richiesta dei genitori.

4 Identità della disciplina e idoneità del docente - Storia dellIRC Tuttavia negli anni successivi, per un forte spirito anticlericale e laicista e per i difficili rapporti tra Stato e Chiesa, la politica del governo ostacolava e tentava di estromettere l'insegnamento religioso dalla scuola pubblica. Nel 1877 il ministro Michele Coppino (Legge n° 3961) decretava che l'insegnamento religioso era unicamente facoltativo a richiesta delle famiglie. Il clima mutava con l'avvento del fascismo. Giovanni Gentile metteva mano alla riforma globale del sistema scolastico italiano (1923) e reintroduceva l'IR nella scuola elementare con frequenza obbligatoria. Il filosofo riteneva che la religione fosse fondamento e coronamento dellistruzione pubblica, un momento necessario, e da superare, della vita dello Spirito, una propedeutica alla filosofia. Riconosceva limportanza e la necessità della religione e la sua funzione educativa per i fanciulli. Cosa che si traduceva in una organizzazione conseguente dellintera scuola elementare, nella quale erano previste le ore speciali di religione cattolica, ma soprattutto alla religione si doveva fare «un posto notevole in molti insegnamenti, in quanto essa li investe necessariamente col suo spirito» (OM ).

5 Identità della disciplina e idoneità del docente - Storia dellIRC Questo quadro favorevole apriva alla conciliazione tra Stato e Chiesa, che si concretizzava nei "Patti Lateranensi", firmati l' Nel testo concordatario l'IR non aveva bisogno della C (cattolica). Linsegnamento riguardava non la religione ma «la dottrina cristiana secondo la forma ricevuta dalla tradizione cattolica». Era una sorta di legittima catechesi di Stato. I programmi prevedevano «preghiere e nozioni fondamentali della dottrina cristiana; brevi e chiare sentenze e narrazioni di immediata significazione, ricavate dalle Scritture [...]; lezioni sulla morale e sul dogma cattolico... Principi della vita religiosa e del culto; Sacramenti e rito secondo la credenza e la prassi cattolica.» Il Concordato del 29 (art. 36) poteva far propria la formula già elaborata dal ministro Gentile per listruzione religiosa nella scuola elementare, dove essa era posta a fondamento e coronamento dellistruzione, dando alla formula enfasi e solennità, ma snaturandola in profondità. Già prima lIR era ordinariamente affidato allinsegnante di classe, dotato di idoneità riconosciuta dallautorità diocesana; in mancanza di insegnanti idonei si provvedeva con persone disponibili. Il concordato si limitava ad estendere alle scuole medie inferiori e superiori questo regime, prevedendo un corpo docente formato innanzitutto da sacerdoti o religiosi e solo sussidiariamente da laici muniti del certificato di idoneità. L'IR ora era presente nella scuola per tutti, con obbligo di frequenza e possibilità di esonero e non prevedeva voti ed esami, ma una nota da annettere alla pagella.

6 Identità della disciplina e idoneità del docente - Storia dellIRC La CM 311 del 1945 aggiungeva nel secondo ciclo della scuola elementare, dove praticamente tutti gli insegnanti erano laici, 20 mezze ore annue di lezione affidate a sacerdoti presentati dal vescovo allautorità scolastica (forse scarsa fiducia nei confronti dei laici?). Con lentrata in vigore della Costituzione repubblicana lassetto concordatario cominciava a mostrare qualche incongruenza, visto che cadeva il principio della religione di Stato ma si assorbiva ugualmente i Patti Lateranensi allinterno dellordinamento costituzionale (art. 7). Per lIR veteroconcordatario era ancora plausibile presentarsi sotto forma di vera e propria catechesi, anche in età repubblicana. Questo orientamento lo si trovava nei programmi del 1955 per la scuola elementare, nei programmi di religione della scuola media unica del 1962 e nei programmi di religione delle superiori del 1967.

7 Identità della disciplina e idoneità del docente - Storia dellIRC La svolta nella considerazione dellIR nella scuola pubblica avviene gradualmente, soprattutto a partire dagli anni Settanta. In questo periodo si sviluppava il dibattito sullIR, per il quale appariva ormai inadeguata la soluzione concordataria. Due erano le ipotesi che su cui maggiormente si discuteva: 1. un IR non confessionale (come attenzione alla dimensione religiosa universale della persona), affidato alla sola competenza dello Stato ed eventualmente integrato, per chi lo desiderasse, dallIR confessionale; 2. un IR aconfessionale, alternativo a quello cattolico, obbligatoriamente frequentato da coloro che non scegliessero quello concordatario. Intanto la prassi didattica si apriva a sperimentare forme di Ir sempre meno legate alla caratterizzazione confessionale ed ai programmi ufficiali. Nel 1979 usciva il nuovo programma di religione per la scuola media, nel quale cominciavano ad emergere unimpostazione ed un linguaggio nuovi: «lIR si inserisce nelle finalità della scuola e concorre, in modo originale e specifico, alla formazione delluomo, favorendo lo sviluppo della personalità dellalunno nella dimensione religiosa, nel rispetto delle norme costituzionali e degli ordinamenti della scuola».

8 Identità della disciplina e idoneità del docente - Storia dellIRC Lattuale profilo dellIRC nella scuola italiana è stato disegnato dallAccordo di revisione del Concordato del 1984 e dalle successive Intese, che lo collocano stabilmente allinterno dellimpianto normativo, pedagogico e didattico delle istituzioni scolastiche della Repubblica italiana. La Repubblica italiana, riconoscendo il valore della cultura religiosa e tenendo conto che i principi del cattolicesimo fanno parte del patrimonio storico del popolo italiano, continuerà ad assicurare nel quadro delle finalità della scuola, linsegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche non universitarie di ogni ordine e grado. Più che evidente la continuità con il passato, ma anche da evidenziare il nuovo assetto dellIRC.

