La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA CONOSCENZA E VITA AFFARI, RIFIUTI…E LA SALUTE? LA CONOSCENZA E VITA AFFARI, RIFIUTI…E LA SALUTE? CARRARA DI FANO 6 MAGGIO 2007 Patrizia Gentilini

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA CONOSCENZA E VITA AFFARI, RIFIUTI…E LA SALUTE? LA CONOSCENZA E VITA AFFARI, RIFIUTI…E LA SALUTE? CARRARA DI FANO 6 MAGGIO 2007 Patrizia Gentilini"— Transcript della presentazione:

1 LA CONOSCENZA E VITA AFFARI, RIFIUTI…E LA SALUTE? LA CONOSCENZA E VITA AFFARI, RIFIUTI…E LA SALUTE? CARRARA DI FANO 6 MAGGIO 2007 Patrizia Gentilini

2 Associazione Medici per lAmbiente ISDE Italia Affiliata allISDE – International Society of Doctor for the Environment Tutti gli uomini sono responsabili per lambiente.I medici lo sono due volte.Fino a quando possiamo restare indifferenti?

3 NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DEL MEDICO: articolo 5 NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DEL MEDICO: articolo 5 …..Il Medico è tenuto a considerare l ambiente nel quale l uomo vive e lavora quale fondamentale determinante della salute dei cittadini….. …..Il Medico è tenuto a considerare l ambiente nel quale l uomo vive e lavora quale fondamentale determinante della salute dei cittadini….. …Il Medico è tenuto a promuovere una cultura civile tesa all utilizzo appropriato delle risorse naturali, anche allo scopo di garantire alle future generazioni la fruizione di un ambiente vivibile.. …Il Medico è tenuto a promuovere una cultura civile tesa all utilizzo appropriato delle risorse naturali, anche allo scopo di garantire alle future generazioni la fruizione di un ambiente vivibile..

4 SALUTE

5 Individuali Socio economici Ambientali Stile di vita Accesso ai servizi Patrimonio genetico Patrimonio genetico Sesso Sesso Età Età Povertà Povertà Occupazione Occupazione Esclusione Esclusione Ambiente socio- culturale Ambiente socio- culturale Clima Clima Aria Aria Luogo di vita Luogo di vita Acqua e alimenti Acqua e alimenti Alimentazione Alimentazione Attività fisica Attività fisica Fumo Fumo Alcool Alcool Attività sessuale Attività sessuale Farmaci Farmaci Sistema scolastico Sistema scolastico Sistema sanitario Sistema sanitario Servizi sociali Servizi sociali Trasporti Trasporti Attività ricreative Attività ricreative I DETERMINANTI DELLA SALUTE

6 DOMANDA: esistono confini fra noi e esistono confini fra noi e l ambiente che ci circonda? l ambiente che ci circonda?

7 REGIONI A RISCHIO PER PESTICIDI NELLE ACQUE SOTTERANEE

8 ENDOCRINE DISRUPTORS (POPs) Erbicidi, Pesticidi, Atrazina Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) Policlorobifenili (PCBs) Policlorodibenzofurani (PCDFs) Policlorodibenenzodiossine (PCDDs) …e molti altri….

9 ENDOCRINE DISRUPTORS (POPs) PERSISTENTI (emivita dai 7 ai 10 anni) PERSISTENTI (emivita dai 7 ai 10 anni) LIPOFILE -nel feto si accumulano nel SNC - non biodegradabili LIPOFILE -nel feto si accumulano nel SNC - non biodegradabili EFFETTI ORMONALI EFFETTI ORMONALI EFFETTI ONCOGENI EFFETTI ONCOGENI EFFETTI SINERGICI di tossicità tra singole sostanze a dosi ritenute sicure! EFFETTI SINERGICI di tossicità tra singole sostanze a dosi ritenute sicure! DANNI EPIGENETICI DANNI EPIGENETICI

10 Persistent Organic Pollutants (POPs) e Rischio di Linfoma Non Hodgkin (LNH) 100 Pazienti con LINFOMA NH all esordio vs 100 Sani 100 Pazienti con LINFOMA NH all esordio vs 100 Sani Valutazione nel plasma in entrambi i gruppi dei POPs Valutazione nel plasma in entrambi i gruppi dei POPs RISCHIO RELATIVO da 2.7 a 3.5 per i livelli ematici più alti (p=0.006) RISCHIO RELATIVO da 2.7 a 3.5 per i livelli ematici più alti (p=0.006) Incremento del RISCHIO del 35% ogni 10pg/g di POPs nel tessuto adiposo Incremento del RISCHIO del 35% ogni 10pg/g di POPs nel tessuto adiposo Associazione più evidente per specifici agenti chimici Associazione più evidente per specifici agenti chimici (Cancer Research 65, , December 1, 2005) (Cancer Research 65, , December 1, 2005)

11 Epigenetic Transgenerational Actions of Endocrine Disruptors (POPs) Anway MD, Skinner MK. Center for Reproductive Biology, School of Molecular Biosciences, Washington State University, USA. …la capacità di fattori quali POPs di indurre alterazioni epigenetiche transgenerazionali aggrava il potenziale rischio di tossine ambientali,dovremo rivedere l eziologia delle malattie e riscrivere ciò che sappiamo in tema di biologia dell evoluzione….. Endocrinology Jun;147(6 Suppl):S43-9. Epub 2006 May 11 Anway MDSkinner MK Anway MDSkinner MK

12

13 SALUTE PUBBLICA E CONSEGUENZE ECONOMICHE DELLINQUINAMENTO DA METIL-MERCURIO IN U.S.A. Quantità di MERCURIO associato a diminuzione del QUOZIENTE INTELLETTIVO (Q.I.) = 5.8 mcg/l nel cordone ombelicale Quantità di MERCURIO associato a diminuzione del QUOZIENTE INTELLETTIVO (Q.I.) = 5.8 mcg/l nel cordone ombelicale SI calcola che da a bambini in /U.S.A. nascano ogni anno con livelli sup. a 5.8 mcg/l SI calcola che da a bambini in /U.S.A. nascano ogni anno con livelli sup. a 5.8 mcg/l Perdita di produttività in U.S.A.per il ridotto Q.I. pari a 8.7 miliardi di $/anno Perdita di produttività in U.S.A.per il ridotto Q.I. pari a 8.7 miliardi di $/anno ton/anno MERCURIO rilasciate in atmosfera (70% da attività industriali) ton/anno MERCURIO rilasciate in atmosfera (70% da attività industriali) Envir. Health Persp. Num 51 May 2005 Envir. Health Persp. Num 51 May 2005

