La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La cessione dei crediti certificati vantati nei confronti della pubblica amministrazione Art. 9, DL 185/2008 + art. 13-bis, Decreto Legge 52 del 07/05/2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La cessione dei crediti certificati vantati nei confronti della pubblica amministrazione Art. 9, DL 185/2008 + art. 13-bis, Decreto Legge 52 del 07/05/2012."— Transcript della presentazione:

1 la cessione dei crediti certificati vantati nei confronti della pubblica amministrazione Art. 9, DL 185/ art. 13-bis, Decreto Legge 52 del 07/05/2012 (Razionalizzazione della spesa pubblica) conv. in legge 94 del 06/07/ due Decreti del Ministero dellEconomia e delle Finanze 25 giugno 2012 per le certificazioni CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/ Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati

2 la compensazione dei crediti vantati nei confronti della pubblica amministrazione con somme iscritte a ruolo art. 31, comma 1-bis, DL 78/2010 (misure di stabilizzazione) + art. 35 del DL 1/2012 (c.d. decreto liberalizzazioni) conv. in Legge 27 del 24 marzo un Decreto del Ministero dellEconomia e delle Finanze 22 maggio 2012 per la compensazione CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/ Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati

3 modulistica approvata con i citati decreti ministeriali Allegato 1 – istanza per il rilascio della certificazione allamministrazione statale e agli enti pubblici nazionali; Allegato 1-bis – istanza per il rilascio della certificazione agli enti locali, regioni ed enti del SSN; Allegato 2 – certificazione dei crediti da parte dellente pubblico; Allegato 2-bis – certificazione dei crediti da parte del commissario ad acta; Allegato 3 – nomina di un commissario ad acta per lacquisizione della certificazione. CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/ Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati

4 finalità della norma 1. Fornire liquidità alle imprese; 2. Rendere semplice per fornitori e debitori il meccanismo della certificazione, superando la frammentazione sul territorio; 3. Ridurre il rischio di inerzia della pubblica amministrazione; 4. Favorire una risoluzione per i debiti iscritti a ruolo. CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/2012 Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati 4

5 evoluzioni normative significative Art. 9 D.L. n. 185/2008: introduzione della facoltà, per Regioni ed enti locali, di certificare i caratteri di certezza, liquidità ed esigibilità dei crediti. Art. 13 L. n. 183/ 2011: potenziamento del meccanismo di certificazione da facoltà a obbligo di certificazione per Regioni ed enti locali entro 60 gg. dalla ricezione dellistanza. Art. 12 D.L. n. 16/2012: estensione dellistituto della certificazione ad amministrazioni statali e semplificazione del processo di certificazione Art. 31 D.L. n. 78/2010: introduzione della possibilità di compensare i crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, maturati nei confronti di regioni, enti locali ed enti del SSN con le somme dovute iscritte a ruolo CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/2012 Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati 5

6 LE CONDIZIONI NECESSARIE: le condizioni OGGETTIVE CREDITI MATURATI VERSO REGIONI o ENTI LOCALI (COMUNI e PROVINCE), ed ENTI del SSN; CREDITI NON PRESCRITTI, CERTI, LIQUIDI ed ESIGIBILI; A FRONTE di: SOMMINISTRAZIONI,FORNITURE, APPALTI. CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/2012 Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati 6

7 le modalità operative di certificazione - 1 Istituzione di due forme di certificazione: Ordinaria/ cartacea: attivabile da subito, moduli su internet, compilabili on line, inviabili con PEC; Semplificata/ elettronica: attivabile a valle della predisposizione della piattaforma elettronica Consip (vedi nel seguito). Si evitano gli obblighi di redazione di atto pubblico e di notificazione nel caso di cessione. NB: la certificazione è funzionale allanticipazione, alla cessione in banca o alla compensazione. CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/2012 Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati 7

8 l e modalità di certificazione - 2 – il creditore invia listanza di certificazione del credito con il modulo 1: fornisce fatture e estremi della prestazione; – precisa se intende utilizzare il credito in compensazione con somme iscritte a ruolo; – si impegna a non attivare procedimenti in sede giurisdizionale fino alla data indicata per il pagamento (o 12 mesi se la data non è indicata). CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/2012 Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati 8

