La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Liceo Scientifico Galileo Galilei Civitavecchia e Santa Marinella I.I.S. Viale Adige Civitavecchia I.C. Via Toscana, 2 Civitavecchia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Liceo Scientifico Galileo Galilei Civitavecchia e Santa Marinella I.I.S. Viale Adige Civitavecchia I.C. Via Toscana, 2 Civitavecchia."— Transcript della presentazione:

1 Liceo Scientifico Galileo Galilei Civitavecchia e Santa Marinella I.I.S. Viale Adige Civitavecchia I.C. Via Toscana, 2 Civitavecchia Narrazione dellesperienza (sintesi)

2 Quadro di riferimento e motivazioni Le tre scuole in rete presentano una composita realtà socio-culturale al proprio interno. Sono infatti: Liceo Scientifico (Civitavecchia e Santa Marinella- indirizzo tradizionale e PNI) I.I.S (Istituto dArte; I.P.S.S.A.R.; Professionale per il Commercio e Turismo) I.C. (al momento della progettazione Sc. Sec di I°) La stessa composizione delle scuole è stata una risorsa per la rete, avendo assicurato la presenza di giovani di età diversa, diversi obiettivi di carriera/studio/lavoro post diploma, diversa estrazione sociale, diverse competenze, capacità multiformi. Tale ricchezza ha stimolato il progetto e quanti se ne sono occupati dal punto di vista operativo, offrendo soprattutto ai docenti punti di confronto arricchenti per la professionalità. A ciò si aggiunga il bacino dutenza di provenienza degli alunni (Civitavecchia, S. Marinella, Tolfa, Allumiere, in alcuni casi Cerveteri, Ladispoli…). Le tre scuole in rete hanno coinvolto prevalentemente classi del biennio (liceo scientifico e IIS) e classi II e III della Sc. Sec. di I°, con lobiettivo di stimolare negli alunni la partecipazione, la creatività, il senso di appartenenza alla comunità classe/scuola/città/nazione/comunità sovranazionale. Per le Scuole in quanto Istituzioni, lobiettivo era quello di superare i limiti della scuola per misurarsi con un lavoro di rete e, soprattutto, con nuove e più strutturate modalità di monitoraggio/valutazione/documentazione. I punti di forza, in sintesi, sono stati: La struttura di lavoro predisposta a livello istituzionale ( MIUR; ANSAS; USR LAZIO…) La compattezza del progetto già in fase di elaborazione(garantita dalla scelta di azioni già in parte in uso nelle tre scuole) La coesione del gruppo di lavoro La vicinanza anche geografica delle scuole (garanzia di facilità di incontri etc) La collaborazione di tanti Enti ed Associazioni Pubbliche e del privato Sociale Lorganizzazione flessibile del tempo scuola e dellora di lezione I punti di debolezza, in sintesi, sono stati: Attitudine non pienamente acquisita dei docenti a documentare il lavoro, pur pregevole, svolto In alcuni casi, difficoltà di apertura pomeridiana della scuola In alcuni casi, la difficoltà a considerare risorsa del consiglio di classe intero il lavoro svolto dai docenti più motivati e dagli alunni Resistenza, da parte di alcuni docenti, alla trasversalità della disciplina, ed allindividuazione degli obiettivi trasversali

3 Finalità Finalità: Promuovere ed incrementare lo studio e la conoscenza della Costituzione presso i giovani Promuovere il concetto di cittadinanza consapevole in riferimento a comunità diverse ( Comune, Nazione, Europa) sperimentare le conoscenze derivanti dallo studio nella prassi didattica e nellagito delle relazioni tra alunno/classe/scuola/ territorio favorire presso i giovani lacquisizione di buone prassi atte a favorirne lo sviluppo del senso di cittadinanza attiva favorire la crescita nei giovani dellamore per la democrazia partecipativa intesa come patrimonio comune declinare in modo trasversale nelle diverse discipline i principi della cittadinanza con i saperi essenziali del curricolo Articolare percorsi complessi nel quadro delle conoscenze incrementare la cultura di Rete tra scuole promuovere accordi di rete ed intese di progetto a livello interistituzionale promuovere a scuola unidea di benessere legata allesercizio responsabile di diritti/doveri fare del Patto di Corresponsabilità uno dei punti privilegiati di comunicazione e condivisione scuola/famiglia promuovere la padronanza di mezzi di espressione e comunicazione promuovere la sperimentazione di azioni significative di innovazione didattica integrare la sperimentazione dellinsegnamento di Cittadinanza e Costituzione con il POF della Scuola e con la pratica didattica curricolare perseguire lorganicità progettuale delle scuole superare la logica delle educazioni in favore di un POF unitario nella sua ispirazione e tale da favorire la crescita dell identità di scuola Implementare le risorse organizzative e didattiche derivanti dalluso del 20% di flessibilità del curricolo

