La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Financial Innovation & Financial Democracy in Latin America: Rhetoric or Reality? Franco Fornasari Special Advisor, DEV Inter-American Development Bank.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Financial Innovation & Financial Democracy in Latin America: Rhetoric or Reality? Franco Fornasari Special Advisor, DEV Inter-American Development Bank."— Transcript della presentazione:

1 Financial Innovation & Financial Democracy in Latin America: Rhetoric or Reality? Franco Fornasari Special Advisor, DEV Inter-American Development Bank – IDB(*) Opinions are strictly personal – not for attribution to the IDB Group

2 Agenda Point 1: The idea of Financial Democracy Point 2: Microfinance as capitalist paradox Point 3: Commercial finance is key to MFI Future Point 4: Public Sector Role – the case of IDB/MIF Conclusions

3 Point 1 Change of language and rhetoric: the base of the pyramid takes the spotlight away from the Washington consensus

4 From Washington Consensus to Financial Democracy: Human Empowerment and Universal Access to Finance Source: Microfinance in LAC: Connecting Demand and Supply, S.Navajas and L.Tejerina, Working Paper, IDB/SDS, DRAFT, Nov 2006

5 Point 2 The facts behind the change of rhetoric: Microfinance as capitalist paradox

6 Microfinance in LAC: Where Are We? Source: Microfinance in LAC: Connecting Demand and Supply, S.Navajas and L.Tejerina, Working Paper, IDB/SDS, DRAFT, Nov 2006

7 Microfinance in LAC: The Country Picture 2005 Source: Microfinance in LAC: Connecting Demand and Supply, S.Navajas and L.Tejerina, Working Paper, IDB/SDS, DRAFT, Nov 2006

8 How Far Are we From Financial Democracy in LAC? Source: Microfinance in LAC: Connecting Demand and Supply, S.Navajas and L.Tejerina, Working Paper, IDB/SDS, DRAFT, Nov 2006

9 Obviously, There is a Long Way to Go Source: Microfinance in LAC: Connecting Demand and Supply, S.Navajas and L.Tejerina, Working Paper, IDB/SDS, DRAFT, Nov 2006

10 Point 3 Access to Commercial finance is key to the future of the MFI industry – as top-tier MFIs are already showing…

11 The Top 20 MFI Institutions in LAC Source: The MIX Market 2006

12 Access to Capital is Key for the Whole MFI -Industry

13 MFI and Capital Markets: Growing Interest and Lots of Experimenting among the Club of MFI sponsors There is growing evidence that financial innovation is the engine of new approaches to meet the demand for financial services coming from the base of pyramid population in EM. The emerging asset class and its diffusion can have positive externalities for the whole economy and bring many public and Private sponsors to participate in MFI-Funds development. The antities involved are very few and know each other very well…its like an MFI sponsors Club

14 MFI Funds: The Commercial Type

15 MFI Funds: The Commercially-Oriented Type

16 MFI Funds: The Development Type

17 Risk Profile of a Sample of 38 MFI-Funds

18 Point 4 The Public Sector is critical to shape the future of the MFI industry, both on the Regulatory front and on expanding the role of MFI-Funds – i.e., specialized investment vehicles to attract Social and Commercial investors, under variable measures of public sponsorships by Bilateral and Multilateral agencies.

19 Implications for multilateral / bilateral institutions are far reaching: (i) greater attention is needed leverage the potential role of capital market / structured finance instruments in solving fundamental problems of access to financing by target groups in society; (ii) greater cooperation among public and private institutions is needed to promoting key financial technologies to assess and manage credit risk of the target groups they intend to support public sector agencies have good reasons to be involved in programs to transfer these technologies by means of demonstration and pilot projects – as in the case of the BRAC securitization.

