La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Concorrenza monopolistica Lezione 23 Ist. di Economia Politica 1- a.a. 2011-2012 Marco Ziliotti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Concorrenza monopolistica Lezione 23 Ist. di Economia Politica 1- a.a. 2011-2012 Marco Ziliotti."— Transcript della presentazione:

1 1 Concorrenza monopolistica Lezione 23 Ist. di Economia Politica 1- a.a Marco Ziliotti

2 2 Acqua potabile Televisione via cavo Monopolio Romanzi Film Grano Latte Concorrenza monopolistica Palle da tennis Petrolio greggio Oligopolio Numero di imprese? Concorrenza perfetta Tipo di prodotto? Prodotti identici Prodotti differenziati Una impresa Poche imprese Molteimprese Le quattro strutture di mercato

3 3 Dove siamo arrivati? Lez. 22: loligopolio Lez. 22: loligopolio Lez. 22: collusione e cartelli Lez. 22: collusione e cartelli Lez. 22: teoria dei giochi e economia della cooperazione Lez. 22: teoria dei giochi e economia della cooperazione Lez. 22: esempi di giochi e varie strategie Lez. 22: esempi di giochi e varie strategie Lez. 22: collusione e politiche antitrust Lez. 22: collusione e politiche antitrust

4 4 Cosa faremo oggi? Lez. 23: concorrenza monopolistica (CM) Lez. 23: concorrenza monopolistica (CM) Lez. 23: aggiustamento entrata/uscita in CM Lez. 23: aggiustamento entrata/uscita in CM Lez. 23: confronto conc. perfetta e CM Lez. 23: confronto conc. perfetta e CM Lez. 23: CM e benessere sociale Lez. 23: CM e benessere sociale Lez. 23: CM e pubblicità Lez. 23: CM e pubblicità

5 5 Oligopolio e ricerca: altri problemi? Nel novembre 2009 la Pfizer (maggior produttore di farmaci, fatturato annuo oltre 50 miliardi $) ha chiuso 6 centri di ricerca negli Stati Uniti e 2 in Gran Bretagna per creare il suo nuovo centro R&S. Nel novembre 2009 la Pfizer (maggior produttore di farmaci, fatturato annuo oltre 50 miliardi $) ha chiuso 6 centri di ricerca negli Stati Uniti e 2 in Gran Bretagna per creare il suo nuovo centro R&S. La Pfizer ha completato la sua fusione con la Wyeth il 15 ottobre La Pfizer ha completato la sua fusione con la Wyeth il 15 ottobre Prima della fusione, la Pfizer aveva circa 9 mila ricercatori e tecnici, e Wyeth ne aveva circa 4,5 mila. In totale oltre 13 mila addetti alla ricerca. Prima della fusione, la Pfizer aveva circa 9 mila ricercatori e tecnici, e Wyeth ne aveva circa 4,5 mila. In totale oltre 13 mila addetti alla ricerca. Nel 2010 la Pfizer in Italia ha chiuso i laboratori della Vicuron, un centro di ricerca di Gerenzano (Varese), acquistato appena un anno fa. Nellimpresa si realizzavano ricerche su farmaci anti-infettivi. Nel 2010 la Pfizer in Italia ha chiuso i laboratori della Vicuron, un centro di ricerca di Gerenzano (Varese), acquistato appena un anno fa. Nellimpresa si realizzavano ricerche su farmaci anti-infettivi.

6 6 La domanda del giorno Che effetto ha la pubblicità sul prezzo dei prodotti? Che effetto ha la pubblicità sul prezzo dei prodotti? Negli anni 60 in alcuni Stati degli USA era vietato fare pubblicità per la vendita di occhiali da vista? Negli anni 60 in alcuni Stati degli USA era vietato fare pubblicità per la vendita di occhiali da vista? Quale effetto per il prezzo degli occhiali? Quale effetto per il prezzo degli occhiali?

7 7 Concorrenza monopolistica: caratteristiche principali Molteplicità di venditori Molteplicità di venditori Differenziazione del prodotto Differenziazione del prodotto Libertà di entrata e uscita Libertà di entrata e uscita

8 8 Molteplicità di venditori Molte imprese competono per lo stesso gruppo di consumatori Molte imprese competono per lo stesso gruppo di consumatori esempi: libri, dischi, film, videogiochi, ristoranti, lezioni di piano, biscotti, mobili,.. esempi: libri, dischi, film, videogiochi, ristoranti, lezioni di piano, biscotti, mobili,..

