La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 La Centralizzazione degli acquisti Lesperienza dellEmilia Romagna Bologna, 17 maggio 2012 Dr.ssa Stefania Gherri.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 La Centralizzazione degli acquisti Lesperienza dellEmilia Romagna Bologna, 17 maggio 2012 Dr.ssa Stefania Gherri."— Transcript della presentazione:

1 1 La Centralizzazione degli acquisti Lesperienza dellEmilia Romagna Bologna, 17 maggio 2012 Dr.ssa Stefania Gherri

2 2 La Centralizzazione degli acquisti Lesperienza in Emilia Romagna Sistema misto: Presenza di una Centrale di Committenza Regionale ma anche delle Aree Vaste Sistema e rete Programmazione integrata Coordinamento tra i diversi sistemi Tendenziale diversificazione delle tipologie merceologiche

3 3 CENTRALE DI COMMITTENZA REGIONALE CENTRALE DI COMMITTENZA REGIONALE AGENZIA REGIONALE INTERCENT-ER (Agenzia costituita dalla Regione E/R) - - Legge Regionale n.11/2004 Sviluppo Regionale della Società dellinformazione: le Aziende sanitarie della Regione hanno lobbligo incondizionato di aderire alle Convenzioni stipulate dallAgenzia. - - Consip e Intercent-ER devono armonizzare le loro programmazioni cercando di evitare sovrapposizioni; qualora vi fossero, le ASL/AO regionali sono comunque obbligate ad aderire alle Convenzioni Intercent-ER. - - Legge Regionale n.28/2007, art.3 (Sistema regionale di acquisto): si ribadisce lobbligo di avvalersi delle Convenzioni dellAgenzia Intercent-ER. Il sistema nella Regione Emilia- Romagna

4 4 Agenzia Regionale Intercent-ER Modello forte di aggregazione Istituita con legge regionale n. 11/2004 svolge attività di acquisto a favore di tutte le P.A. della Regione Emilia Romagna; Privilegia e sviluppa le nuove modalità di acquisto telematiche; Gli enti del Servizio Sanitario Regionale sono obbligati ad aderire alle convenzioni attivate da Intercent-ER. Il sistema nella Regione Emilia- Romagna

5 5 Spesa comune - Cancelleria, carta, hardware (stampanti, pc, fax), fotocopiatrici, telefonia fissa e mobile, autoveicoli, servizio di vigilanza, e altri… Spesa sanitaria - Farmaci, vaccini, dispositivi medici (aghi e siringhe, medicazioni, guanti ecc.), articoli da laboratorio, TNT non sterile, materassi antidecubito, ausili per disabili, smaltimento rifiuti sanitari e altri … Agenzia Regionale Intercent-er

6 6 Il sistema nella Regione Emilia- Romagna Raccordo con Aree Vaste Comitato strategico ( Direzione Intercent-er/Direttori Generali Aziende/Assessorato Politiche Sociali e Sanitarie ) Livello di alta programmazione e strategie di collaborazione Comitato operativo ( Direzione Intercent- er/Rappresentanti Aree Vaste ) Attuazione concreta della programmazione delle gare regionali che coinvolgono aziende sanitarie Agenzia Regionale Intercent-er

7 7 C) Sistema delle AREE VASTE (ASL/AO del SSR) Il sistema nella Regione Emilia-Romagna

8 8 Scelta regionale per le Aree Vaste Programmazione regionale anni 2003 e 2004 Piano delle azioni per le Aziende Sanitarie Costituzione di tre macro-aree Costituzione di tre macro-aree Obiettivi: Proseguire nel processo di aggregazione iniziato con le Unioni dacquisto Realizzare economicità di scala Contenere la spesa per beni e servizi Prevedere modalità innovative per la logistica dei beni sanitari Il sistema nella Regione Emilia-Romagna

9 9 Scelta regionale per le Aree Vaste Recente intervento Regionale in materia che ha riorganizzato il sistema : Piano Socio-Sanitario Regionale 2008/2010 DGR 927 del 27/06/2011Struttura Modello organizzativo leggero No a soggetti istituzionali nuovi Attività incardinate nelle aziende Diverse articolazioni organizzative ma interne Valorizzazione professionalità interne Coordinamento Multidisciplinarietà Il sistema nella Regione Emilia-Romagna

10 10 Il sistema nella Regione Emilia- Romagna Modalità di attuazione Si costituiscono 3 Aree Vaste: Area Vasta Emilia Nord (Pc; Pr; Re; Mo); Area Vasta Centro (Bo; Fe); Area Vasta Romagna (Fc; Ra; Rn) Sono forme associative, non dotate di personalità giuridica, con organizzazioni snelle che si avvalgono prevalentemente delle professionalità già esistenti nelle singole Aziende