14 Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health April 20, 2007, online edition ENVIRONMENTAL SCIENCE & TECHNOLOGY PFOA perfluorooctanoate and PFOS perfluorooctane sulfonate NEI NEONATI PFOA perfluorooctanoate and PFOS perfluorooctane sulfonate NEI NEONATI ANALISI SU 300 CAMPIONI DI SANGUE DI CORDONE OMBELICALE ANALISI SU 300 CAMPIONI DI SANGUE DI CORDONE OMBELICALE PFOS and PFOA SOSTANZE UBIQUITARIE (PELLICOLE PER CIBI, TESSILI, MOQUETTE….). PFOS and PFOA SOSTANZE UBIQUITARIE (PELLICOLE PER CIBI, TESSILI, MOQUETTE….). L IMPATTO SULLA SALUTE NON E PERFETTAMENTE CONOSCIUTO: IN TEST SU ANIMALI (A DOSI MOLTE ELEVATE) SVILUPPO DI TUMORI E TOSSICITA VARIE L IMPATTO SULLA SALUTE NON E PERFETTAMENTE CONOSCIUTO: IN TEST SU ANIMALI (A DOSI MOLTE ELEVATE) SVILUPPO DI TUMORI E TOSSICITA VARIE PFOS PRESENTE NEL 99 % DEI CAMPIONI PFOS PRESENTE NEL 99 % DEI CAMPIONI PFOA PRESENTE NEL 100 % DEI CAMPIONI PFOA PRESENTE NEL 100 % DEI CAMPIONI

15 IL 25%DI TUTTE LE MALATTIE NEGLI ADULTI ED IL 33% NEI BAMBINI SOTTO 5 ANNI E CAUSATO DA CONDIZIONI AMBIENTALI ( OMS,16 GIUGNO 2006 )

16 Il mondo è ammalato---- e i nostri bambini sono sempre più a rischio!

17 I BAMBINI SONO PIU SENSIBILI ALL INQUINAMENTO PERCHE: 1. A parità di peso essi introducono maggior quantità di aria, acqua, cibo rispetto ad un adulto 2. I meccanismi di detossificazione non sono ancora completi 3. La sensibilità di organi ed apparati non ancora completamente formati è maggiore rispetto al momento della loro completa maturità 4. ……. …..

18 CARBONE NEI MACROFAGI DELLE VIE AEREE E FUNZIONALITA POLMONARE NEI BAMBINI New Engl Jour Med 2006 ; 355:21-30

19 Particelle carboniose in macrofagi delle vie aeree di bambini in buona salute NEJM July

20

21 INCIDENZA DI NEOPLASIE NELLINFANZIA E NELLADOLESCENZA IN EUROPA (anni ) (Lancet, Dic. 2004)

22 NEOPLASIE NELL INFANZIA ED ADOLESCENZA IN EUROPA ( ) SARCOMI + 2% per anno SARCOMI + 2% per anno TUMORI DELLA TIROIDE + 3% per anno (esclusa Bielorussia) TUMORI DELLA TIROIDE + 3% per anno (esclusa Bielorussia) MELANOMA + 4.1% per anno in adolescenti MELANOMA + 4.1% per anno in adolescenti LINFOMI DI HODGKIN: LINFOMI DI HODGKIN: +1% per anno età 0-14 anni +1% per anno età 0-14 anni +3.5% per anno età anni +3.5% per anno età anni Europ. Jour. of Cancer 42 (2006)

23 DISTURBI NEUROLOGICI E COMPORTAMENTALI NEI BAMBINI IN USA DISTURBI NEUROLOGICI E COMPORTAMENTALI NEI BAMBINI IN USA Deficit di attenzione/iperattività : Deficit di attenzione/iperattività : + 250% dal 1990 al 1998 Bambini inseriti in scuole speciali: Bambini inseriti in scuole speciali: + 190% dal 1977 al 1994 Autismo: Autismo: da 4-5 casi/anno su nel 1980 a casi/anno nel 1990 (Envir. Health Pers. Vol 114 num. 2 Feb 2006) (Envir. Health Pers. Vol 114 num. 2 Feb 2006)

24 LA PANDEMIA SILENZIOSA: SOSTANZE CHIMICHE STANNO DANNEGGIANDO I CERVELLI DEI BAMBINI LA PANDEMIA SILENZIOSA: SOSTANZE CHIMICHE STANNO DANNEGGIANDO I CERVELLI DEI BAMBINI UN BAMBINO SU SEI BAMBINI AL MONDO E A RISCHIO DI DISTURBI NELLO SVILUPPO CEREBRALE E NEL COMPORTAMENTO PER LESPOSIZIONE A CENTINAIA DI SOSTANZE CHIMICHE CHE TROVANO NEL CERVELLO IN VIA DI SVILUPPO IL LORO ORGANO BERSAGLIO I CERVELLI DEI NOSTRI BAMBINI SONO LA NOSTRA RISORSA ECONOMICA PIU IMPORTANTE E NOI NON ABBIAMO CAPITO QUANTO ESSI FOSSERO VULNERABILI HARVARD SCHOOL OF PUBLIC HEALTH 7 Nov online Lancet

25 I LIMITI DI LEGGE TUTELANO DAVVERO LA SALUTE? Benzene parti per milione (ppm) (OMS)2001 (Comunità Europea) Diossine miliardesimo di mg (pg) 10 pg/kg/die 2 pg/kg/die Atrazina Segnalati effetti di disruption endocrine a dosi volte inferiori di quelle considerate sicure (Hayes T.B., 2002)

26 I limiti di legge sono sempre calcolati su individui adulti: i bambini e gli organismi in accrescimento possono avere una suscettibilità totalmente diversa!!!

27 Bruce P.Lanphear Childrens Environmental Health Center (U.S.A.) oct ……a dispetto del grande affetto che noi abbiamo per i nostri bambini e della grande retorica della nostra società sul valore dell infanzia, la società è riluttante a sviluppare quanto necessario per proteggere i bambini dai rischi dai rischi ambientali…..

28

29

30 LE PARTICELLE ARRIVANO AL CERVELLO DOPO INALAZIONE Oberdarster G et al., Translocation of inhaled ultrafine particles to the brain. Inhalation Toxicology (Nature January 2004 ) Brain cells that pick up smell can carry nanoparticles inside

31 PARTICOLATO E SALUTE 8220 morti/anno per PM10 superiore a 20µg/m3 in 13 città in Italia con oltre abitanti 8220 morti/anno per PM10 superiore a 20µg/m3 in 13 città in Italia con oltre abitanti 516 morti/anno per OZONO 516 morti/anno per OZONO (OMS 15 giugno 2006) (OMS 15 giugno 2006) morti/anno in EUROPA morti/anno in EUROPA per PM2.5 per PM2.5 (Utrechet 31 ottobre 2005) (Utrechet 31 ottobre 2005)

32 L Italia potrebbe risparmiare 28 miliardi di Euro l anno riducendo l inquinamento atmosferico L Italia potrebbe risparmiare 28 miliardi di Euro l anno riducendo l inquinamento atmosferico (OMS 22/06/2005) (OMS 22/06/2005)