4 Obiettivi specifici Promuovere la conoscenza della Costituzione Italiana Collegare la conoscenza con lagito Favorire la prassi operativa Sperimentare lazione di rete scolastica in un progetto dai tempi certi Promuovere la capacità documentale Dare ordine e struttura alla molteplicità di esperienze riconducibili agli ambiti di C&C capacità di apprendimento collaborativo con gli adulti e con il gruppo di pari migliorare la qualità delle dinamiche interattive incremento della creatività acquisizione di stili di vita consapevoli del proprio ruolo di cittadino incremento del rispetto di sé e dellaltro incremento del rispetto per il territorio arricchimento delle capacità relazionali nei confronti degli adulti e del gruppo di pari incremento della capacità di accoglienza e di valorizzazione nei confronti della diversità in genere intesa come risorsa di crescita incremento della capacità di assunzione di scelte responsabili migliorare la conoscenza/consapevolezza delle proprie competenze, dei metodi di apprendimento, dei mezzi espressivi migliorare lorganizzazione del proprio sistema di apprendimento in quanto a modalità, tempi, strumenti

5 Contenuti Contenuti di prerequisito POF; Regolamento di Istituto; Regolamento di Disciplina; Patto di Corresponsabilità … e loro iter di elaborazione/discussione/adozione/diffusione Contenuti da acquisire: Conoscenza della Costituzione italiana Conoscenza delle Carte poste a fondamento delle moderne democrazie Conoscenza della distinzione dei poteri legislativo, esecutivo, giudiziario e delle loro funzioni Conoscenza delliter legislativo Conoscenza dei principi di funzionamento delle due Camere Conoscenza delle disuguaglianze economico – sociali e/o di opportunità ancora presenti nel mondo Conoscenza di analogie e differenze delle istituzioni contemporanee con le istituzioni delle comunità nelle epoche passate

6 Formazione dei Docenti Autoformazione Uso della piattaforma ANSAS Uso della modalità blended Testi di riferimento: (oltre ai libri di testo in uso nelle tre Scuole in rete) Siti internet, giornali, periodici, social network, materiale librario Siti del Parlamento italiano, Camera dei deputati, e link ivi afferenti;WWW.viaggio Si pongono esempi ritenuti significativi di passi antologici e/o testi: Sestini,Celotto, Viaggio a fumetti nella Costituzione(classi II e III Sc.sec.I° e biennio scuole sup.in rete); Locke, Lettere sulla tolleranza Montesquieu, Lo spirito delle leggi 1748 Rousseau, Discorso sulle scienze e sulle arti 1750 Rousseau, Discorso sull'origine della disuguaglianza tra gli uomini 1755 Rousseau, Contratto sociale 1762 Cesare Beccaria, Dei delitti e delle pene 1762 Voltaire, Trattato sulla tolleranza, 1763 Voltaire, Dizionario filosofico 1764 Benjamin Constant, Sulla libertà degli antichi paragonata a quella dei moderni, 1819 Alessandro Manzoni, Storia della colonna infame 1842 J. Stuart Mill, Sull'emancipazione della donna Alberto Saviano, Gomorra

7 Percorso Per la documentazione del percorso si rinvia allipertesto reperibile in www Ed in modo particolare: griglia analisi del progetto inviata allUSR del Lazio come azione di monitoraggio in itinere Monitoraggio a cura dellE.I.P. Italia Sezione MONITORAGGIO presente nellipertesto

8 Metodi, Risorse Metodologie didattiche: Lezioni frontali Focus groups Apprendimento collaborativo Situazioni esperienziali( volontariato, esercitazioni, laboratori, lezioni di esperti etc) Risorse umane: Dirigenti Scolastici Referenti di Progetto DSGA ATA Studenti/alunni Genitori MIUR ANSAS U.S.R. del Lazio Scuole del Lazio vincitrici del Progetto C&C Enti Locali (Regione Lazio, Provincia di Roma, Comuni di Civitavecchia e S. Marinella) TAR del Lazio Istituzioni ( Carabinieri, Polizia di Stato…) ONLUS e Volontariato (E.I.P. Italia, Volontari per E.I.P. Italia, Cavalleggeri di Maremma, C.R.I, UNICEF Sez. di Civitavecchia, Scuolambiente, Libera- Associazione contro le mafie, Semi di pace, Condotta Slow food sezione di Civitavecchia, Lyons Civitavecchia e S. Marinella, Libreria Dettagli Civitavecchia, Teatro Comunale Traiano Civitavecchia etc) Molte collaborazioni erano già attive, il Progetto ha consentito la strutturazione non occasionale del loro intervento.

