La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lezione 3 – Latomo si spiega in base ad onde stazionarie di … elettroni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lezione 3 – Latomo si spiega in base ad onde stazionarie di … elettroni."— Transcript della presentazione:

1 Lezione 3 – Latomo si spiega in base ad onde stazionarie di … elettroni

2 La natura CORPUSCOLARE della luce

3 Relazione di L. De Broglie

4

5

6 Lo stato di un elettrone è descritto dalla funzione donda Ψ. La funzione donda Ψ non ha significato fisico diretto. Si può invece dimostrare che la funzione Ψ 2, nota come densità di probabilità fornisce la probabilità di trovare lelettrone nellunità di volume ed è quindi proporzionale alla densità di carica presente. Mentre Ψ può assumere anche valori negativi (lampiezza di unonda può essere sia positiva che negativa), Ψ 2 assume solo valori positivi

7

8

9

10

11

12 Erwin Schrödinger

13

14

15 Gli orbitali e i numeri quantici n = 1 l = 0 1s

16

17

18

19 Dividiamo lo spazio intorno al nucleo in gusci sferici concentrici di spessore infinitesimo dr. Il volume di un generico guscio di superficie 4 r 2, che si trovi a distanza r, sarà pari a 4 r 2 dr e la probabilità di trovarvi lelettrone si otterrà ovviamente come prodotto della probabilità di trovare lelettrone nellunità di volume 2 ed il volume del guscio stesso. dP = Ψ 2 4 π r 2 dr. Il rapporto dP/dr rappresenta la variazione della probabilità al variare della distanza dal nucleo ed è quindi una funzione di distribuzione della probabilità in funzione del raggio (radiale) dP/dr = Ψ 2 4 π r 2 Concetto di probabilità radiale

20

21 n=1 l=0

22 n=2 l=0

23 n=3 l=0

24 Gli orbitali e i numeri quantici n = 2 l = 1 2p

25 n=2 l=1

26 Se l = 1 allora m = -1,0,+1 m = 0 m = +1 m = -1

27

28 n=3 l=1

29 n=4 l=1

30 Gli orbitali e i numeri quantici n = 3 l = 2 3d

31 m = +2 m = +1 m = -1 m = -2 m = 0

32

33 Gli orbitali e i numeri quantici n=4 l=3 orbitali f

34 Essendo l = 3 m = -3,-2,-1,0,+1,+2,+3

35 a) il valore assunto da 'n' determina l'energia dell'orbitale ed individua i 7 livelli energetici possibili, detti anche strati o gusci. b) il valore assunto da 'l' è associabile al tipo ed alla forma dell'orbitale. Esistono 4 tipi di orbitali. Gli orbitali 's' presentano simmetria sferica, gli orbitali 'p' presentano una forma a otto di rotazione, gli orbitali 'd' ed 'f' forme complesse. c) il valore assunto da 'm' è associabile al numero di orbitali per tipo presenti in ciascun livello energetico.

36 1° Livello energetico 1 orbitale s (1s) capienza max: 2 elettroni

37 2° Livello energetico 1 orbitale s (2s) capienza max: 2 elettroni 3 orbitali p (2p) capienza max: 6 elettroni

38 3° Livello energetico 1 orbitale s (3s)capienza max: 2 elettroni 3 orbitali p (3p)capienza max: 6 elettroni 5 orbitali d (3d)capienza max: 10 elettroni 4° Livello energetico 1 orbitale s (4s)capienza max: 2 elettroni 3 orbitali p (4p)capienza max: 6 elettroni 5 orbitali d (4d)capienza max: 10 elettroni 7 orbitali f (4f)capienza max: 14 elettroni

39

40


Scaricare ppt "Lezione 3 – Latomo si spiega in base ad onde stazionarie di … elettroni."

Presentazioni simili


Annunci Google