9 Identità della disciplina e idoneità del docente – Natura e finalità Natura e finalità dellIRC Natura e finalità dellIRC Nellart. 9, c. 2 dellAccordo (1984), cè la costituzione delloggetto scolastico, con laffermazione del valore della cultura religiosa e, più ancora, con il riconoscimento dei principi del cattolicesimo come facenti parte del patrimonio storico italiano; cè, soprattutto, lindividuazione del valore pedagogico dellIRC, nel momento in cui lo si assicura «nel quadro delle finalità della scuola». In questo senso lIRC è curricolare, appartiene cioè a pieno titolo al curricolo, a quel percorso a tappe che caratterizza la scuola. Il curricolo non è completo senza lIRC, capace di offrire un contributo al percorso educativo e di apprendimento delle giovani generazioni, sia nella direzione di una più robusta cultura religiosa (cattolicesimo), sia nella direzione di una più matura consapevolezza, capacità critica e di orientamento, di fronte al fatto religioso.

10 Identità della disciplina e idoneità del docente - Natura e finalità LAccordo del 1984 inseriva lIRC «nel quadro delle finalità della scuola». Esse potevano e possono essere in primo luogo ricavate dalla Costituzione (art. 2 e art. 3) e, in secondo luogo, dalla legislazione scolastica (DLgs 297/94, art.1). La finalità principale della scuola, quindi, può essere individuata nello sviluppo della persona umana o nella piena formazione della personalità degli alunni. Il pieno sviluppo della persona non può fare a meno dellattenzione alla sfera religiosa. LIRC, allora, si inserisce nelle finalità della scuola concorrendo, in modo originale e specifico, alla formazione delluomo, e favorendo lo sviluppo della personalità dellalunno.

11 Identità della disciplina e idoneità del docente - Natura e finalità LIRC resta confessionale, insegnamento in conformità alla dottrina della Chiesa, che prepara programmi, testi e insegnanti. Ma non sono confessionali le sue finalità. LIRC non è propriamente della Chiesa, ma dello Stato, con il quale la Chiesa collabora. Essa non gestisce più il suo spazio autonomo nella scuola dello Stato, come nella prospettiva veteroconcordataria. Piuttosto alla Chiesa è chiesto di mettersi al servizio di tutte le famiglie e gli alunni, svolgendo un compito qualificato e riconosciuto, indispensabile al curricolo scolastico. La gestione, quindi, dellIRC è bilaterale. Questa prospettiva nuova rientra nella cornice ben delineata dallart. 1 dellAccordo, dove si afferma che Stato e Chiesa, ciascuno nel proprio ordine indipendenti e sovrani, si impegnano alla reciproca collaborazione per la promozione delluomo e il bene del Paese.

12 Identità della disciplina e idoneità del docente - Natura e finalità Ma valore culturale del cattolicesimo non significa insegnamento dimezzato o di un generico cattolicesimo che non conosca i suoi aspetti caratteristici e individualizzanti, ma conoscenza precisa nella sua interezza, che comprende fonti, contenuti della fede, aspetti di vita, espressioni di culto e quantaltro è necessario per apprenderlo. E il tutto orientato alle finalità scolastiche che sono di conoscenze di quella specifica cultura italiana, e oggi dovremmo dire europea ed occidentale, che non è possibile spiegare e conoscere in tutte le sue forme (letteratura, arte, musica …) senza il cattolicesimo.

13 Identità della disciplina e idoneità del docente - Natura e finalità LIRC nella scuola si propone come (cfr. Nota CEI 91): un contributo per la maturazione della persona; un contributo alla maturazione culturale di tutti, credenti e non, oppure credenti di altre religioni. Poiché lIRC è un servizio alla crescita globale della persona, mediante una cultura attenta anche alla dimensione religiosa della vita, si può immediatamente comprendere come questa disciplina non debba essere proposta solo a quegli alunni che esplicitamente si dichiarano cattolici; un servizio educativo e culturale offerto a quanti sono disposti a considerare i grandi problemi delluomo e della cultura, a riconoscere il ruolo insopprimibile e costruttivo che, in questi problemi, ha la realtà religiosa e a confrontarsi con il messaggio e con i valori della religione cattolica espressi nella storia e nel vissuto del nostro popolo; un momento privilegiato di ricerca e di verifica rispondendo così ai compiti propri della scuola pubblica, che è chiamata a favorire negli alunni lattitudine al confronto, alla tolleranza, al dialogo e alla convivenza democratica.

14 Identità della disciplina e idoneità del docente - Natura e finalità La logica scolastica fin qui esposta è stata più volte ribadita ufficialmente sia dalla Chiesa che dallo Stato. Di fatto, però, non tutto è così pacifico, tantè vero che immediatamente dopo la revisione concordataria e fino a oggi sono fiorite e continuano le polemiche contro lIRC, inteso ancora, in buona sostanza, come catechesi di una confessione religiosa privilegiata dallo Stato. Alcuni ritengono, anche allinterno delle nostre comunità cristiane, non necessaria la frequenza allora di religione perché la giudicano un duplicato di quanto si fa al catechismo.

15 Identità della disciplina e idoneità del docente – IRC e catechesi IRC e catechesi IRC e catechesi La riflessione postconciliare sul rinnovamento della catechesi chiariva che «con la catechesi la Chiesa si rivolge a chi è già sul cammino della fede» ( CEI, Il rinnovamento della Catechesi, 1970, n. 38). Se dunque la catechesi deve fondarsi su presupposti almeno minimi di fede, nella scuola, in quanto aperta a tutti a prescindere da dichiarazioni o appartenenze religiose, non è possibile, pur volendolo, fare catechesi. LIRC non può essere confuso con la catechesi.