20 The IDB Group and Microfinance

21 IDB-MIF Leadership in Microfinance Source: MIF Replenishment Doc.: MIF/CA-7-1, March

22 MIF Portfolio Investment in MFI (US$, Equity/Loans/TC) Source: MIF Replenishment Doc.: MIF/CA-7-1, March

23 The Lessons Learned through Investment in Microfinance Source: MIF Replenishment Doc.: MIF/CA-7-1, March

24 Examples of New Development Funds Sponsored by MIF Source:

25 2 nd Example of New Funds Sponsored by MIF Source:

26 1 Where to look for financial innovation ?: Start from SME financing in Credit and Capital Markets, but start looking at the intersection of the above with the Informal Economy – the Microfinance sector and at the asset class it feeds; 2. What about the MFI?: its a long way from a Success story to an Asset Class, but it depends on how MFIs (microfinance institutions and other specialized financial intermediaries) will evolve and face competition from new comers (downscaling of regulated intermediaries) or bring competition to regulated intermediaries (by upgrading their MFI structure and become regulated intermediaries; 3. Are the MFI a true source of financial innovation?: the jury is still out, but the MFI sector is here to stay, either as set of specialized institutions or as a particular set of financial services for the base of the pyramid: 4. What are the critical factors in the EMs?: The overriding influence of the Financial Sector Policies and Regulations over the future direction of Innovation in EMs: completion of Capital market reforms and competition in the financial sector are key to find new ways to serve the Target Groups of society – the MyPMEs – a New consensus is needed to create Inclusive Financial Systems, that work in a sustainable fashion. Conclusions

27 Thank you e Grazie per lAttenzione

28 Statistical Annex: Top 100 MFIs Source: IDB/SDS

29 Statistical Annex: Top 100 MFIs (cont.1) Source: IDB/SDS

30 Statistical Annex: Top 100 MFIs (cont.2) Source: IDB/SDS

31 Statistical Annex: Top 100 MFIs (cont.3) Source: IDB/SDS

32 The fastest-growing MFIs in LAC Source: IDB/SDS

33 The Best Financial Performing MFIs in LAC Source: IDB/SDS

34 MFIs with highest Deposit taking capacity in LAC Source: IDB/SDS

35 The most Efficient MFIs with large microloans in LAC Source: IDB/SDS

36 The most Efficient MFIs with small microloans in LAC Source: IDB/SDS

37 1 Premise

38 Milano, 14 Dicembre 2004 Workshop Organizzato da RIAL - Regione Lombardia - Camera Di Commercio di Milano - IILA Bond di Distretto e Finanzia per la Competitività delle PMI Temi e Conclusioni della Discussione sul Rapporto RIAL [*]: Dai Consorzi Fidi al Bond di Distretto: Nuovi Strumenti di Finanza per le PMI Italiane e Possibili Applicazioni in America Latina a cura di Franco Fornasari Strategic Planning and Budget Department Inter-American Development Bank [ * ] DOCUMENTO RIVISTO E AMPLIATO SULLA BASE DEI RISULTATI DEL WORKSHOP DEL 14 DICEMBRE, DEGLI INCONTRI CON SPONSORS, RATING AGENCIES, E DEI COMMENTI RICEVUTI ENTRO IL 30 GENNAIO LE OPINIONI ESPRESSE SONO A TITOLO PERSONALE NON RIFLETTONO NECESSARIAMENTE LA POSIZIONE DELLORGANIZZAZIONE DI APPARTENENZA - OGNI COMMENTO A: - NON CITARE SENZA PERMESSO DELLAUTORE

