La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L'essicazione della frutta, come del resto la salatura e l'affumicatura della carne, ha avuto una notevole importanza nella storia dell'alimentazione umana.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L'essicazione della frutta, come del resto la salatura e l'affumicatura della carne, ha avuto una notevole importanza nella storia dell'alimentazione umana."— Transcript della presentazione:

1 L'essicazione della frutta, come del resto la salatura e l'affumicatura della carne, ha avuto una notevole importanza nella storia dell'alimentazione umana. La frutta secca, potendo essere conservata a lungo, garantiva una preziosa riserva di cibo per i periodi di penuria, e nei mesi invernali se ne va aveva la massima espressione. Durante le festività natalizie non poteva mancare sulla tavola dove, insieme ad altre qualità di frutta stagionali come i mandarini e le arance, esprimevano un senso di gioiosa abbondanza. Ancora adesso il Natale non è lo stesso senza la tradizionale presenza della frutta secca. STORIA DELLA FRUTTA SECCA Nel 1908 in Italia nasce la più grande azienda nel settore della frutta secca, la Noberasco

2 I romani riconoscevano a questo frutto non solo il potere propiziatorio di amori felici, ma anche di favorire ottimi guadagni, considerandolo un portafortuna da non far mancare sulle tavole delle feste ed in particolare in occasione delle nozze. Gli sposi, per questo motivo, regalavano noci al posto degli attuali confetti. Nel Medioevo sotto la grande chioma del noce venivano celebrati riti di stregoneria e magia, mentre con il frutto si curava la debolezza di stomaco e con linfuso di foglie la tosse e lasma. Fino al secolo scorso, in molte regioni dItalia, si usava piantare un noce per la nascita di una bambina affinché, arrivata alletà da marito, potesse ricavarne del legno per il letto nuziale, mentre i frutti, fino a quel momento, sarebbero serviti per lalimentazione della famiglia. NOCE Il mandorlo, nelle due varietà dolci o amare, appartiene alla famiglia delle Rosacee e fin dallantichità si diffuse in tutto il bacino mediterraneo, in Asia e in Africa, per la sua bellezza e per il suo preziosissimo seme: la mandorla. In Sicilia sbarcò insieme ai Fenici e il suo uso si diffuse successivamente nelle colonie greche. Veniva utilizzato in cucina per la preparazione di squisiti dolci ma si traeva da esso anche lolio che, a partire dal Medioevo, talvolta, sostituiva il più costoso olio di oliva. MANDORLA Testimonianze della sua coltivazione si hanno già nelle prime civiltà agricole di Mesopotamia, Palestina ed Egitto, da cui si diffuse successivamente in tutto il bacino del Mar Mediterraneo. I frutti del fico, sia freschi che essiccati, sono ricchi di proprietà nutritive e hanno contribuito per millenni allalimentazione di moltissimi popoli. FICO

3 Il dattero è il frutto di una palma, originaria del nord Africa, ampiamente coltivata anche in molte altre parti nel mondo. Nella tradizione cristiana le foglie di palma da dattero rappresentano un simbolo di pace e ricordano lentrata di Gesù in Gerusalemme. DATTERO Il Pruno domestico, che a differenza di quello selvatico, produce frutti più grandi, dolci e gustosi, cominciò ad essere selezionato e coltivato più di 2000 anni fa nell'Asia Occidentale da dove, più tardi, approdò all'Europa mediterranea. La pratica dell'essiccazione di questo frutto fece rilevare, già ai tempi dei Romani, le sue proprietà diuretiche e lassative. PRUGNE In Valnerina, le mele raccolte verso la fine dellestate, si tagliavano in tante fettine poi con ago e filo si infilavano, ottenendo una sorta di coroncina da essiccare al sole. In inverno le Spartacchie si mangiavano così, fettina per fettina, o ammorbidite nellacqua calda. Acqua che poi si faceva bere ai bambini come antitodo contro la tosse. Le Spartacchie

4 LA FRUTTA SECCA OGGI Numerosi studi scientifici hanno dimostrato che, in virtù del suo ottimo profilo nutrizionale, il consumo regolare di frutta secca fa bene alla salute ed aiuta a prevenire e combattere numerose patologie. Essa, si divide in due categorie: la frutta secca lipidica ricca di grassi e povera di zuccheri e quella glucidica ricca di zuccheri e povera di grassi.. PROFILO NUTRIZIONALE La caratteristica principale della frutta secca è lalto contenuto energetico, circa il 65 – 75 % dellapporto calorico è dovuto ai grassi, per la maggior parte insaturi: noci e nocciole sono ricchi di acido linoleico, mandorle e pistacchi di acido oleico. La frutta secca non contiene colesterolo ma contiene proteine ricche di arginina e steroli vegetali dagli effetti benefici per lorganismo. Il contenuto di fibre è significativamente superiore a quello della verdura, inoltre è presente una buona quantità di minerali ( calcio, magnesio, potassio, fosforo, zinco, ecc.) e vitamine in particolar modo la E e la B. Questo profilo nutrizionale, definito da super alimento, è stato testato in diverse aree terapeutiche. BENEFICI DEL CONSUMO REGOLARE DELLA FRUTTA SECCA Numerosi studi clinici hanno dimostrato lefficacia della frutta secca nel ridurre i livelli di colesterolo, e la maggior parte di questi studi sono stati condotti su soggetti diabetici, dove si è visto che labituale consumo di questa frutta comporta principalmente una riduzione del colesterolo LDL.


Scaricare ppt "L'essicazione della frutta, come del resto la salatura e l'affumicatura della carne, ha avuto una notevole importanza nella storia dell'alimentazione umana."

Presentazioni simili


Annunci Google