La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sapere per vivere bene la sessualitÀ diventare mashi, diventare femnmine Sapere per vivere bene la sessualitÀ diventare mashi, diventare femnmine PROGRAMMA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sapere per vivere bene la sessualitÀ diventare mashi, diventare femnmine Sapere per vivere bene la sessualitÀ diventare mashi, diventare femnmine PROGRAMMA."— Transcript della presentazione:

1 Sapere per vivere bene la sessualitÀ diventare mashi, diventare femnmine Sapere per vivere bene la sessualitÀ diventare mashi, diventare femnmine PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD ) BANDO REGIONALE PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD –BURP 13– ) DDR 308/ /2007 FDV Responsabile di progetto: dott.ssa Laurita Tanzi - ASL 13 Novara – DMI - AISPA Viale Roma Novara - - Tel – Fax Referente di progetto: dott.ssa M.Carmen Ceffa - ASL 13 Novara - Dipartimento Materno Infantile Via Casorati 68 – Novara - tel – fax dott.ssa Stefania Galli – AISPA (Milano) - –

2 Filone tematico : Sessualità e infezioni sessualmente trasmesse Prevenzione delle Infezioni Sessualmente Trasmesse (IST) e delle gravidanze indesiderate nel setting comunità, scuola e servizio sanitario con target i ragazzi e gli adolescenti attraverso interventi informativi, educativi, formativi ed organizzativi di promozione di conoscenze ed abilità. Bando HP – Regione Piemonte

3 3 Promozione della saluteprocesso maggior controllo Promozione della salute è il processo che dà alla gente i mezzi per esercitare un maggior controllo sulla propria salute e migliorarla. salute è, dunque, vista come una risorsa della vita quotidiana, lobiettivo della vita, oltre gli stili di vita sani al benessere La salute è, dunque, vista come una risorsa della vita quotidiana, non come lobiettivo della vita, va oltre gli stili di vita sani per mirare al benessere. Promozione del Benessere

4 Determinanti Predisponenti Predisponenti - conoscenze - auto-efficacia - autostima - atteggiamenti - Percezione- valori - credenze Determinanti Abilitanti - diritti per la salute sessuale - accessibilità risorse e servizi - educazione sessuale nelle scuole - skill correlati alla salute Determinanti Rinforzanti - famiglia- gruppo dei pari famiglia - insegnanti- operatori sanitari - politici - governanti Comportamentospecifico individui (stili di vita) ambiente(condizioni del vivere) salute PRECEDE diagnosi educativa ed organizzativa (Green, 1992) DoRS

5 Gruppo di lavoro Costituzione del gruppo di lavoro operatori ASL Costituzione del gruppo di lavoro operatori ASL Proposta agli insegnanti referenti di evolvere gli interventi in classe in un progetto di promozione della salute, così come richiesto dalla Regione Proposta agli insegnanti referenti di evolvere gli interventi in classe in un progetto di promozione della salute, così come richiesto dalla Regione Presentazione e approvazione del nuovo metodo alle colleghe operanti nellambito della sessualità Presentazione e approvazione del nuovo metodo alle colleghe operanti nellambito della sessualità Invio progetto Regione per finanziamento Invio progetto Regione per finanziamento Contatto con insegnanti referenti degli istituti e delle scuole interessate Contatto con insegnanti referenti degli istituti e delle scuole interessate

6 Costituzione gruppo di lavoro multidisciplinare: Costituzione gruppo di lavoro multidisciplinare: Operatori ASL (responsabile e referente di progetto) Operatori ASL (responsabile e referente di progetto) Rappresentanti dei docenti Rappresentanti dei docenti Rappresentanti SISM (Studenti Medicina) Rappresentanti SISM (Studenti Medicina) Psicologa AISPA (Associazione Italiana Sessuologia Psicologia Applicata) Psicologa AISPA (Associazione Italiana Sessuologia Psicologia Applicata) Incontri focus group con i destinatari intermedi e finali Incontri focus group con i destinatari intermedi e finali Incontro con insegnanti e rappresentanti genitori Incontro con insegnanti e rappresentanti genitori Gruppo di lavoro

