La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Direttore: Prof. L.M. Fabbri Modena 17/1/2003 "Progetto Pneumoweb.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Direttore: Prof. L.M. Fabbri Modena 17/1/2003 "Progetto Pneumoweb."— Transcript della presentazione:

1 Direttore: Prof. L.M. Fabbri Modena 17/1/2003 "Progetto Pneumoweb

2 RAZIONALE DELLO STUDIO: BRONCOPNEUMOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE E SPIROMETRIA LA STORIA NATURALE DELLA BPCO E CARATTERIZZATA DA UNA PROGRESSIVA LIMITAZIONE AL FLUSSO AEREO MISURABILE CON 2 SEMPLICI PARAMETRI SPIROMETRICI: VEMS (O FEV1) E FVC. LOSTRUZIONE BRONCHIALE PRECEDE DI GRAN LUNGA LA COMPARSA DI SINTOMI PER CUI LA MALATTIA RESTA SPESSO NON DIAGNOSTICATA (63% NELLO STUDIO NHANES 3) AMERICAN COLLEGE OF CHEST PHYSICIAN (ACCP), BRITISH THORACIC SOCIETY (BTS) E LE LINEE GUIDA GOLD CONSIDERANO LA SPIROMETRIA IL GOLD STANDARD DELLA DIAGNOSI PRECOCE E MONITORAGGIO DELLA BPCO NHLHP-Chest 1998,113 (2): 123s-163s

3 RAZIONALE DELLO STUDIO - BRONCOPNEUMOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE E MMG SI STIMA CHE IN UN ANNO CIRCA IL 70% DEI FUMATORI VIENE VISITATO ALMENO 1 VOLTA PRESSO LAMBULATORIO DEL MMG IN NUMEROSI STUDI EPIDEMIOLOGICI L'USO DI UN QUESTIONARIO SPECIFICO E DELLO SPIROMETRO HA COMPORTATO IL RILEVAMENTO DI CIRCA IL 50% DI NUOVI CASI DI ASMA E BPCO (Renwick DR Thorax 1996;51: 164) LA SPIROMETRIA E SOTTOUTILIZZATA DAI MMG COME DIMOSTRATO DA ALCUNI STUDI SULLA GESTIONE DI ASMA E BPCO IN CUI È STATA RICHIESTA PER CONFERMARE LA DIAGNOSI SOLO NEL 21% DEI CASI DI BPCO E NEL 43% DEI PAZIENTI ASMATICI (Bauer BA Chest (2): )

4 RAZIONALE DELLO STUDIO - CONFRONTO CON ALTRE MALATTIE CRONICHE COME DIABETE ED IPERTENSIONE 1.La spirometria permette di individuare i pazienti affetti da BPCO prima che compaiano sintomi significativi consentendo di intervenire per rallentare la progressione della malattia. 2.Nel diabete e nellipertensione la riduzione di mortalità e morbosità e seguito ad una campagna di prevenzione che ha coinvolto specialisti e MMG. (Es.: dal 1971 al 1991 è aumentato il numero di pazienti con corretta diagnosi di ipertensione arteriosa da 51 all84% ed il numero di pazienti in trattamento da 36 a 83%. 3.3.Allo stesso modo e necessario aumentare la coscienza dellimportanza di misurare e conoscere i valori spirometrici personali NHLHP-Chest 1998,113 (2): 123s-163s

5 RAZIONALE DELLO STUDIO Asma bronchiale La prevalenza dellasma bronchiale è stimata intorno al 5% della popolazione generale aumentata al 10% considerando la sola popolazione pediatrica mentre il numero di diagnosi mediche di asma e/o BPCO è sottostimato del 30-50% (De Marco, 1998 Eur Respir J 11: ) Luso della spirometria permette anche una stadiazione piu precisa e la diagnosi di riacutizzazione e quindi un trattamento piu adeguato alla gravità della malattia.

6 RAZIONALE DELLO STUDIO - BRONCOPNEUMOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE E MMG Le linee-guida della BTS raccomandano di affidare la misura di tali parametri per valutazioni di 1° livello direttamente al MMG per mezzo di: 1.acquisizione diretta dello spirometro da parte del MMG nel proprio ambulatorio; data la necessità di addestramento alluso dello strumento e la necessità di eseguire controlli di qualità la scelta di questa opzione dipenderà dalle dimensioni dellAmbulatorio 2. apertura di un accesso facilitato al MMG presso il laboratorio di fisiopatologia respiratoria mantenendo lattrezzatura, lorganizzazione ed il controllo di qualità nel servizio ospedaliero 3. acquisizione di uno spirometro mobile da gestire in gruppo

