La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Polizza Credito Fornitore Benchmarking. Standard Ambientali nei progetti internazionali Giulia Guidi SACE Unità Ambiente Roma, 20 Maggio 2005.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Polizza Credito Fornitore Benchmarking. Standard Ambientali nei progetti internazionali Giulia Guidi SACE Unità Ambiente Roma, 20 Maggio 2005."— Transcript della presentazione:

1 Polizza Credito Fornitore Benchmarking. Standard Ambientali nei progetti internazionali Giulia Guidi SACE Unità Ambiente Roma, 20 Maggio 2005

2 1.Progetti internazionali 2.Accordo OCSE 3.Standard di riferimento 4.Casi Studio 5.Esercizio. Gioco di ruolo Contenuti

3 Benchmarking: numeri o ratio? ?

4 Progetti di Sviluppo internazionali: diverse parti coinvolte -Aziende internazionali che operano in paesi diversi (caratteristiche tecniche diverse) -Aziende del paese ospite (componente locale) -Governi locali (rilascio di permessi, normativa locale) -Banche di sviluppo (MLAs) (Policy ) -Banche (Equator Principles) -ECA (accordo OCSE) 1. Progetti internazionali ? Quali standard Accordo OCSE Standard di riferimento Casi Studio Progetti Internazionali Esercitazion e 2/15

5 Obiettivo del benchmarking: -Armonizzazione di standard per soddisfare le diverse parti -Mantenere un livello di flessibilità in progetti complessi -Migliorare gli standard ambientali e sociali dei paesi in via di sviluppo 1. Progetti internazionali Accordo OCSE Standard di riferimento Casi Studio Progetti Internazionali Esercitazion e 3/15

6 ECAs: Approccio flessibile nellaccordo OCSE 2. Benchmarking nellaccordo OCSE Benchmarking come approccio flessibile. Standard WB, IFC, best practices Standard Locali e Standard internazionali: linguaggio meno forte nel documento Accordo iniziale (2001): Accordo attuale (2003): il più stringente degli standard applicabili Maggiore specificità sugli standard di riferimento (non solo come esempi) Linguaggio più stringente in termini di requisiti da rispettare (should) Standard di riferimento Casi Studio Accordo OCSE Esercitazion e Progetti Internaz. 4/15

7 2. Benchmarking nellaccordo OCSE Accordo inziale – Rev6 (2001): Standard di riferimento Casi Studio Accordo OCSE Esercitazion e Progetti Internaz. 5/15

8 2. Benchmarking nellaccordo OCSE Accordo attuale (Raccomandazione 2003): Standard di riferimento Casi Studio Accordo OCSE Esercitazion e Progetti Internaz. 6/15

9 2. Benchmarking nellaccordo OCSE Requisiti Raccomandazione OCSE: Benchmarking=Standard più stringente -Rispetto di Standard locali (ottenimento permessi) -Rispetto degli standard internazionali di riferimento, qualora questi fossero piu stringenti degli standard locali Flessibilità? -Se si accetta uno standard che non sia il piu stringente tra quelli di riferimento, è necessario dare una spiegazione pubblica (rapporto OCSE trimestrale ex-post). (Es.: Tecnologia nuova, compromesso se scostamento non rilevante) Standard di riferimento Casi Studio Accordo OCSE Esercitazion e Progetti Internaz. 7/15

10 3. Standard di riferimento Standard di riferimento internazionali indicati nella raccomandazione: European Bank for Reconstruction and Development, EBRD (www.ebrd.org) Asian Development Bank, ADB, (www.adb.org) African Development Bank, AfDB (www.afdb.org) Interamerican Development Bank (www.iadb.org) 1.World Bank (WB), 2.International Finance Corporation, IFC, 3.Banche regionali di sviluppo: 4.Elevati standard applicabili (es. EU, settori specifici ind.) Accordo OCSE Casi Studio Standard di Riferimento Esercitazion e Progetti Internaz. 8/15

11 3. Standard di riferimento Definizione degli standard: processo in continua evoluzione: - Handbook (PPAH) - Safeguard policy » Performance Standard* *OECD, Aprile 2005: Confidenziale, Processo di aggiornamento delle linee guida IFC-WB. - Revisioni in corso standard/policy WB e IFC: - Settori tecnologici nuovi (es LNG), nuovi standard - Evoluzione Direttive Europee Accordo OCSE Casi Studio Standard di Riferimento Esercitazion e Progetti Internaz. 9/15

