La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Motivare il paziente alla cura Claudia Goss Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Sezione di Psichiatria e Psicologia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Motivare il paziente alla cura Claudia Goss Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Sezione di Psichiatria e Psicologia."— Transcript della presentazione:

1 Motivare il paziente alla cura Claudia Goss Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Sezione di Psichiatria e Psicologia Clinica U.O di Psicosomatica e Psicologia Clinica Università degli Studi di Verona Università degli Studi di Verona

2 Ladesione al trattamento Definizione molto discussa concordate Il livello con cui il comportamento di una persona (assumere farmaci, seguire una dieta, cambiamenti nello stile di vita) corrisponde alle raccomandazioni concordate con un operatore sanitario (WHO 2003) Nei paesi sviluppati ladesione ai trattamenti a lungo termine nella popolazione generale è di circa il 50% Esempi in cui ladesione è difficile: ipertensione, diabete, asma, HIV/AIDS, schizofrenia Una bassa adesione causa maggiori complicazioni sia fisiche sia psicologiche, riduce la qualità di vita dei pazienti e spreca risorse sanitarie

3 Non adesione Disturbo Non adesione Asma20 % Artrite55-71 % Diabete40-50 % Epilessia % Ipertensione 40 % Adattato da: National Pharmaceutical Council (1992) Emerging issues in pharmaceutical cost containment. National Pharmaceutical Council, 2, 1-6

4 Le cinque dimensioni delladesione trattamento 1.Fattori legati al trattamento paziente 2.Fattori legati al paziente patologia 3.Fattori legati alla patologia socio-economici 4.Fattori socio-economici sistema sanitario 5.Fattori legati al sistema sanitario

5 I fattori che influenzano ladesione Accettazione della malattia Percezione della gravità/vulnerabilità Livello di supporto Stabilità familiare Buona alleanza terapeutica Buona comunicazione Effetti collaterali Scarso controllo dei sintomi Regime terapeutico complesso Abuso di sostanze Giudizio compromesso Scarsa relazione terapeutica Scarsa comunicazione Aumentano Diminuiscono

6 Caso clinico Il Sig. M. Uomo di 59 anni, sposato, libero professionista, molto sportivo Ricoverato in medicina per degli accertamenti in seguito ad una perdita di coscienza. Gli accertamenti non dimostrano nulla di significativo Durante il ricovero si riscontra una pressione elevata che necessita di un trattamento farmacologico. Il padre è morto per infarto miocardico acuto alletà di 62 a. Il medico ha spiegato al paziente perché ritiene importante e utile la terapia farmacologica

7 Caso clinico Il Sig. M. Il sig. M. dice: non sono dellidea di prendere farmaci, non prendo nemmeno laspirina per il mal di testa!

8 Un modello integrato Informazioni Strategie e risorse Cambiamento comportamentale Motivazione (Fisher et al. 1992, 1996)

9 Cosa deve sapere un paziente rispetto al trattamento proposto A che cosa serve il trattamento (perché) Come valutare la sua efficacia Le modalità di assunzione (come,quando, quanto) Durata del trattamento Principali effetti collaterali ed eventuali ripercussioni sul funzionamento Eventuali interazioni con altri farmaci, droghe,alcol

10 Motivare il paziente In che contesto?In che contesto? Quale cambiamento?Quale cambiamento? Quando è utile?Quando è utile? Come si fa?Come si fa?

11 Che cosè la motivazione E la probabilità che una persona cominci, continui e aderisca ad una specifica strategia di cambiamentoE la probabilità che una persona cominci, continui e aderisca ad una specifica strategia di cambiamento ( Miller 1985 ) Motivare significa aumentare la probabilità che il soggetto segua un determinato corso dazione verso il cambiamentoMotivare significa aumentare la probabilità che il soggetto segua un determinato corso dazione verso il cambiamento (è compito delloperatore)

12 Gli stadi del cambiamento Prochaska & Di Clemente 1992 Mantenimento ContemplazioneDeterminazione Azione Ricaduta Precontemplazione Conclusione prematura Cambiamento consolidato

