La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Isostatiche In una generica frattura il punto x del solido murario si sposta nel punto x. La congiungente x-x è la direzione della tensione principale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Isostatiche In una generica frattura il punto x del solido murario si sposta nel punto x. La congiungente x-x è la direzione della tensione principale."— Transcript della presentazione:

1 1 Isostatiche In una generica frattura il punto x del solido murario si sposta nel punto x. La congiungente x-x è la direzione della tensione principale massima.

2 2 Andamento isostatiche La frattura ha origine nel punto A ove è maggiore il valore della tensione tra tutti i punti della isostatica. La fessurazione si manifesterà solo quando sarà superata la tensione di rottura. La frattura, poi, si propaga nella muratura con rami capillari lungo la direttrice fessurativa A 1, A 2, A n, con il ventre nella regione mediana e i rami di cuspide nei due estremi (fessurazione a ramo unico).

3 3 Andamento isostatiche Le fratture si possono anche disporre lungo isostatiche di minimo diverse. in questo caso la fessurazione si dice a ramo multiplo

4 4 Andamento isostatiche A volte la fessurazione può anche non seguire la direzione di una isostatica. In tal caso la fessurazione si dice a ramo unico al di fuori delle isostatiche di minimo.

5 5 Partendo quindi dalle tensioni è possibile ricavare landamento delle fessurazioni; Con procedimento inverso dunque, attraverso losservazione e linterpretazione delle varie direttrici fessurative è possibile risalire, intuitivamente, alle tensioni che agiscono sul solido; dalle tensioni agenti, poi, si può formulare unipotesi di dissesto; La verifica di tale ipotesi è effettuata attraverso laccertamento della congruenza del quadro fessurativo nel suo insieme.

6 6 Movimenti della struttura Movimenti assoluti : il moto interessa la fabbrica nel suo complesso, è un moto rigido che non muta la forma e, a spostamento avvenuto, lascia inalterate le distanze e lorientamento delle particelle tra di loro; Movimenti relativi : il moto interessa il fabbricato solo in parte, con conseguenti alterazioni della sua forma. Moto relativo rigido : la variazione della distanza avviene tra le particelle della zona che resta in posto e quelle della parte in movimento; Moto relativo deformante : quando vi è una variazione, dovuta a flessione, anche tra le particelle della parte in movimento.

7 7 Moti elementari Linterpretazione del movimento risultante di una struttura viene effettuata attraverso lanalisi di alcuni moti elementari; I moti elementari sono costituti da tre traslazioni (una verticale e due orizzontali) e tre rotazioni intorno ai tre assi; La forza che provoca la traslazione viene chiamata forza di trascinamento; La rotazione è provocata dal momento che scaturisce dalla forza di trascinamento rispetto al baricentro;

8 8 Le forze di trascinamento insorgono solo in caso di moto relativo. Esse sorgono per effetto della continuità del corpo. Le forze di trascinamento scompaiono nel momento in cui la frattura interessa tutto il solido.

9 9 TIPI DI DISSESTI Cedimenti delle strutture di fondazione; Cedimenti delle strutture murarie fuori terra; Cedimenti dei terreni di fondazione;

10 10 Dissesto per cedimento delle strutture fondali Traslazione orizzontale; Traslazione verticale; Rotazione;

11 11 Traslazione Traslazione assoluta; Traslazione relativa;

12 12 Traslazione relativa orizzontale Longitudinale ; Trasversale; Obliqua;

13 13 MOTO DI TRASLAZIONE

14 14 Traslazione Orizzontale Relativa Longitudinale Si verifica nel piano xz. Agisce lungo lasse x sotto lazione di una forza di trascinamento Tx;

15 15 Tr. Orizz. Relat. Long. - Isostatiche Il quadro delle isostatiche in tale tipo di dissesto è rappresentato in figura; Tipo a : verticali, in corrispondenza del piano di appoggio, ampiezza decrescente alto - basso; Tipo b : inclinate verso la parte in cedimento, verticali verso la parte superiore del solido murario, decrescente alto basso; Tipo c : come quelle di tipo b, ma si esauriscono sulla estremità libera laterale del muro con andamento tangenziale alla stessa.

