La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gestione dei gruppi Associazione Pianeta Studio Settembre 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gestione dei gruppi Associazione Pianeta Studio Settembre 2013."— Transcript della presentazione:

1 Gestione dei gruppi Associazione Pianeta Studio Settembre 2013

2 Di che cosa parliamo Obiettivo autonomia: cosè, come raggiungerla e perché; Il ruolo del Tecnico dellApprendimento nelle attività doposcolastiche e del docente nei gruppi di lavoro

3

4

5

6 Adulto come Facilitatore Maieutico No terapia No sostegno psicologico

7 Potenziare le proprie qualità e i punti di forza Metacognizione sulle competenze Autostima Motivazione Fiducia Collaborazione Trasformare il Negativo al Positivo Sospensione dei giudizi Rispetto reciproco Sviluppare la Peer Education DOVE ARRIVARE

8 PROBLEMI DA AFFRONTARE DistraibilitàImpulsività Atteggiamenti oppositivi e provocatori Tratti ansiosi o disturbi dellumore Relazioni interpersonali

9 Relazione fra operatore e ragazzo

10

11

12

13

14 Autonomia «Lautonomia, in quanto maturazione dellessere di per sé, è un processo, è un divenire. Non scatta in una data precisa. In questo senso una pedagogia dellautonomia deve centrarsi su esperienze che stimolino la decisione e la responsabilità, vale a dire, su esperienze rispettose della libertà» (Freire, 2004)

15 Griglia della partecipazione attiva (Mastromarino 1991 Sostegno Il facilitatore sostiene le comunicazioni degli altri con domande aperte, riformulazioni, verbalizzazioni Interesse Il facilitatore invita sistematicamente a interessarsi

16 Griglia della partecipazione attiva (Mastromarino 1991 Coinvolgimento Il facilitatore è sempre coinvolto personalmente nella riunione manifestando impegno, sforzo ed energia Collaborazione Il facilitatore crea un clima di collaborazione durante tutto lincontro

17 Il facilitatore è una figura capace di: trarre il meglio dai membri di un gruppo e al contempo aiutarli ad interagire in armonia reciproca incoraggiare e catalizzare la partecipazione regolare ed orientare la comunicazione in gruppo mediare tra le diversità motivare e sollecitare le qualità individuali e collettive

18 COMUNICARE cioè mettere in comune QUINDI La comunicazione interpersonale può essere definita come la prima abilità educante (Meazzini, 2000)

19 Tre tipi di comportamento tre tipi di comunicazione Stile passivo Stile aggressivo Stile assertivo

20 LO STILE PASSIVO Si caratterizza per una non espressione delle proprie necessità o preferenze, emozioni e opinioni La persona che ha questo comportamento è la prima a violare i suoi diritti e lascia che anche gli altri li violino Tende a imitare e conformarsi agli altri, si lascia condizionare e evita di prendere posizione e decisioni. Esempi di comportamento passivi: Lasciare che gli altri decidano Non riesce a dire no Evitamento (anche del conflitto) Stare in disparte Dare ragione al più forte Cercare lapprovazione altrui Non reagire alle critiche Individuare comportamenti passivi è abbastanza semplice, più difficile è comprenderne le ragioni. Quali potrebbero essere i motivi?

21 STILE AGGRESSIVO Si caratterizza per unespressione dei propri bisogni, necessità, preferenze, emozioni e opinioni che è ostile, esigente e punitiva per linterlocutore. Difende i suoi diritti, ma viola quelli degli altri (solo uno dei due può vincere: se io vinco, tu perdi!) Può essere diretto (commenti ostili e umilianti, insulti, offese; gesti ostili e di minaccia) o indiretto (sarcasmo, commenti maliziosi; gesti ostili e dispregiativi quando linterlocutore è orientato dallaltra parte) Esempi di comportamenti aggressivi: Comandare, imporre la leadership in gruppo Non mettere in discussione il proprio punto di vista Sminuire i meriti altrui Criticare e emettere sentenze Interrompere e non lasciare esprimere Essere violenti Vi è mai capitato di osservare comportamenti aggressivi mascherati da comportamenti non aggressivi?

22 L0 STILE ASSERTIVO Si caratterizza per: Attenzione sia a se stessi che agli altri Tendenza a cooperare Tendenza a essere propositivi Attenzione agli aspetti razionali ed emotivi Esempi di comportamenti assertivi: Ascoltare attivamente Approfondire la conoscenza dei bisogni altrui ma anche dei propri Assumersi le proprie responsabilità- prendere decisioni Saper rifiutare Proporre Ammettere i propri sbagli e accettare critiche

23 Alberti e Emmons (1974): il comportamento assertivo promuove l uguaglianza nei rapporti umani, mettendoci in grado di agire nel nostro miglior interesse, di difenderci senza ansia, di esprimere con facilità e onesta le nostre sensazioni, di esercitare i nostri diritti senza negare quelli degli altri

24 Stile passivo Affermazioni lunghe e ripetitive Uso parole riempitive forse Frequenti giustificazioni Offerta costante di scuse Uso frequente di parole come dovrei Poche affermazioni che iniziano con io Uso di frasi che minimizzano i propri bisogni Stile aggressivo Opinioni che vengono spacciate per fatti Uso eccessivo di affermazioni che iniziano con io Induzione nellaltro di sensi di colpa Stile assertivo Affermazioni chiare e concise Distinzione fra fatti e Opinioni Uso corretto di affermazioni che iniziano con io e mi piacerebbe Critica costruttiva senza Colpevolizzazione Caratteristiche del messaggio verbale (Meazzini, 2000)

25 GESTIONE DEL GRUPPO IMPORTANTE: Accoglienza Apprendimento significativo (clima accogliente, fiducia reciproca, rispetto per le differenze…) Apprendimento cooperativo/insegnamento cooperativo Clima cooperativo COMPORTAMENTI: Mete comuni da seguire Responsabilità complementari per svolgere il compito Necessità di lavorare insieme per un progetto comune Incoraggiamento reciproco Correggere i punti deboli, potenziare i punti di forza

26

27

28

29

30 NESSUNO PUO RIUSCIRE SE NON CON IL SUCCESSO DELLINTERO GRUPPO

31

32 Credits : Prof. Pierluigi Cafaro Università Repubblica di San Marino


Scaricare ppt "Gestione dei gruppi Associazione Pianeta Studio Settembre 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google