La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Leonforte 20 Settembre 2008 Terapia della patologia broncostruttiva Dr. Rosario Contiguglia – Responsabile Home Care Respiratoria ASL 5 - Messina.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Leonforte 20 Settembre 2008 Terapia della patologia broncostruttiva Dr. Rosario Contiguglia – Responsabile Home Care Respiratoria ASL 5 - Messina."— Transcript della presentazione:

1 Leonforte 20 Settembre 2008 Terapia della patologia broncostruttiva Dr. Rosario Contiguglia – Responsabile Home Care Respiratoria ASL 5 - Messina

2 Global Initiative for Asthma (GINA) INFIAMMAZIONE Fattori di rischio Iperreattività bronchialeOstruzione bronchiale Fattori scatenanti Sintomi

3 STIMOLI ALLERGICI IPERREATTIVITA BRONCHIALE STIMOLI NON ALLERGICI BRONCOCOSTRIZIONE IPERPRODUZIONE DI MUCO EDEMA DELLA MUCOSA INFILTRATO INFIAMMATORIO

4 BRONCHOSPASM INFLAMMATION REMODELLING Bronchial asthma: evolution of therapy Corticosteroidi inalatori -short Greening Pauwels Shapiro +CS

5 Trattamento farmacologico Farmaci per il controllo dellasma: Glucocorticosteroidi inalatori ß-agonisti a lunga durata dazione Antagonisti recettoriali dei leucotrieni Glucocorticosteroidi orali Metilxantine a lento rilascio Cromoni

6 Terapia Farmacologica Farmaci per il sollievo dei sintomi: ß 2 -agonisti inalatori a rapida azione Glucocorticosteroidi sistemici Anticolinergici Metilxantine ad azione rapida

7 Stabilire piani per il trattamento a lungo termine dellasma nelladulto Ad oggi, i glucocorticosteroidi inalatori sono i più efficaci farmaci per il controllo dellasma e sono raccomandati per lasma persistente ad ogni livello di gravità Il trattamento a lungo termine con i glucocorticosteroidi inalatori riduce notevolmente la frequenza e la gravità delle riacutizzazioni

8 Stabilire piani per il trattamento a lungo termine dellasma nelladulto Un approccio progressivo a step alla terapia farmacologica è consigliato Lo scopo è di raggiungere gli obiettivi della terapia con la minore quantità possibile di farmaci La terapia regolare dovrebbe essere iniziata al più presto dalla comparsa dei sintomi per prevenire o limitare il rimodellamento

9 Lobiettivo primario della terapia antinfiammatoria di fondo dellasma cronico dovrebbe essere la riduzione delle riacutizzazioni asmatiche Allo scopo di prevenire le riacutizzazioni asmatiche è fondamentale ottenere il massimo effetto di broncoprotezione La broncoprotezione viene raggiunta attraverso il controllo del processo infiammatorio bronchiale Adattata da Lipworth BJ, Br J Pharm 2002; 54:

10 Approccio progressivo alla terapia dellasma nelladulto Al bisogno:: ß 2 -agonisti a rapida azione q.o. Farmaci di controllo: Corticosteroidi Inalatori giornalieri Farmaci di controllo: Corticosteroidi inalatori giornalieri ß 2 -agonisti a lunga durata dazione giornalieri Antileucotrieni Farmaci di controllo: Corticosteroidi inalatori regolari ß 2 -agonisti a lunga durata dazione regolari più (se occorre) Quando lasma è controllata, redurre la terapia Monitoraggio STEP 1: Intermittente STEP 2: Lieve Persistente STEP 3: Moderato Persistente STEP 3: Moderato Persistente STEP 4: Grave Persistente Riduzione Obiettivo: controllo dellasma Obiettivo: il miglior risultato possibile Possono essere considerati farmaci alternativi per il controllo ed il sollievo dei sintomi. Farmaci di controllo: Nessuno -Teofillina-LR -Antileucotrieni -ß 2 - agonisti orali a lunga durata dazione -Corticosteroidi orali