13 La disponibilità al cambiamento Non pronto Precontemplazione Insicuro Contemplazione Pronto Determinazione

14 Sentirsi pronti al cambiamento Fiducia in sé stessi (come farò?) (Senso di autoefficacia) Importanza (perché dovrei cambiare?) (Credenze, valori ed aspettative) Disponibilità (sentirsi pronti)

15 La disponibilità al cambiamento Disponibilità (sentirsi pronti) Importanza (Perché dovrei cambiare?) (Credenze ed aspettative) Fiducia in sé stessi (Come riuscirò?) (Senso di autoefficacia)

16 Compiti chiave Stabilire un rapporto Scambio informativo Riduzione delle resistenze (Rollnick et al. 1999) Concordare un ordine del giorno Comportamenti molteplici Comportamento singolo Valutare limportanza del cambiamento e la fiducia di riuscire ad attuarlo Esplorare limportanza Costruire la fiducia nelle proprie capacità

17 Concordare lordine del giorno Se ci sono più possibilità farle scegliere dal paziente Sono preoccupato per la sua bronchite. Cosa pensa della sua abitudine al fumo? Alcune persone trovano utile (cambiare) per migliorare (condizione). Cosa ne pensa? Cosa pensa della possibilità di fare più esercizio per controllare meglio il suo diabete? Potremmo parlare della dieta, del fumo o dellesercizio, tutte cose connesse con la sua riabilitazione dopo linfarto. Da dove vuole cominciare?

18 Tecniche utili Domande aperte direttiveDomande aperte direttive Ascolto riflessivoAscolto riflessivo Empatia e rispettoEmpatia e rispetto Verifiche, chiarificazioni e sintesiVerifiche, chiarificazioni e sintesi Suscitare affermazioni automotivantiSuscitare affermazioni automotivanti Esplicitare le contraddizioniEsplicitare le contraddizioni Esplorare limportanzaEsplorare limportanza (Utilizzare la bilancia decisionale) Costruire la fiduciaCostruire la fiducia

19 Le affermazioni automotivanti Sono affermazioni che vanno nella direzione del cambiamento e sono facilitate dallatteggiamento non giudicante del medico 1.Svantaggi dello status quo Ci sono dei motivi per preoccuparsi o essere scontenti dello stato attuale 2.Vantaggi del cambiamento Si sottolineano le cose positive che potrebbero essere raggiunte tramite il cambiamento 3.Ottimismo per il cambiamento Espressioni di speranza e fiducia nella capacità di cambiare 4.Intenzione di cambiare Espressione del desiderio/impegno di cambiare

20 Come evocare le affermazioni automotivanti 1.Svantaggi dello status quo –Che cosa la preoccupa del sua situazione attuale? –Cosa le fa pensare che questo sia un problema? –Quali difficoltà le comporta questo? –Cosa crede accadrà se non farà alcun cambiamento? 2.Vantaggi del cambiamento –Come cambierebbe la sua vita se lei riuscisse nel suo cambiamento? –Quale sarebbe il lato positivo del…? –Quali sarebbero i vantaggi nel fare questo cambiamento?

21 Come evocare affermazioni automotivanti Ottimismo rispetto al cambiamento 3. Ottimismo rispetto al cambiamento –Che risorse ha per riuscire a farcela? –Cosè che le dà coraggio per cambiare? –Cosa crede che potrebbe funzionare se decidesse di cambiare? Intenzione di cambiare 4. Intenzione di cambiare –Cosa le fa pensare che sia giunto il momento di cambiare? –Cosa pensa del suo problema? –Per ora dimentiche il come cosa vuole che accada? –Cosa intende fare?

22 Compiti chiave Stabilire un rapporto Scambio informativo Riduzione delle resistenze (Rollnick et al. 1999) Concordare un ordine del giorno Comportamenti molteplici Comportamento singolo Valutare limportanza del cambiamento e la fiducia di riuscire ad attuarlo Esplorare limportanza Costruire la fiducia nelle proprie capacità

23 La disponibilità al cambiamento Disponibilità (sentirsi pronti) Importanza (Perché dovrei cambiare?) (Credenze ed aspettative) Fiducia in sé stessi (Come riuscirò?) (Senso di autoefficacia)

24 Valutare la disponibilità, l'importanza e la sicurezza Quanto si sente pronto a cambiare? Quanto importante è per lei il (cambiamento), in una scala da 0 a 10? Se decidesse di cambiare ora quanto si sentirebbe sicuro di riuscire, in una scala da 0 a 10?