16 Identità della disciplina e idoneità del docente – IRC e catechesi Lora di religione, quindi, è distinta dal catechismo. Si tratta di due cose diverse, ma non contrastanti. Le principali diversità sono: negli obiettivi: IRCCatechesi contribuire, insieme con le altre materie, a far maturare la persona in modo completo, equilibrato e sereno contribuire alla crescita nella fede cristiana e di preparare adeguatamente a ricevere i Sacramenti

17 Identità della disciplina e idoneità del docente – IRC e catechesi nella prassi: IRCCatechesi ha un professore, ha un orario definito allinterno dellorario scolastico, ha un libro di testo, si serve di valutazioni quadrimestrali definite dal MPI. La programmazione educativa e didattica dellIRC, inoltre, deve essere coerente con quella della scuola e del consiglio di classe, con il quale costantemente lIdr si confronta è uno strumento essenziale di educazione alla fede, alla vita comunitaria ecclesiale e usa il metodo della pastorale sia di ciascuna parrocchia sia della diocesi di cui la parrocchia fa parte. Gli strumenti essenziali sono la preghiera, lesercizio concreto della carità cristiana, la celebrazione dei Sacramenti, la vita comunitaria

18 Identità della disciplina e idoneità del docente - IRC e catechesi nei destinatari: IRCCatechesi possono partecipare tutti i ragazzi, purché interessati partecipano solo i credenti o coloro che desiderano compiere una scelta di carattere religioso

19 Esperienza dello studio, della ricerca, del confronto Testimonianza della comunità. Parola. Culto - Sacramenti CITTADINO/SCOLARO Conoscenza fondata, Critica e rispettosa CREDENTE Mentalità di fede che si esprime in gesti e comportamenti Dallo schema si può evincere come i due contesti, si caratterizzano epistemologicamente per le loro specifiche finalità e per il metodo, anche se i contenuti sono comuni, anzi si incontrano in uno spazio comune. Identità della disciplina e idoneità del docente - IRC e catechesi Ambito della Catechesi Ambito dellIRC

20 Oggetto Cattoli- cesimo Soggetto Alunno I.R.C Analogie e differenze fra IRC e Catechesi Adesione vitale Celebrazioni..riti.. Soggetto Credente Oggetto Fede cattolica Catechesi Identità della disciplina e idoneità del docente - IRC e catechesi Indirizzi Metodologie

21 Identità della disciplina e idoneità del docente – IRC e Chiesa LIRC nella comprensione della Chiesa LIRC nella comprensione della Chiesa LIRC nella comprensione della Chiesa LIRC nella comprensione della Chiesa (cfr. Nota CEI 91) LIRC è un servizio educativo a favore delle nuove generazioni, «volto a formare personalità giovanili ricche di interiorità, dotate di forza morale e aperte ai valori della giustizia, della solidarietà e della pace, capaci di usare bene della propria libertà» (G. PAOLO II, Discorso alla XXIV Assemblea Generale della CEI, Roma ). Esso intende rispondere alle domande della persona e offrire la possibilità di conoscere quei valori che sono essenziali per la sua formazione globale. L'IRC offre il suo specifico contributo al pieno sviluppo della personalità degli alunni, promuovendo l'acquisizione della cultura religiosa. Non è, dunque, qualcosa di aggiuntivo o di marginale al processo scolastico, ma si inserisce armoniosamente nel contesto della vita della scuola, rispettandone e valorizzandone le finalità e i metodi propri. LIRC come insegnamento culturale, ossia come proposta di una cultura per l'uomo entro cui l'elemento religioso ha un suo posto determinante e insostituibile, per i fatti che interpreta, per i valori che indica, per l'apertura al trascendente verso cui orienta.

22 Identità della disciplina e idoneità del docente - IRC e Chiesa «L'insegnamento della religione - rileva Giovanni Paolo II nel discorso al Simposio europeo sull'IRC - non può infatti limitarsi a fare l'inventario dei dati di ieri, e neppure di quelli di oggi, ma deve aprire l'intelligenza e il cuore a cogliere il grande umanesimo cristiano, immanente nella visione cattolica. Qui siamo veramente alla radice della cultura religiosa, che nutre la formazione della persona e contribuisce a dare all'Europa dei tempi nuovi un volto non puramente pragmatico, bensì un'anima capace di verità e di bellezza, di solidarietà verso i poveri, di originale slancio creativo nel cammino dei popoli» (GIOVANNI PAOLO II, Discorso al Simposio del Consiglio delle Conferenze Episcopali Europee sull'insegnamento della religione cattolica nella scuola pubblica, Roma 15 aprile 1991).

23 Identità della disciplina e idoneità del docente - IRC e Chiesa «Grazie allIRC, dunque, la scuola e la società si arricchiscono di veri laboratori di cultura e di umanità, nei quali, decifrando lapporto significativo del cristianesimo, si abilita la persona a scoprire il bene e a crescere nella responsabilità, a ricercare il confronto ed a raffinare il senso critico, ad attingere dai doni del passato per meglio comprendere il presente e proiettarsi consapevolmente verso il futuro» ( Benedetto XVI agli Insegnanti di religione cattolica italiani, ). Lungi dallessere strumento di proselitismo, lIRC è nella scuola per una cultura a servizio della persona.

24 Identità della disciplina e idoneità del docente - IRC e Chiesa Decisiva per lIRC è la sua caratteristica di essere un insegnamento che presenta i contenuti del cattolicesimo e che viene svolto da docenti riconosciuti idonei dalla Chiesa. Sono note le difficoltà insorte a questo proposito. Si afferma, ad esempio, che questo insegnamento, proprio perché presenta i contenuti della religione cattolica, non sarebbe compatibile con una scuola laica e pluralista e che comunque la sua presenza, garantita dallAccordo concordatario, dovrebbe essere marginale e aggiuntiva. Di qui le tensioni che sullIRC si sono più volte manifestate. Ci pare che la risposta a tali difficoltà sia da ritrovarsi in una visione di scuola e di cultura in cui listanza religiosa non è ritenuta rilevante, quasi fosse un fatto solo privato e soggettivo. E allora naturale considerare la presenza della Chiesa nellambiente scolastico come un puro privilegio pattizio.

25 Identità della disciplina e idoneità del docente - IRC e Chiesa Altri problemi sorgono quando: nellintento di accentuare il carattere scolastico dellIRC, si stempera talmente il valore dei suoi contenuti da ridurlo a una semplice descrizione dei fatti religiosi e delle religioni, o ad uno svolgimento di episodiche tematiche a sfondo religioso, morale, storico; trascurando il carattere scolastico dellIRC, si ricorre a metodologie che non sono confacenti e rispettosi della laicità e del pluralismo della scuola pubblica. La mediazione culturale e scolastica dei contenuti della religione cattolica che viene operata dall'IRC corrisponde al dinamismo intrinseco della fede cristiana che, come dice G. Paolo II, «esige di essere pensata e come sposata all'intelligenza dell'uomo, di questo uomo storico concreto» (G. PAOLO II, Discorso ai docenti universitari, Bologna 18 aprile 1982).