11 migliorano lo stato di salute tempi riacutizzazione Stimolano la clearance mucociliare Proteggono lepitelio bronchiale dallazione lesiva dei microorganismi patogeni Aumentano lefficienza dei muscoli respiratori compromessa nella BPCO (30-37). Migliorarano la capacita ventilatoria. broncodilatatori

12

13 infiltrazione cellule infiammatorie/ activazione edema della mucosa proliferazione cellulare danno epiteliale inspessimento membrana basale Broncocostrizione iperreattività bronchiale Iperplasia Rilascio di mediatori infiammazione Sintomi/riacutizzazioni LABAICS disfunzione del muscolo liscio infiammazione delle vie aeree/ rimodellamento LAsma è una malattia caratterizzata da due componenti

14 ICS+beta2 agonisti long term Mostra benefici aggiuntivi rispetto ai singoli componenti. Lassociazione in un unico erogatore migliora compliance Rapido miglioramento dei parametri respiratori e dei sintomi Tali effetti sono > a quelli osservati con i singoli componenti. < la frequenza delle riacutizzazioni < del 43% le riacutizzazioni piu gravi che richiedono il trattamento con steroide os nei pz funzionalmente piu compromessi (FEV1< 50% del teorico) (38-40). ICS+beta2

15

16 Pazienti non controllati dai corticosteroidi per via inalatoria (CSI) Pazienti non controllati dai corticosteroidi per via inalatoria (CSI) Aumentare la dose di CSI Aumentare la dose di CSI Aggiungere LABA Aggiungere LABA Aggiungere LTRA Aggiungere LTRA LABA= Beta Agonista a Lunga Durata dAzione; LTRA = Antagonista dei recettori dei leucotrieni Adattato da Bjermer L et al., Respir Med 2000; 94: Global Strategy for Asthma Management and Prevention: NHLBI/WHO Workshop – Aggiornate

17 Adattata da Bousquet J et al J Allergy Clin Immunol 2001;108(suppl 5):S147–S334; Sibbald B, Rink E Thorax 1991;46:895–901; Leynaert B et al J Allergy Clin Immunol 1999;104:301–304; Brydon MJ Asthma J 1996:29–32. Fino all80% di tutti i pazienti asmatici ha la rinite allergica Tutti i pazienti asmatici

18 Farmaci antiasmatici raccomandati Step 1: Adulti Gravità Farmaci quotidiani per il controllo Altre opzioni Step 1: Intermittent e Nessuno Nessuno Farmaci per il sollievo dei sintomi: ß 2 - agonisti a rapida azione q.o, in uso occasionale.

19 Farmaci antiasmatici raccomandati Step 2: Adulti Gravità Farmaci quotidiani per il controllo Altre opzioni (in ordine di efficacia globale) Step 2: Lieve Persistente Glucocorticoster oidi inalatori (< 500 μg BDP o equivalenti), anche in singola dose giornaliera Glucocorticoster oidi inalatori (< 500 μg BDP o equivalenti), anche in singola dose giornaliera Antileucotrieni Antileucotrieni Cromoni Cromoni Farmaci per il sollievo dei sintomi: ß 2 - agonisti a rapida azione q.o, in uso occasionale.

20 Farmaci antiasmatici raccomandati Step 3: Adulti Gravità Farmaci quotidiani per il controllo Altre opzioni (in ordine di efficacia globale) Step 3: Moderato persistente Glucocorticosteroidi inalatori (200 – 1000 μg BDP o equivalenti) Glucocorticosteroidi inalatori (200 – 1000 μg BDP o equivalenti) più β 2 - agonisti inalatori a lunga durata dazione antileucotrieni Glucocorticosteroidi inalatori (500 – 1000 μg BDP o equivalenti) più, or Glucocorticosteroidi inalatori (500 – 1000 μg BDP o equivalenti) più, or Glucocorticosteroidi inalatori (500 – 1000 μg BDP o equivalenti) più teofillina a lento rilascio, o Glucocorticosteroidi inalatori (500 – 1000 μg BDP o equivalenti) più teofillina a lento rilascio, o Glucocorticosteroidi inalatori a dosi più alte (> 1000 μg BDP o equivalenti) Glucocorticosteroidi inalatori a dosi più alte (> 1000 μg BDP o equivalenti) Farmaci per il sollievo dei sintomi: ß 2 - agonisti a rapida azione q.o, in uso occasionale.

