La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A cura di Irene Del Gaudio GENITORIALITA e VULNERABILITA: IL MOVIMENTO DELLACCOGLIERE DENTRO E LASCIARE ANDARE, UN CONTINUUM TRA DIPENDENZA ED INDIPENDENZA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A cura di Irene Del Gaudio GENITORIALITA e VULNERABILITA: IL MOVIMENTO DELLACCOGLIERE DENTRO E LASCIARE ANDARE, UN CONTINUUM TRA DIPENDENZA ED INDIPENDENZA."— Transcript della presentazione:

1 A cura di Irene Del Gaudio GENITORIALITA e VULNERABILITA: IL MOVIMENTO DELLACCOGLIERE DENTRO E LASCIARE ANDARE, UN CONTINUUM TRA DIPENDENZA ED INDIPENDENZA. 1 Dottorato di Ricerca MEDICINA MATERNO INFANTILE, PEDIATRIA DELLO SVILUPPO E DELLEDUCAZIONE, PERINATOLOGIA direttore: prof. A. Ventura TUTORS: Prof. Andrea Clarici Dott.sa Tanja Umari Dottoranda: Irene Del Gaudio XXIV ciclo di dottorato Trieste, 02 aprile 2012

2 IPOTESI: IL PREGIUDIZIO ….ossia…… LA DIPENDENZA PATOLOGICA NON PREGIUDICA DI PER SE IL CORRETTO ESERCIZIO DELLA FUNZIONE GENITORIALE A cura di Irene Del Gaudio

3 OBIETTIVI QUANTI SONO I GENITORI TOSSICO-ALCOL DIPENDENTI IN CARICO AL DDD NEL 2009 CHI SONO I GENITORI CON FIGLI MINORI NEL 2009 LA COMPOSIZIONE DI QUESTI NUCLEI FAMILIARI QUANTIFICARE LE SITUAZIONI DI MINORI GIA SOTTOPOSTI A TUTELA DA PARTE DEL TM: misura indiretta inadeguatezza genitoriale INDIVIDUARE FATTORI DI RISCHIO E FATTORI PROTETTIVI RISPETTO ALLA GENITORIALITA NELLE DIPENDENZE PATOLOGICHE A cura di Irene Del Gaudio

4 Dati ministeriali Cartelle Interviste operatori Verifiche Incrociate con i Distretti Sanitari Tribunale dei Minori di Trieste Direzione Generale ASS1 Triestina STRUMENTI E FONTI A cura di Irene Del Gaudio

5 I DECRETI TM nel 2009 (SITUAZIONI non genitori): Ricognizione Tutti Distretti ASS1 Territorialmente competenti CF ex UOBA 229 SERT: 22 10% ALCOLOGIA: 12 5,2% 14,8% A cura di Irene Del Gaudio

6 I DECRETI TM nel 2009: Ricognizione Popolazione generale 216 SERT: 17 7,8% ALCOLOGIA: 7 3,2% 11,1% A cura di Irene Del Gaudio IL 17,6% tra i genitori normali è giunto allattenzione del TM per questioni circa separazione conflittuale e sua ricaduta sulla genitorialità e sul benessere del/lla minore.

7 Diagnosi dipendenza patologica Sert: 850 Alcologia: 620 N° 202 il 24% N ° 582 il 94% A cura di Irene Del Gaudio Genitori: Il 53,3% Lutenza nel 2009 N. UTENTI DDD: 2295 SC ILLEGALI (Sert) 909 SC LEGALI (Alcologia) 1386

8 dal campione GENITORI Sert: 202 Alcologia: 582 N° 154 il 76% N ° 80 il 14% A cura di Irene Del Gaudio 234 quelli con FIGLI MINORENNI: il 30%

9 Sia i genitori sani che quelli fondamentalmente malati hanno momenti di difficile ed adeguata genitorialità, più o meno lunghi. Fava Vizziello (docente ordinaria Padova) A cura di Irene Del Gaudio Immagine tratta da s/112664/una-madre-interrotta/

