La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La realtà del morire oggi L. Trentin. … la sofferenza che il malato narra non coincide esattamente con il male che il medico cura… (U. Galimberti) … la.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La realtà del morire oggi L. Trentin. … la sofferenza che il malato narra non coincide esattamente con il male che il medico cura… (U. Galimberti) … la."— Transcript della presentazione:

1 La realtà del morire oggi L. Trentin

2 … la sofferenza che il malato narra non coincide esattamente con il male che il medico cura… (U. Galimberti) … la sofferenza che il malato narra non coincide esattamente con il male che il medico cura… (U. Galimberti)

3 In oncologia tassi di mortalità ridotti annualmente dello 0.8% e laccresciuta sopravvivenza dei malati con patologia tumorale incrementano il numero di persone con sintomi invalidanti per le quali molte sono le necessità assistenziali, di tipo sanitario e sociale. In oncologia tassi di mortalità ridotti annualmente dello 0.8% e laccresciuta sopravvivenza dei malati con patologia tumorale incrementano il numero di persone con sintomi invalidanti per le quali molte sono le necessità assistenziali, di tipo sanitario e sociale. Comunque 1/3 dei malati muore entro 6 mesi dalla diagnosi Comunque 1/3 dei malati muore entro 6 mesi dalla diagnosi

4 Per tali individui lobiettivo è quello di migliorare la qualità di vita residua, con un programma di cure palliative attraverso un continuo, flessibile e tempestivo intervento fondato sulla conoscenza della evoluzione della malattia e della evoluzione della malattia e dei bisogni del malato (medicina non prometeica) dei bisogni del malato (medicina non prometeica)

5 assistenza psicologica a malato e famiglia assistenza psicologica a malato e famiglia intervento organizzazioni del volontariato (solidarietà sociale); intervento organizzazioni del volontariato (solidarietà sociale); grazie ad un approccio multiprofessionale di medico, infermiere, psicologo e del volontariato con piano di cura condiviso. grazie ad un approccio multiprofessionale di medico, infermiere, psicologo e del volontariato con piano di cura condiviso.

6 Difficoltà dei sanitari di accettare il morire in Ospedale, visto come luogo di cura dedicato agli acuti, e Difficoltà dei sanitari di accettare il morire in Ospedale, visto come luogo di cura dedicato agli acuti, e con crisi di ruolo e di professionalità degli stessi quando la morte viene interpretata come insuccesso con crisi di ruolo e di professionalità degli stessi quando la morte viene interpretata come insuccesso ricorso del malato al ricovero in struttura protetta, alla ricerca di sicurezza ricorso del malato al ricovero in struttura protetta, alla ricerca di sicurezza

7 Aspettative dei malati e dei familiari (di tutti i cittadini) in una società narcisistica Aspettative dei malati e dei familiari (di tutti i cittadini) in una società narcisistica A fronte di una medicina prometeica con risultati promessi da sanitari che si ergono culturalmente a degli Dei A fronte di una medicina prometeica con risultati promessi da sanitari che si ergono culturalmente a degli Dei

8 La sfida è tra due strategie alternative: Da una parte la strategia della negazione e del controllo: proteggere il malato terminale dalla consapevolezza della morte (congiura del silenzio); proteggere il malato terminale dalla consapevolezza della morte (congiura del silenzio); difendere familiari e personale sanitario dalla vicinanza della morte; difendere familiari e personale sanitario dalla vicinanza della morte; orientare ogni sforzo nel tentativo di prolungare la vita a qualunque costo orientare ogni sforzo nel tentativo di prolungare la vita a qualunque costo

9 Dall'altra la strategia dell'accompagnamento: riconoscere i limiti della medicina decidendo di astenersi o interrompere trattamenti sproporzionati; riconoscere i limiti della medicina decidendo di astenersi o interrompere trattamenti sproporzionati; spostare gli obiettivi terapeutici dal "guarire" al "prendersi cura", orientando gli interventi verso una soluzione dei desideri del paziente spostare gli obiettivi terapeutici dal "guarire" al "prendersi cura", orientando gli interventi verso una soluzione dei desideri del paziente

10 Cure Palliative: medicina olistica non prometeica, che accetta i propri limiti (non più invincibile. La morte dellindividuo è il limite più evidente!

11 PROBLEMI: gestire linformazione e la consapevolezza linformazione e la consapevolezza le scelte terapeutiche (condivisione di obiettivi e rapporto costo/beneficio) le scelte terapeutiche (condivisione di obiettivi e rapporto costo/beneficio) lassistenza (sede, modalità, tempi, collaborazione, interventi, ecc.) lassistenza (sede, modalità, tempi, collaborazione, interventi, ecc.)

12 Un caro amico mi ha dato alcuni spunti facendomi notare la terminologia presente nel linguaggio degli operatori: la cura come guerra alla malattia, la cura come guerra alla malattia, un nemico, un comandante, un soldato, un nemico, un comandante, un soldato, un armamentario formidabile, un armamentario formidabile, aggressività e non debolezza, aggressività e non debolezza, chi vince e chi perde ? chi vince e chi perde ? il nemico non è esterno ! il nemico non è esterno ! il malato non risponde alla cura, oppure… la cura non funziona ? il malato non risponde alla cura, oppure… la cura non funziona ?