16 16 Traslazione Orizzontale Relativa Trasversale avviene nel piano normale a quello medio del muro, lungo lasse z, sotto la forma di trascinamento tz. In figura è rappresentata una traslazione trasversale terminale, la quale è resa possibile dalle fenditure f presenti nel piano di posa del solido che rendono possibile, appunto, detta traslazione. Le forza in atto è rappresentata da una sollecitazione di trascinamento T applicata nel baricentro del piano di appoggio della parte in moto; Tale forza di tascinamento T può essere spostata nel piano di frattura, aggiungendo ad essa il momento nel piano xy, generato dalla forza per lo spostamento l.; Il momento M può essere scomposto, poi, in due momenti elementari m1 ed m2 con assi paralleli rispettivamente allasse x e allasse y. La sezione al limite del cedimento è sottoposta ad uno sforzo di taglio (T) ad un momento flettente m1 ed uno torcente m2. IL piano di fattura presenterà caratteristiche intermedie tra quelle proprie del taglio della flessione e della torsione. Inoltre, il piano di frattura sarà differente in relazione al tipo di cedimento (lungo, medio o corto) definito in relazione allaltezza del muro interessato con parametro di confronto p = 1,5.

17 17 Traslazione Orizzontale Relativa Trasversale Cedimento Corto - L < 1,5 H Tutto il tronco in movimento partecipa alla deformazione.; La sezione la limite del cedimento, dopo la rottura, presenta uno sviluppo superficiale gobbo (a molteplici curvature) con dimensione crescente basso - alto; Sui muri verticali si avranno fessurazioni a gola, invertite sulle due facce opposte, con andamento piuttosto raddrizzato. Sul piano orizzontale la frattura sarà ad S inclinata a 45°, con gli apici perpendicolari al contorno.

18 18 Traslazione Orizzontale Relativa Trasversale Cedimento Lungo - L > 1,5 H Non è interessato al dissesto tutto il tratto di muro di lunghezza L. Partecipa soltanto la zona più vicina la limite del cedimento. Sono predominanti le sollecitazioni di taglio e flessione in quanto la componente orizzontale dovuta al momento torcente è molto piccola.

19 19 Traslazione Orizzontale Relativa Trasversale Cedimento Lungo - L > 1,5 H Si avranno inizialmente fessurazioni dovute alla flessione (f 2 ) e al taglio (f 1 ). Con il progredire del dissesto si svilupperanno più velocemente le lesioni di taglio (f 1 ), e la rottura si verificherà proprio in corrispondenza di esse.

20 20 Traslazione Orizzontale Relativa Intermedia Cedimento Lungo - L > 1,5 H La zona di fabbrica interessata al moto è compresa tra due che restano in sito; Sulla parete verticale lampiezza maggiore della zona interessata alla lesione indica il verso del movimento e, quindi, della eventuale frattura nel terreno, Le lesioni hanno andamento inclinato con inversione della curvatura.

21 21 Traslazione Orizzontale Relativa Intermedia Cedimento Corto - L < 1,5 H La forza di trascinamento tx, coinvolge solo una parte del solido murario.

22 22 Traslazione Orizzontale Relativa Intermedia Cedimento Corto - L < 1,5 H La lesione non interessa il muro per lintera altezza; La superficie muraria interessata è più ampia sul lato ove sono presenti le eventuali fratture del terreno.

23 23 Traslazione relativa obliqua Composizione delle traslazioni elementari, trasversale e longitudinale; Conseguentemente la frattura si stabilisce in un piano intermedio murale, tra quello medio e quello normale. Anche la traslazione obliqua, naturalmente, può essere terminale ed intermedia.

24 24 Traslazione relativa obliqua terminale la manifestazione della fessurazione è quella risultante dalla composizione delle fessurazioni derivanti dai moti elementari; Nel caso in figura la componente longitudinale tende a dilatare il solido murario e la manifestazione fessurativa agli estremi superiore ed inferiore del muro è poco inclinata rispetto alla normale al piano xy.

25 25 Traslazione relativa obliqua terminale Nel caso in figura la componente longitudinale tende a comprimere il solido murario e la manifestazione fessurativa agli estremi superiore ed inferiore del muro è più inclinata rispetto alla normale al piano xy.

26 26 Traslazione relativa obliqua intermedia Il quadro fessurativo, pur essendo quello risultante dalla combinazione delle due traslazioni elementari, avrà, in generale, caratteristiche simili al quadro derivante dalla traslazione trasversale intermedia.

27 27 Traslazione verticale E quella che si verifica in direzione dellasse y. Può provocare il moto dellintero corpo, e quindi, è assoluta. in tal caso non si verificano fenomeni lesionativi nella struttura. Quando invece è coinvolto solo una parte del corpo di fabbrica, allora siamo in presenza di una traslazione verticale relativa; Tale ultimo moto può interessare un tratto più o meno lungo del muro sia terminale che intermedio.