10 ETA GENITORI 2009 A cura di Irene Del Gaudio LEGENDA: A: B: C: D: E: F: G: 51-59

11 LA FAMIGLIA DORIGINE A cura di Irene Del Gaudio LEGENDA: 0: dato mancante A:genitori viventi B: genitori deceduti C: madre deceduta D: padre deceduto G: genitori separati/divorziati

12 LA LORO ISTRUZIONE A cura di Irene Del Gaudio LEGENDA: 0: dato mancante A: licenza elementare B: licenza media C: diploma superiore D: attestato professionale E: laurea

13 CON CHI VIVONO A cura di Irene Del Gaudio LEGENDA: 0: dato mancante A: con partner e figli/e B: solo/a con figli/e C: fam.originaria partner e figli D: solo/a E: con partner F: presso parenti I: casa circondariale/Istituto G: presso altri

14 FIGLI A cura di Irene Del Gaudio LEGENDA: 0: presenza figlio/a/i/e in altra categoria età 1: un figlio/a 2. 2 figli/e 3: 3 figli/e Numero totale figli/e minorenni 336 (375 contando anche i figli/e maggiorenni): 196 bambini/e detà tra 0 e 10 anni (10 compreso) (123 genitori td e 73 alcolisti); 87 bambini/e di età tra 11 e 17 anni (41 genitori td. e 44 genitori alcolisti); 53 di cui non conosciamo letà (44 genitori td. e 9 alcolisti); 39 figli/e maggiorenni (15 genitori td. e 24 alcolisti) Il 13% dei bambini/e figli/e di genitori alcol-tossicodipendenti è interessato da un decreto del TM (40 di età compresa tra 0 e 10 e 3 detà compresa tra 11 e 17 anni).

15 A cura di Irene Del Gaudio LE COPPIE LEGENDA: 0: assenza di coppia A: coppia ex utente in carico o deceduto/a B: attuale coppia utente in carico Servizio Diverso C: coppia separata utente in carico allo Stesso Servizio D: attuale coppia compagno/a Stesso Servizio E: coppia separata utente in carico a Servizi Diversi

16 CONCLUSIONI: IL 53,3% DELLUTENZA IN CARICO AL DDD DI TRIESTE NEL 2009 E COMPOSTA DA GENITORI IL 30% DELLUTENZA IN CARICO AL DDD DI TRIESTE NEL 2009 E COMPOSTA DA GENITORI DI FIGLI MINORENNI IL 14,8% (ricognizione Distretti)-11,1% (ricognizione popolazione generale) HA IN CORSO, NEL 2009, UN PROVVEDIMENTO DI TUTELA DEL MINORE IL 17,6% TRA I GENITORI NORMALI E GIUNTO ALLATTENZIONE DEL TM PER QUESTIONI CIRCA SEPARAZIONE CONFLITTUALE E GENITORIALITA: il comportamento dei genitori era considerato pregiudizievole per il benessere del/della minore A cura di Irene Del Gaudio

17 Quali variabili rendono più probabile la condizione che un individuo sia sottoposto a tutela da parte del Tribunale dei Minori DECRETO TEST DEL CHI-QUADRATO DI PEARSON: IL DECRETO è SIGNIFICATIVAMENTE ASSOCIATO COL SESSO (0,021) VS NON CON IL SERVIZIO I CASI sono stati trattati tutti assieme (Sert+Alcologia) donne 25 uomini A cura di Irene Del Gaudio Il 35% della popolazione è DONNA

18 A cura di Irene Del Gaudio Analisi REGRESSIONE LOGISTICA: formalizza e risolve il problema di una relazione funzionale tra variabili METODO DELLA MEDIA DEI VALORI NELLA SERIE METODO INTERPOLAZIONE LINEARE PROFILI Cluster analysis SPSS

19 REGRESSIONE LOGISTICA ANALISI: DECRETO (v. dipendente) e FIGLI Le variabili significativamente associate al presentarsi della condizione decreto sono (metodo dellinterpolazione lineare per valori mancanti): - SESSO DONNA (0,039) - PADRE DECEDUTO (0,039) - CONVIVERE CON FIGLI/E E PARTNER (0,020) Al limite della significatività: -Basso titolo di studio (0,065) -Genitori deceduti (0,085) -Avere o aver avuto un partner afferente ad un Servizio, uguale o diverso (0,094); - Dimora stabile (0,071)