39 PARTE X Nuovi Canali e Strumenti per le PMI: # 7 I Modelli Nazionali di SME-ABS/CDO … (7.a) data limportanza dei flussi di finanziamento mobilizzati, i mercati di SME-ABS/CDO sono tre: Germania, Spagna e Giappone. Solo recentemente si è aggiunta lItalia (7.b) Il Modello Tedesco di CRT = PROMISE e PROVIDE…. Opera tramite lAgenzia di Sviluppo Pubblica KfW çhe Svolge un Ruolo Centrale nella Standardizzazione degli Assets e fa da Controparte del Mercato dei Capitali……….. Fornendo una Piattaforma Comune per la cartolarizzazione dei crediti di Banche Regionali verso le PMI (7.c) Il Modello Spagnolo = FTPYME …. Opera tramite Garanzie Pubbliche nel contesto di Cartolarizzazioni di Crediti verso le PMI da parte di Banche e Istituzioni Finanziarie Locali. Il Governo Federale Spagnolo agisce come un Assicuratore Finanziario Monoline e Garantisce Solo le Tranche di piú Elevata Qualità di Credito (ad es. garanzie / wrappings delle Tranches AAA e AA). (7.d) Anche il Giappone dispone di un Modello di CRT che Opera Tramite un Sistema di Confidi Pubblico – che è Presente in Ciascuna delle 52 Municipalità del Territorio Nazionale – e Tramite una Trust Bank che Agisce come Pooling Agent per conto delle Istituzioni Finanziarie che Prestano alle PMI ……Fornendo così una Piattaforma per la Cartolarizzazione dei Crediti Verso le PMI

40 X.1 Il Modello Tedesco di CRT = PROMISE e PROVIDE…. Opera tramite lAgenzia di Sviluppo Pubblica KfW çhe Svolge un Ruolo Centrale nella Standardizzazione degli Assets e fa da Controparte del Mercato dei Capitali……….. Fornendo una Piattaforma Comune per la Cartolarizzazione dei crediti di Banche Regionali verso le PMI Fonte: JP Morgan

41 X.2 Il Modello Spagnolo = FTPYME …. Opera tramite Garanzie Pubbliche nel contesto di Cartolarizzazioni di Crediti verso le PMI da parte di Banche e Istituzioni Finanziarie Locali. Il Governo Federale Spagnolo agisce come un Assicuratore Finanziario Monoline e Garantisce Solo le Tranche di piú Elevata Qualità di Credito (ad es. garanzie / wrappings delle Tranches AAA e AA). …quindi incoraggia linvestimento in SME-CDO da Parte di Investitori Istituzionali e lintervento di Investitori specializzati che sottoscrivono le Tranche Mezzanine ed Equity….cearndo così una Piattaforma Nazionale/Europea per la Cartolarizzazione dei Crediti Verso le PMI Fonte: Moodys Investor Serviecs

42 X.3 Anche il Giappone dispone di un Modello di CRT che Opera Tramite un Sistema di Confidi Pubblico – che è Presente in Ciascuna delle 52 Municipalità del Territorio Nazionale – e Tramite una Trust Bank che Agisce come Pooling Agent per conto delle Istituzioni Finanziarie che Prestano alle PMI ……Fornendo così una Piattaforma per la Cartolarizzazione dei Crediti Verso le PMI Fonte:Japanese Small Business Research Institute

43 PARTE XI Nuovi Canali e Strumenti per le PMI: #8 Il Modello Italiano di SME-CDO … Gli elementi di originalità nelle Note di PMI Uno Finance sono da collegare al modo in cui sistema finanziario Italiano consente di scomporre il rischio di credito sottostante ai finanziamenti per le PMI e di allocarlo a soggetti capaci/disposti ad assorbire tale rischio… (8.a) Il Modello Italiano di CRT implicito nel Bond di Distretto ha una struttura a due fasi: la prima Fase consiste nella Origination su garanzia sussidiaria dei Confidi; la seconda nella Cartolarizzazione su garanzia primaria degli stessi Confidi.. Prima i Confidi danno una garanzia accessoria a UCBI – al momento dellorigination del credit receivable; Successivamente, i Confidi convertono la garanzia in primaria/1st loss per gli investitori nella Jr.-Equity del CDO (8.b) I Guadagni di Efficienza nelluso del Collateral delle PMI sono intuibili dal semplice confronto dei moltiplicatori in termini di crediti bancario mobilizzabile nelle varie ipotesi di utilizzo delle varie componenti del sistema Confidi + BdD: (1:2) (1:10) (1:25) (8.c) Ma i limiti della struttura attuale del settore dei Confidi sono evidenti quando essi vengano valutati in base alla loro capacita di risk taking (per continuare a fornire garanzie e fondi rischi che si aggiungono alla altre garanzie personali, reali o agli attivi dei bilanci delle PMI) …Solo meno di 20 (su un totale di 800/900) hanno dimensioni e una governance tale da poter fare da perno per un ulteriore sviluppo di queste attività…..La sfida per il sistema dei Confidi Italiano è di andare oltre la funzione di protezione delle PMI nei rapporti con le banche, e di estendere la copertura mutualistica verso i mercati dei capitali, in linea con i dettami di Basilea II (i.e., ottenendo quindi una riduzione del capitale regolamentare richiesto per i crediti alle PMI)