9 9 Differenziazione del prodotto Ogni impresa produce un prodotto leggermente differente da quello delle altre imprese. Ogni impresa produce un prodotto leggermente differente da quello delle altre imprese. Invece di prendere il prezzo come dato, ogni impresa ha di fronte curva di domanda inclinata verso il basso Invece di prendere il prezzo come dato, ogni impresa ha di fronte curva di domanda inclinata verso il basso

10 10 Libertà di entrata o uscita Le imprese possono entrare o uscire dal mercato senza restrizioni Le imprese possono entrare o uscire dal mercato senza restrizioni Il numero delle imprese presenti sul mercato si aggiusta in modo da azzerare il profitto economico Il numero delle imprese presenti sul mercato si aggiusta in modo da azzerare il profitto economico

11 11 Impresa in concorrenza monopolistica (CM) nel breve periodo Nel breve: impresa in CM segue stessa regola del monopolista x max profitto Quantità tale che: Quantità tale che: RMa = CMa Il prezzo corrispondente può essere maggiore o minore del CMeT, cioè impresa può fare profitti o perdite Il prezzo corrispondente può essere maggiore o minore del CMeT, cioè impresa può fare profitti o perdite

12 12 Impresa in CM nel breve periodo Quantità 0 Prezzo Domanda RM

13 13 Impresa in CM nel breve che fa profitti Quantità 0 Prezzo Domanda RM CMeT CM

14 14 Impresa in CM nel breve che fa profitti Quantità Quantità che massimizza il profitto massimizza il profitto 0 Prezzo Prezzo Domanda RM CMeT CM

15 15 Impresa in CM nel breve che fa profitti Quantità Quantità che massimizza il profitto 0 Prezzo Domanda RM CMeT Costo medio totale Profitto CM

16 16 Impresa in CM nel breve che fa perdite Quantità 0 Prezzo Domanda RM CMeT CM

17 17 Impresa in CM nel breve che fa perdite Quantità 0 Prezzo Domanda RM Quantità che minimizza la perdita CM CMeT

18 18 Impresa in CM nel breve che fa perdite Quantità 0 Prezzo Prezzo Domanda RM Costo medio totale Quantità che minimizza la perdita Perdita CM CMeT

19 19 Equilibrio di lungo periodo Nel lungo periodo: Profitti, perdite entrata, uscita di imprese Entrata Entrata numero prodotti offerti numero prodotti offerti domanda x ogni impresa attiva sul mercato. domanda x ogni impresa attiva sul mercato. spostamento della curva di domanda vs sx spostamento della curva di domanda vs sx profitti profitti Uscita ha conseguenze opposte Uscita ha conseguenze opposte Entrate/uscite continuano finché ci sono profitti/perdite

20 20 Aggiustamento di lungo (con profitti nel breve) Quantità Quantità che massimizza il profitto 0 Prezzo Domanda RM CMeT Costo medio totale Profitto CM

21 21 Aggiustamento di lungo (con profitti nel breve) Quantità Prezzo 0 Domanda RMa CMeT CMa Q che rende max profitto nel lungo periodo Entrata di nuove imprese

22 22 Aggiustamento di lungo (con perdite nel breve) Quantità 0 Prezzo Domanda RM Costo medio totale Quantità che minimizza la perdita Perdita CM CMeT

23 Aggiustamento di lungo (con perdite nel breve) Quantità Prezzo 0 Domanda RMa CMeT CMa Q che rende min perdita nel lungo periodo Uscita vecchie imprese

24 24 Due caratteristiche dellequilibrio di lungo periodo in CM 1. Come in monopolio, P > CMa Max profitto CMa = RMa Max profitto CMa = RMa Data curva di domanda di impresa inclinata verso il basso, RMa < P (sempre). Quindi: CMa

25 25 CM e concorrenza perfetta Due differenze notevoli tra CM e concorrenza perfetta 1. capacità produttiva in eccesso (si produce meno di quanto sarebbe possibile) 2. Cè mark-up (maggiorazione) di P rispetto a CMa

26 26 Capacità produttiva in eccesso Conc. perfetta: nel lungo, entrata/uscita porta impresa a produrre Q efficiente (=tale che CMeT è minimo) Conc. perfetta: nel lungo, entrata/uscita porta impresa a produrre Q efficiente (=tale che CMeT è minimo) Dunque: non cè eccesso di capacità produttiva Dunque: non cè eccesso di capacità produttiva

27 27 Capacità produttiva in eccesso CM: nel lungo cè un eccesso di capacità produttiva, perchè Q < dimensione minima efficiente Impresa in CM potrebbe CMeT producendo quantità superiore del bene, ma non le conviene farlo

28 28 Capacità produttiva in eccesso in CM Quantità Impresa in concorrenza monopolistica Impresa in concorrenza perfetta Quantità Prezzo P = RMa (curva di domanda) CMa CMeT QuantitàprodottaDimensione efficiente efficiente Prezzo P Domanda CMa CMeT P = CMa Quantitàprodotta = dimensione efficiente efficiente Capacità in eccesso