11 11 Legge Regionale n°50/94 Legge Regionale n°11/2004 (Istituzione di Intercent-ER -Agenzia Regionale Acquisti) Legge Regionale 28/2077 Piano Sanitario Regionale e successivi Delibera REGIONALE n° 927 del La centralizzazione degli acquisti Si confermano le tre Aree Vaste

12 12 Organizzazione attuale Principi generali (DGR 927/11) La programmazione regionale ha preso atto della definizione – secondo criteri geografici, storici e culturali – di tre territori di Area Vasta relativi a: Emilia Nord (comprendente le Aziende sanitarie delle province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena); Emilia Centrale (comprendente le Aziende sanitarie delle province di Bologna e di Ferrara); Romagna (comprendente le Aziende sanitarie di Ravenna, Forlì, Cesena e Rimini); Obiettivi integrazione interaziendale per raggiungere ulteriori obiettivi di efficienza nel SSR non solo nel campo delle funzioni amministrative e tecniche di supporto alla funzione sanitaria ma anche nel campo della organizzazione e della gestione dei servizi sanitari.

13 13 Il Piano ha individuato in particolare i possibili livelli di integrazione: 1) quello organizzativo – gestionale, concernente lindividuazione delle migliori modalità duso delle risorse disponibili e che fa riferimento allo sviluppo dei servizi sanitari, al miglioramento delle condizioni di accessibilità ai servizi e alle tecnologie sanitarie nel rispetto di esplicite garanzie di cura, alla valorizzazione delle risorse immobiliari, tecnologiche e finanziarie a disposizione delle Aziende sanitarie; 2) quello professionale, concernente lindividuazione e la promozione delle migliori pratiche assistenziali e lindividuazione di funzioni/servizi con bacino dutenza sovraziendale realizzato nellambito dei servizi secondo il modello delle reti cliniche integrate e che trova nelle direzioni sanitarie delle aziende di Area Vasta gli interlocutori privilegiati.

14 14 Principi guida dellintegrazione - principio della non ridondanza dei servizi per programmare la distribuzione di servizi a medio – alta complessità assistenziale e alta sofisticazione del sistema tecnico evitando una loro immotivata duplicazione; - principio della inclusività dellorganizzazione della produzione di prestazioni e servizi per fare in modo tale da evitare lo spostamento di popolazioni significative ogni qual volta sia possibile erogare le prestazioni in condizioni di maggior prossimità nel rispetto dellimperativo di qualità tecnica e della doverosa ricerca dellefficienza duso delle risorse; - principio della differenziazione nelle vocazioni distintive o di eccellenza dei servizi sanitari delle Aziende sanitarie per guidare lallocazione di risorse integrative, specifiche di terzo livello o sperimentali, per realizzare una rete integrata di servizi la più completa possibile.

15 15 I nuovi obiettivi di regolamentazione delle relazioni tra le Aziende in ambito di area vasta La Regione intende dare seguito, razionalizzare e sviluppare le esperienze svolte, si propone di definire le direttive per unadeguata ed omogenea regolamentazione dellorganizzazione e del funzionamento delle aree vaste, nella prospettiva di valorizzarne ulteriormente il funzionamento e di assicurare, mediante lindividuazione di specifici modelli, la sistematizzazione e la stabilità delle relazioni tra le Aziende in tale ambito territoriale; Al contempo le direttive regionali costituiscono lo strumento per chiarire alcuni profili tecnici inerenti le modalità di attribuzione di compiti e funzioni tra aziende in ambito di Area Vasta e soprattutto per definire le forme nelle quali sono definitivamente assunte e recepite le decisioni organizzative ed operative che realizzano gli strumenti di tale integrazione Scelta regionale non istituire – come pure accaduto in altri ordinamenti regionali - un ulteriore livello istituzionale che possa essere dotato di una propria soggettività giuridica o che possa ingenerare ulteriori costi per il funzionamento del sistema.

16 16 Il nuovo assetto Istituzionale: Strumenti per regolare le relazioni fra le Aziende: da un soggetto ad un accordo Accordo quadro : documento di carattere generale fondante il nuovo assetto istituzionale con cui le aziende individuano: - le finalità della cooperazione in ambito di area vasta; - le modalità organizzative per lesercizio delle funzioni strategiche e lassunzione di decisioni comuni da parte delle Aziende coinvolte nelle aree vaste; - i criteri, le modalità e gli strumenti organizzativi finalizzati a garantire efficienza e legittimazione nellespletamento di attività e procedure integrate a livello di Area Vasta, che attengono sia a compiti e funzioni amministrative che ad attività sanitarie. -

17 17 Il nuovo assetto istituzionale Convenzioni attuative Protocolli operativi che disciplinano e formalizzano gli accordi conclusi in Area Vasta decisioni inerenti lorganizzazione dei servizi sanitari, assunte in attuazione della programmazione regionale e territoriale; lo svolgimento di appalti di interesse comune; la realizzazione di progetti nei quali vengono in rilievo rapporti economici e/o costi legati allo svolgimento delle decisioni assunte; la costituzione degli strumenti di supporto lo svolgimento di specifiche attività di interesse comune da parte di una delle Aziende sanitarie ricomprese nellarea vasta.

