La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE REGOLE DEL BUON CITTADINO. Le regole principali 1.Vivere onestamente 2.Dare a ciascuno ciò che ha diritto di avere 3.Fare il bene, sempre 4.Conoscere.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE REGOLE DEL BUON CITTADINO. Le regole principali 1.Vivere onestamente 2.Dare a ciascuno ciò che ha diritto di avere 3.Fare il bene, sempre 4.Conoscere."— Transcript della presentazione:

1 LE REGOLE DEL BUON CITTADINO

2 Le regole principali 1.Vivere onestamente 2.Dare a ciascuno ciò che ha diritto di avere 3.Fare il bene, sempre 4.Conoscere i propri doveri e i propri diritti, rispettando le regole della comunità 5.Non danneggiare mai consapevolmente niente e nessuno 6.Ribellarsi allindifferenza, allomertà, al silenzio, per migliorare il luogo in cui si vive e le abitudini sbagliate di molte persone 7.Dare notizia allautorità giudiziaria di qualsiasi reato si venga a conoscenza 8.Ammettere,in caso di errori, di aver sbagliato e avere abbastanza autostima da sapere che si può ricominciare 9.Favorire lintegrazione nella società delle persone diverse da noi 10.Aiutare generosamente le persone che sono in difficoltà 11.Se i conflitti non si riescono a risolvere, cercare forme di mediazione 12.Sviluppare un comportamento assertivo: fare qualcosa che è positivo in ugual misura per sé e per gli altri.

3 1.Vivere onestamente Con la stessa facilità con cui il vento Sradica un fragile albero Le tentazioni trascinano Chi è alla ricerca del piacere, Chi è avido, pigro e debole. Ma come il vento Non riesce ad abbattere un montagna, Nessuna tentazione scuote Chi è desto, energico, Fiducioso e vive semplicemente

4 2.Dare a ciascuno quello che ha il diritto di avere Dai il meglio di te... Se fai il bene, ti attribuiranno secondi fini egoistici non importa, fa' il bene. Se realizzi i tuoi obiettivi, troverai falsi amici e veri nemici non importa realizzali. Il bene che fai verrà domani dimenticato. Non importa fa' il bene L'onestà e la sincerità ti rendono vulnerabile non importa, sii franco e onesto. Dà al mondo il meglio di te, e ti prenderanno a calci. Non importa, dà il meglio di te (Madre Teresa di Calcutta) 3.Fare il bene, sempre

5 4. Conoscere i propri doveri e i propri diritti,rispettando le regole della comunità. DIRITTO ALLA LIBERTA DIRITTO E DOVERE ALLISTRUZIONE DIRITTO DI PAROLA RISPETTO DELLAMBIENTE

6 5.Non danneggiare mai consapevolmente niente e nessuno Il rispetto non è ossequio, deferenza, riverenza. E attenzione, considerazione e riguardo per le persone, le istituzioni e le cose. E la prima categoria dogni forma educativa che non può essere insegnata, ma che si apprende con lesempio, la prassi, limitazione e lidentificazione.

7 6.Ribellarsi allindifferenza, allomertà, al silenzio, per migliorare il luogo in cui si vive e le abitudini sbagliate di molte persone Islamabad, 18 feb. (Adnkronos) - Ad appena 11 anni Tuba Sahaab ha ingaggiato una personale battaglia a colpi di poesie contro i talebani dalla periferia di Islamabad dove vive. In un Pakistan dove molte bambine non possono frequentare la scuola e i loro libri vengono bruciati, Tuba non e' stata ridotta al silenzio dagli estremisti islamici. Scrive versi che raccontano il dolore e le sofferenze dei piccoli come lei, non temendo di dire a voce alta cio' che pensa.

8 7.Dare notizia allautorità giudiziaria di qualsiasi reato si venga a conoscenza ROMA - Uno studente di quindici anni di Sannicola (Lecce) affidato ad una comunità di recupero dai carabinieri per essersi reso protagonista di ripetuti atti di bullismo nella sua scuola. È successo in un istituto superiore di Gallipoli. È una brutta storia di estorsioni, di botte, di silenzi e indifferenza consumata in una comunità dove si lavora per educare i giovani. Tutto parte dalla denuncia di una madre. Il figlio tornava a casa con dei lividi. La donna scopre che il ragazzo subiva le angherie di un compagno, il classico bullo, che con minacce gli portava via la paghetta: dieci, venti euro. Altrimenti erano botte. Il ragazzo viene affidato ad una comunità di recupero..

9 8.Ammettere,in caso di errori, di aver sbagliato e avere abbastanza autostima da sapere che si può ricominciare Ammettere gli errori è una cosa incredibile. Richiede veramente uno sforzo sovrumano per la maggior parte delle persone; perché significa ammettere la nostra fallibilità. Poi ci si rende conto che ammettere apertamente uno sbaglio ci farà stare meglio, perché ammettere gli errori è la prima parte di qualunque rapporto. Quella parte di noi che cade e dice "cavoli, non so ancora camminare" e che si rialza di volta in volta. Quella parte che impara e impara e impara. Perchè sa di non essere ancora dove vorrebbe. Ogni nostra crescita parte dai nostri errori, e prima ancora da noi stessi. Ma se non facciamo errori allora non potremmo mai crescere.

10 9.Favorire lintegrazione nella società delle persone diverse da noi

11 10.Aiutare generosamente le persone che sono in difficoltà Ladozione a distanza è un modo per aiutare il prossimo. La nostra classe insieme alla classe 2E ha adottato una bambina indiana; due volte allanno le mandiamo circa 200 per andare a scuola e pagare i libri e il materiale scolastico.

12 11.Se i conflitti non si riescono a risolvere, cercare aiuto nella mediazione di altri. Ricordiamoci: gli altri ci possono aiutare A ognuno di noi è capitato di essere in conflitto con qualcuno:un compagno, un parente, un vicino di casa. In questo senso il conflitto è unesperienza di vita dolorosa che tutti sperimentiamo, ma che si può affrontare e superare

13 12.Sviluppare un comportamento assertivo: fare qualcosa che sia positivo in ugual misura per sé e per gli altri Come si comporta una persona assertiva? È attenta a sè ed agli altri Non è condizionata dagli altri Utilizza metodi corretti, motivanti e gratificanti, per sé e per gli altri Che cosa provoca il comportamento assertivo?. Attenta considerazione degli altri. Fiducia in sè e negli altri. Scelte autonome, fuori, dal branco Rispetto della dignità propria e altrui.

14 Realizzato, per la classe III A di Agrate da : Camilla Epis Francesca Finotelli


Scaricare ppt "LE REGOLE DEL BUON CITTADINO. Le regole principali 1.Vivere onestamente 2.Dare a ciascuno ciò che ha diritto di avere 3.Fare il bene, sempre 4.Conoscere."

Presentazioni simili


Annunci Google