33 Effetti sulla salute umana in % per ogni incremento di 10 microgrammi/m 3 di PM10 e PM2.5 EffettiPM10*PM10**PM2.5*** Mortalità generica Mortalità per patologie respiratorie Mortalità per patologie cardiovascolari Ricoveri ospedalieri Pazienti over 65 anni 0.7 Mortalità per cancro al polmone 14 *Anderson HR WHO Regional Office for Europe 2004 **MISA Meta Analisi Italiana su otto grandi città italiane ***Pope A.C., Journal American Association 2002 Pope Circulation 2004

34 Inhalation of Ultrafine Particles Alters Blood Leukocyte Expression of Adhesion Molecules in Humans Environm. Health Perspect. Vol.114 Number 1 Jan. 2006

35 Attivazione endoteliale e vasocostrizione sistemica Alterazione della percentuale e dellespressione degli antigeni leucocitari del sangue periferico - monociti,eosinofili e basofili - linfociti T CD4+ - CD54 e CD18 sui monociti - CD 18 e CD11a sui granulociti Nei soggetti asmatici rispetto ai sani: - linfociti T CD4+ - espressione di CD11b su monociti ed eosinofili - espressione di CD 54 sui granulociti Nelle donne rispetto agli uomini: alterazioni significativamente più rilevanti e durature. Sviluppo patologia respiratorie e cardiovascolari Sviluppo patologia respiratorie e cardiovascolari Esposizione a particolato ultrafine (< 10 nm) (Environm Health Perspect,2006)

36 DONNE: SENTINELLE DELL AMBIENTE + 76% Mortalità per eventi cardiovascolari per ogni di 10 mcg/m3 di PM2.5

37 RIFIUTI

38 la politica delle 4 R secondo le norme attuali riduzione della produzione - raccolta differenziata - recupero/riciclaggio materiali - recupero di energia (termovalorizzazione degli scarti industriali) verso.. LA NATURA NON CONOSCE RIFIUTI !

39 RIFIUTI E DISCARICHE In Italia oltre 5000 discariche illegali In Italia oltre 5000 discariche illegali In Campania: triangolo della morte: Nola, Marigliano, Acerra. In Campania: triangolo della morte: Nola, Marigliano, Acerra. Secondo dati dati della guardia forestale la quantità di rifiuti sepolti /sversati in tale area ammonta a m3 Secondo dati dati della guardia forestale la quantità di rifiuti sepolti /sversati in tale area ammonta a m persone sono state esposte per decenni a sostanze tossiche ed inquinanti persone sono state esposte per decenni a sostanze tossiche ed inquinanti ( A Mazza CNR –Pisa) ( A Mazza CNR –Pisa)

40 elaborazione Giampiero Angeli e Antonio Marfella IN BASE AI DATI CONOSCIUTI, I DUE INCENERITORI PREVISTI AD ACERRA E S.MARIA LA FOSSA, POTREBBERO EMETTERE INSIEME, FUNZIONANDO A PIENO REGIME, FINO A OLTRE UN MILIARDO DI PICOGRAMMI DI DIOSSINA AL GIORNO CON ULTERIORI INCREMENTI NELLE AREE DI SOVRAPPOSIZIONE DELLE CIRCONFERENZE DI RICADUTA DELLE EMISSIONI. SIAMO IN ZONE AGRICOLE E DENSAMENTE POPOLATE …… (NAPOLI NORD EST E CASERTA E DINTORNI)

41 INCENERIRE I RIFIUTI E LA SOLUZIONE ? 1 tonnellata RIFIUTI 3 tonnellate CO2+ FUMI 300 Kg CENERI PESANTI 30 Kg CENERI TOSSICHE AUMENTO DEI RIFIUTI !!!!!

42 INCENERIRE E UNO SPRECO DI BENI PRIMARI ! Bruciare Plastica= PETROLIO Bruciare Plastica= PETROLIO Bruciare Carta = FORESTE Bruciare Carta = FORESTE Organico? ….. impianti di compostaggio utilizzati al 50% Organico? ….. impianti di compostaggio utilizzati al 50% ACQUA ? ACQUA ? Si privatizzano gli utili e si socializzano i costi !

43 INCENERITORI DI RIFIUTI SOLIDI URBANI: INDUSTRIE INSALUBRI DI CLASSE PRIMA (art.216 RD 1265/34 DM 5.9 /1994) (art.216 RD 1265/34 DM 5.9 /1994)

44 EMISSIONI DA INCENERITORI Riconosciuti oltre 200 composti ….ma si calcola siano solo circa il 10-20% del totale delle sostanze emesse! La legge prevede monitoraggio solo di alcuni per poche ore all anno, con autocertificazione della ditta stessa …

45 METALLI PESANTI Rischio ONCOGENO CERTO per l uomo: NICHEL, BERILLIO,CADMIO, CROMO, ARSENICO (IARC I) Rischio ONCOGENO CERTO per l uomo: NICHEL, BERILLIO,CADMIO, CROMO, ARSENICO (IARC I) Correlati a tossicità NEUROLOGICA (autismo, dislessia, deficit intellettivi) Correlati a tossicità NEUROLOGICA (autismo, dislessia, deficit intellettivi) Alzheimer, Parkinson, SLA in crescita in tutti i paesi industrializzati Alzheimer, Parkinson, SLA in crescita in tutti i paesi industrializzati (Alzheimer dal 20 fino al 1200%!) (Alzheimer dal 20 fino al 1200%!) (Pritchard C et al Public Health 2004;118(4):268-83) (Pritchard C et al Public Health 2004;118(4):268-83)

46 Effetti Cancerogeni delle sostanze emesse da inceneritori secondo la IARC (Ann. Ist. Sup.San.2004) Agente Livello IARC Effetto Cancerogeno Arsenico1 Pelle, polmoni, fegato, vescica,rene, colon Berillio1Polmone Cadmio1 Polmone, prostata Cromo1Polmone Nickel1Polmone Mercurio2b Polmone, pancreas, colon, prostata, encefalo, rene Piombo2a Polmone, vescica, rene, gastroenterica Benzene1Leucemia Idrocarburi policiclici 2b Fegato, polmone, leucemia Cloroformio2b Vescica, rene, encefalo, linfoma Clorofenoli2b Sarcomi tessuti molli, linfomi Hodgkin e non Hodgkin Tricloroetilen2a Fegato, linfomi non Hodgkin TCDD (DIOSSINA) 1 Linfomi, sarcomi non Hodgkin

47 CADMIO Dosi elevate in lavoratori esposti: Dosi elevate in lavoratori esposti: effetto cancerogeno diretto con insorgenza di neoplasie a polmone e prostata effetto cancerogeno diretto con insorgenza di neoplasie a polmone e prostata Dosi bassissime (inquinamento ambientale): Dosi bassissime (inquinamento ambientale): - effetto inibitore sul meccanismo di riparazione del DNA (post-replication mismatch repair) - effetto inibitore sul meccanismo di riparazione del DNA (post-replication mismatch repair) aumentata suscettibilità ad altri agenti oncogeni aumentata suscettibilità ad altri agenti oncogeni (Jin YH Nat Genet 2003 Jul; 34(3):326-9) (Jin YH Nat Genet 2003 Jul; 34(3):326-9) - Azione di endocrine disruptor (Takiguchi M Environ. Sci.2006;13(2): (Takiguchi M Environ. Sci.2006;13(2):107-16