25 Esplorare limportanza Cosa farebbe diventare più importante per lei il cambiamento? Cosa dovrebbe succedere per farle prendere seriamente in considerazione la possibilità di un cambiamento? Come mai si è posto lì nella scala? Cosa la sposterebbe lungo la scala? Cosa la trattiene lì? Quali sono gli aspetti positivi del (comportamento) e quelli meno positivi? Cosa la preoccupa del suo (comportamento)? Se le cose cambiassero come sarebbero? Che cosa le dà il suo (comportamento) ora?

26 Valutazione dei pro e contro Comportamento attuale Cose positive Cose meno positive Cambiamento Cose positive

27 Costruire la fiducia in se stessi Cosa la farebbe sentire più sicuro di sè? Cosa laiuterebbe a sentirsi più fiducioso? Coma mai si è posto lì nella scala? Cosa la sposterebbe? Cosa la trattiene? Come posso aiutarla a riuscire? Cosa ha trovato utile in passato? Cosa ha imparato dalle precedenti esperienze? Quali strategie adotterebbe se volesse cambiare? Quali cose pratiche le servirebbero per raggiungere lo scopo?

28 Gli stadi del cambiamento Prochaska & Di Clemente 1992 Precontemplazione Obiettivo: evocare la consapevolezza e i dubbi. Tecniche: Formulare domande in grado di evocare direttamente il riconoscimento del problema e eventuali preoccupazioni Cosa potrebbe succedere se lei non cambiasse…? Talvolta anche una cattiva alimentazione può esser determinante: crede che possa essere il suo caso…? Quali segnali la porteranno a pensare alla necessità di un eventuale cambiamento…? Praticare lascolto riflessivo: consiste nel riformulare una supposizione ragionevole di quanto il paziente ha appena detto. Lutente può riascoltare nelle parole del medico la sua volontà a cambiare rafforzandola Paziente: talvolta mi preoccupo: mi sembra di mangiare troppi dolci che forse possono fare male Operatore: mangia molti dolci. Paziente: non so…ultimamente ci penso: forse dovrei fare qualcosa. Evitare la persuasione diretta e confermare la libertà di scelta Operatore: non è mia intenzione convincerla a fare qualcosa che non vuole. Quello che mi interessa è soltanto capire cosa lei pensa e se cè qualcosa che lei ritiene di poter fare per migliorare la sua alimentazione. Cosa ne dice? Paziente: mm…potrei pensare di…

29 Gli stadi del cambiamento Prochaska & Di Clemente 1992 Contemplazione Precontemplazione Obiettivo: comprendere e superare lambivalenza. Tecniche: Esplicitare le contraddizioni Vedo che è preso tra due fuochi. Da un lato vorrebbe smettere di fumare perché queste bronchiti le creano disagio, dallaltro le piace e le allevia la tensione sul lavoro. E un bel dilemma. Esplorare limportanza valutando i pro e contro del cambiamento Qualche volta può essere utile esaminare i pro e i contro- di un comportamento- le andrebbe di spendere qualche minuto per farlo…? Guardare indietro e in avanti Come andavano le cose prima che lei cominciasse a bere in questa misura…? Nel caso lei decida di operare questo cambiamento, cosa si aspetta per il futuro…? Costruire la fiducia in sé (autoefficacia) Cosa laiuterebbe a sentirsi più fiducioso? Come posso aiutarla a riuscire? Quali aiuti pratici le servirebbero per raggiungere lo scopo? Gestire le resistenze confermando la libertà di scelta e usando lascolto riflessivo

30 Gli stadi del cambiamento Prochaska & Di Clemente 1992 DeterminazioneContemplazione Precontemplazione Obiettivo: aiutare il paziente a trovare strategie praticabili e personalizzate e a scegliere quelle più adatte alle sue esigenze Tecniche: Facilitare concrete ipotesi sul futuro Quale sarebbe il miglior risultato possibile per lei qualora decidesse di cambiare le sue abitudini? Esaminare i bisogni personali Mi chiedevo quale cambiamento ritiene in questo momento essere il più importante per lei? Fornire sempre più di una opzione possibile e esplicitarle Per qualcuno è stato utile tentare di smettere con laiuto di un gruppo- pensa possa servire anche a lei?