7 Amministrazione attenta a: salute dei piu' giovani valutando che per riuscire ad ottenere dei risultati concreti è necessario coinvolgere ed attirare in tal senso l'interesse di: adulti - passando attraverso il canale della scuola famiglie, sanita e istituzioni con le quali è fondamentale collaborare LABORATORIO SALUTE LABORATORIO SALUTE Paesi della Bassa Novarese – Amministrazioni Comunali

8 Servizi coinvolti SIAN SERT SPRESAL Neuropsichiatria Infantile Dipartimento Materno Infantile Medicina Sportiva

9 2008/ DDR FDV Sapere per vivere bene la sessualità: percorso con Scuole Secondarie Un percorso sulla sessualità con docenti di Scuola Secondaria di Primo Grado e Genitori Diventare maschi, diventare femmine: un percorso sulla sessualità con docenti di Scuola dellInfanzia, Primaria e Genitori

10 Quali scuole sono coinvolte… Liceo Scientifico annesso al Convitto Carlo Alberto – classi terze - Novara Liceo Scientifico annesso al Convitto Carlo Alberto – classi terze - Novara Istituto Tecnico Agrario Statale G.Bonfantini- classi seconde – Novara Istituto Tecnico Agrario Statale G.Bonfantini- classi seconde – Novara Istituto per il Commercio G. Ravizza – classi prime - Novara Istituto per il Commercio G. Ravizza – classi prime - Novara Scuola Primaria (Galliate) Scuola Primaria (Galliate) Scuola Secondaria Primo Grado- Galliate (NO) Scuola Secondaria Primo Grado- Galliate (NO) Scuola Primaria- Vespolate Scuola Primaria- Vespolate Scuola Secondaria Primo Grado- Vespolate Scuola Secondaria Primo Grado- Vespolate Scuola dellInfanzia e Primaria 1° circolo + Genitori Scuola dellInfanzia e Primaria 1° circolo + Genitori Scuola Primaria 2° circolo Scuola Primaria 2° circolo Scuola Secondaria Primo Grado- Pier Lombardo Scuola Secondaria Primo Grado- Pier Lombardo Scuola Secondaria Primo Grado- Fornara Ossola Scuola Secondaria Primo Grado- Fornara Ossola

11 Altre agenzie, associazioni…. SISM – Segretariato Italiano Studenti Medicina – Università Orientale Avogadro – Novara AISPA – Associazione Italiana Sessuologia e Psicologia Applicata – Milano (Ospedale S.Carlo) Associazione VEGA – Comune di Galliate – Parrocchia – Biblioteca – Oratorio – Ente locale – affiancati da volontari privati, gruppi sportivi, associazioni di gruppi giovanili

12 SISM Il Segretario Italiano Studenti di Medicina chiede di poter collaborare con lASL nellambito della prevenzione delle malattie a trasmissione sessuale, in particolare dellHIV Il Segretario Italiano Studenti di Medicina chiede di poter collaborare con lASL nellambito della prevenzione delle malattie a trasmissione sessuale, in particolare dellHIV I gruppi degli studenti, vengono formati dgli operatori ASL ed entrano nelle classi di scuole superiori come Peer educators Senior, trattando in particolare il comportamento a rischio e lutilizzo del preservativo. In collaborazione con il docente universitario stanno svolgendo una ricerca al fine di valutare lesito degli interventi allinterno delle classi (questionario pre-post) I gruppi degli studenti, vengono formati dgli operatori ASL ed entrano nelle classi di scuole superiori come Peer educators Senior, trattando in particolare il comportamento a rischio e lutilizzo del preservativo. In collaborazione con il docente universitario stanno svolgendo una ricerca al fine di valutare lesito degli interventi allinterno delle classi (questionario pre-post)

13 LAssociazione viene coinvolta nel progetto con la collaborazione di una Psicologa negli interventi con i docenti e i genitori. LAssociazione viene coinvolta nel progetto con la collaborazione di una Psicologa negli interventi con i docenti e i genitori.AISPA

