La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNA RELAZIONE CHE FA CRESCERE LA RELAZIONE: il legame IO-TU in una relazione che fa crescere ASCOLTO E DIALOGO: la comunicazione e il pilastro dellascolto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNA RELAZIONE CHE FA CRESCERE LA RELAZIONE: il legame IO-TU in una relazione che fa crescere ASCOLTO E DIALOGO: la comunicazione e il pilastro dellascolto."— Transcript della presentazione:

1 UNA RELAZIONE CHE FA CRESCERE LA RELAZIONE: il legame IO-TU in una relazione che fa crescere ASCOLTO E DIALOGO: la comunicazione e il pilastro dellascolto attivo LA FIDUCIA: condizione per potersi manifestare nella relazione LEMPATIA: la potenzialità di connettersi allaltro…senza annullarsi

2 NON SIAMO TUTTI UGUALI Linsegnante in relazione …con i colleghi

3 LIDENTITA DELLINSEGNANTE …LINSEGNANTE CHI E? PROFILO PROFESSIONALE COMPLESSO E POLIEDRICO Documenti legislativi …professionista di educazione apprendimento

4 - -Compito e responsabilità della progettazione e della attuazione del Processo di insegnamento e di apprendimento (Art 16 – DPR 275) -Processo di insegnamento/apprendimento -…volto a promuovere lo sviluppo umano, culturale, civile e professionale degli alunni -…che si fonda sullautonomia culturale e professionale -…che si esplica sulle attività individuali e collegiali (Art.. 24 e 25 - CCNL ) -Processo di insegnamento/apprendimento -…volto a promuovere lo sviluppo umano, culturale, civile e professionale degli alunni -…che si fonda sullautonomia culturale e professionale -…che si esplica sulle attività individuali e collegiali (Art.. 24 e 25 - CCNL ) -Trasmissione della cultura -Contributo alle elaborazione della cultura -Impulso alla partecipazione dei giovani a tale processo e alla formazione della loro personalità (Testo Unico art.395) -Trasmissione della cultura -Contributo alle elaborazione della cultura -Impulso alla partecipazione dei giovani a tale processo e alla formazione della loro personalità (Testo Unico art.395) Documenti LEGISLATIVI IDENTITA DELLINSEGNANTE

5 LIDENTITA DELLINSEGNANTE A COSA RISPONDE? CHE COSA? FUNZIONE ADESIONE A: DIRITTI-DOVERI COME? PROFESSIONALITA ESERCIZIO DI: LIBERTA AUTONOMIA RESPONSABILITA CON QUALE RIFERIMENTO ETICO? DEONTOLOGIA

6 SE PROFESSIONALE LIBERTAPOSSO SCEGLIERE AUTONOMIADEVO SCEGLIERE E SAPER SCEGLIERE RESPONSABILITADEVO SCEGLIERE BENE E RISPONDERE DELLE MIE SCELTE MOTIVAZIONI VALORI

7 LIDENTITA DELLINSEGNANTE UGUAGLIANZA DIVERSITA OMOLOGAZIONE SPECIFICITA FARE …………………………………….ESSERE PREVEDIBILITA ……………IMPREVEDIBILITA

8 NON SIAMO TUTTI UGUALI

9 Esperienze da alunno Percorso formativo Prima rappresentazione dellidentità Incontro con la realtà scolastica Aspettative verso il ruolo Ridefinizione dellidentità (Katia Montalbetti Univ. Catt. Milano) FORMAZIONE DELLIDENTITA DELLINSEGNANTE

10 MATURITA PERSONALE Equilibrio psicologica Capacità Relazionalità MATURITA CULTURALE E PROFESSIONALE Competenza MATURITA MOTIVAZIONALE Identificazione Investimento GLI ELEMENTI COSTITUTIVI DELLA PROFESSIONALITÀ DEL DOCENTE (Prof.ssa G.Zuccari )

11 RIFLETTIAMO! NON FACCIAMO PAGELLE - RIFLESSIVITA - RICERCA

12 INSEGNANTE DI RELIGIONE IDENTITA SPECIFICA? -Motivazioni? -Aspettative sociali?

13 INSEGNANTE DI RELIGIONE -Passaggio di conoscenze? -Inserimento nel processo educativo? -Proposta di stili di vita? -Indirizzare e correggere condotte?