7 THE VEMS PILOT STUDY EFFECT OF THE IMPLEMENTATION OF SPIROMETRY AND RESPIRATORY QUESTIONNAIRE ON THE DIAGNOSIS OF ASTHMA AND CHRONIC OBSTRUCTIVE PULMONARY DISEASE (COPD) IN GENERAL PRACTICE Società Italiana di Medicina Generale (S.I.M.G.) Sezione di Ferrara Asthma and COPD Research Centre Director: Prof. Leonardo M. Fabbri

8 SCOPO DELLO STUDIO Valutare se un programma di addestramento comprendente l'uso di: 1. questionario respiratorio 2. spirometro aumenta la capacità del Medico di Medicina Generale di riconoscere pazienti affetti da asma e/o BPCO e trattarli secondo linee guida specifiche

9 Risultati attesi 1) aumento del numero di diagnosi di asma e/o BPCO 2) miglioramento dei parametri di valutazione dell'effetto della terapia di asma e BPCO 3) riduzione dei costi indiretti legati al mancato riconoscimento e/o all'inadeguato trattamento dell'asma e della BPCO

10 Pilot VEMS Project - Modello operativo Analisi statistica 2. ESECUZIONE SPIROMETRIA E RACCOLTA DATI CLINICI AMBULATORIO MMG SPECIALISTA 3. REPORT spirometria e scheda clinica via modem 1. FORMAZIONE SU SPIROMETRIA E L.G. Immediato feedback Seminari Audit Data Center SERVER 4. CONTROLLO SPIROMETRIA E DATI CLINICI PAZIENTE

11 Parametri misurati: (Pneumotacografo Masterscope- Jaeger) 1. VEMS o FEV1 2. CVF 3. VEMS/CVF 4. PEF 5. Curva flusso/Volume I dati vengono considerati in termini assoluto ed in % del teorico. I valori teorici di riferimento sono i CECA 1981

12 24 MMG FORMATI SU LINEE-GUIDA DIAGNOSTICHE IN ASMAE BPCO E SULLA SPIROMETRIA 2400 SOGGETTI RANDOMIZZATI NELLE LISTE DEI 24 MMG ED INVITATI IN AMBULATORIO AD ESEGUIRE QUESTIONARIO E SPIROMETRIA 188 SOGGETTI CON UNA MALATTIA BRONCOOSTRUTTIVA: 6 9 SOGGETTI CON ASMA 61 SOGGETTI CON BPCO 58 SOGGETTI CON BRONCHITE CRONICA 1339 (55%) RESPONDERS FOLLOW-UP PER 1 ANNO DEI 188 PAZIENTI 73 PAZIENTI CON UNA NUOVA DIAGNOSI: 14 (23%) PAZIENTI CON ASMA 32 (53%) PAZIENTI CON BPCO 29 (46%) PAZIENTI CON BR.CRONICA DISEGNO DELLO STUDIO E RISULTATI

13 Lo scopo del presente progetto è di valutare se un programma di formazione residenziale attraverso: 1. corso di formazione ECM accreditato 2. collaborazione tra specialista e MMG attraverso la prenotazione telematica in tempo reale di spirometria e visite urgenti presso il Centro di Pneumologia migliora la sensibilità diagnostica nei confronti di asma e BPCO e la gestione delle riacutizzazioni gravi Scopo del progetto

14 Obiettivo del progetto: Valutazione dell'impatto delle patologie respiratorie ostruttive nella pratica del MMG e la rilevanza di un percorso facilitato con lo specialista nella razionalizzazione della loro gestione extraospedaliera

15 Sotto-obiettivi del progetto sono: 1. valutare la prevalenza di asma e BPCO prima e dopo 1 anno di attivit à ; 2. valutare l'utilit à della spirometria eseguita "in tempo reale" presso il Centro di Fisiopatologia Respiratoria della Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio nell'aumentare la sensibilit à diagnostica su asma e BPCO; 3. valutare l'utilit à della visita urgente concordata nella gestione delle riacutizzazioni gravi; 4. valutare l impatto della prenotazione diretta di spirometria e visita urgente nella razionalizzazione della gestione delle patologie respiratorie ostruttive;

16 5. Esito visite urgenti (rinvio al domicilio, ricovero ospedaliero) 6. variazioni dei tempi dattesa per spirometria e visita pneumologica urgente 7. Valutazione parametri funzionali di outcome nei pazienti sottoposti a spirometria 8. Valutazione di apprendimento e gradimento degli argomenti e delle procedure oggetto del Corso ECM e del Progetto Indicatori di risultato

