La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Relazione: IL PORTFOLIO delle COMPETENZE dello STUDENTE un primo bilancio Piero Cattaneo Università Cattolica S. Cuore - Mi S.M.S. Griffini – Casalpusterlengo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Relazione: IL PORTFOLIO delle COMPETENZE dello STUDENTE un primo bilancio Piero Cattaneo Università Cattolica S. Cuore - Mi S.M.S. Griffini – Casalpusterlengo."— Transcript della presentazione:

1 Relazione: IL PORTFOLIO delle COMPETENZE dello STUDENTE un primo bilancio Piero Cattaneo Università Cattolica S. Cuore - Mi S.M.S. Griffini – Casalpusterlengo (LO)

2 Alcune domande ricorrenti: relative al PORTFOLIO Perché? Che cosè? Che struttura? Quali funzioni? Che cosa contiene? A chi è diretto? Chi lo compila e aggiorna? Quale rapporto con la scheda di valutazione? Chi lo conserva?Dove? ……….. IL PORTFOLIO nella RIFORMA: dubbi e perplessità

3 Legge n° 53/2003 Le INNOVAZIONI della riforma d. lgs. n° sul piano dellaPOF PECUP PROGETTUALITAPSP (Piani di Studio personalizzati) UdA (Unità di Apprendimento) sul piano dellorario obbligatorio ORGANIZZAZIONEorario opzionale facoltativo sul piano dellaScheda di valutazione VALUTAZIONEPORTFOLIO Attestato finale Certificazione delle competenze Registri

4 Qual è limpatto del Portfolio sullattività didattica? semplice CONTENITORE dei risultati (Prodotti) del lavoro degli allievi. strumento ORGANIZZATORE dellazione valutativa dei docenti e di quella autovalutativa degli allievi. innovazione che incide sulla progettazione didattica: dal Piano di Studio Personalizzato alle Unità di Apprendimento. opportunità per una differente responsabilizzazione degli allievi e delle loro famiglie nel controllo del processo di insegnamento – apprendimento.

5 Portfolio: strumento di personalizzazione e/o di individualizzazione? B.M. Varisco La personalizzazione di un intervento educativo e di istruzione – apprendimento si differenzia dallindividualizzazione in quanto la prima è almeno in parte autogestita dalleducando o dallo studente, mentre la seconda resta sempre tradizionalmente etero- gestita, pur rimanendo entrambe tagliate sul soggetto ma nella normativa: a)nella scuola dellinfanzia non si fa alcun accenno al soggetto in formazione; b)nella scuola primaria il portfolio riporterebbe annotazioni sia dei docenti, sia dei genitori, sia, se del caso, degli alunni; c)nella secondaria di primo grado addirittura le annotazioni degli studenti trovano ospitalità (se necessario)

6 Piano di Studio Personalizzato: Consuntivo o preventivo? Linsieme delle Unità di Apprendimento effettivamente realizzate, con le eventuali differenziazioni che si fossero rese opportune per singoli alunni, dà origine al PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO che resta a disposizione dalle famiglie e da cui si ricava anche la documentazione utile per la compilazione del PORTFOLIO delle COMPETENZE INDIVIDUALI Quindi il PORTFOLIO è costruito a posteriori (con funzioni sommativa e certificativa) o in itinere (con funzione formativa)?

7 Portfolio e cultura valutativa nella riforma Sono compresenti nella normativa due ORIENTAMENTI VALUTIVI, epistemologicamente opposti: ATTENZIONE alla QUALITA del SISTEMA Centrata su dati quantitativi e di prodotto e rilevata con strumenti standardizzati (testing somministrati con modalità standardizzata da INVALSI, tramite scuole) INTRODUZIONE del PORTFOLIO Strumento della tradizione qualitativa, centrato sul processo e sulla dimensione individuale e micro delleducazione

8 Portfolio e Scheda di Valutazione: un rapporto da chiarire La C.M. n° 85/2004 suggerisce di allegare la scheda di valutazione personale dellalunno (costruita in autonomia dei singoli istituti) che è strumento di valutazione formativa sommativa e certificativa, al portfolio delle competenze, strumento di valutazione formativa e formante, o farne parte strutturalmente nellapposita sezione dedicata alla valutazione.