14 Il riconoscimento dellidoneità: spetta allOrdinario Diocesano in base ai seguenti riferimenti normativi: Can. 804 §. Allautorità della Chiesa è sottoposta listruzione e leducazione religiosa cattolica, che viene impartita in qualunque scuola. §. LOrdinario del luogo si dia premura che coloro i quali sono deputati come insegnanti della religione cattolica nelle scuole anche non cattoliche, siano: retta dottrina testimonianza di vita abilità pedagogica ECCELLENTI PER (Prof.ssa G.Zuccari )

15 Insegnanti in relazione

16 LA DIMENSIONE DELLA COLLEG- IALITA COLLEGHI COLLEGATI S-COLLEGATI LA SCUOLA COME SISTEMA

17 COLLEGIALITA ORGANIZZAZIONE ARRICCHIMENTO VALORE FUNZIONALITA ARMONIA DI DIFFERENZE TRASCENDENZA

18 NELLA RELAZIONE NON CE NEUTRALITA

19 COLLEGIALITA -Non agita: - Individualismo didattico -Indifferenza -Stagnante: - Luoghi Comuni (Lo fa il coordinatore. Se non so tenere la classe, ma non posso dirlo. Faccio prima da solo.Fai tu che a te ti ascoltano) - Disimpegno nella relazione (no cene!) - Pregiudizio

20 COLLEGIALITA -Conflittuale:- Svalutazione delloperato altrui - Fornire messaggio contradditori - Punteggiare le differenze -Produttiva:- Scambio di esperienze - Condivisione dei diversi punti di vista - Coerenza educativa

21 … Non cè collegialità senza ESISTERE Setting comunicativo e relazionale Quantità e qualità degli scambi interpersonali RICEVERE Spazi e momenti gruppali Orientamento, tutela, identificazione DARE Opportunità di iniziativa Incarico, delega, mandato (F.Antolini – G.Diviso)

22 COLLEGIALITA Rimanere se stessi, dare lo specifico di se … allargando gli orizzonti!

23 CHI SONO? QUALE PERSONA METTO IN GIOCO NELLA RELAZIONE COLLEGIALE? QUALE RELAZIONE CON I MIEI COLLEGHI????

24 IN UNA NOTTE DI TEMPORALE

25 In una notte di temporale, una piccola capretta bianca vagava nell'oscurità. Senza pensarci un attimo si rifugiò in una capanna abbandonata sulla collina. Si accomodò in un angolo a riposare ascoltando il picchiettare della pioggia sul tetto. Ma ansimando qualcuno entrò nella capanna. Chissà chi era. La capretta drizzò le orecchie. Doveva essere sicuramente una capra. La capretta, sollevata, salutò il nuovo arrivato che, sorpreso e un po' spaventato, rispose sgarbatamente. Ma il nuovo arrivato non era una capra, bensì un lupo. Il lupo disse "Come? Chi ha parlato? Con questo buio, non si vede un accidente". Nel racconto tutto si svolge nel buio, ed è proprio il buio che fa scoprire quanto siano simili nei desideri e nelle paure i due antagonisti per antonomasia. Il buio, come complice in positivo, non svelerà loro la vera identità dell'altro. Anzi, riprendendo il loro cammino al termine del temporale, si saluteranno come due buoni amici e con l'impegno di rincontrarsi il giorno dopo a mezzogiorno nello stesso posto.


Scaricare ppt "UNA RELAZIONE CHE FA CRESCERE LA RELAZIONE: il legame IO-TU in una relazione che fa crescere ASCOLTO E DIALOGO: la comunicazione e il pilastro dellascolto."

Presentazioni simili


Annunci Google