26 Identità della disciplina e idoneità del docente - IRC e Chiesa Tale mediazione, inoltre, è consona alla natura stessa del Vangelo, chiamato ad inculturarsi in tutte le situazioni umane nel rispetto della loro legittima autonomia, nella valorizzazione di ogni loro potenzialità e nell'apertura a quella verità piena sull'uomo e sulla storia che ci donata in Cristo. Emerge così l'elemento tipico dell'IRC: nel suo attuarsi concreto questo insegnamento mostra come la dimensione religiosa e la dimensione culturale, proprie della persona e della storia umana, non sono affatto alternative tra loro, ma sono intimamente legate e complementari l'una all'altra. LIRC è unopportunità culturale anche per la Chiesa. E importante che la parrocchia si renda conto del ruolo che lIRC occupa nella formazione delle giovani generazioni e apprezzi il contributo da esso offerto. Urge, allora, che la comunità ecclesiale cresca nella consapevolezza delle sue precise responsabilità circa l'IRC e che si coinvolga nella sua promozione.

27 Identità della disciplina e idoneità del docente - Lins. di religione Linsegnante di religione Linsegnante di religione Sia in regime di religione di Stato, sia in regime di pluralismo religioso, lo Stato italiano non ha voluto assumere direttamente la gestione della cultura teologica e religiosa, ricorrendo conseguentemente alla collaborazione della Chiesa cattolica per assicurare questa presenza nella scuola. La legge 121/1985, Prot. addizionale n. 5, prevede che lIRC nelle scuole sia impartito da insegnanti che siano riconosciuti idonei dallautorità ecclesiastica, nominati, dintesa con essa, dallautorità scolastica.

28 Identità della disciplina e idoneità del docente - Lins. di religione Il primo Concordato distingueva tra chierici e laici, prevedendo per sacerdoti e religiosi una generica approvazione dellautorità ecclesiastica e per i laici un più specifico certificato di idoneità rilasciato dallordinario diocesano, affrettandosi a precisare che la revoca di quel certificato privava immediatamente lIdr della possibilità di insegnare. La legge 824/30 aggiungeva allart. 5 che la nomina doveva avvenire dintesa con lordinario diocesano. Lunico Idr allora contemplato era quello nominato per incarico nelle scuole secondarie perché il Concordato recepiva, per la scuola elementare, la riforma Gentile, dove lIR veniva principalmente affidato ai maestri ordinari, lasciando ai pochi Idr specializzati lo status di semplici supplenti. La revisione del 1984, ridefinendo il settore in maniera unitaria, ha unificato laici ed ecclesiastici in un solo trattamento, confermando i due requisiti dellidoneità e della nomina dintesa, e aggiungendo limportante requisito dei titoli di studio.

29 Identità della disciplina e idoneità del docente - Lins. di religione Lo stato giuridico degli Idr ha una storia piuttosto lunga e complessa. Fin dallinizio gli Idr della scuola secondaria sono stati nominati per incarico (legge 824/30, art. 5), risultando titolari degli stessi diritti e doveri degli altri docenti (art. 7). In seguito alla legge 282/69, agli Idr sono state applicate le norme previste per gli incaricati a tempo indeterminato, come confermato dalla CM 127/75, che parla anche di conferma automatica della nomina. Con la scomparsa degli incarichi a tempo indeterminato, è risultata insufficiente la dizione generica di personale non di ruolo utilizzata per gli Idr. Nonostante il mantenimento del regime di incarico per gli Idr della secondaria (OM 233/82), si creò qualche confusione soprattutto per gli specialisti della scuola primaria.

30 Identità della disciplina e idoneità del docente - Lins. di religione Il DLgs 297/94 ha risolto ogni dubbio generalizzando la formula dellincarico annuale (art. 309) e assimilando lIdr specializzato della primaria al collega della secondaria. Un punto fermo, nel trattamento economico e nellapplicazione di alcuni istituti giuridici, è la legge 312/80, che riconosceva, allart. 53, «ai docenti di religione dopo quattro anni di insegnamento [...] una progressione economica di carriera con classi di stipendio corrispondenti all80% di quelle attribuite ai docenti laureati di ruolo, con lobbligatorietà di costituzione e accettazione di posto orario con trattamento di cattedra». Lequiparazione economica era portata al 100% con il DPR 209/87, mentre il DPR 399/88 estendeva il beneficio anche agli Idr elementari con almeno 12 ore di incarico e a quelli delle scuole secondarie per i quali le 12 ore minime fossero dovute a ragioni strutturali. Il medesimo DPR introduceva anche alcuni miglioramenti in relazione al regime delle assenze, che veniva ulteriormente equiparato a quello del personale a tempo indeterminato dal CCNL e dal CCNL

31 Identità della disciplina e idoneità del docente - Lins. di religione Per quanto riguarda la tipologia di rapporto di lavoro, lIdr era titolare di un incarico annuale ovvero di un contratto individuale di lavoro a tempo determinato (DLgs 297/94, art. 309; CCNL , art. 37). Esso doveva essere formalmente rinnovato ogni anno, anche se «si intende confermato qualora permangono le condizioni (sede, numero di ore) ed i requisiti (idoneità e nomina dintesa) prescritti dalle vigenti disposizioni di legge». In sintesi Prima della legge sullo stato giuridico degli Idr si poteva parlare di due categorie di Idr incaricati: 1.Gli stabilizzati (con almeno quattro anni di anzianità e incarico a orario completo o per almeno 12 ore nella primaria e dovuto a ragioni strutturali nella secondaria); 2.I non stabilizzati (con meno di quattro anni di anzianità o con incarico a tempo parziale).

32 Identità della disciplina e idoneità del docente - Lins. di religione Il contratto individuale di lavoro era redatto ai sensi dellart. 18 del CCNL , secondo formulari che sono stati periodicamente proposti e aggiornati dal Ministero. La documentazione di rito doveva essere presentata solo in occasione del primo contratto di incarico. Nel caso di incarico su più scuole dovevano essere stipulati più contratti. Solo la legge 186/03 ha risolto definitivamente il problema istituendo un ruolo degli Idr e consentendo la completa equiparazione al restante personale di ruolo dello Stato.

