La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sulle orme degli scrittori odeporici: schemi per la costruzione di un itinerario turistico-letterario DOTT. ALESSANDRA DE PAOLIS.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sulle orme degli scrittori odeporici: schemi per la costruzione di un itinerario turistico-letterario DOTT. ALESSANDRA DE PAOLIS."— Transcript della presentazione:

1 Sulle orme degli scrittori odeporici: schemi per la costruzione di un itinerario turistico-letterario DOTT. ALESSANDRA DE PAOLIS

2 PREMESSA

3 SOLO QUEL PASSATO È MORTO, CHE NON RIVIVE PER NOI Ho scelto di aprire questa lezione con le parole di Walter Benjamin perché ritengo che chiariscano in maniera particolarmente illuminante quale sia il senso della costruzione di itinerari turistico-letterario da proporre al viaggiatore moderno sulla scorta dei racconti di viaggi compiuti da antichi viaggiatori-scrittori.

4 INTRODUZIONE

5 Letteratura odeporica. Strumenti per la ricerca di scritture di viaggio La ricerca sulla letteratura odeporica e sulla scrittura di viaggio più in generale ha incontrato significativi sviluppi negli ultimi decenni. Di qui il fiorire di uno sconfinato numero di studi sullargomento e, soprattutto, di importanti centri di ricerca sullodeporica e di numerosi archivi sul tema del viaggio, che offrono lopportunità di accedere per via telematica ad un ampio patrimonio di scritture di viaggio. Un esempio è costituito dalla biblioteca digitale del Centro Interuniversitario Internazionale di Studi sul Viaggio Adriatico (CISVA). Il Centro Studi conta, infatti, tra le sue attività principali quella di individuazione (sui fondi librari e manoscritti del sistema bibliotecario pubblico e privato delle due sponde adriatiche) e di catalogazione in rete di testi letterari e documentali della scrittura di viaggio dellarea adriatica (a es. lettere, guide, diari, relazioni di ambasciatori, racconti di viaggio, ecc.).

6 Cosa si intende per itinerario turistico-letterario? Ora, archivi come quello del CISVA costituiscono unimportante risorsa per chi voglia elaborare proposte di viaggio che coniughino un interesse culturale-letterario alle esigenze del turismo moderno. Attraverso lespressione itinerario turistico-letterario si intende proprio individuare una specifica tipologia di proposta turistica innovativa, che offra al viaggiatore di oggi la possibilità di vivere la propria esperienza di viaggio in maniera originale, seguendo un percorso che è la riproposizione di altri percorsi di viaggio, di cui sia rimasta testimonianza in testi letterari o documentali.

7 Sulle tracce degli antichi viaggiatori Costruire oggi un itinerario turistico-letterario sulle tracce dellesperienza vissuta dai viaggiatori-scrittori che ci hanno preceduti significa, dunque, ricostruirne il percorso attraverso la lettura delle pagine ingiallite dei loro taccuini, dei loro diari di viaggio, delle loro memorie, così da avere la possibilità, a distanza di pochi decenni o di molti secoli, di rivivere le stesse emozioni che essi provarono nel corso del loro tragitto, di ripercorrere le medesime tappe, di andare alla scoperta di quei luoghi (città, vie, campagne) che prima di noi hanno già visitato e descritto nei loro scritti odeporici.

8 FINALITÁ

9 Finalità della costruzione di itinerari turistico-letterari Nella realtà odierna, lo sviluppo del turismo costituisce un settore di grande rilievo, non solo a livello economico (perché presenta un forte potenziale, atto a sostenere attività economiche nuove e tradizionali, e si conferma, ormai da alcuni decenni, come un settore ad alta occupazione e "occupabilità"), ma anche - e soprattutto - a livello sociale e culturale, in quanto si presenta quale mezzo privilegiato per la sensibilizzazione sulle questioni di rispetto dell'ambiente e del patrimonio storico e culturale. È, dunque, in funzione di questi obiettivi che si è resa sempre più urgente la necessità di superare le logiche del turismo di massa per costruire e proporre itinerari turistico-culturali innovativi, mirati allo sviluppo di un turismo culturale sostenibile.

