La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Studi Strategici Docente: Massimo Chiais

Copie: 1
Corso di Studi Strategici Docente: Prof. Massimo Chiais

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Studi Strategici Docente: Massimo Chiais"— Transcript della presentazione:

1 Corso di Studi Strategici Docente: Massimo Chiais

2 Strategia e Tattica (Riccardo Busetto, Dizionario Militare) Ramo dellarte militare che si occupa della individuazione degli obiettivi globali della guerra, dei principi generali delle operazioni militari e dellelaborazione complessiva dei piani bellici. In senso più ampio, la capacità di sfruttare le forze militari, politiche ed economiche del Paese al fine di giungere alla vittoria con il minore sacrificio e le minori perdite Branca dellarte militare che si occupa dellimpiego delle unità e dei mezzi in combattimento entro i limiti imposti dal contesto operativo o strategico, delineando per queste i criteri e le procedure di impiego. A livello della tattica le decisioni e le responsabilità sono sempre compito esclusivo delle autorità militari, che organizzano e dirigono le unità in vista delle reciproche relazioni o in considerazione delle forze nemiche.

3 Strategia/Tattica Considerando la strategia come sistema complesso, essa fa parte di un metasistema (la politica) e comprende a sua volta dei sottosistemi (le tattiche). Per le diverse tattiche, la strategia costituisce un tutto che ne costituisce il fondamento logico e che le condiziona, dando ad esse una unitarietà di fini.

4 La strategia è rivolta ad ottenere risultati definitivi, contrariamente alla tattica, che è più rivolta all'impiego delle risorse sul campo di battaglia per sconfiggere il nemico. Quindi la strategia riguarda il conseguimento ed il mantenimento dell'egemonia, indipendentemente dai risultati dei combattimenti. La storia è infatti piena di esempi di Potenze mai sconfitte sul campo, che hanno poi perso le guerre per carenza di strategie adeguate e viceversa di Potenze regolarmente perdenti in combattimento, che hanno vinto le guerre grazie ad una strategia vincente. Lo sfruttamento adeguato delle capacità operative relative all'intelligence, alla propaganda ed alla logistica, unito ad un opportuno dosaggio delle capacità politiche, quali la deterrenza, le alleanze internazionali, le scorte e gli approvvigionamenti delle risorse strategiche possono far premio sui risultati effettivi in combattimento.

5 Strategia globale e Strategia militare ( Grande Strategia) Impiego e coordinamento globale, onnicomprensivo, di tutte le forze di una Nazione (politiche, diplomatiche, economiche, spirituali, sociali, militari,..) messe in opera in un contesto internazionale al fine di ottenere obiettivi realisticamente perseguibili. Tra grande strategia e strategia militare rientra la strategia di teatro, che definisce e coordina luso delle risorse in relazione ad una specifica area geografica e coinvolge livello politico e militare Dalla "grande strategia" derivano le "strategie generali" relative ai vari strumenti per realizzarla (militare, economico, diplomatico ecc.) che sono coordinate e rese coerenti dalla prima Specificamente rivolta al contesto militare, si trova in una posizione subalterna rispetto alla strategia globale i cui indirizzi le forniscono un inquadramento concettuale. A sua volta la strategia militare, con le sue valutazioni, concorre a condizionare il modo di essere e di evolversi della strategia globale. Il livello operativo, che riguarda pianificazione e direzione delle principali operazioni rientra in questo contesto.

6 Alcune linee di pensiero divergenti per definire la natura della strategia Strategia della dissuasione. A tteggiamento strategico unilaterale o reciproco che si basa, in caso di aggressione, sulla minaccia di una ritorsione armata di tale violenza da rendere tale atto inaccettabile (dissuasione mediante la ragione) Strategia del pacifismo. Atteggiamento che propugna una soluzione pacifica per qualsiasi controversia nel nome di una condanna di ogni azione militare e del mantenimento della pace perpetua come unico fine dellattività politica (dissuasione sulla base deletica, della passione e dellideale) Strategia come scienza e arte della guerra

7 Strategia Indiretta Dissuasione alternativa politica alla guerra (es. equilibrio nucleare) Minaccia rappresaglia credibile e di dimensioni non tollerabili (es. ultimatum)

8 Strategia diretta Offensiva Difensiva

9 Strategia come ARTE il capo politico o militare deve possedere e coltivare qualità innate di intuizione, intelligenza, tempestività, riflessione, abilità nellimpiegare quegli strumenti culturali e materiali che la ricerca strategica mette a sua disposizione.