44 XI.1 La struttura del Bond di Distretto di UBM mette in evidenza un Modello Italiano di SME-Credi Risk Transfer a varie componenti Loriginalità dei meccanismi impiegati nella strutturazione delle Note di PMI Uno Finance sono da collegare al modo in cui sistema finanziario Italiano consente di scomporre il rischio di credito sottostante ai finanziamenti per le PMI, e ne consente lallocazione a soggetti capaci/disposti ad assorbire tale rischio… Tali soggetti intervengono nel processo di intermediazione del risparmio degli investitori istituzionali e consentono il finanziamento delle necessità delle PMI attraverso varie fasi attività – cioè vari anelli della catena del valore – che includono… partendo e, e al. Tali fasi del processo di intermediazione sono che consentono le seguenti attività : lorigination dei crediti e la sponsorizzazione delle cartolarizzazioni da parte di banche e intermediari finanziari che operano nel mercato PMI…. la strutturazione delle cartolarizzazione e allocazione dei rischi – fra principalmente il rischio di credito PMI – da parte dei Confidi e di altri attori che operano nel mercato del credito e offrono security necassaria alle banche – senza escludere le risorse provenienti dal Sistema Territoriale/Locale – compresi gli advisors/arrangers della transazione… il piazzamento sul mercato da parte degli agenti che operano sul mercato dei capitali e sottoscrivono le varie tipologie di Note emesse sul mercato – cioè gli investitori istituzionali - per la parte Senior – e i vari investitori della parte Junior delle Note – soprattutto investitori nel settore private equity / dei piazzamenti privati …che sono in grado di apprezzare correttamente il rischio insito in un pool di crediti alle PMI….

45 XI.2 Il Bond di Distretto è un Prodotto a Due Fasi: La prima, di Originazione dei Crediti su Garanzia Sussidiaria; La seconda di Securitizatio con Garanzia Primaria dei Confidi…Nel complesso è un prodotto Guarantee to Originate & Securitize… Il punto chiave del Modello Italiano del Bond di Distretto è la sua struttura a due fasi: la prima Fase consiste nella Origination su garanzia sussidiaria dei Confidi; la seconda nella Cartolarizzazione su garanzia primaria degli stessi Confidi.. (1) il legame fra le due Fasi è assicurato dallunità di intenti dello sponsor – la Banca Originatrice del credito – e il Consorzio di Garanzia muta ovvero il Confidi – che interviene in entrambe le Fasi e che di sponsorizzano in modo differente la cartolarizzazione….. (2) il punto chiave è la conversione della garanzia sussidiaria (che può coprire circa il % del valore dei crediti originati con la garanzia dei Confidi) in garanzia primaria o garanzia di prima perdita ( che puó coprire percentuali attorno al 3-4% del valore della cartolarizzazione e quindi fornisce un moltiplicatore di al collateral che il Confidi mette a fronte dei crediti originati e successivamente cartolarizzati… (3) Quindi.. il Bond di Distretto è un prodotto per le PMI che può essere definito come Guarantee to Originate and Securitize.. (4) In termini di impatto sul capitale regolamentare della banca originatrice la cartolarizzazione dovrebbe avere peso = 0, secondo le dichiarazioni degli sponsors.. (5) Non vi sono implicazioni sulla finanza pubblica poiché la transazione non ha ricevuto alcun external enhancement del governo Centralo o Locale… (6) Limpatto dellinternal credit enhancement sul credit standing dei Confidi è minimo in quanto la somma dei depositi cauzionali dei Confidi presso le banche e le guarantee fees generate dalla transazione sono pressochè equivalenti al valore della garanzia di prima perdita concesso dal Confidi……