13 Cè molto su cui riflettere …

14 ATTIVITA DI CURE PALLIATIVE DIPARTIMENTALE Ambulatorio ospedaliero 3 ore/die Hospice posti letto, Supporto psicologico a 360° (malati e familiari) Pronta Disponibilità ADI 24 h tutti i giorni Altri setting assistenziali: Ambulatorio TDCP, Hospice, Assistenza domiciliare (ADI-Profilo D) secondo la DGR 2989/2000

15 I problemi persistenti a Vicenza: l85 % muore in ospedale: ADI ancora inefficace; la cultura della medicina prometeica è ancora imperante; il malato terminale (criteri OMS) non interessa a nessuno

16 UO Terapia del Dolore e Cure Palliative paz oncologici totali: 112 paz in Oncologia per 868 visite 88 ADI attivate secondo DGR 2989/2000 con media di 4,8 accessi domiciliari e a casa nel 75% N. pazienti in hospice (12/05/2008): 37 pazienti / 100 gg Degenza media 12,5 gg e mediana 7 gg Nuovi pazienti 1809 Attività psicologica dolore cronico: 65 nuovi paz x 839 prestazioni Attività psicologica Cure Palliative: 41 nuovi paz x 737 prestazioni

17 dove muoiono e dove vorrebbero morire i pazienti oncologici italiani Beccaro M, Costantini M, Giorgi Rossi P, et al. Actual and preferred place of death of cancer patients. Results from the Italian Survey of the Dying of Cancer (ISDOC). J Epidemiol Comm Health 2006;60: The Italian Survey of the Dying of Cancer - ISDOC

18 4 STRATI Nord ovest Centro Nord est Centro Sud e isole popolazione target deceduti per tumore adulti (n ) 30 ASL deceduti per tumore

19 il luogo di decesso (dove muoiono i pazienti oncologici italiani) % (95% CI) Casa di residenza 55.7 (49 – 62) Altra casa (1 – 3) Ospedale34.6 (29 – 41) Hospice (0.3 – 2) RSA (5 – 9) Ambulanza (0.1 – 1)

20 il luogo per aree geografiche Nord ovest Nord est CentroSud %% Casa di residenza Altra casa Ospedale Hospice RSA Ambulanza

21 il luogo desiderato di decesso (dove vorrebbero morire i pazienti oncologici italiani) % (95% CI) Casa di residenza 91.5(90-93) Altra casa (1 – 3) Ospedale (4 – 7) Hospice (0.1 – 1) RSA (1 – 3) Ambulanza --

22 il luogo desiderato per aree geografiche Nord ovest Nord est CentroSud %% Casa di residenza Altra casa Ospedale Hospice RSA Ambulanza----

23 quanti muoiono nel luogo desiderato? Nord ovest Nord est CentroSud %% in Italia solo il 67.1% dei pazienti oncologici muore nel luogo desiderato e... con forti differenze geografiche

24 quanti muoiono nel luogo desiderato? il 65.9% di chi voleva morire a casa il 91.7% di chi voleva morire in ospedale il 95.9% di chi voleva morire in RSA con forti differenze geografiche !

25 Che probabilità abbiamo che il luogo di decesso sia quello che il paziente desiderava? quando un paziente muore a casa alta (98.2%) quando un paziente muore in ospedale bassa (14.9%) con minime differenze geografiche !

26 in sintesi il luogo di decesso è polarizzato su casa-ospedale fortissime differenze Nord – Sud non spiegabili da una diversa disponibilità di risorse familiari e/o professionali in tutte le aree del paese la casa rimane il luogo preferito di decesso circa un terzo dei pazienti italiani non riesce a morire dove desidera

27 Come si muore in Italia ? informazioni da pochi studi ad hoc inimmaginabile raccogliere indicatori sulla qualità del morire

28 valutazione su un campione di pazienti adulti, deceduti dopo almeno 24 ore di permanenza in ospedali di media elevata dimensione (Lombardia, Umbria e Firenze)

29 tutte le cause di morte (25% per tumore) % highly expected 58 expected17 not expected 23 dont know 2 il decesso era... Toscani F, et al 2005

30

31

32

33 inevitabile alta prevalenza di decessi in ospedale insieme ad una riconosciuta cattiva qualità del morire sviluppo di programmi efficaci nel migliorare la qualità del morire in ospedale Liverpool Clinical Pathways for the care of the dying

34 in sintesi nonostante esitino evidenze e prassi consolidate che dimostrano come sia possibile una morte dignitosa, controllando gran parte della sofferenza la qualità del morire non è neanche presa in considerazione come un dovere professionale né, da parte di pazienti e familiari un qualcosa da chiedere


Scaricare ppt "La realtà del morire oggi L. Trentin. … la sofferenza che il malato narra non coincide esattamente con il male che il medico cura… (U. Galimberti) … la."

Presentazioni simili


Annunci Google