28 28 Traslazione verticale

29 29 Traslazione relativa verticale terminale La deformazione del solido murario sollecitato dalla forza t y è quella rappresentata nella figura a fianco.

30 30 Traslazione relativa verticale terminale Landamento delle isostatiche è rappresentato in figura; Le isostatiche di tipo a, sono caratteristiche dei cedimenti lunghi; Quelle di tipo b sono caratteristiche dei cedimenti medi; Il tipo c, è caratteristico dei cedimenti corti; Quelle verticali sono presenti nella zona di muro lontana dal cedimento.

31 31 Traslazione relativa verticale terminale cedimento lungo - L > 1,5 H Le lesioni (tipo a) sono più ampie verso la mezzeria del muro; si raddrizzano in corrispondenza del bordo superiore ed inferiore; Il ventre della lesione ha inclinazione NO - SE (Nord asse y)

32 32 Traslazione relativa verticale terminale cedimento medio - L = 1,5 H Le lesioni (tipo b) sono più ampie verso la mezzeria del muro; si raddrizzano in corrispondenza del bordo superiore ed inferiore; Il ventre della lesione ha inclinazione NE - SO (Nord asse y)

33 33 Traslazione relativa verticale terminale cedimento corto - L < 1,5 H Le lesioni (tipo c), con andamento curvilineo, non arrivano al bordo superiore del muro ma confluiscono verso il bordo laterale

34 34 Traslazione relativa verticale intermedia I tipi fessurativi sono analoghi a quelli osservati per la traslazione terminale e si manifestano in modo simmetrico rispetto alla zona interessata al dissesto.

35 35 Traslazione inclinata E la risultante di una traslazione orizzontale ed una verticale; Può essere, anchessa assoluta e relativa; Quella relativa può essere : Longitudinale, trasversale ed obliqua: Longitudinale : t x + t y Trasversale : t y + t z Obliqua : t x + t y + t z E di difficile diagnosi. Generalmente si manifesta con il quadro fessurativo della traslazione verticale che è generalmente la componente prevalente, evidenziando, successivamente gli altri quadri fessurativi.

36 36 Traslazione nei solidi murari connessi I tre tipi fondamentali di connessioni murarie sono : Cantonale o angolata; Connessione a T (muro interno con muro perimetrale esterno); Connessione a croce ( incrocio di muri interni)

37 37 Comportamento di muri connessi a seguito di traslazione orizzontale Cantonale o angolata : unione di due muri che si incontrano per costituire il cantonale di una fabbrica

38 38 Comportamento di muri connessi a seguito di traslazione orizzontale Connessione a T Nella connessione a croce il dissesto non si manifesta.

39 39 Comportamento di muri connessi a seguito di traslazione verticale Angolata Cedimento corto

40 40 Comportamento di muri connessi a seguito di traslazione verticale Angolata Cedimento lungo

41 41 Comportamento di muri connessi a seguito di traslazione verticale Connessione a T Cedimento corto

42 42 Comportamento di muri connessi a seguito di traslazione verticale Connessione a T Cedimento lungo

43 43 Comportamento di muri connessi a seguito di traslazione verticale Connessione a croce Cedimento corto

44 44 Comportamento di muri connessi a seguito di traslazione verticale Connessione a croce Cedimento lungo

45 45 Rotazione Rotazione principale : dovuta ai moti rotatori del piano di appoggio del solido murario sul quale giacciono gli assi di rotazione; Rotazione secondaria : conseguente allazione dei momenti derivanti dallinsorgere delle forze di trascinamento.

46 46

47 47

48 48

49 49

50 50 MURI CON APERTURE Le fessurazioni seguono le linee di minor resistenza; Si localizzano nelle regioni murarie poste tra luna e laltra apertura della stessa verticale più prossima al limite del cedimento;

51 51 Muri con aperture Se le aperture sono larghe e verticalmente vicine le tensioni normali sono preponderanti su quelle tangenziali (a); Quando le aperture sono strette e distanziate verticalmente sono preponderanti le tensioni da taglio, la lesione avrà andamento come in fig (b); Quando le tensioni normali e quelle tangenziali assumono ordini di grandezza analoghi abbiamo manifestazioni fessurative come fig (c).

52 52 Lesaioni in un prospetto di un edificio in muratura

53 53 Fig. 107


Scaricare ppt "1 Isostatiche In una generica frattura il punto x del solido murario si sposta nel punto x. La congiungente x-x è la direzione della tensione principale."

Presentazioni simili


Annunci Google