La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

M. Tomamichel, OSC, Lugano Il triangolo curanti, paziente e famiglia Dr. med. M. Tomamichel, Lugano Direttore Settore Sottoceneri Organizzazione Sociopsichiatrica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "M. Tomamichel, OSC, Lugano Il triangolo curanti, paziente e famiglia Dr. med. M. Tomamichel, Lugano Direttore Settore Sottoceneri Organizzazione Sociopsichiatrica."— Transcript della presentazione:

1 M. Tomamichel, OSC, Lugano Il triangolo curanti, paziente e famiglia Dr. med. M. Tomamichel, Lugano Direttore Settore Sottoceneri Organizzazione Sociopsichiatrica Cantonale

2 M. Tomamichel, OSC, Lugano Morbidità psicologica nelle famiglie con pazienti ammalati di cancro Tra il 18 ed il 34% dei familiari presenta un disagio psichico che si può protrarre oltre i 18 mesi La fase emotivamente più intensa per i familiari è quella delle cure palliative o terminale

3 M. Tomamichel, OSC, Lugano Morbidità psicologica nelle famiglie con pazienti ammalati di cancro (II) Sembra esistere una correlazione fra lo stato psicologico del paziente e quello dei familiari Il livello di supporto sociale percepito e la vulnerabilità del partner sono predittori di una morbidità psicologica nella famiglia.

4 M. Tomamichel, OSC, Lugano Disturbi depressivi in pazienti oncologici D. depressivi nella popolazione generale: 10% D. depressivi in pz oncologici: 20-30% –la maggioranza Disturbi di adattamento con umore depresso –5% Disturbo depressivo maggiore

5 M. Tomamichel, OSC, Lugano Psychological morbidity in the families of patients with cancer Psycho-oncology, 1994; 3:47-56 In una popolazione di 102 famiglie trattate con cure palliative un disturbo depressivo è presente: –nel 50% dei pz –nel 35% dei loro partner –nel 28% dei figli Fra i figli maggiorenni la rabbia e lostilità sono significativamente più frequenti (26%) rispetto ai pz (9%) e partner (13%)

6 M. Tomamichel, OSC, Lugano Perché rabbia e ostilità nei figli maggiorenni di pazienti oncologici? Espressione di un lutto anticipato Disturbi della comunicazione allinterno della famiglia Mutamento di ruolo: assunzione di nuove responsabilità

7 M. Tomamichel, OSC, Lugano Influenze sulle modalità di confronto della famiglia con il cancro e la morte Cultura familiare trasmessa nelle generazioni –miti e riti familiari Esperienze del passato –malattie, perdite, crisi Contesto sociale e culturale –atteggiamento nei confronti della morte, religione

8 M. Tomamichel, OSC, Lugano Come valutare le famiglie confrontate con il cancro Ruolo di famigliare curante o paziente Secondo le fasi della malattia con cui si devono confrontare Lo stadio di sviluppo della famiglia I bisogni della famiglia

9 M. Tomamichel, OSC, Lugano Fasi della malattia: linizio La fase iniziale: la crisi –confronto con la diagnosi, le prime cure, incontro con i curanti –riorganizzazione del sistema familiare –la crisi si può ripresentare in ogni fase di riacutizzazione o netto peggioramento della malattia

10 M. Tomamichel, OSC, Lugano Fasi della malattia: la cronicizzazione La fase di cronicizzazione: –adattamento alla modifica dei ruoli –equilibrare i bisogni della famiglia e quelli del paziente –mantenere le abitudini di una vita normale

11 M. Tomamichel, OSC, Lugano Fasi della malattia: la fase avanzata La fase avanzata: –problemi di comunicazione: la congiura del silenzio (collusione di interessi) –aumenta il bisogno di occuparsi del paziente –il pensiero della morte appare inevitabile e domina la vita di tutti i giorni

12 M. Tomamichel, OSC, Lugano Indicatori di funzionamento familiare Coesione Espressione delle emozioni Gestione di conflitti

13 M. Tomamichel, OSC, Lugano Stadi di sviluppo della famiglia La giovane coppia senza figli La famiglia con bambini La famiglia con adolescenti La famiglia con figli adulti La famiglia con genitori anziani

14 M. Tomamichel, OSC, Lugano Strumenti per comprendere meglio le relazioni tra équipe curante e famiglia Le triangolazioni Il genogramma: storia trigenerazionale Le sculture familiari

15 M. Tomamichel, OSC, Lugano Deceduta Ca seno, 1990 Ictus cerebri 1998 IL GENOGRAMMA

16 M. Tomamichel, OSC, Lugano Compiti delléquipe curante nella relazione con la famiglia Comprendere le dinamiche familiari presenti nella fase avanzata di malattia Distinguere il ruolo di paziente e di curante dei familiari nella relazione di cura Riconoscere le emozioni che inducono i familiari a bloccare le informazioni al paziente

17 M. Tomamichel, OSC, Lugano Compiti delléquipe curante nella relazione con la famiglia (II) Favorire una comunicazione chiara e aperta allinterno della famiglia Sostenere i familiari nella preparazione alla perdita e nel lavoro di lutto

18 M. Tomamichel, OSC, Lugano Compiti delléquipe curante nella relazione con la famiglia (III) Riconoscere le situazioni a rischio per lo sviluppo di gravi problemi di elaborazione della perdita Riconoscere i propri limiti e rispettare il funzionamento che un sistema familiare ha sviluppato nel tempo e che non intende modificare


Scaricare ppt "M. Tomamichel, OSC, Lugano Il triangolo curanti, paziente e famiglia Dr. med. M. Tomamichel, Lugano Direttore Settore Sottoceneri Organizzazione Sociopsichiatrica."

Presentazioni simili


Annunci Google