48 CIBO, ACQUA, ALIMENTI: le DIOSSINE….

49 Diossine: cosa sono? Sostanze organiche clorurate, fra le più tossiche esistenti (miliardesimo di mg) Sostanze organiche clorurate, fra le più tossiche esistenti (miliardesimo di mg) 1976 incidente alla ICMESA (Seveso) 1976 incidente alla ICMESA (Seveso) 1997 la TCDD viene riconosciuta dalla IARC a livello I (cancerogeno certo per luomo) 1997 la TCDD viene riconosciuta dalla IARC a livello I (cancerogeno certo per luomo) Sostanze liposolubili e persistenti assunte per il 90% tramite la catena alimentare (carne, pesce, latte, ecc.) Sostanze liposolubili e persistenti assunte per il 90% tramite la catena alimentare (carne, pesce, latte, ecc.)

50 …e come agiscono Legame con uno specifico recettore nucleare fisiologicamente deputato al legame con ormoni Legame con uno specifico recettore nucleare fisiologicamente deputato al legame con ormoni Alterazione di molteplici fisiologiche funzioni dell organismo: effetti sul Sistema immunitario, Endocrino, Riproduttivo, Sistema Nervoso in via di sviluppo… Alterazione di molteplici fisiologiche funzioni dell organismo: effetti sul Sistema immunitario, Endocrino, Riproduttivo, Sistema Nervoso in via di sviluppo… Correlate a: Ipotiroidismo, Diabete, Endometriosi, Ritardo nello sviluppo puberale, Disturbi del comportamento, Patologie cardiovascolari Correlate a: Ipotiroidismo, Diabete, Endometriosi, Ritardo nello sviluppo puberale, Disturbi del comportamento, Patologie cardiovascolari Effetti cancerogeni: Sarcomi, Linfomi Non-Hodgkin, Neoplasie del polmone, Mammella, Colon- retto. Effetti cancerogeni: Sarcomi, Linfomi Non-Hodgkin, Neoplasie del polmone, Mammella, Colon- retto.

51 PER LE SOSTANZE A DOCUMENTATO RISCHIO CANCEROGENO PER L UOMO PER LE SOSTANZE A DOCUMENTATO RISCHIO CANCEROGENO PER L UOMO ( LIVELLO IARC I) LA SOGLIA DI SICUREZZA E : ( LIVELLO IARC I) LA SOGLIA DI SICUREZZA E : ZERO ZERO

52 46 STUDI EPIDEMIOLOGICI CONDOTTI IN PROSSIMITA DI IMPIANTI DI INCENERIMENTO Riscontro significativo di biomarcatori e sostanze ad effetto mutageno nei liquidi biologici (sangue, urine, sperma) Riscontro significativo di biomarcatori e sostanze ad effetto mutageno nei liquidi biologici (sangue, urine, sperma) In 2/3 degli studi riguardanti il cancro incremento statisticamente significativo di MORTALITA – INCIDENZA –PREVALENZA per cancro In 2/3 degli studi riguardanti il cancro incremento statisticamente significativo di MORTALITA – INCIDENZA –PREVALENZA per cancro (Franchini M,Annali Ist. Sup. San., 2004) (Franchini M,Annali Ist. Sup. San., 2004)

53 Esposizione ad emissioni di inceneritori: Rischio Relativo (RR) Effetto indagato RR Fonte bibliografica Carcinoma polmonare (mortalità) 2 (small cell) 2.6 (large cell) 6.7 Barbone F., American Journal Epidemiology 1995 Biggeri A., Envirom Health Perspect 1996 Linfomi Non Hodgkin 2.3 (Incidenza) 2 (Mortalità) Floret N., Epidemiology 2003 A Biggeri Epidemiol. Prevenzione 2005 Sarcomi tessuti molli (incidenza) 8.8 (maschi) 5.6 (femmine) Comba P., Occupational Enviromental Medicine 2003 Neoplasie infantili (incidenza)2.1 Knox E. G., International Journal of Epidemiology 2000

54 RISCHIO DI LINFOMA NON HODGKIN (LNH) ED INCENERITORI 2005 : eccesso di mortalità per LNH nel comune di Campi Bisenzio 2005 : eccesso di mortalità per LNH nel comune di Campi Bisenzio Epid. e Prev. 2005:29(3-4) Epid. e Prev. 2005:29(3-4) : eccesso di mortalità per LNH in 17 comuni della Toscana specie nel sesso maschile 2006 : eccesso di mortalità per LNH in 17 comuni della Toscana specie nel sesso maschile Epid. e Prev. 2006:30 (1)14-15 Epid. e Prev. 2006:30 (1) : eccesso di mortalità nel sesso maschile (+8%) in 25 comuni italiani ove sono stati attivi impianti dal 1981 al : eccesso di mortalità nel sesso maschile (+8%) in 25 comuni italiani ove sono stati attivi impianti dal 1981 al 2001 Epid. e Prev. 2006:30 (2 )80-81 Epid. e Prev. 2006:30 (2 )80-81

55 ENHANCE HEALTH: RISULTATI PRESENTATI IL 22 MARZO 2007 Studio epidemiologico finanziato dalla UE sulla popolazione residente entro 3.5 Km da 2 inceneritori ( RSU e RSO) nel quartiere di Coriano Studio epidemiologico finanziato dalla UE sulla popolazione residente entro 3.5 Km da 2 inceneritori ( RSU e RSO) nel quartiere di Coriano ( Forlì) per almeno 5 anni dal 1990 al 2003 ( Forlì) per almeno 5 anni dal 1990 al 2003 Marker di esposizione: METALLI PESANTI Marker di esposizione: METALLI PESANTI AUMENTO DI MORTALITA PER TUTTE LE CAUSE NELLE DONNE : +7 % al + 17% AUMENTO DI MORTALITA PER TUTTE LE CAUSE NELLE DONNE : +7 % al + 17% AUMENTO DI MORTALITA PER TUTTI I TUMORI NELLE DONNE: + 17% al + 54% ( mammella, stomaco, colon retto) AUMENTO DI MORTALITA PER TUTTI I TUMORI NELLE DONNE: + 17% al + 54% ( mammella, stomaco, colon retto)