10 Letteratura odeporica e itinerari turistico-letterari È in questa direzione che la letteratura odeporica rappresenta uno strumento privilegiato ai fini dellideazione e del lancio di percorsi innovativi paesistico-culturali, perché delinea un ampio e articolato patrimonio dal quale attingere per lelaborazione di itinerari letterari di viaggio dalle suggestive radici storico-culturali, fondati sulla scrittura degli antichi viaggiatori. Tali itinerari letterari, alternativi al turismo di massa, sono in grado di orientare modelli e comportamenti di turismo compatibile, interessato alla salvaguardia dellambiente artistico e naturale.

11 Finalità della costruzione di itinerari turistico-letterari in AREA ADRIATICA Un significato ulteriore può acquisire lofferta di itinerari turistico-letterari costruiti sulla scorta di testi di viaggio relativi allarea adriatica perché, promuovendo la fruizione del comune patrimonio storico-culturale sulle due sponde dellAdriatico, consentono di recuperare antiche tradizioni di interrelazione e integrazione transfrontaliera legate al viaggio sullAdriatico, al fine di promuovere il lancio di un organico sviluppo turistico. La proposta di itinerari che ripercorrano le esperienze di viaggio degli antichi viaggiatori dellAdriatico mira, inoltre, al rafforzamento del sentimento di appartenenza allArea adriatica e alla riscoperta di una comune identità dellarea transfrontaliera adriatica.

12 COME SI COSTRUISCE UN ITINERARIO TURISTICO-LETTERARIO

13 Fase 1: lettura e analisi del testo odeporico

14 Per costruire un itinerario turistico-letterario sulla base di un testo scelto di letteratura odeporica (che sia di natura più propriamente letteraria o documentale) occorre in primo luogo leggere con attenzione il testo, evidenziando i passi che appaiono più significativi e suggestivi ai fini dellelaborazione di una proposta turistica innovativa da offrire al viaggatore moderno. Facciamo un esempio concreto utilizzando un testo specifico: il manoscritto del racconto del viaggio adriatico compiuto da Pietro Casola nel 1494 alla volta di Gerusalemme.

15 Fase 2: elaborazione di un titolo per litinerario

16 Dopo aver letto lopera e aver individuato i punti più significativi della narrazione del viaggio, si deve passare fattivamente alla costruzione dellitinerario. Una prima operazione è quella dellideazione del titolo, attraverso il quale bisognerebbe cercare di evidenziare già tutte le coordinate spazio-temporali del viaggio ed altre informazioni utili ad una più immediata focalizzazione della tipologia di viaggio affrontata dal viaggiatore antico e di quella proposta al viaggiatore moderno: Il diario del Pellegrino (XV sec.) Pietro Casola verso Gerusalemme

17 Fase 3: ricostruzione grafica del percorso

18 Unaltra fase immediatamente successiva alla lettura del testo odeporico è quella dellindividuazione di tutte le tappe del viaggio compiuto dallo scrittore - compresi quei luoghi dei quali lautore fa solo brevi cenni - e della loro localizzazione su una carta geografica, preferibilmente risalente alla stessa epoca nella quale si colloca il racconto del viaggio, così da potervi rintracciare città e contrade che nel tempo possono aver mutato nome. Queste mappe antiche possono essere rintracciate sia in volumi di cartografia antica conservati presso le biblioteche sia su numerosi siti web di antiquaria.

19 Nel caso del viaggio adriatico di Casola è stata scelta unantica mappa dellItalia (Italiae novissima descriptio) realizzata da Giacomo Gastaldi (Iacobo Castaldo Pedemontano) e pubblicata nel volume di Abraham Ortels (latinizzato Ortelio) Theatrum Orbis Terrarum (Editore Plantin, Anversa 1570). Da questa rappresentazione dellItalia è stata ritagliata - con un programma di grafica – la porzione relativa allitinerario del pellegrino (la costa orientale del mare Adriatico) e su di essa sono state localizzate le città nominate dallautore. In questo modo è stato possibile tracciare (sempre con un programma di ritocco immagini) un percorso che collegasse tutti questi luoghi, così da fornire al viaggiatore moderno unidea grafica immediata del tragitto che gli viene proposto.