14 DOCENTI GENITORI STUDENTIUNIVERSITARI BAMBINI e BAMBINE ADOLESCENTI OPERATORI PREADOLESCENTI ADOLESCENTI

15 Associazione VEGA – Comune di Galliate – Parrocchia – Biblioteca – Oratorio – Ente locale – affiancati da volontari privati, gruppi sportivi, associazioni di gruppi giovanili Lassociazione gestisce uno Spazio Giovane allinterno del quale si è formato un gruppo di ragazzi e ragazze per la PEER EDUCATION

16 Peer education 14 ragazze e 8 ragazzi Formato un gruppo di 14 ragazze e 8 ragazzi che frequentano scuole superiori di Novara, con un ruolo di riferimento per studenti e studentesse Spazio GiovaniSpazio Giovani a Galliate con due ore alla settiamana dedicate alla sessualità (domande, dubbi, informazioni, filtro con servizi territoriali) Nelle terze classi medie inferiori si chiede disponibilità alla formazione in peer education

17 RISULTATI E CONCLUSIONI Coinvolgimento di docenti dei diversi ordini e grado di scuole (infanzia, elementari, medie, superiori): riescono a coinvolgerne altri che non hanno partecipato alla formazione con le operatrici ASL. Si ritrovano a lavorare in gruppo tra colleghi con una metodologia utilizzata da pochi si confrontano su un argomento che coinvolge personalmente (sentimenti, emozioni) acquisiscono competenze per la conduzione del tema in classe

18 Il lavoro svolto dai docenti formati, solleva dallimbarazzo gli adolescenti e gli stessi insegnanti nel trattare argomenti inerenti la sessualità, associandoli in modo più naturale, allesperienza di vita che ogni persona, anche se in modo diverso, si ritrova ad affrontare Miglioramento del clima di discussione in classe Capacità nel discutere in classe argomenti prima mai introdotti RISULTATI E CONCLUSIONI

19 Studenti e studentesse più predisposti agli incontri con loperatrice di consultorio Riconoscimento che gli insegnanti si sono formati per trasmettere competenze e strumenti alla classe Coinvolgimento attivo e serio nei lavori di gruppo con rivelazione delle sensazioni vissute, dimostrando di sentirsi in una situazione di fiducia RISULTATI E CONCLUSIONI

20 Grado di attenzione molto più alto rispetto agli anni precedenti, anche nelle classi con situazioni difficili segnalate dagli insegnanti, nelle classi terze delle scuole medie inferiori RISULTATI E CONCLUSIONI

21 Scuola elementare : le insegnanti sono partite con un grosso timore ad affrontare questo progetto. Lentusiasmo nel lavorare in classe dimostra la possibilità di condurre con bambini e bambine interventi sul tema della sessualità come parte del percorso educativo RISULTATI E CONCLUSIONI

22 Insegnanti scuole superiori: l80% di loro ha dichiarato di aver acquisito delle competenze che hanno prodotto una notevole sicurezza ad affrontare le tematiche con la classe, neutralizzando limbarazzo fino ad allora percepito come forte ostacolo Studenti scuole superiori: molta attenzione, interesse alla prevenzione, proficuo scambio di conoscenze con approfondimenti e chiarificazioni sui metodi contraccettivi; il lavoro svolto prima dagli insegnanti ha permesso di ottenere questi effetti durante lintervento delloperatore di consultorio RISULTATI E CONCLUSIONI

23 Formazione di 15 studenti del SISM (altri 21 anno 2009); collaborazione con luniversità di Medicina e Chirurgia di Novara Gli studenti di medicina hanno ottenuto (e otterranno) crediti formativi per luniversità per il lavoro svolto; questa risulta essere la prima esperienza e potrebbe essere ripresa in altre realtà territoriali RISULTATI E CONCLUSIONI

24 Gruppo di 35 genitori di bambini e bambine 3-10 anni: 5 incontri serali (trasmissione contenuti sullo sviluppo psicosessuale – lavori di gruppo sui temi difficili da trattare con i propri figli/figlie) RISULTATI E CONCLUSIONI