31 Gli stadi del cambiamento Prochaska & Di Clemente 1992 Determinazione Mantenimento Azione Contemplazione Precontemplazione Obiettivo: sostenere lautoefficacia e prevenire le ricadute Tecniche: Sostenere lautoefficacia. (Credo che chiunque al suo posto sarebbe soddisfatto di come sta riuscendo a portare avanti il programma che avevamo concordato…) Analizzare ed enfatizzare i cambiameni effetuati (Cosa è cambiato in questo mese di astinenza dal fumo?) Prevenire le ricadute individuando le situazioni di maggior rischio (Mi sembra di capire che sia difficile per lei vedere i colleghi che fumano e non poterlo fare…Cosa pensa potrebbe aiutarla in questa situazione?)

32 Il colloquio di motivazione (CM) Che cosè? Un approccio direttivo centrato sul paziente con stile volto ad esplicitare la necessità di un cambiamento aiutando la persona ad esplorare e risolvere lambivalenza Miller & Rollnick 1991

33 Lo spirito del CM La disponibilità al cambiamento non è un tratto stabile Il rapporto si basa sulla collaborazione reciproca La motivazione viene espressa dal paziente Risolvere lambivalenza è compito del paz Lo scontro diretto non è utile Direttività rispetto allambivalenza Lo stile è espressivo e pacato

34 Dati della letteratura Dare consigli può non essere sufficiente per indurre un cambiamentoDare consigli può non essere sufficiente per indurre un cambiamento (Ashenden et al. 1997; Butler et al. 1998) Efficacia accertata del CM nel trattamento dellabuso e della dipendenza da sostanzeEfficacia accertata del CM nel trattamento dellabuso e della dipendenza da sostanze (Dunn et al. 2001; Burke et al. 2003; Britt et al. 2004) Alcune evidenze nel trattamento del diabeteAlcune evidenze nel trattamento del diabete (Williams et al. 1998; Kirk et al. 2001; Jones et al. 2001) Alcune evidenze per il tabagismoAlcune evidenze per il tabagismo (Butler et al. 1999; Williams & Deci 2001; Britt et al. 2004) Ancora deboli evidenze per dieta ed esercizio fisicoAncora deboli evidenze per dieta ed esercizio fisico (Mhurchu et al. 1998; Harland et al. 1999; Burke et al. 2003) Effetti benefici potenziali, ma occorrono ancora ricerche ulteriori e di migliore qualità Effetti benefici potenziali, ma occorrono ancora ricerche ulteriori e di migliore qualità (Knight et al. 2006)

35 I principi del colloquio di motivazione Dimostrare empatia Sostenere il senso di autoefficacia Aggirare ed utilizzare le resistenze Esplicitare e discutere le contraddizioni

36 Scopo: comprendere la posizione dellaltro Laccettazione e la comprensione facilitano il cambiamento Lascolto riflessivo è fondamentale Lambivalenza va considerata normale Dimostrare empatia

37 La discrepanza tra comportamento attuale e obiettivi desiderabili stimola al cambiamento E importante che sia il soggetto ad esporre le motivazioni Scopo: aumentare la consapevolezza Esplicitare e discutere le contraddizioni

38 Scopo: non suscitare resistenze e sfruttare le risorse del paziente Aggirare ed utilizzare le resistenze I contrasti sono controproducentiI contrasti sono controproducenti Una posizione rigida scatena reazioni di difesaUna posizione rigida scatena reazioni di difesa La nuove prospettive sono suggerite e non imposte La resistenza è un segnale per cambiare strategiaLa resistenza è un segnale per cambiare strategia Le soluzioni vengono dal paziente Utilizzare ciò che lui dice (roll with resistance)

39 Un esempio di resistenza suscitata dal medico Dr: Penso che non riusciremo a risolvere i suoi dolori alle gambe e alla schiena se lei non decide di dimagrire… Pt: Io non penso che la dieta serva a qualcosa, mi trovo meglio con le pastiglie! Dr: Le pastiglie di antidolorifico possono alleviare il dolore, ma non risolvono il problema! Pt: Questi dolori li ho da tanti anni e non credo che basti un po di ginnastica e di dieta per risolvere il problema! Dr: E crede che prendendo gli antidolorifici migliori qualcosa? Pt: Almeno sto un po meglio!. Dr: Ma è il suo peso il problema! I dolori sono la conseguenza del suo peso! Pt: Io penso di no! Allora mi prescrive gli antidolorifici?

