La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Piano di gestione individuale dellasma Calvani M Jr Corso SIMRI Roma, febbraio 2003 Azienda Ospedaliera S. Camillo-Forlanini Divisione Pediatrica Ambulatorio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Piano di gestione individuale dellasma Calvani M Jr Corso SIMRI Roma, febbraio 2003 Azienda Ospedaliera S. Camillo-Forlanini Divisione Pediatrica Ambulatorio."— Transcript della presentazione:

1 Piano di gestione individuale dellasma Calvani M Jr Corso SIMRI Roma, febbraio 2003 Azienda Ospedaliera S. Camillo-Forlanini Divisione Pediatrica Ambulatorio Pediatrico-allergologico

2 Piano di gestione individuale dellasma Il piano di gestione dellasma costituisce un tentativo di istruire il paziente a modificare il proprio trattamento dellasma, valutando le proprie condizioni cliniche, secondo indicazioni terapeutiche prestabilite. E individuale nel rispetto della variabilità con cui lasma può manifestarsi nei diversi individui, e anche nello stesso individuo in tempi diversi. Nasce dallesigenza di far fronte ad una malattia in grado di manifestarsi con riacutizzazioni spesso ad esordio rapido e imprevedibile.

3 Piano di gestione individuale dellasma Per essere applicato è necessario: avere la capacità di valutare le proprie condizioni cliniche e quindi di interpretare correttamente i propri sintomi aver compreso quali farmaci si devono assumere in determinate situazioni cliniche richiede quindi un adeguato processo educativo

4 Piano di gestione individuale dellasma Obiettivi: Assumere i farmaci correttamente Conoscere la differenza tra farmaci di pronto soccorso e farmaci di fondo Evitare i fattori scatenanti Controllare lasma riconoscendone i sintomi e se possibile utilizzando misure di flusso Riconoscere i segni suggestivi di peggioramento dellasma e predere gli adeguati provvedimenti Fornire un piano terapeutico personalizzato Fornire le indicazioni per un appropriato ricorso alle cure mediche

5

6 Cochrane Database Syst Rev 2003; (1): CD Educational interventions for asthma in children (Cochrane Review) Obiettivi: determinare la efficacia dei programmi di self management sulla salute dei bambini con asma Criteri di selezione: Trial RCT di self management in bambini (2-18 anni) Risultati: di 45 trial identificati, 32 erano elegibili (3706 bambini). I programmi erano associati a: -moderato miglioramento delle misure di flusso - modesta riduzione nei giorni di assenza scolastica, nei giorni di inattività fisica, negli accessi al pronto soccorso - leffetto è maggiore nei soggetti con asma grave Conclusioni: I programmi educazionali di self management migliorano un ampio range di obiettivi. Quindi tali programmi dovrebbero essere inclusi nella terapia di routine dellasma

7

8 Terapie NON raccomandate nellattacco acuto Uso di sedativi Uso di mucolitici Fisioterapia Iperidratazione Antibiotici

9 QUANDO ANDARE AL PRONTO SOCCORSO O CHIEDERE ASSISTENZA MEDICA LA TERAPIA DI URGENZA NON SEMBRA EFFICACE (DOPO 1 ORA) HA DIFFICOLTA A PARLARE CIANOSI (COLORITO GRIGIO-BLUASTRO) DELLE LABBRA E/O DEL LETTO UNGUEALE ALITAMENTO DELLE PINNE NASALI RIENTRAMENTI INTERCOSTALI O AL COLLO HA DIFFICOLTA A CAMMINARE TACHICARDIA

10 Fattori di rischio per asma grave n Storia di precedenti attacchi asmatici gravi ad evoluzione rapida n Precedenti ricoveri in Terapia intensiva n Due o più ricoveri per asma nello scorso anno n Tre o più visite al Pronto Soccorso per riacutizzazioni asmatiche nellultimo anno n Uso abituale e/o recente interruzione delluso di steroidi per via sistemica n Aumentato fabbisogno o abuso di broncodilatatori nelle ultime settimane o mesi n Situazione sociale deteriorata n Problemi psicosociali o rifiuto della malattia o della sua gravità

11 Posologia dei 2 -agonisti short-acting CRISI LIEVE: Salbutamolo in spray predosato (MDI)+ distanziatore 2-4 puff (1 puff ogni sec) ogni 4-6 h per h oppure Salbutamolo soluzione per aerosol 0.15 mg/kg fino a un massimo di 5 mg Rapporto dose MDI+distanziatore/aerosol = 1:5 CRISI MODERATA: Salbutamolo in spray predosato (MDI)+ distanziatore fino a 6 puff <25 kg (8 puff kg) (10 puff >35 kg) Salbutamolo soluzione per aerosol 0.3 mg/kg fino a un massimo di 5 mg (+ Ipratropio Bromuro mcg ogni 6h)

12 Agitare la bomboletta tenendola fra pollice ed indice (per miscelare farmaco e propellente) ed applicarla al distanziatore Far respirare più volte, lentamente e profondamente, con la bocca ben adesa al boccaglio, a naso chiuso, (o con la maschera faciale adesa al volto a volume corrente), tenendo il capo lievemente reclinato posteriormente, dopo ogni erogazione di farmaco Eseguire una pausa di almeno 1 minuto tra una somministrazione e la successiva Tecnica di inalazione con i distanziatori


Scaricare ppt "Piano di gestione individuale dellasma Calvani M Jr Corso SIMRI Roma, febbraio 2003 Azienda Ospedaliera S. Camillo-Forlanini Divisione Pediatrica Ambulatorio."

Presentazioni simili


Annunci Google