9 PORTFOLIO COME SCELTA della VALUTAZIONE FORMANTE Il PORTFOLIO: va oltre la VALUTAZIONE FORMATIVA si spinge verso una forma di VALUTAZIONE FORMANTE La VALUTAZIONE FORMANTE fa riferimento allidea di una VALUTAZIONE che non è SEMPLICE GIUDIZIO sul PRODOTTO (VALUTAZIONE SOMMATIVA sul PROCESSO di FORMAZIONE (VALUTAZIONE FORMATIVA) ma si pone essa stessa come PROCESSO FORMATIVO La valutazione formante, mentre valuta la formazione, partecipa alla formazione stessa.

10 PROPOSTA DI UNA PROCEDURA GENERALIZZABILE PER LA COSTRUZIONE DEL PORTFOLIO RACCOLTA RACCOGLIERE SELEZIONARE DOCUMENTARE REGISTRARE ORGANIZZARE Quali aspetti documentare? Come si registra? Come si organizzano i materiali? Chi raccoglie i materiali? Come? Che cosa? conoscenze competenze attitudini interessi progressi Chi valuta? Che cosa valutare? Che cosa progettare? DESCRIZIONE DESCRIVERE COMPRENDERE RIFLETTERE VALUTAZIONE VALUTARE AUTOVALUTARE DECIDERE PROGETTARE ORIENTARE I Verbi – guida per la costruzione di un PORTFOLIO

11 SINTESI del PERCORSO DI COSTRUZIONE del PORTFOLIO Fase di raccolta Quali dimensioni dello sviluppo sono più significative? (riferimento agli obiettivi) Come possono essere documentate? (quali materiali, registrazioni, osservazioni?) Come possono essere organizzate? (quale forma dare al raccoglitore?) Quali soggetti possono essere coinvolti? Fase di interpretazione Quale percorso – evoluzione (cambiamenti) posso descrivere a partire dai documenti raccolti? (quali i passi compiuti?) Come posso spiegare i documenti e il percorso da essi testimoniato? Come posso intervenire per lo sviluppo formativo futuro? (quali i passi da compiere?) Naturalmente la raccolta e lanalisi interpretativa del materiale (insegnanti – bambini – genitori) non sono in rigida sequenza, ma si intrecciano e si alternano durante tutto il corso dellanno.

12 VANTAGGI FORMATIVI del PORTFOLIO - documenta la storia dellalunno - consente allalunno di conoscersi e costruire un progetto di vita - fornisce un maggior numero di informazioni a: alunno, insegnante, genitori - è occasione di autovalutazione per lalunno, linsegnante, i genitori - favorisce la continuità verticale e orizzontale - accresce la motivazione

13 RISCHI e DIFFICOLTA nelluso del Portfolio - può essere difficile trovare un punto di incontro quando i diversi soggetti danno interpretazioni diverse dei medesimi fatti educativi; - è complesso definire i limiti del materiale da raccogliere (difficile scegliere); - si rischia di essere travolti da molto materiale cui non si riesce a dare un senso; - è uno strumento che richiede molto tempo; - il suo uso comporta cambiamenti anche a livello di didattica e di modalità organizzative; - chiede che si trovino punti di raccordo nelLéquipe pedagogica nelle diverse discipline; - è delicato chiarire i ruoli e la misura del contributo specifico dei genitori; - non è chiaro il rapporto tra il portfolio e il documento di valutazione;

14 - la possibilità di protagonismo e di coinvolgimento di bambini piccoli resta probabilmente al di sotto delle reali potenzialità dello strumento; - rischio di eccessiva schematizzazione; - rischio di burocratizzazione; - rischio che sia sentito come imposto dallalto; - rischio che resti uno strumento solo dellinsegnante; - rischio di violare la privacy attraverso il coinvolgimento diretto di altri educatori che interagiscono con lalunno (allenatore sportivo, educatore, catechista…); - rischio di contribuire alla formazione di pregiudizi negli insegnanti del grado di scuola successivo.


Scaricare ppt "Relazione: IL PORTFOLIO delle COMPETENZE dello STUDENTE un primo bilancio Piero Cattaneo Università Cattolica S. Cuore - Mi S.M.S. Griffini – Casalpusterlengo."

Presentazioni simili


Annunci Google