56 ENHANCE HEALTH: ESPOSIZIONE A METALLI PESANTI E RISCHIO DI MORTE IN DONNE RESIDENTI ALMENO 5 ANNI IN PROSSIMITA DI INCENERITORI (RR e limiti di confidenza) MORTALITA PER TUTTI I TUMORI: 1° liv. di espos. RR = 1.54 ( ) 2° liv. di espos. RR = 1.26 ( ) CARCINOMA del COLON-RETTO 1°liv. di espos. RR = 2.47 ( ) 2° liv. di espos. RR = 2.03 ( ) CARCINOMA dello STOMACO CARCINOMA dello STOMACO 1°liv. di espos. RR = 2.56 ( ) 2° liv di espos. RR = 2.88 ( ) CARCINOMA della MAMMELLA CARCINOMA della MAMMELLA 1° liv. di espos. RR = 2.16 ( )

57 COMMENTO DEL SINDACO DI FORLI AI RISULTATI DELLO STUDIO ENHANCE HEALTH : Su molte cose si può discutere, ma sulla salute credo proprio che non si possa negoziare………la positività del risultato è un incentivo ad andare avanti con i controlli… Corriere Forlì 23/03/07 pag 15 Corriere Forlì 23/03/07 pag 15

58 ….. e quanti ancora dovranno morire, perché siano troppi a morir ? …. (Blowing in the wind, Bob Dylan) (Blowing in the wind, Bob Dylan)

59 AFFARI AFFARI

60 GOMORRA GOMORRA di Giuseppe Saviano …. a monnezza è ORO …. a monnezza è ORO ….col giro bolla, ma non solo….

61 MIRACOLO ITALIANO RIFIUTI = FONTE RIFIUTI = FONTE RINNOVABILE DI RINNOVABILE DI ENERGIA ENERGIA ?

62 A CHI CONVIENE INCENERIRE? A FINE 2006 ben 38 MILIARDI DI EURO DINCASSATI IN UTILI PRIVATI DA MORATTI, GARRONE, EX MUNICIPILAZZATE ( HERA, ASM ecc…) A FINE 2006 ben 38 MILIARDI DI EURO DINCASSATI IN UTILI PRIVATI DA MORATTI, GARRONE, EX MUNICIPILAZZATE ( HERA, ASM ecc…)

63 Per ogni tonnellata di rifiuti combusta la multiutility riceve: 40 Euro dai certificati verdi + 5 Euro contributi CONAI Pertanto con un inceneritore da ton/anno il guadagno è di almeno 4 milioni di euro/anno Pertanto con un inceneritore da ton/anno il guadagno è di almeno 4 milioni di euro/anno

64 Piccoli inceneritori crescono in Emilia Romagna(ton/anno) (Dott. Federico Valerio) AttualePrevista Modena Reggio Rimini Ravenna Forlì Ferrara Piacenza Totale

65 INQUINAMENTO DA OSSIDI DI AZOTO

66 INCIDENZA DI TUTTI I TUMORI (TRANNE CUTE) NELLE DONNE: CONFRONTO TRA 2 QUINQUENNI (DATI REGISTRI TUMORI e )

67 VARIAZIONI % DI INCIDENZA DI TUTTI I TUMORI (ESCLUSO CUTE NELLE DONNE) : DATI REGISTRI TUMORI ANNI e 98-02

68 PROBLEMA: INDIPENDENZA della SCIENZA e dellINFORMAZIONE PROBLEMA: INDIPENDENZA della SCIENZA e dellINFORMAZIONE

69 La complessità della trasformazione neoplastica Età Meccanismi di riparazione DNA Attivazione-detossificazione metabolica Fattori ereditari Suscettibilità individuale Dieta Agenti infettivi Agenti fisici Esposizione professionale Inquinanti alimentari Inquinamento ambientale Fumo Farmaci

70 Epidemiologia ?

71 Int J Occup Environ Health Oct-Dec;11(4) Gennaro V. Tomatis L. Business bias: how epidemiologic studies may underestimate or fail to detect increased risks of cancer and other diseases ovvero: Errori da conflitti di interesse: come gli studi epidemiologici possono sottostimare o fallire nellindividuare il rischio di cancro o di altre malattie

72 ETICA RIGORE SCIENTIFICO INDIPENDENZA In altre parole….si può non vedere un VERO RISCHIO quando manca: un VERO RISCHIO quando manca:

73 1980: le cause del cancro secondo Doll e Peto 2006: e oggi?

74 ECCO COSA DOBBIAMO TEMERE!....

75 INQUINAMENTO E DANNI ALLA SALUTE documento in 10 punti 11 Gennaio 2007

76 REACH Registration Registration Evaluation Evaluation Authorisation Authorisation Chemichals Chemichals recentemente approvato presso lUnione Europea: delle oltre sostanze chimiche candidate di uso abituale (di cui a tuttoggi non si conosce l impatto sulla salute) ne riguarderà solo un migliaio…. recentemente approvato presso lUnione Europea: delle oltre sostanze chimiche candidate di uso abituale (di cui a tuttoggi non si conosce l impatto sulla salute) ne riguarderà solo un migliaio….

77 PREVENIRE è meglio che CURARE…. è ancora di attualità?

78 SOLO COLORO CHE SONO COSI FOLLI DA PENSARE DI CAMBIARE IL MONDO LO CAMBIANO DAVVERO… (Albert Einstein) (Albert Einstein)

79 LA PANDEMIA SILENZIOSA: SOSTANZE CHIMICHE STANNO DANNEGGIANDO I CERVELLI DEI BAMBINI LA PANDEMIA SILENZIOSA: SOSTANZE CHIMICHE STANNO DANNEGGIANDO I CERVELLI DEI BAMBINI UN BAMBINO SU SEI BAMBINI AL MONDO PRESENTA DISTURBI NELLO SVILUPPO SPECIE A CARICO DEL SISTEMA NERVOSO PER LESPOSIZIONE A CENTINAIA DI SOSTANZE CHIMICHE CHE TROVANO NEL CERVELLO IN VIA DI SVILUPPO IL LORO ORGANO BERSAGLIO I CERVELLI DEI NOSTRI BAMBINI SONO LA NOSTRA RISORSA ECONOMICA PIU IMPORTANTE E NOI NON ABBIAMO CAPITO QUANTO ESSI SONO VULNERABILI HARVARD SCHOOL OF PUBLIC HEALTH 7 Nov online Lancet

80 I LIMITI DI LEGGE TUTELANO DAVVERO LA SALUTE? Benzene parti per milione (ppm) (OMS)2001 (Comunità Europea) Diossine miliardesimo di mg (pg) 10 pg/kg/die 2 pg/kg/die Atrazina Segnalati effetti di disruption endocrine a dosi volte inferiori di quelle considerate sicure (Hayes T.B., 2002)

81 I limiti di legge sono sempre calcolati su individui adulti: i bambini e gli organismi in accrescimento possono avere una suscettibilità totalmente diversa!!!

82 Bruce P.Lanphear Childrens Environmental Health Center (U.S.A.) oct ……a dispetto del grande affetto che noi abbiamo per i nostri bambini e della grande retorica della nostra società sul valore dell infanzia, la società è riluttante a sviluppare quanto necessario per proteggere i bambini dai rischi dai rischi ambientali…..