18 18 Tali convenzioni devono in particolare individuare: a) le determinazioni raggiunte dal Comitato di area vasta e le modalità di attuazione dei progetti; b) i modelli organizzativi e gli strumenti operativi di gestione integrata, individuate tra le modalità di cui al successivo punto 8, che consentano lattuazione delle decisioni assunte dal livello strategico; c) i criteri per la ripartizione delle spese relative alla gestione delle attività e le modalità di regolazione delle partite di dare/avere tra le aziende; d) i soggetti e le modalità di esercizio dei controlli preposti allo svolgimento delle attività ed allindividuazione dei risultati economici e di gestione conseguiti.

19 19 Gli organi IL COMITATO DEI DIRETTORI IL DIRETTORE OPERATIVO LUFFICIO DI SUPPORTO I COMITATI SETTORIALI Il nuovo assetto istituzionale

20 20 Gli organi IL COMITATO DEI DIRETTORI Direttori generali Programmazione Ripartizione funzioni tra aziende Attività di controllo e verifica Il nuovo assetto istituzionale

21 21 Gli organi IL DIRETTORE OPERATIVO Facilitazione Supporto Proposta Rendiconto gestione attività Il nuovo assetto istituzionale

22 22 Gli organi UFFICIO DI SUPPORTO Supporto amministrativo alla Direzione Operativa Funzioni amministrative/giuridiche Contabili COMITATI SETTORIALI Comitati tecnici interaziendali di professionisti Funzioni propositive Consultive Il nuovo assetto istituzionale

23 23 LE ATTIVITA E LE FUNZIONI AMMINISTRATIVE: LAZIENDA DELEGATA LA COSTITUZIONE DI UFFICI COMUNI LE ATTIVITA SANITARIE ED ASSISTENZIALI: sistema delle reti secondo il modello regionale dellhub and spoke, sistema delle reti cliniche integrate, adozione di Programmi e istituzione Dipartimenti, costituzione di Servizi unici, stipulazione di accordi di fornitura tra le Aziende sanitarie altre forme consensuali che permettano di individuare i riferimenti operativi del sistema integrato e le strutture delle Aziende nelle quali si sviluppano determinate competenze assistenziali. LA GESTIONE DELLE ATTIVITA Individuati con Convenzioni Attuative

24 24 La centralizzazione degli acquisti AGGREGAZIONE DELLA DOMANDA 4 livelli Livello Nazionale Livello Regionale Livello di Area Vasta Livello aziendale CONSIP INTERCENT-ER AREA VASTA EMILIA NORD SINGOLE AZIENDE

25 25 La Centralizzazione degli acquisti Il sistema di Area Vasta Emilia Nord

26 26 Area Vasta Emilia Nord di abitanti 7 Aziende Sanitarie: AUSL di PC - AUSL di MO - AUSL di PR - AUSL di RE Az Osp-Univ. di MO - Az Osp-Univ. di PR - Az Osp./IRCSS di RE

27 27 Area Vasta Emilia Nord Comprende 7 Aziende Sanitarie: 4 Aziende USL : Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena 2 Aziende Ospedaliero-Universitarie: Parma, Modena 1 Azienda Ospedaliera/Ircss: Reggio Emilia Posti letto per acuti circa Bacino di utenza circa 2 milioni di abitanti Presidi Ospedalieri n.26

28 28 Area Vasta Emilia Nord Obiettivi principali in materia di acquisti 1. Perseguire la massima centralizzazione degli acquisti 2. Realizzare la gestione unificata della logistica dei beni sanitari 3. Omogeneizzare e standardizzare percosi amministrativi e prodotti 4. Coordinare la programmazione delle gare con Centrale di Committenza Regionale COME?