10 Strategia come SCIENZA attraverso i secoli si sono sviluppati principi generali e concezioni originali del pensiero la cui scelta ed applicazione da parte del capo responsabile dipendono sia dalla loro precisa conoscenza che dalle sue attitudini artistiche.

11 Letimologia della guerra Il termine può essere ricondotto a tre etimologie: POLEMOS, da cui la polemologia (scienza della guerra). Derivato di polys= molti BELLUM, da cui bellicosità, bellico, belligerante. Derivato di duellum, scontro tra due WERRA, da cui le forme neolatine guerra (it), guerre (fr.), war (ing.). Significato di mischia Scontro volontario di molti che si schierano su due fronti opposti nellintenzione di piegarsi fisicamente lun laltro.

12 Tipi di guerra Internazionale Diadica: tra due Stati Coalizionale: tra insiemi di Stati alleatisi per la circostanza Interna (o civile, o intestina) Partigiana: scontro tra fazioni in assenza o dissoluzione di una autorità centrale Internazionalizzata: le parti in lotta mirano a una separazione e alla costituzione di nuove entità sovrane

13 Elementi centrali della guerra (L.Bonanate, La guerra) Elemento tellurico: scenario, localizzazione fisica campo di battaglia Elemento fisico presenza di un avversario definito Scopo ultimo conquista/difesa riduzione pericolo/contenimento politica di potenza…

14 Modi di combattere una guerra Guerre regolari:combattute secondo regole comuni e condivise Guerre irregolari: ricorso a strumenti anomali, guerra di corsa,per bande,guerriglia, con armi sporche Guerre convenzionali: combattute con armi e strumenti di comune conoscenza Guerre non-convenzionali: uso di armi e strumenti non usuali Guerre di movimento: avanzata di grandi masse di uomini e mezzi Guerre di posizione: truppe attestate, guerra di trincea Guerra marittima, sottomarina, aerea, terrestre, stellare Information, cyber, psycologic, economic, net….war

15 Fini di guerra Guerra di conquista Guerra di liberazione Guerra dinastica ( o di successione) Guerra di religione Guerra rivoluzionaria Guerra di difesa

16 Guerra e strategia: qualche richiamo storico (Sun Tzu, Larte della guerra, V se. A.C. circa) La guerra è una questione di vitale importanza per lo Stato...quindi considerala secondo i cinque elementi fondamentali. Il primo di questi elementi è linfluenza morale; il secondo il tempo; il terzo il terreno; il quarto il comando; il quinto la dottrina militare. Influenza morale: ciò che induce il popolo a essere in armonia con i suoi capi; Tempo: azione delle forze naturali (freddo inverno, caldo estate) condotta azioni militari in armonia con le stagioni; Terreno: conoscenza del terreno Comando: saggezza, sincerità, umanità, coraggio, severità del generale; Dottrina: organizzazione, controllo, meritocrazia, logistica

17 Ancora Sun Zu... Il fondamento di tutte le guerre è lo stratagemma. Se le valutazioni fatte prima dellinizio delle ostilità indicano vittoria, ciò è perché i calcoli hanno dimostrato che la propria forza è superiore a quella del nemico, se indicano invece sconfitta è perché la propria forza è inferiore a quella del nemico. Solo calcolando bene si può vincere, calcolando male si perde. Quante minori probabilità di vittoria ha chi non fa alcun calcolo

18 Guerra e strategia: qualche richiamo storico Niccolò Machiavelli, Larte della guerra, 1521) Non condurre a giornata i soldati se prima non hai confermato lanimo loro e conosciutogli senza paura e ordinati; se non quando vedi chegli sperano di vincere; Meglio vincere il nimico con la fame che col ferro; Niuno partito è migliore che quello che sta nascosto al nemico infino a che tu lo abbia eseguito; La natura genera pochi uomini gagliardi, la industria e lesercizio ne fa assai; Difficilmente è vinto chi sa conoscere le forze sue e quelle del nimico; Le cose nuove e subite sbigottiscono gli eserciti; Quello che non prepara le vettovaglie necessarie al vivere è vinto senza ferro.

19 Guerra e strategia: qualche richiamo storico (Raimondo Montecuccoli, Trattato della guerra, 1641) LArte della guerra è larte di ben combattere per vincere Questarte è sopra tutte laltre arti e senzessa niuna può aver vita, o uso tranquillo la patria, la libertà, i cittadini. Tutte larti che si ordinano in una civiltà per cagione del bene comune degli uomini, tutti gli ordini fatti per vivere con timor della legge e di Dio, sarebbono vani se non fussino preparate le diffese loro, le quali, ben ordinate, mantengono quelle anche ben ordinate.