83 COSTI SANITARI PROVOCATI DAI CONSUMI ENERGETICI e TRASPORTO SU STRADA (ANNO 2001) 36.3 MILIARDI di EURO pari a: 36.3 MILIARDI di EURO pari a: 3.6%del PIL 3.6%del PIL 35% della SPESA SANITARIA PUBBLICA E PRIVATA 35% della SPESA SANITARIA PUBBLICA E PRIVATA 627 EURO /pro capite 627 EURO /pro capite SOLE 24 Ore dic.2006 Assoc. Ital. Economia Sanitaria (AIES)

84 IL PROBLEMA DELL INFORMAZIONE…. e della INDIPENDENZA della SCIENZA

85 Come si può deliberare senza conoscere? Nulla, tuttavia, repugna più della conoscenza a molti, forse a troppi di coloro che sono chiamati a risolvere i problemi (Luigi Einaudi da PREDICHE INUTILI)

86 REACH Registration Registration Evaluation Evaluation Authorisation Authorisation Chemichals Chemichals recentemente approvato presso lUnione Europea: delle oltre sostanze chimiche candidate di uso abituale (di cui a tuttoggi non si conosce l impatto sulla salute) ne riguarderà solo un migliaio…. recentemente approvato presso lUnione Europea: delle oltre sostanze chimiche candidate di uso abituale (di cui a tuttoggi non si conosce l impatto sulla salute) ne riguarderà solo un migliaio….

87 1980: le cause del cancro secondo Doll e Peto 2006: e oggi?

88 INQUINAMENTO E DANNI ALLA SALUTE documento in 10 punti 11 Gennaio 2007

89 Mortalità anni in 15 aree ad elevato rischio di crisi ambientale in Italia Tutti i tumori Cancro del polmone +37%+30% Incremento del Rischio % Martuzzi M, Epidemiologia e Prevenzione 2002 Valutazione del tasso di mortalità standardizzato per età/fattori socio-economici (SRSs)

90 MIRACOLO ITALIANO RIFIUTI = FONTE RIFIUTI = FONTERINNOVABILEDIENERGIA ?

91 Per ogni tonnellata di rifiuti combusta la multiutility riceve: 40 Euro dai certificati verdi + 5 Euro contributi CONAI Pertanto con un Inceneritore da ton/anno il guadagno è di Pertanto con un Inceneritore da ton/anno il guadagno è di 4 milioni di euro/anno 4 milioni di euro/anno

92 Piccoli inceneritori crescono in Emilia Romagna(ton/anno) (Dott. Federico Valerio) AttualePrevista Modena Reggio Rimini Ravenna Forlì Ferrara Piacenza Totale

93 INQUINAMENTO DA OSSIDI DI AZOTO

94 INCIDENZA DI TUTTI I TUMORI (TRANNE CUTE) NELLE DONNE: CONFRONTO TRA 2 QUINQUENNI (DATI REGISTRI TUMORI e )

95 VARIAZIONI % DI INCIDENZA DI TUTTI I TUMORI (ESCLUSO CUTE NELLE DONNE) : DATI REGISTRI TUMORI ANNI e 98-02

96 DUE TIPOLOGIE DI IMPIANTI: A GRIGLIA (per rifiuti tal quali) A LETTO FLUIDO per CDR (Combustibile Derivato da Rifiuti)

97 INCENERITORI Industrie insalubri di classe PRIMA Industrie insalubri di classe PRIMA (art.216 RD 1265/34 DM 5.9 /1994)… (art.216 RD 1265/34 DM 5.9 /1994)… Non idonee ad ospitare inceneritori Non idonee ad ospitare inceneritori le zone agricole caratterizzate per qualità e tipicità dei prodotti le zone agricole caratterizzate per qualità e tipicità dei prodotti ( D. lgs 228 del 18/05/2001) ( D. lgs 228 del 18/05/2001)

98 Effetti Cancerogeni delle sostanze emesse da inceneritori secondo la IARC (Ann. Ist. Sup.San.2004) Agente Livello IARC Effetto Cancerogeno Arsenico1 Pelle, polmoni, fegato, vescica,rene, colon Berillio1Polmone Cadmio1 Polmone, prostata Cromo1Polmone Nickel1Polmone Mercurio2b Polmone, pancreas, colon, prostata, encefalo, rene Piombo2a Polmone, vescica, rene, gastroenterica Benzene1Leucemia Idrocarburi policiclici 2b Fegato, polmone, leucemia Cloroformio2b Vescica, rene, encefalo, linfoma Clorofenoli2b Sarcomi tessuti molli, linfomi Hodgkin e non Hodgkin Tricloroetilen2a Fegato, linfomi non Hodgkin TCDD (DIOSSINA) 1 Linfomi, sarcomi non Hodgkin

99 46 STUDI EPIDEMIOLOGICI CONDOTTI IN PROSSIMITA DI IMPIANTI DI INCENERIMENTO Riscontro significativo di biomarcatori e sostanze ad effetto mutageno nei liquidi biologici (sangue, urine, sperma) Riscontro significativo di biomarcatori e sostanze ad effetto mutageno nei liquidi biologici (sangue, urine, sperma) In 2/3 degli studi riguardanti il cancro incremento statisticamente significativo di Mortalità-Incidenza-Prevalenza per neoplasie In 2/3 degli studi riguardanti il cancro incremento statisticamente significativo di Mortalità-Incidenza-Prevalenza per neoplasie (Franchini M,Annali Istituto Superiore di Sanità, 2004) (Franchini M,Annali Istituto Superiore di Sanità, 2004)

100 ENHANCE HEALTH: RISULTATI PRESENTATI IL 22 MARZO 2007 Studio epidemiologico finanziato dalla UE sulla popolazione residente entro 3.5 Km da 2 inceneritori ( RSU e RSO) nel quartiere di Coriano Studio epidemiologico finanziato dalla UE sulla popolazione residente entro 3.5 Km da 2 inceneritori ( RSU e RSO) nel quartiere di Coriano ( Forlì) per almeno 5 anni dal 1990 al 2003 ( Forlì) per almeno 5 anni dal 1990 al 2003 Marker di esposizione: METALLI PESANTI Marker di esposizione: METALLI PESANTI AUMENTO DI MORTALITA PER TUTTE LE CAUSE NELLE DONNE : +7 % al + 17% AUMENTO DI MORTALITA PER TUTTE LE CAUSE NELLE DONNE : +7 % al + 17% AUMENTO DI MORTALITA PER TUTTI I TUMORI NELLE DONNE: + 17% al + 54% ( mammella, stomaco, colon retto) AUMENTO DI MORTALITA PER TUTTI I TUMORI NELLE DONNE: + 17% al + 54% ( mammella, stomaco, colon retto)