33 Identità della disciplina e idoneità del docente – La legge 186/03 La legge 186/03 La legge 186/03 La legge ha avuto un lunghissimo iter, che può farsi partire dal 1985, quando nel preambolo dellIntesa Cei-Mpi si dichiarava «lintento dello Stato di dare una nuova disciplina dello stato giuridico degli Idr». Dopo decine di proposte di iniziativa parlamentare e governativa, si è arrivati al traguardo. I punti qualificanti della legge possono essere individuati: 1. nellistituzione di un ruolo degli Idr (art. 1); 2. nella definizione di una dotazione organica, sul 70% della quale saranno disposte immissioni in ruolo (art. 2); 3. nella procedura concorsuale per laccesso ai ruoli degli Idr (art. 3); 4. nella possibilità di conservare il rapporto di lavoro nella pubblica amministrazione in un servizio diverso dall IRC per gli Idr cui dovesse essere revocata lidoneità (art. 4).

34 Identità della disciplina e idoneità del docente - La legge 186/03 Il dato più importante è lordinarietà del procedimento di assunzione che assimila gli Idr a tutti gli altri colleghi. Rimangono tuttavia alcune peculiarità a distinguere questo stato giuridico: Lorganico è fissato sul solo 70% dei posti disponibili, per consentire al restante 30% una più agevole mobilità; Il concorso verterà sulle sole competenze pedagogico- giuridiche, non potendo lo Stato intervenire sui contenuti dellIRC che sono di esclusiva competenza ecclesiastica; Lassunzione avverrà nel rispetto della normativa concordataria e quindi sulla base dellidoneità e dintesa con lautorità ecclesiastica.

35 Identità della disciplina e idoneità del docente - La legge 186/03 Le principali obiezioni sono soprattutto legate alla possibilità di revoca dellidoneità e al conseguente transito degli Idr revocati in altri ruoli dello Stato; ma, a prescindere dalla ridottissima consistenza di questa eventualità, si è ritenuto che dovesse trattarsi di una garanzia offerta dallo Stato laico ai suoi dipendenti. Con la piena applicazione della legge 186/03 si presentano tre distinte categorie di Idr: 1.Idr di ruolo (sul 70% dei posti disponibili); 2.Idr stabilizzati (sul restante 30%); 3.Idr non stabilizzati (sempre sul 30%).

36 Identità della disciplina e idoneità del docente – I titoli di studio Titoli di qualificazione professionale Titoli di qualificazione professionale Una delle principali novità introdotte dalla revisione concordataria del 1984 è stata la definizione dei titoli di qualificazione professionali che ogni Idr deve possedere per accedere allIRC. Il principio è contenuto nel Protocollo Addizionale come materia demandata alla successiva Intesa. In precedenza era sufficiente la sola idoneità. Oggi, invece, lidoneità deve accompagnarsi ad uno specifico titolo di studio: solo in mancanza di candidati qualificati si potrà assumere un docente ancora sprovvisto di titolo, ma il contratto sarà solo per supplenza (CM 182/91) ed il servizio non potrà valere ai fini della ricostruzione di carriera (CCMM 43/92, 2/01).

37 Identità della disciplina e idoneità del docente - I titoli di studio I titoli previsti dallIntesa Cei-Mpi sono al momento i seguenti. Scuola materna ed elementare Gli insegnanti ordinari di classe o sezione devono aver frequentato lIRC nella scuola o istituto magistrale; gli Idr specialisti devono possedere il diploma di scuola o istituto magistrale con la frequenza dellIRC, oppure aver conseguito un qualsiasi diploma di scuola superiore unito a un diploma di scienza religiose (triennale) rilasciate da un istituto riconosciuto dalla Cei, oppure (se sacerdoti, diaconi o religiosi) avere un diploma di scienza religiose come sopra o un diploma di cultura teologica o un attestato di positiva partecipazione a un corso equipollente alla scuola di formazione teologica (delibera 42 bis della Cei).

38 Identità della disciplina e idoneità del docente - I titoli di studio Scuola media e superiore Gli Idr devono aver conseguito un dottorato, una licenza o un baccalaureato in teologia o altre discipline ecclesiastiche, conferite da facoltà approvate dalla Santa Sede, oppure esibire un attestato di compimento del regolare corsi di studi teologici in un seminario maggiore, oppure avere un diploma di Magistero in scienze religiose (quadriennale) rilasciato da un Istituto superiore di scienze religiose approvato dalla Santa Sede, o ancora aver conseguito una qualsiasi laurea civile unita a un diploma di scienze religiose (triennale) rilasciato da un Istituto riconosciuto dalla Cei.

39 Identità della disciplina e idoneità del docente - I titoli di studio In alternativa ai sopra citati titoli, in prima applicazione era riconosciuto comunque qualificato il docente che avesse svolto servizio anche non continuativo di IRC per cinque anni entro lanno scolastico (nel caso degli insegnanti di classe o sezione bastava essere in servizio nel ). I titoli sopra citati sono stati richiesti a partire dallanno scolastico ed è compito del dirigente scolastico accertarne il possesso. Con le nuove prospettive di formazione iniziale aperta dalla legge 53/03 per tutti gli insegnanti italiani è da prevedere una revisione dellIntesa su questo specifico punto per procedere ad un nuovo allineamento.

40 Identità della disciplina e idoneità del docente – Lidoneità Lidoneità Punti fermi per lidentità degli Idr rimangono lidoneità rilasciata dallordinario diocesano e la nomina dintesa tra autorità scolastica ed ecclesiastica. Lidoneità è lo strumento attraverso il quale lautorità ecclesiastica garantisce laffidabilità professionale e personale dellIdr. LAccordo di revisione del 1984 richiama lidoneità solo allinterno del Protocollo Addizionale, parlando genericamente di «insegnanti che siano riconosciuti idonei dallautorità ecclesiastica».

