La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Flaccidità = contrazione m. liscia dei corpi cavernosi Erezione = rilasciamento m. liscia dei corpi cavernosi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Flaccidità = contrazione m. liscia dei corpi cavernosi Erezione = rilasciamento m. liscia dei corpi cavernosi."— Transcript della presentazione:

1 Flaccidità = contrazione m. liscia dei corpi cavernosi Erezione = rilasciamento m. liscia dei corpi cavernosi

2 REGOLAZIONE DEL TONO VASCOLARE MEDIAZIONE DELLINFIAMMAZIONE AGGREGAZIONE PIASTRINICA PROLIFERAZIONE CELLULE MUSCOLARI LISCIE TROMBOSI IMMUNOMODULAZIONE CENTRALITA DELLENDOTELIO

3 NO PGE VIP CGRP NA ET-1 RhoA-RhoK DISFUNZIONE ENDOTELIALE

4 NO PGE VIP CGRP NA ET-1 RhoA-RhoK DISFUNZIONE ENDOTELIALE

5 NO PGE VIP CGRP NA ET-1 RhoA-RhoK DISFUNZIONE ENDOTELIALE

6 REGOLAZIONE CENTRALE E PERIFERICA

7

8 CONTROLLO CENTRALE: NEUROTRASMETTITORI E NEUROPEPTIDI DOPAMINA Durante laccoppiamento aumentano i livelli di dopamina nel liquido cerebrospinale. Effetto facilitatorio di agonisti per il Rec. D2 OSSITOCINA Induce lerezione nel ratto e i livelli post- eiaculatori sono alti neurotrasmettitore eccitatorio la cui azione dipende dallossido nitrico. Neuroni del PVN hanno rec. Dopa- e Oxitocinergici. Si è ipotizzato che i neuroni dopaminergici attivino quelli ossitocinergici nel PVN e che lossitocina rilasciata medi lerezione. Gli oppiodi inibiscono gli effetti ossitoninergici ACTH-MSH Induce lerezione nellanimale. La risposta sessuale dellACTH è abolita dalla castrazione ruolo permissivo degli androgeni testicolari ACIDO GLUTAMICO SEROTONINA Gli effetti dipendono dai sottotipi recettoriali: attivazione di 5-HT-1a inibisce lerezione; attivazione di 5-HT-2c facilita lerezione. GABA I livelli nel ratto aumentavano del 1000% durante lintervallo post-eiaculatorio. OPPIOIDI La somministrazione di agonisti recettoriali inibisce il comportamento di accoppiamento nel ratto, mentre la somministrazione di antagonisti recettoriali lo facilta. PRL Lesposizione per lungo tempo ad aumentati livelli di PRL sopprime il comportamento sessuale. Il meccanismo è rappresentato probabilmente da alterazioni della dopamina cerebrale. NORADRENALINA La risposta sessuale può essere tonicamente inibita da una via noradrenergica centrale + -

9 MECCANISMI FISIOLOGICI EREZIONE : Tale funzione così delicata ed integrata, richiede il corretto funzionamento dei suoi singoli elementi, per cui è sufficiente lalterazione di uno solo di essi (ad es. vascolare o ormonale) perchè lintera funzione venga meno o sia insufficiente. COMPONENTI ORGANICHE : La integrità della funzione erettile coinvolge diverse componenti organiche (neurogene centrali e periferiche, vascolari, ormonali), in stretta interazione con fattori psichici. MECCANISMI PSICOGENI E REFLESSOGENI : essi agiscono sinergicamente nel controllo dell erezione, in quanto è provocata dalla stimolazione dei sensori locali degli organi genitali (componente reflessogena) e dagli stimoli centrali generati allinterno del cervello (componente psicogena). CARATTERE INTEGRATO DELLA FUNZIONE ERETTILE Lerezione reflessogena è mediata da riflessi spinali in cui sono implicati i sistemi parasimpatico, simpatico e somatico. La risposta erettile sopraspinale è suscitata da una varietà di stimoli visivi, auditivi, gustativi, tattili e immaginativi, che raggiungono diverse aree del cervello (nuclei del talamo, rinencefalo, sistema limbico) e vengono infine integrati al livello ipotalamico. Questi meccanismi danno avvio al fenomeno dellerezione e allo svolgimento dellatto copulatorio, che è pienamente consono a dignità umana quando vi sia la piena partecipazione affettiva e consapevolezza del significato dellatto in ambito del matrimonio stesso