101 ENHANCE HEALTH: ESPOSIZIONE A METALLI PESANTI E RISCHIO DI MORTE IN DONNE RESIDENTI ALMENO 5 ANNI IN PROSSIMITA DI INCENERITORI (RR e limiti di confidenza) MORTALITA PER TUTTI I TUMORI: 1° liv. di espos. RR = 1.54 ( ) 2° liv. di espos. RR = 1.26 ( ) CARCINOMA del COLON-RETTO 1°liv. di espos. RR = 2.47 ( ) 2° liv. di espos. RR = 2.03 ( ) CARCINOMA dello STOMACO CARCINOMA dello STOMACO 1°liv. di espos. RR = 2.56 ( ) 2° liv di espos. RR = 2.88 ( ) CARCINOMA della MAMMELLA CARCINOMA della MAMMELLA 1° liv. di espos. RR = 2.16 ( )

102

103 Le morie di pesci al porto di Augusta

104

105

106 Centro nascite di Augusta : Centro nascite di Augusta : un aumento progressivo del numero dei nati con difetti congeniti: un aumento progressivo del numero dei nati con difetti congeniti: 1980: 1.5% 1980: 1.5% : 3% : 3% : 3.5% : 3.5% 2000 : 5.6% 2000 : 5.6%

107 THE LANCET 1998;352(8): DOLKH et al AUMENTO SIGNIFICATIVO DEL RISCHIO DI: MALFORMAZIONI CONGENITE, STRUTTURALI, CROMOSOMICHE IN MADRI RESIDENTI ENTRO 3KM DA SITIDI DISCARICA PER RIFIUTI PERICOLOSI Risk of congenital anomalies near hazardous wastw landfill sites in Europe: the EUROHAZONCON study

108 INQUINAMENTO Limminente apertura degli inceneritori di Acerra e S. Maria la Fossa pone, tra gli altri, il problema della ricaduta delle ceneri, che andrebbero a colpire aree già notoriamente inquinate elaborazione Giampiero Angeli e Antonio Marfella

109 PREVENIRE è meglio che CURARE…. è ancora di attualità?

110 SOLO COLORO CHE SONO COSI FOLLI DA PENSARE DI CAMBIARE IL MONDO LO CAMBIANO DAVVERO… (Albert Einstein) (Albert Einstein)

111 Processi produttivi umani A differenza dei processi produttivi naturali, che seguono un andamento ciclico, senza produzione di rifiuti, A differenza dei processi produttivi naturali, che seguono un andamento ciclico, senza produzione di rifiuti, gli attuali processi produttivi umani sono lineari con sprechi di materia ed energia e produzione di inquinamento e rifiuti. gli attuali processi produttivi umani sono lineari con sprechi di materia ed energia e produzione di inquinamento e rifiuti.

112 IL nodo DELLE COMBUSTIONI

113 LA TERRA E MALATA

114 CRESCITA DI CO 2 NEL TEMPO

115

116

117 Chlorinated hydrocarbons Brominated/chlorinated dioxins and furans Polycyclic aromatic hydrocarbons Catalytic oxidizers Envir. Health Pers. June 2006

118 EMISSIONI DA INCENERITORI Particolato (ultra)fine Particolato (ultra)fine Metalli Pesanti Metalli Pesanti Ossidi di Azoto Ossidi di Azoto Inquinanti Organici : IPA, diossine, PCB, furani, ftalati, chetoni, alcheni ….. Inquinanti Organici : IPA, diossine, PCB, furani, ftalati, chetoni, alcheni ….. Ogni ton di rifiuti incenerita comporta limmissione di ca.1 ton di gas serra

119 Relative Size of Airborne Particulate - Ultrafine particles are more insidious as they are capable of deep penetration PM=PARTICULATE MATTER

120 PIOMBO IARC : livello IIA (neoplasie di rene, stomaco, encefalo) IARC : livello IIA (neoplasie di rene, stomaco, encefalo) A dosi basse deprime lo sviluppo mentale e causa seri deficit nell apprendimento A dosi basse deprime lo sviluppo mentale e causa seri deficit nell apprendimento Costo Sociale per le conseguenze nei bambini in U.S.A. 47 miliardi di $/ anno Costo Sociale per le conseguenze nei bambini in U.S.A. 47 miliardi di $/ anno (Harvard School of Public Health 07/11/06 online LANCET) (Harvard School of Public Health 07/11/06 online LANCET) Dopo la rimozione del Pb tetraetile dalla benzina una delle sue fonti principali è la combustione di Rifiuti Solidi ! Dopo la rimozione del Pb tetraetile dalla benzina una delle sue fonti principali è la combustione di Rifiuti Solidi !

121 MERCURIO MALFORMAZIONI MALFORMAZIONI TOSSICITA NEUROLOGICA TOSSICITA NEUROLOGICA DISTURBI DELL APPRENDIMENTO DISTURBI DELL APPRENDIMENTO E COMPORTAMENTALI E COMPORTAMENTALI (IPERATTIVITA) (IPERATTIVITA) ( Schettler T. Environ Health Persepect 2001, 109: 813-6) Ad alte Temperature è un GAS e può essere rimosso solo da filtri a carbone attivo Ad alte Temperature è un GAS e può essere rimosso solo da filtri a carbone attivo

122 Le DIOSSINE….

123

124 DIOSSINE IN EUROPA Gli inceneritori sono la II fonte di emissione di diossine in Europa, dopo le acciaierie (Chemosphere 2004) Gli inceneritori sono la II fonte di emissione di diossine in Europa, dopo le acciaierie (Chemosphere 2004) La stima dell esposizione di fondo (TCDD e similari) nei paesi dell Unione Europea è compresa fra 1,2-3.0 pg/WHO TEQ/kg pro capite La stima dell esposizione di fondo (TCDD e similari) nei paesi dell Unione Europea è compresa fra 1,2-3.0 pg/WHO TEQ/kg pro capite tali limiti sono già ampiamenti superati in diverse realtà e qualsivoglia ulteriore esposizione porterebbe facilmente a superare ciò che la stessa Unione Europea raccomanda! tali limiti sono già ampiamenti superati in diverse realtà e qualsivoglia ulteriore esposizione porterebbe facilmente a superare ciò che la stessa Unione Europea raccomanda!

125 Diossine: cosa sono? Sostanze organiche clorurate, fra le più tossiche esistenti (miliardesimo di mg) Sostanze organiche clorurate, fra le più tossiche esistenti (miliardesimo di mg) 1976 incidente alla ICMESA (Seveso) 1976 incidente alla ICMESA (Seveso) 1997 la TCDD viene riconosciuta dalla IARC a livello I (cancerogeno certo per luomo) 1997 la TCDD viene riconosciuta dalla IARC a livello I (cancerogeno certo per luomo) Sostanze liposolubili e persistenti assunte per il 90% tramite la catena alimentare (carne, pesce, latte, ecc.) Sostanze liposolubili e persistenti assunte per il 90% tramite la catena alimentare (carne, pesce, latte, ecc.)