41 Identità della disciplina e idoneità del docente – Lidoneità LIntesa Cei-Mpi ha poi precisato al punto 2.5 che «lIRC è impartito da insegnanti in possesso di idoneità riconosciuta dallordinario diocesano e da esso non revocata». La revisione dellIntesa nel 1990 ha infine aggiunto al punto 2.6 bis che «il riconoscimento di idoneità allIdr ha effetto permanente salvo revoca da parte dellordinario diocesano». In quanto istituto del tutto interno allordinamento canonico, lidoneità produce effetti in ambito civile solo per accedere allIRC, ai cui fini essa ha lo stesso valore dellabilitazione allinsegnamento di cui sono in possesso gli altri docenti (Consiglio di Stato, sez. I, parere n. 76 del ). Lestraneità dellautorità statale in relazione allidoneità non è però totale in quanto «atto endoprocedimentale finalizzato allatto di nomina che resta di competenza dellautorità scolastica italiana» (Consiglio di Stato, sez. VI, ).

42 Identità della disciplina e idoneità del docente – Lidoneità La natura dellidoneità è spiegata dalla Nota Cei Insegnare religione cattolica oggi, n. 22, del 1991: « L'idoneità non è paragonabile a un diploma che abilita a insegnare correttamente la religione cattolica. Essa stabilisce tra il docente di religione e la comunità ecclesiale nella quale vive un rapporto permanente di comunione e di fiducia, finalizzato a un genuino servizio nella scuola, e si arricchisce mediante le necessarie iniziative di aggiornamento, secondo una linea di costante sviluppo e verifica. »

43 Identità della disciplina e idoneità del docente - Lidoneità Il Codice di Diritto Canonico fissa i tre fattori costitutivi dellidoneità: retta dottrina, testimonianza di vita cristiana e abilità pedagogica (canone 804 §2). Codice di Diritto Canonico Can §1. All'autorità della Chiesa è sottoposta l'istruzione e l'educazione religiosa cattolica che viene impartita in qualunque scuola o viene procurata per mezzo dei vari strumenti di comunicazione sociale; spetta alla Conferenza Episcopale emanare norme generali su questo campo d'azione, e spetta al Vescovo diocesano regolarlo e vigilare su di esso. §2. L'Ordinario del luogo si dia premura che coloro, i quali sono deputati come insegnanti della religione nelle scuole, anche non cattoliche, siano eccellenti per retta dottrina, per testimonianza di vita cristiana e per abilità pedagogica. Can È diritto dell'Ordinario del luogo per la propria diocesi di nominare o di approvare gli insegnanti di religione, e parimenti, se lo richiedano motivi di religione o di costumi, di rimuoverli oppure di esigere che siano rimossi.

44 Identità della disciplina e idoneità del docente - Lidoneità In una deliberazione approvata dalla XXXIV Assemblea generale della Cei (Roma, maggio 1991), i tre fattori costitutivi dellidoneità vengono così interpretati: la retta dottrina come «conoscenza obiettiva e completa dei contenuti della rivelazione cristiana e della dottrina della Chiesa»; la testimonianza di vita cristiana come modo di vivere «coerentemente la fede professata, nel quadro di una responsabile comunione ecclesiale», con la vertenza che non debbano risultare «comportamenti pubblici e notori in contrasto con la morale cattolica»;

45 Identità della disciplina e idoneità del docente - Lidoneità per labilità pedagogica la Cei attribuisce allordinario il compito di accertare che «il candidato abbia curato anche la propria preparazione pedagogica», suggerendo di poter indicare lordine e grado di scuola in cui lIdr possa fruttuosamente svolgere la sua funzione. decreto Il riconoscimento dellidoneità è interamente rimesso al discernimento dellordinario diocesano o dei suoi delegati e normalmente si conclude con uno specifico decreto. Nel caso degli insegnanti di classe o sezione di scuola elementare o materna, la Cei propone di valutare ai fini dellidoneità linteresse dimostrato nei confronti dellIRC (partecipazione a corsi o convegni sullIRC,...)

46 Identità della disciplina e idoneità del docente - Lidoneità La revoca dellidoneità è motivo di decadenza dellinsegnante dallIRC. Può essere disposta in qualunque momento dallordinario diocesano, ma diviene esecutiva solo in seguito a un decreto formale per giungere al quale occorre seguire una complessa procedura atta a garantire il diritto di difesa dellIdr. Il decreto di revoca, compilato ai sensi del can. 51 e intimato ai sensi dei cann , deve contenere una motivazione almeno sommaria. Una volta perfezionata la procedura, la revoca è comunicata senza motivazione al dirigente scolastico (?) che è tenuto a risolvere il contratto di lavoro dellIdr.

47 Identità della disciplina e idoneità del docente - Lidoneità Codice di Diritto Canonico Can Il decreto si dia per iscritto esponendo, almeno sommariamente, le motivazioni, se si tratta di una decisione. Can §1. Il decreto singolare, la cui applicazione viene affidata all'esecutore, ha effetto dal momento dell'esecuzione; in caso contrario dal momento in cui viene intimato alla persona per autorità di colui che emette il decreto. §2. Il decreto singolare, per poterne urgere l'osservanza, deve essere intimato con un legittimo documento a norma del diritto. Can Fermo restando il disposto dei cann. 37 e 51, quando una gravissima ragione si frapponga alla consegna del testo scritto del decreto, il decreto si ritiene intimato se viene letto alla persona cui è destinato di fronte a un notaio o a due testimoni, con la redazione degli atti, da sottoscriversi da tutti i presenti. Can Il decreto si ritiene intimato, se colui al quale è destinato, chiamato nel dovuto modo a ricevere o ad udire il decreto, senza giusta causa non comparve o ricusò di sottoscrivere.

48 Identità della disciplina e idoneità del docente – La nomina dintesa La nomina dintesa La nomina dintesa Il Protocollo Addizionale, riprendendo una espressione che si era consolidata già nellapplicazione del primo Concordato (art. 5, legge 824/30), parla di nomina dintesa. Mentre lidoneità ha una precisa definizione in ambito canonico, la nomina dintesa ha unidentità giuridica vaga e deve essere vista come un accordo in gran parte informale che si viene a realizzare sullIdr tra le due autorità, scolastica ed ecclesiastica, fermo restando che il provvedimento di assunzione è competenza esclusiva dellautorità scolastica. In seguito alla cosiddetta privatizzazione del rapporto di lavoro nel pubblico impiego, la formula della nomina è stata sostituita dal contratto individuale di lavoro stipulato tra docente e dirigente.