12 4. Caso Studio. Benchmarking per una ECA Schema delle possibili decisioni: Cat C Cat B Cat A Accettazione progetto Impatti localizzati (aria, acqua, rifiuti, rumore) Rispetto degli Stnd (policy) più stringenti ? No. (Decisione ECA) Possibili scenari: -Condizione nella polizza di rispetto futuro degli standard. (vincolo allerogazione). -Compromesso (solo se differenza non rilevante). Spiegazione pubblica ex post -Non accettazione del progetto -Altro? Nessun requisito Impatti estesi, aree sensibili, impatti socio- economici Si Standard di riferimento Accordo OCSE Casi Studio Esercitazion e Progetti Internaz. 10/15

13 4. Caso studio: standard Esempio: Impianto completo, area industriale, settore non sensibile. Emissioni localizzate, controllate. Categoria B. ATMOSFERAParame tri concentra zioni max mg/Nmc Limite italiano DM 12/7/90, all II, cat 11 Limite IFC (ceramics) Limite WB general Guidelines Polveri inerti 30< NOx SO Non sono state riportate tutte le componenti ambientali analizzate (acqua, rifiuti e rumore) per motivi di riservatezza Standard di riferiment o Accordo OCSE Casi Studio Esercitazi one Progetti Internaz. 11/15

14 4. Caso studio: Complesso (negoziazione) Progetto in un area industriale, sensibilità e specificità di settore, particolare tecnologia. Compromesso Solo una alternativa possibile per ridurre le emissioni di ammoniaca: una nuova tecnologia (iniezione di UF), poco sperimentata Contractor riluttante a garantire con questa tecnologia un livello di ammoniaca più stringente degli iniziali 160 mg/Nm3 (WB/UE 50 mg/Nm 3 ) Dati sperimentali: livello massimo di 0.4 kg di ammoniaca / ton di urea prodotta (equivalente circa a 60 mg/Nm 3 ) è di solito raggiungibile ma richiede diversi tentativi e regolazioni del sistema Il Contractor garantisce un livello massimo di 0.4 kg/t urea, ma: se questo valore non viene raggiunto ed un consulente indipendente verifica che non è possibile fare di meglio, il Contractor non ha responsabilità e gli Sponsor si impegnano ad attuare le misure di mitigazione proposte dal consulente con approccio costo-efficacia Standard di riferiment o Accordo OCSE Casi Studio Esercitazi one Progetti Internaz. 12/15

15 Progetto con 4 ECA, impianto di grandi dimensioni, aree sensibili, diversi standard applicabili. Condizioni Polizza UnitsDescriptionParam eter DPR env.per mit FEPA stdNLNG Emission Design World Bank std NLNG Plus Project Em.Stands mg/ Nm 3 4,5 KT GT (for MR Compressors) CO (as C) n.a.n/a Hydroc50 n.a.n/a50 SO x n.a n.a1000n.a Partic <50 1,2,3- KT-1430 GT (PR Compressors) NO x n.a. CO (as C) n/an.a. Hydroc50 n/an.a SO x n.a830n.a1000n.a. Partic <50 4,5-KT GT (PR Compressors) NO x n.a.32070** ** NOx and Particulate emissions from the entire complex will comply with the World Bank Standard 4. Caso studio: Complesso (condizioni) Standar d di riferimen to Accordo OCSE Casi Studio Esercita zione Progetti Internaz.

16 4. Caso studio: molto complesso Standard di riferimento Accordo OCSE Casi Studio Esercitazio ne Progetti Internaz. 14/15

17 5. Esercizio in Classe. Simulazione di negoziazione sugli standard del progetto Capire in prima persona il benchmarking e la possibile negoziazione Obiettivo Struttura dellesercizio Modalità: TRE Gruppi: Banche (BB), ECA, Esportatori (EE) Tempi: 20 minuti per leggere e capire lesercizio (Supporto: Un esperto dellunità ambiente per gruppo). Elezione di un rappresentante per gruppo. Ogni rappresentante espone la sua politica e la sua posizione rispetto al problema 15 minuti negoziazione Conclusione. Quale soluzione? Standard di riferimento Accordo OCSE Esercitazione Casi Studio Progetti Internaz.


Scaricare ppt "Polizza Credito Fornitore Benchmarking. Standard Ambientali nei progetti internazionali Giulia Guidi SACE Unità Ambiente Roma, 20 Maggio 2005."

Presentazioni simili


Annunci Google