126 DIOSSINE e similari Legame con uno specifico recettore nucleare fisiologicamente deputato al legame con ormoni (estrogeni) Legame con uno specifico recettore nucleare fisiologicamente deputato al legame con ormoni (estrogeni) Alterazione di molteplici fisiologiche funzioni dell organismo: effetti sul Sistema Immunitario, Endocrino, Riproduttivo, Sistema Nervoso in via di sviluppo… Alterazione di molteplici fisiologiche funzioni dell organismo: effetti sul Sistema Immunitario, Endocrino, Riproduttivo, Sistema Nervoso in via di sviluppo… Correlate a: Ipotiroidismo, Diabete, Endometriosi, Disfunzioni nello sviluppo puberale, Disturbi del comportamento, Patologie cardiovascolari, Correlate a: Ipotiroidismo, Diabete, Endometriosi, Disfunzioni nello sviluppo puberale, Disturbi del comportamento, Patologie cardiovascolari, Sarcomi, Sarcomi, Linfomi Non-Hodgkin, Linfomi Non-Hodgkin, Polmone, Prostata, Mammella, Colon- retto…. Polmone, Prostata, Mammella, Colon- retto….

127 EFFETTI A BREVE TERMINE SULLA SALUTE IN BAMBINI ESPOSTI AD EMISSIONI DI INCENERITORI PER RIFIUTI Prefettura di Osaka: bambini da 6 a 12 anni in 996 scuole elementari bambini da 6 a 12 anni in 996 scuole elementari 37 impianti di incenerimento per rifiuti solidi urbani (RSU) 37 impianti di incenerimento per rifiuti solidi urbani (RSU) Relazione statisticamente significativa fra vicinanza della scuola all impianto di incenerimento e sintomi quali: ansimare, mal di testa, disturbi di stomaco, stanchezza Relazione statisticamente significativa fra vicinanza della scuola all impianto di incenerimento e sintomi quali: ansimare, mal di testa, disturbi di stomaco, stanchezza …In Giappone la maggior fonte di emissione di diossine è rappresentata dagli inceneritori.. Eur. J.Epidemiolog. 2005;20(12):1023-9

128

129 MANTOVA NOVEMBRE 2006

130 … i risultati del nostro studio indicano un incremento significativo di rischio di sarcoma, che risulta correlato sia all intensità che alla durata dell esposizione ambientale a sostanze diossino simili in accordo con studi, svolti in Francia e in Italia che hanno riportato un incremento di rischio di sarcoma e/o linfoma NHD nella popolazione residente vicino ad un inceneritore…. Pag.5 Relazione Rischio di sarcoma… Zambon-Ricci Pag.5 Relazione Rischio di sarcoma… Zambon-Ricci

131 … gli inceneritori con più alto livello di emissioni in atmosfera sono stati quelli che bruciavano rifiuti urbani…seguiti da quelli per rifiuti ospedalieri ed infine da quelli industriali.. …le politiche ambientali dovrebbero porre al centro delle proprie strategie la riduzione della produzione dei rifiuti come necessario obiettivo di PREVENZIONE PRIMARIA Pag.7 Relazione Rischio di sarcoma… Zambon-Ricci Pag.7 Relazione Rischio di sarcoma… Zambon-Ricci

132 FINE FINE

133 DISTURBI NEUROLOGICI E COMPORTAMENTALI NEI BAMBINI IN USA DISTURBI NEUROLOGICI E COMPORTAMENTALI NEI BAMBINI IN USA Deficit di attenzione/iperattività 250% incremento dal 1990 al 1998 Deficit di attenzione/iperattività 250% incremento dal 1990 al 1998 Bambini inseriti in scuole speciali incremento del 190% dal 1977 al 1994 Bambini inseriti in scuole speciali incremento del 190% dal 1977 al 1994 Autismo: da 4-5 casi/anno su nel 1980 a casi/anno nel 1990 Autismo: da 4-5 casi/anno su nel 1980 a casi/anno nel 1990 Envir. Health Pers. Vol 114 num. 2 Feb 2006 Envir. Health Pers. Vol 114 num. 2 Feb 2006

134 Mortalità anni in 15 aree ad elevato rischio di crisi ambientale in Italia Tutti i tumori Cancro del polmone +37%+30% Incremento del Rischio % Martuzzi M, Epidemiologia e Prevenzione 2002 Valutazione del tasso di mortalità standardizzato per età/fattori socio-economici (SRSs)

135 ogni anno in Italia si contano: NUOVE DIAGNOSI DI CANCRO: NUOVE DIAGNOSI DI CANCRO: maschi maschi femmine femmine DECESSI ( nel 2002) DECESSI ( nel 2002) La probabilità di sviluppare un tumore fra 0 e 74 anni è: La probabilità di sviluppare un tumore fra 0 e 74 anni è: 1 caso ogni 3 nei maschi 1 caso ogni 3 nei maschi 1 caso ogni 4 nelle donne 1 caso ogni 4 nelle donne Epidem.e Preven. : I tumori in Italia –Rapporto 2006 Epidem.e Preven. : I tumori in Italia –Rapporto 2006

136 TASSI STANDARDIZZATI DI INCIDENZA E MORTALITA PER CANCRO IN ITALIA (aa ) Epidem. e Prev 2006

137 INCIDENZA E MORTALITA PER CANCRO IN ITALIA (Dati Registro Tumori) IncidenzaMortalità Mammella Polmone Colon-retto Rene Vescica Melanoma Fegato Pancreas Mesotelioma Testicolo Tiroide Linfoma NH Mieloma Polmone Stomaco Polmone Linfomi NH Polmone Stomaco Prostata Colon Cervice Linfoma H Leucemia Eur J Cancer Prev, 2004

138 Il costo del Cancro Farmaci antineoplastici: mercato farmaceutico mondiale NEL 2008 al 1° POSTO DEL MERCATO FARMACEUTICO MONDIALE!!!!! Costo farmaci antineoplastici in Italia: Costo farmaci antineoplastici in Italia: Costo complessivo : 580 Milioni di EURO Costo complessivo : 580 Milioni di EURO Costo medio per paziente/anno: da a EURO Costo medio per paziente/anno: da a EURO Costo complessivo annuo per il SSN in Italia: Costo complessivo annuo per il SSN in Italia: 7 Miliardi di EURO 7 Miliardi di EURO (Sole 24 ore sett. 2005) Miliardi $ Miliardi $ (Jms Health,2005)


Scaricare ppt "LA CONOSCENZA E VITA AFFARI, RIFIUTI…E LA SALUTE? LA CONOSCENZA E VITA AFFARI, RIFIUTI…E LA SALUTE? CARRARA DI FANO 6 MAGGIO 2007 Patrizia Gentilini"

Presentazioni simili


Annunci Google