49 Identità della disciplina e idoneità del docente - La nomina dintesa La procedura sommaria di questa nomina è descritta al punto 2.5 dellIntesa Cei-Mpi: « Ai fini del raggiungimento dell'intesa per la nomina dei singoli docenti l'ordinario diocesano, ricevuta comunicazione dall'autorità scolastica delle esigenze anche orarie relative all'insegnamento in ciascun circolo o istituto, propone i nominativi delle persone ritenute idonee e in possesso dei titoli di qualificazione professionale ». Ai sensi della CM 158/96 la segnalazione del dirigente scolastico deve verificarsi, possibilmente, entro il 15 giugno di ogni anno. Tocca quindi allautorità ecclesiastica proporre i nominativi delle persone idonee, di cui il dirigente scolastico può solo verificare il possesso dei titoli di qualificazione per procedere allassunzione, che si configura come atto dovuto (Tar Sicilia, sentenza n. 55 del ; CGA Sicilia, sentenza n. 365 del ).

50 Identità della disciplina e idoneità del docente - La nomina dintesa Con la legge 186/03 si è reso necessario conservare lo spirito di queste disposizioni. Per rispettare il requisito concordatario della nomina dintesa, la commissione di concorso è tenuta a trasformare la graduatoria derivante dalla valutazione dei titoli e delle prove desame in un elenco non graduato che, una volta approvato dal dirigente regionale, è trasmesso allordinario diocesano per realizzare lintesa sulla nomina limitatamente ai candidati che si trovino in posizione utile rispetto ai posti disponibili. Ogni autorità, così, viene ad essere condizionata dalle regole dellaltra in un regime di sostanziale parità. Per coloro che non dovessero rientrare nella dotazione organica di ruolo dellIRC si potrà ripiegare sul 30% dei posti che rimangono comunque a disposizione per nomine a tempo determinato, il cui stato giuridico continuerà ed essere quello precedente.

51 Identità della disciplina e idoneità del docente - La nomina dintesa Se la nomina è dintesa, dintesa può essere anche disposta la revoca dellincarico, come previsto dallart. 6 della legge 824/30 che, pur non essendo stato recepito dal DLgs 297/94, è da ritenere tuttora in vigore. La revoca dellincarico è cosa diversa dalla revoca dellidoneità, in quanto questa priva definitivamen- te lIdr della capacità dinsegnare. La revoca dellincarico è applicabile ai soli Idr non di ruolo.

52 Identità della disciplina e idoneità del docente - La nomina dintesa Mentre per gli Idr di ruolo lorario potrà essere solo quello completo, per chi rimane nel 30% non di ruolo può essere ancora oggetto di controversie la definizione dellorario di servizio, che rientra nellintesa sulla nomina secondo la CM 226/90. Gli ultimi CCNL hanno chiesto che si perseguisse tendenzialmente il raggiungimento dellorario dobbligo previsto per ciascun ordine e grado di scuola. Le CCMM 302/95 e 158/96 hanno poi aggiunto che le ore di volta disponibili si dovessero ridistribuire tra gli Idr già in servizio fino al raggiungimento dellorario dobbligo. In ogni caso il dirigente scolastico non può agire unilateralmente ma deve sempre raggiungere unintesa con lautorità diocesana sulle variazioni di orario.

53 Identità della disciplina e idoneità del docente - LIdr e Chiesa LIdr secondo la Chiesa LIdr secondo la Chiesa Il profilo professionale e limpegno educativo dell'insegnante di religione cattolica sono stati così descritti dalla Nota della CEI Insegnare religione cattolica oggi del 19/5/1991: « La comprensione del carattere scolastico dell'IRC chiede di maturare ulteriormente nella società italiana. Una simile maturazione dipenderà anche da come questa disciplina si attua concretamente nella scuola e da come i docenti di religione la sanno proporre. L'IRC non può essere ridotto a una serie di informazioni neutre sul dato religioso e nemmeno può essere legato solo agli interessi momentanei e diversi dei giovani. »

54 Identità della disciplina e idoneità del docente - LIdr e Chiesa « Facciamo nostro l'invito rivolto dal Papa agli insegnanti di religione a «non sminuire il carattere formativo del loro insegnamento e a sviluppare verso gli alunni un rapporto educativo ricco di amicizia e di dialogo tale da suscitare nel più ampio numero di alunni, anche non esplicitamente credenti, l'interesse e l'attenzione per una disciplina che sorregge e motiva la loro ricerca appassionata della verità» (GIOVANNI PAOLO II, Discorso al Simposio del Consiglio delle Conferenze Episcopali Europee sull'insegnamento della religione cattolica nella scuola pubblica, Roma 15 aprile 1991).

55 Identità della disciplina e idoneità del docente - LIdr e Chiesa « Il docente di religione è chiamato a dare senso e valore al suo lavoro primariamente sul piano dell'intenzionalità educativa. Tale intenzionalità trova il suo principio e sostegno nella fede che il docente professa e vive. Gli alunni hanno diritto di incontrare in lui una personalità credente, che suscita interesse per quello che insegna, grazie anche alla coerenza della sua vita e alla manifesta convinzione con cui svolge il suo insegnamento. » LIdR non è unicamente un professionista della scuola, ma è anche un credente, espressione di quella appartenenza ecclesiale che dice il suo humus culturale e la sua passione educativa.