10 RUOLO DEGLI ANDROGENI STUDI SULLUOMO Livelli di testosterone molto bassi sono associati con riduzione dellinteresse sessuale e a volte con deficit erettile NPTRM e le erezioni in risposta a stimoli visivi erotici sono fortemente androgeno dipendenti (bassi livelli di testosterone possono alterare le erezioni notturne) Gli androgeni sono necessari, sebbene non sufficienti, per un normale desiderio sessuale Gli uomini hanno probabilmente più testosterone di quello che occorre per i massimi effetti degli androgeni sulla sessualità, per cui molte variazioni nei livelli di testosterone potrebbero essere irrilevanti dal punto di vista comportamentale. Attivazione/riattivazione della attività sessuale negli uomini ipogonadici che ricevono terapia sostitutiva (Clooper, 1993; Bals-Prastsch, 1988). I livelli di testosterone sono correlati positivamente con la libido. Negli uomini eugonadici la somministrazione di alti dosi di T aumenta il desiderio sessuale e leccitabilità, ma ciò non si riflette in alcuna modificazione generale della attività sessuale (Anderson, 1992) E presente una mutua relazione tra i livelli di testosterone e il comportamento sessuale: uno stimolo sessuale può incrementare i livelli di testosterone (Stoleru,1993).

11 Antiipertensivi (beta-bloccanti, ACE-inibitori, diuretici) Antipsicotici (triciclici, inibitori MAO, inibtori reuptake serotonina, fenotiazine, butirrofenononi,tioxanteni) Antiandrogeni Cimetidina Clofibrato Digossina Indometacina Droghe (THC, eroina, cocaina, amfetamine) Abuso di alcool Fumo di sigaretta CAUSE FARMACOLOGICHE-IATROGENE

12 PRODUZIONE TESTOSTERONE CLEARANCE METABOLIC A TESTOSTERONE LIBERO ALTERAZIONI ENZIMATICHE TESTICOLARI CALO DIFFERENZIATO DELL'ENZIMA DI CLIVAGGIO DELLA CATENA LATERALE (17-20 LIASI) PIUTTOSTO CHE NELLA 17-IDROSSILAZIONE DA PARTE DEL SISTEMA ENZIMATICO CITOCTROMO-P 450 DIPENDENTE SINTESI TESTICOLARE DI: PROGESTERONE 17-OH- PROGESTERONE RIDOTTA RISPOSTA ALL'HCG ATTENUAZIONE DEL PICCO DI T DEL MATTINO (BREMNER,1983) > MARCATA INIBIZIONE DEL T IN RISPOSTA A STRESS (KHOURY 1988) TESTOSTERONE FSH LH PRL RIDOTTA RISPOSTA GONADOTROPINICA AL GnRH RAPPORTO LH BIOATTIVO/ IMMUNOREATTIVO INSUFFICIENZA GONADICA SHBG SENESCENZA E SESSUALITA MASCHILE FATTORI ENDOCRINI

13 Inibitore selettivo della cGMP-fosfodiesterasi tipo 5(PDE5) - Il meccanismo dellerezione coinvolge il rilascio di NO nel corpo cavernoso durante la stimolazione sessuale. NO attiva la guanilato ciclasi, che fa aumentare il cGMP, producendo rilasciamento della muscolatura liscia dei corpi cavernosi e il conseguente afflusso di sangue. - Il sildenafil non ha effetto diretto di rilasciamento della muscolatura liscia, ma aumenta leffetto del NO inibendo la fosfodiesterasi 5, responsabile della degradazione del cGMP. - Selettività: 4000 volte più attivo sulla PDE5 vs PDE3, coinvolto nella contrattilità cardiaca, 10 volte più potente vs PDE6, enzima presente nella retina. - Assorbito per via orale, con biodisponibilità del 40%. Eliminato per via epatica (citocromo P450. Ritardo di assorbimento se assunto con pasto ricco di grassi) - Riduzione della clearance con letà (concentrazioni 40% più alte che nei volontari di anni). SILDENAFIL: ASPETTI FARMACOLOGICI Effetti collaterali: Cefalea (16%), Flushing (10%), Dispepsia (7 %), Congestione nasale (4%), Fotofobia o alterata visione dei colori (3%) Interazioni farmacologiche: NITRODERIVATI Cimetidina Eritromicina Ketoconazolo