20 REGRESSIONE LOGISTICA ANALISI: DECRETO (v. dipendente) e FIGLI 0-10 Le variabili significativamente associate al presentarsi della condizione decreto sono (metodo dellinterpolazione lineare per valori mancanti): - FIGLI 0-10 (0,001) - SESSO DONNA (0,003) - UN BASSO TITOLO DI STUDIO (0,044) - CONVIVERE CON FIGLI/E E PARTNER (0,01) Al limite della significatività: - essere giunti al Servizio in modo non spontaneo (0,078)

21 CONCLUDENDO: secondo le analisi qualitative quantitative effettuate, tra i FATTORI DI RISCHIO ossia tra quegli aspetti a cui guardare con maggiore attenzione ritroviamo: - Il GENERE: ed in particolare, la condizione femminile è condizione che più facilmente può condurre ad una condizione di decreto, di segnalazione da parte dellAutorità competente di una situazione di disagio conclamato; - LAVERE UN FIGLIO TRA 0 E 10 ANNI; - Il PADRE DECEDUTO: lassenza o la perdita del genitore di sesso maschile espone ad maggiore vulnerabilità; -Il CONVIVERE CON FIGLI E PARTNER: un nucleo cosiddetto a rischio espone maggiormente gli individui che lo compongono a ricevere le attenzioni degli Organi e Servizi Specialistici deputati alla tutela di quegli aspetti della vita dellindividuo, di cui, per mandato istituzionale sono deputati; - LAVERE UN BASSO TITOLO DI STUDIO A cura di Irene Del Gaudio

22 CONCLUDENDO: secondo le analisi qualitative quantitative effettuate, tra i FATTORI PROTETTIVI ossia tra quegli aspetti che possono costituire una resilienza allinstaurarsi della condizione decreto, possiamo rintracciare, la rete: - GENITORI VIVENTI/PADRE: sembra che lavere genitori viventi, specificatamente il padre, diminuisca il rischio di ricevere lattenzione di tutela da parte degli organi competenti. Clinicamente ed operativamente parlando si deve e si può sostenere tale mancanza formulando progetti terapeutici ad hoc al fine di permettere allindividuo una costruzione interna, virtuale di quelle risorse che la funzione paterna porta. - FATTORI SOCIALI A cura di Irene Del Gaudio

23 ……infine…. OPERATIVAMENTE ossia grazie al vedere numericamente alcuni aspetti della genitorialità tossicodipendente le loro, ove esistono reciproche relazioni tale ricerca ha permesso - di fare luce sul PREGIUDIZIO: tossicodipendente tout court-cattivo genitore -di SENSIBILIZZARE gli OPERATORI dei vari Servizi interpellati; - di utilizzare la funzione paterna in modo sistemico, ossia a livello di reti operative e di relazioni per i vari Servizi coinvolti: uno scambio tra diversi servizi dellASS1 Triestina, una riflessione comune sulloperatività concreta, ciò dal vedere numericamente alcuni aspetti e le loro relazioni; uno scambio ed una condivisione a livello Nazionale tra gli operatori che lavorano nel settore delle Dipendenze PRESENTARE E COINVOLGERE A TUTTI I SERVIZI SPECIALISTICI TALI RISULTATI: Ex UOBA, CF, NEONATOLOGIA I.R.R.C.S BURLO GAROFOLO A cura di Irene Del Gaudio PRATICA MIGLIORE, Più CONSAPEVOLE…..UNA RETE SENSIBILE INTEGRAZIONE COMPETENZE

24 … ….è opportuno ricordare che se un bambino è vivo, ancor più, in buona salute, qualcosa di importante è stato fatto per lui da almeno un genitore e forse potrà di nuovo essere fatto, una volta superato il momento di crisi. Vizziello, 2003 Psicopatologia dello sviluppo A cura di Irene Del Gaudio

25 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "A cura di Irene Del Gaudio GENITORIALITA e VULNERABILITA: IL MOVIMENTO DELLACCOGLIERE DENTRO E LASCIARE ANDARE, UN CONTINUUM TRA DIPENDENZA ED INDIPENDENZA."

Presentazioni simili


Annunci Google