17 1.Prevalenza di asma e BPCO nel territorio di Modena e Castelfranco Emilia prima e dopo 1 anno dallintroduzione del sistema telematico. 2.Percentuali pazienti inviati per sospetta asma e BPCO in cui viene confermata la diagnosi 3.Rilevazione modalità di formulazione della diagnosi di Asma e BPCO prima e alla fine del progetto 4.Rilevazione numero e rilevanza delle richieste di spirometria e visite richieste per via telematica Indicatori di risultato

18 1° fase: Corso di Formazione accreditato su Asma e BPCO secondo la logica dellEBM con presentazione del progetto 2° fase: Inserimento nel sito web dei dati clinici e di esito funzionale dei pazienti con diagnosi di Asma bronchiale e BPCO nello spazio riservato ad ogni MMG: ogni Medico di Medicina Generale inserirà allinizio dello studio nel data base telematico predisposto allindirizzo i dati in forma anonima di tutti i pazienti con diagnosi di asma e BPCO presenti nel proprio archivio. Il paziente verrà identificato solo con le iniziali per rispetto della privacy. Fasi del Progetto

19 3° fase: Richiesta telematica con Agenda elettronica presente nel sito web consultabile dal MMG e dal Centro specialistico di spirometrie e inquadramento diagnostico- terapeutico dei pazienti sospetti secondo i criteri delle linee guida GOLD (per la BPCO) – GINA (per lasma bronchiale) e dei pazienti noti ma non ancora inquadrati con spirometria e visite urgenti dei pazienti che presentano riacutizzazione moderata-grave. Il Centro Specialistico mettera a disposizione 6 prenotazioni per spirometria + visita di cui 2 urgenti (entro 24 ore). I dati di spirometria e visita verranno inseriti in tempo reale nella cartella informatizzata del paziente. Fasi del Progetto

20 4° fase: Inserimento di dati di esito funzionale dopo 1 anno dallinizio dello studio: i pazienti che verranno sottoposti a spirometria saranno invitati a tornare dopo 1 anno per un controllo funzionale respiratorio. ECM (tutte le fasi): Il progetto prevede la possibilità di aggiornamento continuo teorico-pratico su Linee Guida e spirometria che dovrebbe portare il MMG alla fine di 1 anno a conoscere e a eseguire direttamente una spirometria semplice senza difficoltà. Fasi del Progetto

21 Selezione dei pazienti Verranno inseriti nel data base tutti i pazienti con una diagnosi di asma e BPCO (compresa la bronchite cronica) nella sezione Pazienti noti Verranno inviati per spirometria e inquadramento diagnostico-terapeutico tutti i pazienti con età oltre i 14 anni con le seguenti caratteristiche: –fumatori di età > 50 anni sintomatici (tosse cronica, espettorazione, dispnea a riposo e da sforzo, frequenti bronchiti) –pazienti con sintomi respiratori cronici di tipo asmatico (respiro sibilante, dispnea variabile, tosse notturna cronica, oppressione toracica) –soggetti con esposizione professionale a rischio (verniciatori, addetti alle fonderie ecc.) Verranno inviati per visita urgente tutti i pazienti con asma e BPCO (o fortemente sospetta) con riacutizzazione moderata-grave non gestibile ambulatoriamente

22 Il Sito WEB Il sito Web e suddiviso nelle seguenti Sezioni: –Presentazione progetto –Spazio MMG per creazione/modifica pazienti e richiesta di consultoMMG –Spazio Pneumologo per rispondere alle richiestePneumologo –Agenda di prenotazione spirometria e visite urgenti –Modulo di registrazioneModulo di registrazione –Spazio ad accesso libero di informazione e aggiornamento (linee-guida, informazioni sui farmaci ecc.) e Links utili con banche dati scientifiche e strutture cliniche di riferimentoLinks Per accedere allo spazio Web riservato a MMG o specialisti è necessario essere in possesso di UserID e password.

23 Sicurezza Il sistema di protezione tramite password garantisce la sicurezza dei dati presenti nel sito. I MMG dispongono di una password per entrare nellarea a loro riservata e non possono accedere alle cartelle di altri MMG. I Pneumologi dispongono di una password che permette di visualizzare tutti i pazienti con patologia respiratoria inseriti nel sito. E previsto un modulo di consenso informato da far firmare al paziente. I dati utilizzati nel sito non possono essere visti dallesterno. Nel sito Internet non verranno utilizzati dati identificativi del paziente ma solo le iniziali


Scaricare ppt "Direttore: Prof. L.M. Fabbri Modena 17/1/2003 "Progetto Pneumoweb."

Presentazioni simili


Annunci Google