20 Guerra e strategia: qualche richiamo storico (Carl von Clausewitz, Della guerra, 1832) La guerra non è che un duello più esteso... Ciascuno cerca di costringere laltro con la forza fisica ad eseguire la sua volontà; il suo scopo più immediato è abbattere lavversario e con ciò renderlo incapace di ogni ulteriore resistenza. La guerra è dunque un atto di violenza per costringere lavversario a eseguire la nostra volontà. La guerra non è lazione di una forza viva su una massa morta bensì sempre lurto di due forze vive... Quindi ciò che abbiamo detto dellobiettivo ultimo dellazione bellica deve essere pensato per entrambe le parti in causa. Lo scopo politico in quanto motivo originario della guerra sarà dunque la misura sia dellobiettivo che deve essere raggiunto con latto di guerra sia degli sforzi che sono richiesti

21 Ancora Clausewitz... La guerra non è semplicemente un atto politico, ma un vero strumento politico, una continuazione dellinterscambio politico, una prosecuzione dello stesso con altri mezzi. Lintenzione politica è lo scopo, la guerra è il mezzo e mai il mezzo può essere pensato senza scopo. La natura della guerra è un trilatero: Cieco impulso= odio e ostilità (popolo) Libera attività dello spirito= gioco delle probabilità e del caso (coraggio e talento del capo militare) Semplice ragione= natura subordinata di strumento politico (governo)

22 Guerra e strategia: qualche richiamo storico (Ernesto Che Guevara, La guerra per bande, 1961) La guerra è sempre una lotta in cui entrambi i contendenti cercano di distruggersi a vicenda. Per arrivare a questo risultato si ricorre, oltre che alla forza, a tutti i sotterfugi, a tutte le trappole possibili. Le strategie e le tattiche militari sono definizione degli obiettivi e dei mezzi per raggiungerli. Il che contempla lo sfruttamento dei punti deboli del nemico Nella terminologia bellica per strategia si intende lanalisi degli obiettivi da conquistare, considerando una situazione militare nel suo complesso, nonché le forme globali per raggiungere tali obiettivi. Per avere una giusta valutazione strategica al punto di vista della banda occorre analizzare a fondo il comportamento del nemico.

23 I principi generali (principi della guerra) sono, secondo la classificazione di John Downey (Management on the Armed Forces, Maidenhead 1977) 1.Ricerca e fissazione di uno scopo: è essenziale che gli obiettivi oggetto di unazione politica o militare siano ben determinati, al fine di: organizzare in modo confacente le forze necessarie a raggiungerli; definire le modalità di azione; definire la condotta delle azioni.

24 I principi generali (principi della guerra) sono, secondo la classificazione di John Downey (Management on the Armed Forces, Maidenhead 1977) 2. Cura del morale delle forze e delle popolazioni, un tempo riferita esclusivamente ai combattenti, ma ampliata oggi a tutte le popolazioni interessate dal conflitto. Lanalisi strategica, a fronte delle dimensioni globali della comunicazione e delle sue modalità di diffusione, non può esimersi dal prendere in esame un target che, oltre alle proprie forze, prenda anche in esame il morale della propria opinione pubblica, delle forze e dellopinione pubblica avversarie, oltre naturalmente a quella internazionale.

25 I principi generali (principi della guerra) sono, secondo la classificazione di John Downey (Management on the Armed Forces, Maidenhead 1977) Vi si collegano concetti come: motivazione; leadership politica leadership individuale forza del richiamo ideologico e consenso gestione dei flussi comunicativi guerra psicologica propaganda disinformazione

26 I principi generali (principi della guerra) sono, secondo la classificazione di John Downey (Management on the Armed Forces, Maidenhead 1977) 3. Principio delloffensiva: necessità di assumere e mantenere liniziativa strategica per non perdere la propria libertà di azione e non soggiacere alla volontà dellavversario. Possono essere contemplati segmenti di spazio/tempo con atteggiamento difensivo, qualora la difesa strategica rientri nel progetto più generale di successo delle operazioni

27 I principi generali (principi della guerra) sono, secondo la classificazione di John Downey (Management on the Armed Forces, Maidenhead 1977) 4. Principio della sorpresa. Può esercitarsi sul piano della strategia generale (es. attacco a sorpresa) sul piano della strategia operativa (es. adozione di nuovi procedimenti di azione) sul piano della strategia tecnologica (es. impiego di mezzi e tecniche non ancora noti) Il fattore sorpresa è spesso alla base dei successi militari