21 Farmaci antiasmatici raccomandati Step 4: Adulti Gravità Farmaci quotidiani per il controllo Altre opzioni Step 4 Grave persistente Glucocorticosteroidi inalatori Glucocorticosteroidi inalatori ( > 1000 μg BDP o equivalenti) più β 2 - agonisti a lunga durata dazione più uno o più dei seguenti, se necessario: più uno o più dei seguenti, se necessario: - Antileucotrieni - Antileucotrieni - Teofillina a lento rilascio - Teofillina a lento rilascio - Glucocorticosteroidi orali (solo dopo aver ottimizzato tutto il resto) - Glucocorticosteroidi orali (solo dopo aver ottimizzato tutto il resto) Valutare possibili fattori aggravanti o che possono rendere la malattia non controllata (aderenza al trattamento, fattori psico-sociali, esposizione ad allergeni, RGE, rino- sinusite, sensibilità ad ASA, etc) Valutare possibili fattori aggravanti o che possono rendere la malattia non controllata (aderenza al trattamento, fattori psico-sociali, esposizione ad allergeni, RGE, rino- sinusite, sensibilità ad ASA, etc) Farmaci per il sollievo dei sintomi: ß 2 - agonisti a rapida azione q.o, in uso occasionale.

22 Come trattare le riacutizzazioni 1.Somministrazione ripetuta di ß2-agonisti a rapida insorgenza dazione con dosaggio in relazione alla gravità 2.Nei casi più gravi, terapia con corticosteroidi per via sistemica ed ossigenoterapia 3.Frequente monitoraggio, con valutazione della funzione respiratoria

23 Nuove frontiere terapeutiche Anticorpi anti-IgE (bloccano interazione IgE- mastociti e basofili): 1. attenuano la risposta precoce e tardiva delle vie aeree in dotta da allergeni 2. Sopprimono laccumulo di eosinofili nelle vie aeree 3. Consentono la riduzione dei C.I. 4. Hanno discreta tollerabilità per via sistemica

24 Nuove frontiere terapeutiche Antagonisti specifici delle citochine Inibitori selettivi inducibili dellossido nitrico sintetasi Terapie geniche (vaccini anti DNA)

25 DIVERSI TIPI DI EROGATORI SPRAY DISTANZIATORE TURBOHALER

26 Il paziente asmatico può fare sport, anzi è fortemente consigliabile!

27 IL BAMBINO ASMATICO HA UNA VITA NORMALE? SI! Però deve: -PORTARE SEMPRE CON SE IL VENTOLIN SPRAY (nello Zaino) -Fare un lungo riscaldamento (di 30 minuti) prima di iniziare uno sport.

28 Lesercizio fisico può agire da fattore scatenante per lasma: durante lo sforzo, infatti, si tende a respirare di più con la bocca e quindi viene a mancare la funzione di filtro, riscaldamento ed umidificazione dellaria che svolge il naso. La respirazione orale porta ad una riduzione dellumidità relativa dellaria (aria dalla bocca %, aria dal naso 80-90%).

29 SPORT VIETATI AL PAZIENTE ASMATICO IMMERSIONI SUBACQUEE MOTOCICLISMO DELTAPLANO


Scaricare ppt "Leonforte 20 Settembre 2008 Terapia della patologia broncostruttiva Dr. Rosario Contiguglia – Responsabile Home Care Respiratoria ASL 5 - Messina."

Presentazioni simili


Annunci Google