29 29 Mark-up sul CMa Concorrenza perfetta: P = CMa Concorrenza perfetta: P = CMa Impresa in CM: P > CMa Impresa in CM: P > CMa

30 30 Mark-up sul CMa Quantità Impresa in concorrenza monopolistica Impresa in concorrenza perfetta Quantità Prezzo P = CMa P = RMa (curva di domanda) CMa CMeT Quantitàprodotta Prezzo P Domanda Costomarginale CMa CMeT RMa Mark-up Quantitàprodotta

31 31 CM e benessere sociale Mark-up del P > CMa perdita secca Difficile rimediare Niente antitrust (imprese piccole) Niente antitrust (imprese piccole) Regolamentare P ? P imposto più basso per legge? Se sì, due alternative Regolamentare P ? P imposto più basso per legge? Se sì, due alternative Perdite Perdite Sussidi (e tassazione distorsiva x finanziarli). Alto costo x contribuenti xchè imprese sono tante. Sussidi (e tassazione distorsiva x finanziarli). Alto costo x contribuenti xchè imprese sono tante.

32 32 CM e benessere sociale Altra potenziale fonte di inefficienza: # imprese. Sono troppe o troppo poche? Entrata impresa produce due esternalità 1. varietà del prodotto, esternalità positiva rendita consumatore, grazie a creazione di nuovo prodotto rendita consumatore, grazie a creazione di nuovo prodotto 2. quote di mercato, esternalità negativa Altre imprese perdono clienti (business- stealing effect) Altre imprese perdono clienti (business- stealing effect) Se prevale esternalità 1, imprese presenti in CM sono troppo poche. Se prevale esternalità 2, imprese troppo numerose

33 33 CM e benessere sociale: riassunto CM genera perdite di efficienza CM genera perdite di efficienza Ma è difficile metterci una pezza Ma è difficile metterci una pezza

34 34 Pubblicità Differenziazione del prodotto (tipica di CM) ricorso a pubblicità e creazione di marchi Spese pubblicitarie negli USA = 2% del fatturato delle imprese Spese pubblicitarie negli USA = 2% del fatturato delle imprese Anche pari a 10-20% x imprese che producono farmaci, profumi, bevande Anche pari a 10-20% x imprese che producono farmaci, profumi, bevande ½ della spesa su giornali e riviste; 1/3 su radio e TV; il resto in marketing diretto e affissioni ½ della spesa su giornali e riviste; 1/3 su radio e TV; il resto in marketing diretto e affissioni

35 35 La pubblicità: uno spreco di risorse? Accusa 1. Pubblicità crea falsi bisogni (sfrutta irrazionalità del consumatore) 2. Inoltre: crea differenze artificiali tra prodotti omogenei (x concorrenza) Difesa Pubblicità informa meglio il consumatore ( efficienza allocazione risorse) Inoltre: stimola la concorrenza (se diffusione info, potere di mercato singole imprese)

36 36 La pubblicità: uno spreco di risorse? Inoltre: pubblicità e marchi sono anche indice di qualità Chi spende tanti soldi in pubblicità segnala di avere un buon prodotto Esistenza di un marchio è garanzia che un bene ha la stessa qualità ovunque sia comprato opinione diversa: Naomi Klein, No Logo opinione diversa: Naomi Klein, No Logo Chi ha ragione ? Mah.

37 37 La risposta del giorno Che effetto ha la pubblicità sul prezzo dei prodotti? Che effetto ha la pubblicità sul prezzo dei prodotti? Esempio: mercato occhiali da sole negli USA Negli Stati dove pubblicità è vietata, prezzi più alti del 20%

38 38 Conclusione Un mercato in CM caratterizzato da molte imprese ciascuna produce prodotti differenziati con libertà di entrata e uscita Un mercato in CM caratterizzato da molte imprese ciascuna produce prodotti differenziati con libertà di entrata e uscita Nel lungo periodo, ogni impresa in concorrenza monopolistica ha eccesso di capacità produttiva e P > CMa Nel lungo periodo, ogni impresa in concorrenza monopolistica ha eccesso di capacità produttiva e P > CMa

39 39 Conclusione CM non condivide tutte le caratteristiche positive di benessere della concorrenza perfetta CM non condivide tutte le caratteristiche positive di benessere della concorrenza perfetta Oltre a perdita secca, il numero delle imprese potrebbe non essere quello ottimale Oltre a perdita secca, il numero delle imprese potrebbe non essere quello ottimale

40 40 Conclusione La differenziazione del prodotto comporta il ricorso alla pubblicità e la creazione di marchi La differenziazione del prodotto comporta il ricorso alla pubblicità e la creazione di marchi


Scaricare ppt "1 Concorrenza monopolistica Lezione 23 Ist. di Economia Politica 1- a.a. 2011-2012 Marco Ziliotti."

Presentazioni simili


Annunci Google