28 I principi generali (principi della guerra) sono, secondo la classificazione di John Downey (Management on the Armed Forces, Maidenhead 1977) 5. Concentrazione degli sforzi Detto anche principio della massa, consiste nel ricercare un rapporto di forza ( o di fuoco) nettamente favorevole nel punto e nel momento che si considerano decisivi ai fini del raggiungimento dei propri obiettivi e dellesito finale

29 I principi generali (principi della guerra) sono, secondo la classificazione di John Downey (Management on the Armed Forces, Maidenhead 1977) 6. Principio della sicurezza, finalizzato a fronteggiare il fattore sorpresa. Basato soprattutto sullorganizzazione e sul buon funzionamento del sistema informativo ( intelligence ).

30 I principi generali (principi della guerra) sono, secondo la classificazione di John Downey (Management on the Armed Forces, Maidenhead 1977) 7. Economia delle forze. Equilibrato e ragionato utilizzo delle proprie risorse ai fini di unottimizzazione dei risultati avendo come obiettivo la predisposizione e limpiego delle sole risorse ritenute necessarie ai fini del successo.

31 I principi generali (principi della guerra) sono, secondo la classificazione di John Downey (Management on the Armed Forces, Maidenhead 1977) 8. Principio della flessibilità. Attitudine e disponibilità a modificare/adattare la propria linea strategica al mutare degli eventi, anche in caso di mutazioni repentine ed impreviste. E certamente una delle principali virtù del pianificatore militare, che tuttavia deve essere supportata dallelasticità dello strumento politico e di quello bellico predisposto

32 I principi generali (principi della guerra) sono, secondo la classificazione di John Downey (Management on the Armed Forces, Maidenhead 1977) 9. Cooperazione. Elemento proprio della Strategia Globale, in quanto teso a valorizzare le sinergie operative tra le varie componenti del processo, attraverso uno stretto affiatamento, collegamento e, appunto, cooperazione dei diversi strumenti impiegati. In termini militari, si tratta della capacità di coordinare le separate forze armate, armi e specialità per definire un quadro complessivo omogeneo e funzionale al progetto strategico.

33 I principi generali (principi della guerra) sono, secondo la classificazione di John Downey (Management on the Armed Forces, Maidenhead 1977) 10. Sostegno logistico. Capacità di sostenere lo sforzo bellico attraverso un corretto approvvigionamento, espletato in modo da garantire un giusto equilibrio tra il flusso dei rifornimenti e le effettive necessità dei reparti. Sulla base delle dimensioni dellintervento, la logistica viene in genere distinta in: Logistica strategica: acquisizione, stoccaggio, trasporto e distribuzione dei materiali verso i relativi teatri operativi; Logistica tattica: medesima procedura nel singolo teatro operativo

34 La guerra oltre i limiti Qiao Liang – Wang Xiangsui, Guerra senza limiti, 1999 Principi della guerra combinata oltre i limiti ONNIDIREZIONALITA:non esiste più un campo di battaglia. Lo sono gli spazi naturali, ma anche quelli sociali, politici, economici, psicologici; SINCRONIA: conduzione di azioni in spazi diversi nello stesso arco di tempo; OBIETTIVI LIMITATI: una volta conseguito un obiettivo si avrà lelasticità per perseguire il successivo; MISURE ILLIMITATE: tendenza ad un impiego illimitato di mezzi e criteri; ASIMMETRIA: seguire la linea di pensiero opposta allequilibrio della simmetria e, seguendo tale linea, sviluppare lazione di combattimento

35 La guerra oltre i limiti Qiao Liang – Wang Xiangsui, Guerra senza limiti, 1999 CONSUMO MINIMO: uso della minore quantità di risorse di combattimento necessaria per perseguire lobiettivo; COORDINAMENTO MULTIDIMENSIONALE: coordinamento e assegnazione di tutte le forze (militari e non militari) che possono essere mobilitate per coprire un obiettivo; CORREZIONE E CONTROLLO DEL PROCESSO: durante tutto lo svolgimento di un conflitto, dallinizio alla fine e nella sua evoluzione, acquisizione continua di informazioni, correzione dellazione e controllo della situazione.


Scaricare ppt "Corso di Studi Strategici Docente: Massimo Chiais"

Presentazioni simili


Annunci Google