9 le modalità di certificazione - 3 Se lamministrazione non risponde in 60 gg. si avvia una fase che può durare al massimo altri 60 gg.: 1.il creditore presenta una nuova istanza alla Ragioneria Generale dello Stato, che nomina un commissario ad acta (vedi modulo allegato sub 1bis); 2.il commissario risponde sostituendosi allamministrazione (vedi modulo allegato sub 2 bis). CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/2012 Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati 9

10 le modalità di compensazione - 1 I crediti, una volta certificati, possono essere utilizzati per pagare, parzialmente o integralmente, i seguenti debiti, per i quali in ogni caso deve essere stata emessa cartella di pagamento entro il 30 aprile 2012: tributi erariali, regionali e locali, contributi assistenziali e previdenziali, premi per lassicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali, entrate spettanti allamministrazione che ha rilasciato la certificazione, oneri accessori, aggi e spese a favore dellente di riscossione, imposte previste allarticolo 29 del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78 convertito con modificazioni dalla legge del 30 luglio 2010 n. 122 (fra cui crediti dimposta per attività di ricerca, detrazione per riqualificazione energetica). CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/2012 Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati 10

11 le modalità di compensazione Il creditore presenta la certificazione del credito allagente della riscossione e indica le posizioni debitorie che intende estinguere; 2.Lagente entro tre giorni lavorativi verifica la validità della documentazione, inviando richiesta allAmministrazione debitrice tramite PEC, oppure utilizzando, dove è possibile, la piattaforma elettronica anzidetta. 3.Lamministrazione debitrice deve rispondere entro 10 giorni, e lagente di riscossione comunica allente lesito della verifica. CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/2012 Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati 11

12 le modalità di compensazione A questo punto, se tutto è andato bene, il debito dellente nei confronti della PA si estingue «limitatamente allimporto corrispondente al credito certificato e utilizzato in compensazione» e lazienda ritira lattestazione di avvenuta compensazione presso lo sportello del competente agente della riscossione. 5.Lavvenuta compensazione è comunicata dallagente della riscossione allente debitore e a quello impositore entro cinque giorni lavorativi (sempre attraverso posta elettronica certificata o piattaforma elettronica). Vi sono poi altri adempimenti a carico dellente pubblico debitore….. CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/2012 Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati 12

13 la piattaforma elettronica - 1 Con il Comunicato Stampa del 18 ottobre u.s. il Ministero (Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato) ha comunicato lentrata in funzione della Piattaforma elettronica per lo svolgimento del procedimento di certificazione dei crediti. Tale piattaforma consente ai Creditori di richiedere la Certificazione dei crediti e di tracciare le eventuali successive operazioni di anticipazione, compensazione, cessione e pagamento, a valere sui Crediti certificati. Il processo svolto in modalità telematica rende più agevole richiedere e rilasciare le Certificazioni e semplifica le procedure di cessione, anticipazione e compensazione dei Crediti certificati. CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/2012 Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati 13

14 la piattaforma elettronica - 2 Le amministrazioni statali e gli enti pubblici nazionali, si legge nel comunicato, nonché le regioni e le province autonome, gli enti locali e gli enti del Servizio Sanitario Nazionale, entro 30 giorni dalla presente comunicazione (vale a dire ENTRO IL 17 novembre p.v.) dovranno richiedere labilitazione sul sistema. Decorso tale termine, i titolari di crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, scaturenti da contratti aventi ad oggetto somministrazioni, forniture ed appalti nei confronti di una P.A., potranno, a loro volta, abilitarsi sulla piattaforma e presentare allamministrazione o ente debitore istanza di certificazione del credito, utilizzando il modello generato dal sistema. CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/2012 Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati 14

15 la piattaforma elettronica - 3 Il Ministero specifica che al momento, la Piattaforma per la certificazione dei crediti espone solo le funzionalità per consentire la registrazione da parte delle Amministrazioni e degli Enti Pubblici, e che, non appena saranno rese disponibili anche le funzionalità per i Creditori ne sarà data tempestiva comunicazione. Per informazioni ed eventuali problemi tecnici, esiste la possibilità di rivolgersi ad un servizio di assistenza allindirizzo mail: la piattaforma è disponibile collegandosi al seguente indirizzo: CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/2012 Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati 15


Scaricare ppt "La cessione dei crediti certificati vantati nei confronti della pubblica amministrazione Art. 9, DL 185/2008 + art. 13-bis, Decreto Legge 52 del 07/05/2012."

Presentazioni simili


Annunci Google