40 Esempio Dr: Penso che non riusciremo a risolvere i suoi dolori alle gambe e alla schiena se lei non decide di dimagrire… Pt: Io non penso che la dieta serva a qualcosa, mi trovo meglio con le pastiglie! Dr: Vedo che abbiamo un punto di vita diverso su come risolvere il problema dei suoi dolori articolari. Pt: Cosa vuole dire? Dr: Lei ritiene che solo le pastiglie di antidolorifico possono alleviare il dolore, mentre io ritengo che se lei riuscisse a dimagrire eliminerà il problema alla radice. Cioè diminuendo di peso il suo corpo dovrà sopportare un affaticamento minore e quindi le creerà anche meno dolori… Pt: Ma io non ce la faccio a seguire una dieta! Ci ho provato un sacco di volte! Dr: Come mai è così difficile seguire una dieta? Pt: Non riesco a trattenermi, a seguire le regole. Dopo un po mi stanco e comincio a sgarrare… E poi vedo che faccio così fatica a dimagrire… Aggirare le resistenze

41 Dr: Allora, il problema è che lei non ha molta fiducia nella sua capacità di mantenersi a dieta e teme che i suoi sacrifici siano inutili, perché in passato ha avuto modo di constatare che fa fatica a perdere peso… Pt: Si proprio così… Allora tanto vale prendere le pastiglie, così almeno soffro un po di meno… Dr: Immagino che non sia facile… Tuttavia le proporrei di provare a pensarci assieme e vedere se possiamo trovare un modo per risolvere le difficoltà della dieta e capire se riusciamo a trovare una strategia che funzioni… Pt: Magari! Ma non credo che sarà possibile! Dr: Quindi, lei sente che riuscire a stare a dieta sarebbe abbastanza importante, ma le manca un po di fiducia nel fatto di riuscirci. Pt: Beh, sì… Dr: Proviamo a pensare insieme cosa potrebbe aiutarla? Pt: Mah, non so… Dr: Ci sono diversi modi per affrontare una dieta… Ad esempio, in quali momenti le capita di mangiare di più? Pt: Mah, direi la sera, prima di andare a dormire… Poi, quando faccio da mangiare assaggio di qua e di là…

42 Scopo: aumentare le possibilità del cambiamento Sostenere il senso di autoefficacia La convinzione di poter cambiare è un potente elemento motivanteLa convinzione di poter cambiare è un potente elemento motivante La scelta se e come cambiare è sempre del pazienteLa scelta se e come cambiare è sempre del paziente Vi è sempre la speranza di approcci alternativiVi è sempre la speranza di approcci alternativi

43 I principi del colloquio di motivazione 1.Esprimere empatia 2.Esplicitare e discutere le contraddizioni 3.Aggirare ed utilizzare la resistenza 4.Sostenere il senso di autoefficacia

44 Esprimere empatia Scopo: comprendere la posizione del paziente Laccettazione e la comprensione facilitano il cambiamentoLaccettazione e la comprensione facilitano il cambiamento Lascolto riflessivo è fondamentaleLascolto riflessivo è fondamentale Lambivalenza va considerata normaleLambivalenza va considerata normale

45 Esplicitare e discutere le contraddizioni interiori Scopo: aumentare la consapevolezza del problema La discrepanza tra comportamento attuale e obiettivi desiderabili stimola al cambiamentoLa discrepanza tra comportamento attuale e obiettivi desiderabili stimola al cambiamento E importante che sia il paziente ad esporre le motivazioniE importante che sia il paziente ad esporre le motivazioni