9 valutazione Si rinvia alla sezione MONITORAGGIO dellipertesto www. In sintesi, si sottolinea la sistematicità con cui la rete di scuole ha operato losservazione e valutazione del progetto; la rete stessa è stata la risorsa per eccellenza della valutazione, in quanto le scuole si sono costantemente confrontate, sorrette, consultate. I tempi forti della valutazione sono stati: Gennaio/febbraio(scrutini di trimestre/quadrimestre) Febbraio/marzo( consigli di classe e compilazione del questionario per lU.S.R. del Lazio) Maggio (consigli di classe) Giugno/luglio (scrutini finali, rendicontazione, avvio della documentazione) Non vi sono stati sensibili scostamenti dal Progetto e dalla tempistica ivi prevista; un ruolo importante è stato assunto dal Convegno di Castiglioncello e dalle periodiche riunioni con gli ispettori tecnici, referenti e staff dellANSAS, dellUSR Lazio e dell IRRE che hanno fornito un efficace affiancamento consentendo unazione di verifica, monitoraggio e valutazione sistematica.

10 Risultati/ricaduta sulla didattica Lesperienza si è rivelata positiva per: Docenti maggiormente inclini al lavoro di team ed alla collaborazione con esperti esterni Cultura del monitoraggio/valutazione incrementata Lavoro di rete arricchito e reso risorsa più stabile che nel passato Scuola confrontata con Progetto nazionale Incremento della partecipazione a Progetti/azioni significative dellUSR Lazio, del MIUR etc Alunni resi protagonisti effettivi di molte iniziative Efficacia organizzativa delluso flessibile del tempo scuola Consapevolizzazione dei molti elementi dello hidden curriculum presenti in C&C Incrementata labitudine a valutare gli alunni anche su obiettivi trasversali e su attività di progetto Generalmente arricchita, negli alunni, la sensibilità verso temi del vivere civile, dellidentità/appartenenza ad una comunità (questi elementi sono stati più visibili dellattesa del miglioramento dei comportamenti quotidiani quali il rispetto dei locali scolastici, la puntualità etc) In molti casi è stata richiesta la riproposizione di elementi/iniziative del Progetto(collaborazione con il mondo del volontariato, con il Tribunale, con la rete di scuole etc) Alcuni prodotti hanno vinto concorsi nazionali

11 Storia e collaboratori dellesperienza Le tre scuole hanno, con C&C, dato diversa e più consapevole struttura a molte iniziative già in atto. Soprattutto, le hanno condivise ottimizzando tempi, risorse, esperienze. Numerosissime le collaborazioni con : Scuole (oltre alle tre in rete, altre se ne sono aggiunte in alcuni momenti topici quale, ad esempio, il Convegno sui diritti Umani organizzato con lUSR Lazio il 21 maggio 2010 ) U.S.R. del Lazio ONLUS ( esempi per tutti: E.I.P. Italia e Volontari per E.I.P. Italia la neonata ONLUS Cavalleggeri di Maremma che ha collaborato per buona parte della.s. con una delle tre scuole in rete con percorsi sulla protezione civile; la ONLUS Scuolambiente di Cerveteri che ha collaborato con le tre scuole della rete) Istituzioni (Polizia di Stato, Carabinieri dei comandi/Stazioni di Civitavecchai e Santa Marinella) Enti Locali ( Comuni di Civitavecchia e Santa Marinella, Provincia di Roma) Tribunale di Civitavecchia TAR del Lazio Associazioni anche sovranazionali attive nel campo del volontariato (Unicef etc) Con tutti i partner la collaborazione è stata proficua.


Scaricare ppt "Liceo Scientifico Galileo Galilei Civitavecchia e Santa Marinella I.I.S. Viale Adige Civitavecchia I.C. Via Toscana, 2 Civitavecchia."

Presentazioni simili


Annunci Google