46 XI.3 La Struttura de Modello Italiano di CRT / PMI Uno Finance S.r.l. Fase 1: I Confidi danno una garanzia accessoria a UCBI – al momento dellorigination del credit receivable; Fase 2: I Confidi convertono la garanzia in primaria/1st loss per gli investitori nella Jr.-Equity del CDO.. Fonte: Fitch Investor Services /----Phase 1: pre-securitization------/ /-----Fase 2: post-securitization-----/ Phase 1 CONFIDI PROVIDE A PARTIAL-SECONDARY GUARANTEE TO THE ORIGINATING BANK Phase 2 CONFIDI PROVIDE A 1 ST Loss GUARANTEE TO THE UNDERWRITERS OF THE Jr.NOTES

47 XI.4 I Guadagni di Efficienza nelluso del Collateral delle PMI sono intuibili dal semplice confronto dei moltiplicatori in termini di crediti bancario mobilizzabile nei vari scenari …..da cui linteresse per il Sistema dei Confidi + BdD 8. Facendo riferimento ai dati di bilancio di uno dei Confidi di maggiori dimensioni, si può ipotizzare che il moltiplicatore del collateral in termini di credito mobilizzato abbia la seguente evoluzione Nel caso di una singola PMI che accede al credito, 100 EUR di collateral mobilizzano al massimo 200 Euro di credito…. (1:2) Nel caso la PMI utilizzi un Confidi, gli stessi 100 EUR di collateral possono mobilizzare fino a EUR - o 1250 EUR, se si considera leffetto della riassicurazione del FEI – fondo Europeo degli Investimenti; ( 1 : 10 – 12.5) Nel caso di una PMI che operi con un Confidi e si avvalga di strumenti di finanza strutturata come gli SME-CDO, il moltiplicatore del collateral offerto dai Confidi può aumentare in modo considerevole… … ad es., se ipotizziamo una garanzia di prima perdita pari al 4% del valore dellemissione, tale moltiplicatore raggiungere il valore di 25 – cioè quindi mobilizzare un credito di EUR a fronte di 100 EUR di collateral. ( 1 : 25 +)

48 XI.5 I Dati Essenziali del Bond di Distretto sono desumibili dal Sommario della Cartolarizzazione effettuata nellAprile 2004 da UBM – Gruppo Unicredito – e poi replicata nel Novembre dello stesso Anno (PMI 2 Finance Srl)… (*) PMI UNO Finance SrL e il veicolo creato secondo la legge Italiana per le Cartolarizzazioni (L 130-Aprile 1999) ed é lemittente delle Note SME-CDO piazzate sul Mercato Europeo degli Investitori Istituzionali….