29 29 Comitato dei Direttori di Area Vasta: Assume le decisioni strategicheAssume le decisioni strategiche Approva il piano annuale delle attivitàApprova il piano annuale delle attività Individua le nuove aree di integrazioneIndividua le nuove aree di integrazione Individua le Aziende cui delegare le funzioni aggregateIndividua le Aziende cui delegare le funzioni aggregate Definisce gli strumenti di controlloDefinisce gli strumenti di controllo Approva budget annuale e rendicontoApprova budget annuale e rendiconto Comitato tecnico (Direttori Amministrativi e Sanitari): Funzioni consultive e propositive per il Comitato dei DirettoriFunzioni consultive e propositive per il Comitato dei Direttori Funzioni di istruttoria e/o di studio su temi o progetti specificiFunzioni di istruttoria e/o di studio su temi o progetti specifici Approva i lavori svolti dai gruppi permanentiApprova i lavori svolti dai gruppi permanenti Lorganizzazione

30 30 Direttore Operativo Coordinatore con funzioni di facilitatore, di supporto e proposta Braccio operativo del Comitato dei D.G. Dipartimento Interaziendale Acquisti (Servizi acquisti/approvvigionamenti) Programmazione ed espletamento gareProgrammazione ed espletamento gare Omogeneizzazione procedimenti amministrativiOmogeneizzazione procedimenti amministrativi Supporto al progetto di logistica dei beni sanitariSupporto al progetto di logistica dei beni sanitari Gruppi tecnici permanenti/finalizzati: FarmacistiFarmacisti Ingegnerie ClinicheIngegnerie Cliniche InformaticiInformatici Normativa Appalti di beni e serviziNormativa Appalti di beni e servizi Analisi flussi documentaliAnalisi flussi documentali AssicurazioniAssicurazioni Clinici/personale sanitarioClinici/personale sanitario Lorganizzazione

31 31 Gare Centralizzate Situazione gare di Area Vasta Emilia Nord (AVEN)

32 32 Anno gare

33 33 Resoconto procedure 2011

34 34 Qualche analisi dei dati PROCEDURE DI ACQUISTO ANALISI

35 35 Progetto di logistica integrata Obiettivi del progetto Razionalizzare i flussi logistici Ridurre i costi complessivi di gestione Ridurre le scorte complessive (le scorte centralizzate non saranno mai la sommatoria di tante singole scorte) Aumentare il n° di prodotti gestiti a scorta Adottare tecnologie innovative Liberare risorse a livello locale (centralizzazione attività tecnico-amm.ve) Ridurre i costi dei prodotti

36 36 Definizione del modello 1 magazzino centrale gestito da unAzienda (Az. Usl di Reggio Emilia) per conto delle 7 Aziende Modello: Azienda Delegata + farmacie aziendali/satelliti a bassa scorta c/o gli ospedali per le emergenze/urgenze e erogazione diretta (L.405/2001) Progetto di logistica integrata

37 37 Progetto di logistica integrata Definizione del modello 1039 reparti ospedalieri 730 servizi territoriali 1800 unità di prelievo 34 farmacie satellite 450 ml / anno di beni sanitari gestiti (scorta e transiti) Attivazione nella nuova struttura novembre 2012 (ingresso graduale aziende sanitarie) Situazione a regime gennaio 2014

38 38 Progetto di logistica integrata Definizione del modello Le Farmacie Aziendali costituiscono linterfaccia con i reparti (validazioni ordini, informazioni, monitoraggio consumi, ecc) e gestiscono stock di sicurezza, distribuzione diretta Le Farmacie Aziendali costituiranno anche linterfaccia con il Polo Logistico Il software gestionale sarà unico e si interfaccerà, laddove necessario, con i software già presenti nelle singole Aziende (già in corso progetto tra Aziende di Reggio Emilia e alcuni ospedali di Ausl MO)

39 39 Modello organizzativo complessivo Polo Logistico Farmacia Ospedaliera/ Transit point Reparti Farmacia Ospedaliera/ Transit point Reparti Contratti Direzione farmacia Fornitori AVEN/Dipartimento Acquisti

40 40 SISTEMA INTEGRATO SISTEMA INTEGRATO Controllo fatturazione e pagamenti Gestione beni in reparto (dose Unitaria e sw di Prescrizione) Gestione decentrata Gestione centralizzata Contratti Codifica Ordini Scorte Distribuzione Liquidazione fatture Fatturazione Suddivisione costi Modello organizzativo complessivo Suddivisione funzioni Gestione farmacie locali

41 41 Dal 2005 La gestione logistica centralizzata attualmente per Azienda Usl di Reggio Emilia Azienda Ospedaliera/Ircss di Reggio Emilia Azienda Usl di Modena (per i Presidi Ospedalieri di Sassuolo e Baggiovara) Posti letto per acuti: Posti letto strutture per Anziani: Stato di attuazione del progetto

42 42 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "1 La Centralizzazione degli acquisti Lesperienza dellEmilia Romagna Bologna, 17 maggio 2012 Dr.ssa Stefania Gherri."

Presentazioni simili


Annunci Google