56 Identità della disciplina e idoneità del docente - LIdr e Chiesa « Un altro fondamentale aspetto dell'identità del docente di religione è la sua particolare relazione con la Chiesa, dalla quale egli riceve il necessario riconosci- mento di idoneità. Questo riconoscimento non si sovrappone né tanto meno contrasta con il quadro scolastico educativo che abbiamo delineato, ma lo rafforza e lo precisa, garantendo meglio la dignità professionale e morale dell'insegnante di religione. Dal Vescovo infatti sono riconosciuti e mandati per svolgere un servizio che, con modalità proprie, rientra nella missione stessa della Chiesa. Il riferimento che l'IRC deve necessariamente avere con il vissuto religioso testimoniato dalla comunità cristiana comporta che il docente di religione sia non solo oggettivamente riconosciuto dalla comunità stessa, ma anche soggettivamente partecipe della sua esperienza di fede e di vita cristiana. »

57 Identità della disciplina e idoneità del docente - LIdr e Chiesa « Professionista della scuola e riconosciuto idoneo dalla Chiesa, il docente di religione si trova sul crinale di rapporti che esigono continua ricerca di sintesi e di unità. Egli è uomo della sintesi innanzitutto sul piano della mediazione culturale, propria del suo servizio educativo. Egli deve favorire la sintesi tra fede e cultura, tra vangelo e storia, tra i bisogni degli alunni e le loro aspirazioni profonde. Il suo insegnamento esige, pertanto, una continua capacità di verificare e di armonizzare i diversi e complementari piani: teologico, culturale, pedagogico, didattico. L'opera educativa del docente di religione tende infatti a far acquisire ai giovani la capacità di accogliere criticamente i messaggi religiosi, morali e culturali che la realtà offre, aiutandoli a coglierne il senso per la vita. »

58 Identità della disciplina e idoneità del docente - LIdr e Chiesa « Egli è chiamato a fare sintesi anche sul piano del rapporto con gli alunni. L'IRC si rivolge a tutti coloro che intendono avvalersene, senza alcuna limitazione o preclusione a priori. Ciò comporta che il docente di religione debba saper favorire un dialogo e un confronto aperti e costruttivi tra gli alunni e con gli alunni, per promuovere, nel rispetto della coscienza di ciascuno, la ricerca e l'apertura al senso religioso; e nello stesso tempo che egli sappia proporre quei punti di riferimento che permettono agli alunni una comprensione unitaria e sintetica dei contenuti e dei valori della religione cattolica, in vista di scelte libere e responsabili. Infine il docente di religione è chiamato a un lavoro di sintesi sul piano del rapporto tra la comunità ecclesiale e la comunità scolastica: promuoverà dentro la scuola progetti educativi rispettosi della integrale formazione dell'uomo; si rivolgerà anche agli altri docenti e operatori scolastici, alle famiglie e agli alunni. »

59 Identità della disciplina e idoneità del docente - LIdr e Chiesa Lidentità e il compito dellIdR secondo mons. Beniamino Pizziol (4 settembre 2009) 1.LIdR è uomo di mediazione. 2.LIdR come uomo della sintesi. 3.LIdR pone al centro la persona illuminata dalla vicenda di Gesù Cristo. 4.LIdR crea ponti educativi, uno spazio-luogo, per conoscere la tradizione culturale e spirituale in cui si innesta la vita dello studente. 5.LIdR è corresponsabile delleducazione delle nuove generazioni. 6.LIdR è testimone di una vita buona e bella in Cristo. 7.LIdR per una consapevole cittadinanza europea.

60 Identità della disciplina e idoneità del docente - LIdr e Chiesa Benedetto XVI, riferendosi agli IdR il 25 aprile 2009, dice: «Il vostro servizio, cari amici, si colloca proprio in questo fondamentale crocevia, nel quale, senza improprie invasioni o confusioni di ruoli, si incontrano luniversale tensione verso la verità e la bimillenaria testimonianza offerta dai credenti nella luce della fede, le straordinarie vette di conoscenza e di arte guadagnate dallo spirito umano e la fecondità del messaggio cristiano che così profondamente innerva la cultura e la vita del popolo italiano. [...] voi contribuite, da una parte, a dare unanima alla scuola e, dallaltra, ad assicurare alla fede cristiana piena cittadinanza nei luoghi delleducazione e della cultura in generale».

61 Identità della disciplina e idoneità del docente - LIdr e Chiesa Una spiritualità per lIdR La scelta del termine spiritualità nasce dalla natura peculiare dellIRC, che è allo stesso tempo professione e missione. La sorgente della spiritualità di un IdR sta nel cuore della sua professione, nel modo in cui la vive e la interpreta. Si tratta di una spiritualità incarnata che ha le seguenti caratteristiche: 1 il gusto per quello che insegna, che nasce dalla conoscenza e dallamore per loggetto del proprio insegnamento. 2 la capacità di trasformare loggetto in itinerario Accessibile e percorribile da ciascuno per la propria crescita di umanità. 3 la fatica di accettare il cambiamento

62 Identità della disciplina e idoneità del docente - LIdr e Chiesa I fondamenti della spiritualità dellIdR 1.LIdR è testimone consapevole della forza interpretativa della Parola di Dio circa lesperienza religiosa umana (vedi Dei Verbum). 2.LIdR da credente vive e proclama la salvezza facendone memoria nellazione di ringraziamento che si eleva dalla comunità cristiana nel vivere il memoriale degli eventi della storia della salvezza (vedi Sacrosanctum Concilium). 3.LIdR proclama e testimonia la salvezza a tutti rapportandosi con ottimismo al mondo e alla storia (vedi Gaudium et Spes). 4.LIdR è consapevole di essere stato chiamato a far parte del popolo amato da Dio, di appartenere alla Chiesa cattolica (vedi Lumen Gentium).

63 Identità della disciplina e idoneità del docente - LIdr e Chiesa « Riconosciamo che non è facile realizzare questa sintesi e viverla in modo unitario nella propria persona. Per la sua progressiva attuazione non è necessario moltiplicare gli impegni esteriori, quanto piuttosto muoversi con una carica interiore in un cammino di fede, che può definirsi come la spiritualità propria dell'insegnante di religione cattolica. Si tratta di una spiritualità ricca di atteggiamenti evangelici e profondamente umani, che aiutano a trovare la propria personale realizzazione come docente nella scuola, con una precisa identità, nella consapevolezza che la vita è essenzialmente vocazione. Così la crescita nella motivazione dell'impegno professio- nale sarà sempre più vera, modellata dal continuo confronto, anzi dall'incontro personale con colui che è il primo educatore dell'uomo e il suo autentico maestro, Gesù Cristo. Sarà una spiritualità cristiana ed ecclesiale, ma anche, in rapporto alla struttura civile in cui si opera, una spiritualità laicale, forgiatrice e animatrice di una nuova umanità nella scuola. »


Scaricare ppt "IDENTITA DELLA DISCIPLINA E IDONEITA DEL DOCENTE."

Presentazioni simili


Annunci Google