La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Iperlipidemie Rappresentano il maggior fattore di rischio per l’insorgenza dell’aterosclerosi e di tutte le sue manifestazioni cliniche a livello coronarico,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Iperlipidemie Rappresentano il maggior fattore di rischio per l’insorgenza dell’aterosclerosi e di tutte le sue manifestazioni cliniche a livello coronarico,"— Transcript della presentazione:

1 Iperlipidemie Rappresentano il maggior fattore di rischio per l’insorgenza dell’aterosclerosi e di tutte le sue manifestazioni cliniche a livello coronarico, cerebrale e degli arti inferiori.

2 Iperlipidemie La dieta si fonda su due concetti fondamentali: non esistono grandi differenze nelle impostazioni dietetica per le varie forme di iperlipidemie poichè in ogni caso l’intento principale è di ridurre le lipoproteine a bassa densità occorre operare un cambiamento graduale di tutti i fattori nutrizionali capaci di influenzare i lipidi plasmatici

3 Iperlipidemie Scopo Raggiungere e/o mantenere peso ideale Anche una riduzione modesta di peso (5 kg) se mantenuta nel tempo determina riduzione significativa di colesterolo e TG Livello dietetico nei normopeso kcal/kg/die

4 Iperlipidemie : schema dietetico Apporto lipidico Lipidi totali < 30% delle calorie totali Acidi grassi saturi < 7% Acidi grassi monoinsaturi < 10-20% Acidi grassi polinsaturi < 10 (ω-6 riduce LDL ma anche HDL) (ω-3 riduce TG) Colesterolo < 200 mg In presenza di iperchilomicronemie ridurre lipidi totali al 25%

5 Iperlipidemie : schema dietetico Apporto di carboidrati Pazienti ipercolesterolemici nessuna limitazione % Pazienti ipertrigliceridemici ridurre drasticanente mono e disaccaridi 50% Pazienti con severa ipercolesterolemici drastica limitazione 40 % Per tutti Fibra 20g /die

6 Iperlipidemie : schema dietetico Apporto di proteine Uguale a quello di dieta generale Apporto di alcool Pazienti ipercolesterolemici consentito Pazienti ipertrigliceridemici da evitare

7 ALIMENTAZIONEPREVENZIONE ALIMENTAZIONE FARMACI TERAPIA Ipertensione arteriosa

8 Scopo Raggiungere e/o mantenere peso ideale Riduzione contenuto di sodio 2g/die Incremento di consumo di potassio Riduzione consumo di alcool Riduzione del consumo di grassi saturi Riduzione del consumo di alcol Esercizio fisico moderato

9 Ipertensione arteriosa: Schema dietetico Assunzione di Sodio ≤ 2 g/giorno (pari a circa 8mg di NaCl) 1 g di NaCl contiene 393mg di sodio Solo il 5-10% del sodio contenuto nella dieta occidentale proviene dagli alimenti

10 Ipertensione arteriosa: Schema dietetico Assunzione di Potassio Riduce i livelli di pressione arteriosa Pertanto la sua assunzione deve essere aumentata incrementando il consumo di alimenti particolarmente ricchi in potassio

11 Ipertensione arteriosa: Schema dietetico Assunzione di Potassio Per ridurre la perdita di sali minerali (e in particolare di potassio) durante la preparazione e la cottura dei vegetali occorre: Tagliare e lavare l’alimento poco prima della cottura Non immergere in acqua fredda Non tagliare più del necessario, strappare più che tagliare le foglie verdi Non cuocere più del necessario usando una quantità minima di acqua Non aggiungere bicarbonato di sodio ad ortaggi e vegetali verdi

12 Ipertensione arteriosa: Schema dietetico Fabbisogno Energetico Le calorie da somministrare devono essere calcolate in base a età, sesso, IMC, attività fisica. Per paziente normopeso 30–35 calorie circa /Kg di peso corporeo/giorno Per paziente sovrappeso o obeso è comunque necessario ridurre l’apporto energetico in modo da riportare il peso corporeo nel range di normalità

13 Ipertensione arteriosa: Schema dietetico Apporto proteico 15% delle calorie totali Apporto lipidico Lipidi totali <30% delle calorie totali della dieta Grassi Saturi <10% delle calorie totali Colesterolo < 300mg/giorno

14 Ipertensione arteriosa: Schema dietetico Apporto di carboidrati e fibre Carboidrati totali 55-60% delle calorie totali Fibre vegetali 20g/1000calorie/giorno Alcool 1 bicchiere al giorno di bevande a bassa gradazione alcolica (vino e birra)

15 Gotta Definizione Gruppo di malattie eterogenee caratterizzate dall’accumulo di cristalli di urato monosodico soprattutto nell’articolazione metatarso falangea a livello dell’alluce

16 Gotta Primaria: esagerata produzione di acido urico o ridotta escrezione renale di acido urico (derivata dal catabolismo basi puriniche esogene o endogene) Secondaria: associata a patologie come la leucemia o malattie mieloproliferative causa di aumentata produzione di acido urico

17 Gotta Scopo Mediante la dieta, associata sempre alla terapia farmacologica, cercare di modificare le alterazioni metaboliche o i disordini associati all’iperuricemia e alla gotta

18 Gotta Scopo Riduzione di eventuale sovrappeso frequente in tali pazienti Ridurre il consumo di alimenti con un elevato contenuto in purine Correzioni delle alterazioni dislipidemiche e delle altre anomalie metaboliche associate alla gotta

19 Gotta Scopo Si raccomanda l’assunzione di 2-3 litri di acqua al giorno in modo da permettere la solubilizzazione degli urati e la loro eliminazione urinaria Generalmente ad essa si associa l’assunzione di preparati a base di bicarbonato di sodio al fine di rendere alcaline le urine ed aumentarne il pH evitando così la precipitazione dei cristalli di urati

20 Gotta: Schema dietetico Fabbisogno energetico Se normopeso la quota calorica deve tener conto dell’età, del sesso, peso altezza dispendio energetico. Se in sovrappeso o obeso il regime dietetico dovrà essere finalizzato al raggiungimento del peso ideale.

21 Gotta: Schema dietetico Apporto proteico 10-15% delle calorie totali Apporto lipidico Lipidi totali <30% delle calorie totali della dieta Grassi Saturi <10% delle calorie totali Colesterolo < 300mg/giorno

22 Gotta: Schema dietetico Apporto di carboidrati e fibre Carboidrati totali 55-65% delle calorie totali Carboidrati semplici 10-15% delle calorie totali Fibre vegetali 35g/giorno Alcool Evitare il consumo di alcool in quanto può determinare un aumento dei livelli circolanti acido urico


Scaricare ppt "Iperlipidemie Rappresentano il maggior fattore di rischio per l’insorgenza dell’aterosclerosi e di tutte le sue manifestazioni cliniche a livello coronarico,"

Presentazioni simili


Annunci Google