49 XI.6 Il Mercato degli Investitori Istituzionali cui si Indirizza la Cartolarizzazione PMI Uno Finance S.r.l….

50 XI.7 Le Criticità del Modello Italiano per trasferire il rischio di credito delle PMI sono legate alla replicabilità delle transazioni fin qui realizzate da UBM (PMI Uno e 2 Finance) Lesperienza del BdD è chiaramente replicabile – come dimostra la seconda emissione di CLO lanciata da Unicredito ed Eurofidi proprio in questo fine anno 2004 …. La questione riguarda la misura della replicablità del caso BdD oltre il sistema Italiano …..e questo dipende dalla replicabilità della complessa infrastruttura di fattori istituzionali e di sistema che lo sorreggono… Analizzando le componenti del sistema italiano delle PMI – cioè i consorzi fidi, i distretti industriali, le istituzioni finanziarie e le componenti del sistema locale che ruotano attorno ad essi - è lecito chiedersi quali fra tali singole componenti siano parte della soluzione (cioè aiutano a trasferire il rischio di credito delle PMI più facilmente al mercato) e quali del problema ( cioè richiedono uno sforzo addizionale di strutturazione delle cartolarizzazioni e ad es. aumentano il rischio di concentrazione e riducono leffetto di diversificazione del pooling di assets..)… In particolare, quale la direzione dei cambiamenti che possono mettere i Confidi nella posizione di giocare un ruolo più ampio nello sviluppo di strumenti di finanza strutturata e nel trasferimento del rischio di credito delle PMI in futuro? È chiaro che il loro consolidamento e rafforzamento nel nuovo ambiente operativo di Basilea II, può favorire la loro funzione di meccanismo di risk pooling e di interfaccia delle realtà produttive e locali con gli intermediari finanziari - e forse anche dei mercati dei capitali.. Ma i limiti della struttura attuale del settore dei Confidi sono evidenti quando essi vengano valutati in base alla loro capacita di risk taking (per continuare a fornire garanzie e fondi rischi che si aggiungono alla altre garanzie personali, reali o agli attivi dei bilanci delle PMI) …Solo meno di 20 (su un totale di 800/900) hanno dimensioni e una governance tale da poter fare da perno per un ulteriore sviluppo di queste attività …

51 XI.8 I Punti Chiave sono: Quanto è Grande la Coperta dei Confidi..e Quanto e Estendibile ai Mercati dei Capitali, Ovvero Come viene Valutata dalle Rating Agencies oltre che dalle Autorità Regolamentari dei Paesi? Analogamente si intravedono limiti alla capacità dei Confidi di fornire credit ehnancement / sottoscrivere le tranches di equity nelle cartolarizzazioni di crediti alle PMI che i Confidi stessi hanno garantito. >..il sistema dei Confidi ha fin ora svolto una funzione di protezione nei rapporti della singola PMI con le banche, ma che valore ha questa coperta mutualistica rispetto ai dettami di Basilea II (i.e., riduzione del capitale regolamentare dei crediti alle PMI)? ….Cioè quante valgono le garanzie dei Confidi per mitigare il rischio di credito e ottenere migliori condizioni di accesso al credito bancario... >..…inoltre….e possibile estendere tale coperta anche agli investitori delle cartolarizzazioni per sopperire alle asimmetrie informative, sia rispetto alle PMI sia alle banche? …Cioè la coperta dei Confidi è sufficientemente ampia per tutelare sia le banche sia gli investitori / mercati? Il caso BdD sembra offrire una risposta affermativa, anche nellattuale contesto in cui mancano alcune condizioni di regolamentazione del settore Confidi (disclusure, governance, organizzazione, quadro istituzionale, ratings ecc. ) che portino tutto il settore – non solo pochi Confidi – ad essere controparte credibili nella vendita ai mercati di protezione contro il rischi di credito verso le stesse PMI che essi hanno supportato al momento dellorigination dei crediti – cioè trasferendo collateral verso la banca erogatrice del credito stesso. > ….quindi, una chiara codifica degli aspetti critici del quadro finanziario, istituzionale e regolamentare che sono alla base del Modello Italiano è essenziale al fine di rendere tali meccanismi replicabili su larga scala e adattabili alle circostanze di mercato - cioè per meglio rispondere alle esigenze delle PMI – sia in Italia sia in Europa dove sono diffusi...

52 2 Premise

53 Inter-American Development Bank Global Conference on Better Financing for Entrepreneurship & SME Growth Organized by the OECD and the Government of Brazil Financial Innovation for the SMEs: the Role of Markets and Government Franco Fornasari Brasilia, March 29, 2006 Special Advisor, [REVISED, May 30 th 2006] Developmental Effectiveness Department