25 Incontri con i genitori Maggior tranquillità nel pensare e nellaffrontare situazioni considerate disagevoli o ansiogene legate al tema della sessualità Acquisizione di conoscenze importanti rispetto allo sviluppo psicosessuale di bambini/bambine – preadolescenti - adolescenti

26 Incontri con i genitori Richiesta di continuare questi incontri per lesigenza di accompagnamento e di supporto nellaffrontare i cambiamenti nel percorso di crescita dei propri figli/figlie

27 Nuovo gruppo di peer educators (con formazione da parte dei precedenti peer formati) Nuovo gruppo di studenti di medicina Formazione in sede ASL con corsi accreditati docenti operatori sociali Coinvolgimento amministratori locali Continuità gruppi genitori – nuovi gruppi Futuro

28 Elementi che facilitano alcuni risultati Collaborazione tra gli operatori Operatori con formazione sessuologica Programma di formazione cucito sul gruppo (non tutte le persone sono disposte a mettersi in gioco nello stesso modo) La disponibilità delloperatore quando linsegnante non sa come gestire una situazione La collaborazione nel sostenere il progetto anche dopo la sua conclusione ufficiale Il coinvolgimento di altri insegnanti da parte del gruppo formato nel progetto, che diventa parte del percorso

29 Risorse formatrici interne (costo limitato, facilità nellavere sotto controllo il percorso di formazione per quanto riguarda i contenuti delle lezioni, rapporto di lavoro collaudato, continuità di rapporto tra operatori intrascolastici ed extrascolastici, consulenza sessuologica in consultorio Linserimento di figure alternative (studenti di medicina che trattano la materia come peer educator, ma con una formazione più ampia) Lintervento in classe effettuato da operatori sulle funzioni del consultorio, le leggi e la contraccezione solo se gli insegnanti lavorano prima col gruppo classe sui temi della sessualità Elementi che facilitano alcuni risultati

30 Elementi che ostacolano Poche risorse umane (per incontrare ragazzi e ragazze più spesso nellarco dello svolgimento del progetto) Poco tempo da dedicare allHP (ritagliato dai compiti istituzionali) Un gruppo troppo piccolo di insegnanti che non ha sufficiente forza per coinvolgerne altri Il tempo a disposizione della scuola per trattare questi argomenti, non essendo considerate materie curriculari (in realtà non è proprio così: i curricula hanno molti obiettivi dove poter introdurre leducazione sessuale) Il coinvolgimento di personale esterno con il quale non si ha una continua collaborazione

31 Condurre…Condurre… Formazione insegnanti sulla sessualità: Formazione insegnanti sulla sessualità: Conivolgimento diretto sul loro vissuto di normalità nellambito della sessualità Conivolgimento diretto sul loro vissuto di normalità nellambito della sessualità Insegnare loro ad utilizzare strumenti quali il collage (utile per lelaborazione del tema Essere maschi- essere femmine) sperimentandolo direttamente (metodologia esperienziale) Insegnare loro ad utilizzare strumenti quali il collage (utile per lelaborazione del tema Essere maschi- essere femmine) sperimentandolo direttamente (metodologia esperienziale) Riflessione in gruppo (con insegnanti) su tematiche considerate difficili da trattare o che creano contrattitudini Riflessione in gruppo (con insegnanti) su tematiche considerate difficili da trattare o che creano contrattitudini Riflessione su adolescenza e sessualità Riflessione su adolescenza e sessualità

32 Condurre …… Accompagnare il gruppo insegnanti ad affrontare le proprie perplessità nellaffrontare largomento sesso Lavorare sui significati non sessuali del sesso in adolescenza Far compilare schede teoriche su omosessualità, pornografia, pedofilia, perversioni, masturbazione e altre tematiche impegantive, difficili Le/gli insegnanti sperimentano il collage sul tema adolescenza/essere maschi-essere femmine Introdurre largomento funzione e disfunzioni sessuali maschili e femminili


Scaricare ppt "Sapere per vivere bene la sessualitÀ diventare mashi, diventare femnmine Sapere per vivere bene la sessualitÀ diventare mashi, diventare femnmine PROGRAMMA."

Presentazioni simili


Annunci Google