14 APOMORFINA DA-agonista centrale (recettori D2) 2-3 mg s.l. Effetto entro 20 min Emivita 3-4 ore Effetti collaterali: nausea, cefalea, vertigini, sudorazione YOHIMBINA Antagonsita alfa-1 e alfa-2 adrenergico Azione centrale e periferica Efficacia non dimostrata

15 FARMACOINIZIO EFFETTODURATA DAZIONE Sildenafil*30-40 min4 h Vardenafil20 min4 h Tadalafil30-40 min24-36 h * Assorbimento influenzato dallassunzione di cibo

16 UTILITA INIBITORI Rho-KINASI Vasospasmo coronarico Vasospasmo cerebrale Aterosclerosi/Restenosi Danno ischemia/riperfusione Ipertensione arteriosa Ipertensione polmonare Ictus Asma bronchiale Glaucoma Osteoporosi

17 TENTATIVI DI TERAPIA GENICA VEGF iNOS iNOS-inducers eNOS PnNOS PreproCGRP VIP Inibitori arginasi

18 TRATTAMENTO DELLE DISFUNZIONI ERETTILI DI NATURA PSICOGENA Focalizzazione sensoriale Uso di libri e videotape a scopo informativo Focalizzazione cognitiva Ipnosi Desensibilizzazione progressiva sistematica Rilassamento muscolare progressivo Riconoscimento e risoluzione dei conflitti - PROTESI FARMACOLOGICHE TERAPIE PROTESICHE - VCD (VACUUM CONSTRICTION DEVICE) TECNICHE PSICOTERAPICHE - PROTESI MECCANICHE - IDRAULICHE - NON-IDRAULICHE

19 COMPLICANZE GENERALI - Ipotensione ortostatica (2%) - Cefalea - Incremento enzimi epatici - Reazioni allergiche COMPLICANZE LOCALI - Priapismo - Ematomi - Cavernositi - Parestesie Iniezioni endouretrali COMPLICANZE CRONICHE - Fibrosi - Deviazioni peniene TRATTAMENTO DELLE DISFUNZIONI ERETTILI PROTESI FARMACOLOGICA

20 2)PROTESI IDRAULICHE MONOCOMPOSTA AMS Hydroflex Flexi Flate A DUE COMPONENTI GSF Inflatable Uni-Flate 1000 A TRE COMPONENTI AMS 700CX Mentor Inflatable 1)PROTESI NON-IDRAULICHE SEMIRIGIDE Small-Carrion FLESSIBILI Flexi-Rod II MALLEABILI AMS Malleabile 600 JonasSilicon Silver Mentor Malleabile MALLEABILI-ARTICOLATE Duraphase ARTICOLATE Omiphase TRATTAMENTO DELLE DISFUNZIONI ERETTILI

21 EFFETTO DELLIMPIANTO DI PROTESI MECCANICHE (Fallon e Ghanem, 1990, in Di Pietro e Correale, 1993) DESIDERIO SESSUALE 31% incremento libido 18% decremento libido 50% non variazioni TUMESCENZA PENIENA 43% incremento 38% riduzione sensibilità VOLUME EIACULATO 36% riduzione ATTIVITA SESSUALE 9% intensificazione 30% riduzione 55% non variazione RISULTATI POSITIVI: - PAZIENTE 40-88% nelle varie casistiche - PARTNER 45-90% nelle varie casistiche


Scaricare ppt "Flaccidità = contrazione m. liscia dei corpi cavernosi Erezione = rilasciamento m. liscia dei corpi cavernosi."

Presentazioni simili


Annunci Google