54 The reaction to the current external environment can also be seen from the perspectives of the net users of financial savings in the Private Sector. The position of Private / Non-Sovereign entities is different in the case of Financial Intermediaries and Corporate entities, depending on their access to credit/markets. The dominant features of the Regional context are the following: - Financial Intermediaries (FI) and Credit Markets cover almost the entire financing needs of productive sectors – i.e., bond direct financing (Sec.E) by the Corporate Sector is about 5% of domestic credit during 2000/2004 and, obviously, it goes to top tier or mid-market companies; this total goes up to about 15% if one includes all financial institutions that also serve the SME sector. Thus the need to focus on FI and their behavior in the current market conditions; - The vast majority of SME have very low access to credit – and may have limited desire to expand it under normal circumstances – they may prefer internal sources of funding and short term finance. Thus, the need to acquire reliable data on corporate finance trends and on factors driving demand for debt and equity finance by the vast universe of SME that are the backbone of the Regions economies. H. IS THE PRIVATE SECTOR BENEFITING FROM THE CURRENT FINANCIAL BOOM?

55 The diversity of Latin America from other Regions can be gauged by the limited size of domestic credit and public stock markets….

56 Financial Intermediaries have benefited from the positive economic cycle, abundant liquidity, and improved access to international capital markets. This led to an expanded level of intermediation in Domestic Credit and Capital markets – i.e., increased loans to private sector and investment in domestic public debt. Top-tier and mid-market companies in the Private sector are also strengthening their financial structure by pre-paying US$-denominated debt previously incurred. At the same time, investment demand exceeds internal funds and - after many years of de-leveraging - there is a growing demand for financing, mainly in Local Currency, through Financial Intermediaries. Little is known about the SMEs and most companies with less or no access to financing, although the positive investment cycle appears to generate a demand for growth and investment finance well beyond the availability of internal funds. Anecdotal evidence indicates a rapid increase in the demand for financing and a revival of domestic credit markets in the Region

57 Innovation is creeping in and taking roots in some markets for structured and securitization products… The Multilaterals have spearheaded progress in the mortgage and housing sector, in addition to project and corporate finance for mid- market companies… A lot is needed to deepen domestic markets for long-term, local currency that can benefit the corporate sector of all sizes… L. SECURITIZATION MARKETS ARE GROWING RAPIDLY… BUT FROM A SMALL BASE

58 LAC local markets have experienced the fastest growth in structured finance issuances (Source: Fitch Ratings – March 2006)

59 LAC: Trends in securitization / Structured finance issuance (Source: Fitch Ratings – Latin America Conference, April 2005)

60 A few countries are leading the expansion of structured finance issuance in local markets (Volume of transactions by country; Source: Fitch Ratings – March 2006)

61 LAC: Trends in securitization / Structured finance issuance (Source: Fitch Ratings – Latin America Conference April 2005)

62 LAC: Structured finance deals in local markets (no. of transactions by country; Source: Fitch Ratings – March 2006)

63 Only timid signs of recovery from the long winter began in the year 2001… but prospects are improving. M. PRIVATE EQUITY AND VENTURE CAPITAL MARKETS SHOW NEW SIGNS OF LIFE…AFTER A LONG WINTER

64 Latin America & Caribbean private equity investment trends (Source: Advent International, The Economist Conferences 2006)

65 The assessment of PE market participants (Source: Advent International, The Economist Conferences 2006)

66 Latin America & Caribbean private equity / venture capital (% share : Source Venture Equity Latin America, The Economist Conferences 2006)

67 Capital raised by PE/VC funds in 2004 & 1H 2005 (Source: Venture Equity – Latin America, The Economist Conferences 2006)

68 Optimistic time compared to the crises of the past Despite election uncertainties, sound economic management is widely valued as a necessity for development Migration of people and money across borders (in both directions) creates market opportunities Governments increasingly aware of need to create a sound playing field for private equity Increased regionalization will lead to better standards, transparency, competitiveness. third wave of investment focusing on exports and new technologies will fuel small and medium sized enterprise growth – (Quote from President L.A.Moreno) MIF/IDB assessment of current prospects for VC/PE markets (Source: MIF, The Economist Conferences, February 2006)

69 Thank you


Scaricare ppt "Financial Innovation & Financial Democracy in Latin America: Rhetoric or Reality? Franco Fornasari Special Advisor, DEV Inter-American Development Bank."

Presentazioni simili


Annunci Google