46 Aggirare ed utilizzare la resistenza Scopo: non suscitare resistenze e sfruttare le risorse del paziente I contrasti sono controproducentiI contrasti sono controproducenti Una posizione rigida scatena reazioni di difesaUna posizione rigida scatena reazioni di difesa La nuove prospettive sono suggerite e non imposte La resistenza è un segnale per cambiare strategiaLa resistenza è un segnale per cambiare strategia Le soluzioni vengono dal paziente Utilizzare ciò che lui dice (roll with resistance)

47 Sostenere il senso di autoefficacia Scopo: aumentare le possibilità del cambiamento La convinzione di poter cambiare è un potente elemento motivanteLa convinzione di poter cambiare è un potente elemento motivante La scelta se e come cambiare è sempre del pazienteLa scelta se e come cambiare è sempre del paziente Vi è sempre la speranza di approcci alternativiVi è sempre la speranza di approcci alternativi

48 Come si prosegue Fase dazione e mantenimento Sostenere lautoefficacia Proporre soluzioni condivise (brainstorming) Potrà essere necessario un training delle abilità

49 Caso clinico Il Sig. M. Uomo di 59 anni, sposato, libero professionista, molto sportivo Ricoverato in medicina per degli accertamenti in seguito ad una perdita di coscienza. Gli accertamenti non dimostrano nulla di significativo Durante il ricovero si riscontra una pressione elevata che necessita di un trattamento farmacologico. Il padre è morto per infarto miocardico acuto alletà di 62 a. Il medico ha spiegato al paziente perché ritiene importante e utile la terapia farmacologica

50 Caso clinico Il Sig. M. Il sig. M. dice: non sono dellidea di prendere farmaci, non prendo nemmeno laspirina per il mal di testa! Operatore: immagino che abbia dei buoni motivi per non voler prendere i farmaci. Le va di parlarmene? Cercare di non suscitare resistenze e gestirle

51 Caso clinico Il Sig. M. Sig. M.: mi sento bene, sono sempre stato bene. Non vado mai dal dottore e faccio molta attività fisica, tutti mi dicono che ho il fisico di un giovane! Operatore: mi sembra di capire che lei tenga molto alla sua salute… Ora, se immaginassimo di indicare la sua disponibilità ad assumere i farmaci su una scala da 0 a 10, dove 10 rappresenta il massimo della disponibilità, dove si collocherebbe in questo momento? Valutare la disponibilità allassunzione dei farmaci

52 Obiettivi Invitare il paziente a riflettere sulla possibilità di assumere i farmaci (introdurre largomento e stabilire lagenda) Cercare di non suscitare resistenze e imparare a gestirle Seguire i ritmi del paziente Capire se è meglio lavorare prima sullimportanza o sulla fiducia Capire che cosa rappresenta la terapia farmacologica per il paziente in termini pratici Indagare il significato personale rispetto alla sua immagine Valutare i rischi e i benefici personali con il paziente (importanza) Sfruttare leventuale ambivalenza Raggiungere un accordo comune accettabile per entrambe le parti

53 Strategie Introdurre largomento in modo non simmetrico, stabilire lagenda Valutare la disponibilità allassunzione dei farmaci Valutare limportanza per il paziente dei farmaci Valutare e costruire la fiducia del paziente Utilizzare la bilancia decisionale o descrizione della giornata tipo

54 Valutare la disponibilità, l'importanza e la fiducia Quanto si sente pronto ad assumere questi farmaci in questo momento? Quanto è importante per lei prendere i farmaci in questo momento, in una scala da 0 a 10, dove 0 significa per niente importante e 10 molto importante? Supponiamo che lei abbia deciso che prendere i farmaci sia per lei molto importante. Quanta fiducia ha di riuscire ad assumerli in maniera corretta, in una scala da 0 a 10?

55 Disponibilità al cambiamento

56 Importanza del cambiamento

57 Fiducia in sé stessi

58 Valutazione dei pro e contro Comportamento attuale Cose positive Cose meno positive Cambiamento Cose positive


Scaricare ppt "Motivare il paziente alla cura Claudia Goss Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Sezione di Psichiatria e Psicologia."

Presentazioni simili


Annunci Google