20 Il diario del Pellegrino (XV sec.) Pietro Casola verso Gerusalemme Mare Adriaticum. Golfo di Venetia

21 Fase 4: breve presentazione dellopera e del viaggio in essa narrato

22 A questo punto ha inizio il lavoro di stesura del testo dellitinerario. In primo luogo è necessario presentare brevemente al viaggiatore moderno lautore dello scritto odeporico, la meta del suo viaggio e le motivazioni per cui questo è stato intrapreso: Il 15 di maggio 1494, nei giorni della Pasqua Rosata, come allora era chiamata, Pietro Casola lascia Milano, dando inizio al suo viaggio. Ha desiderato da lungo tempo di andare in pellegrinaggio a Gerusalemme, e infine si decide a partire, e a vivere con appassionata curiosità, col gusto della scoperta dellAltro, lavventura della sua vita.

23 Si possono poi ancora fornire notizie sullopera in cui è narrato il viaggio e sulla sua genesi, ossia su come sia nata lidea di lasciare una testimonianza scritta dellesperienza odeporica: Dagli appunti ricaverà un diario, dando corpo al suo pellegrinaggio, che non si confonderà nelloblio con lesperienza di altre migliaia di esseri umani. Casola ne fisserà per sempre il ricordo, consegnato a un manoscritto del viaggio a Gerusalemme, sottratto da uno studioso dellOttocento alla polvere delle carte di una biblioteca patrizia milanese. Da quel diario balza fuori con tutta evidenza lesistenza di un viaggio nel viaggio, di un primo inconfondibile tratto che costituisce unesperienza a sé: il viaggio adriatico. E' questo litinerario che proponiamo di seguire, sulle tracce di un pellegrino curioso e amante della vita.

24 Fase 5: citazione di brani letterari

25 Nella stesura dellitinerario avranno un ruolo rilevante le citazioni tratte dal testo letterario che erano state evidenziate nella fase di lettura e analisi del testo, perché ritenute significative o suggestive per la sensibilità del viaggiatore moderno: Casola si imbarca a Venezia, e veleggiando lungo il golfo di Trieste, l8 giugno arriva a Zadar (Zara): Dominica a VIII de iunio, con la grazia de dio, a XI ore, zonsemo a Zarra…e con grande letitia, venendo de molte barchete, si montassemo tuti et andoromo a udire missa e, poi, se fece el disnare.

26 Come si è visto nellesempio precedente, bisogna poi intervallare questi brani letterari con pezzi di testo scritto a commento di quelli. Questi passi possono essere passi introduttivi che anticipino e spieghino il contenuto delle citazioni letterarie : Nella sua alta cerchia di mura, difesa da una fortezza, Zara appare una ridente cittadina ben costruita e pavimentata: È in piano, non tropo grande, ma tuta polita et ha belli edifitii. …ha belli muri in cerco e alti; novo casteleto da uno canto, assai in vista de forteza… Tuta la citade è solata de piastrelle vive, a uno certo modo che molti de li nostri milanesi, dico quilli hanno le podagre a li pedi, non la potrebbeno perambulare troppo aconcio.

27 I passi che commentano le citazioni possono anche fungere da elementi di raccordo tra le varie citazioni estrapolate dallo scritto odeporico, in quanto possono riassumere quelle parti che si è scelto di non citare, ma di cui si voglia comunque dar notizia in maniera più sintetica: Cessato lo scirocco la galea fa vela, navigando con poco de Garbino, fra gli isolotti senza numero della Croazia che fronteggiano Zadar e lungo il canale, simile a un fiume, sintravede tra gli scogli qualche rara abitazione. Dopo Šibenik (Sebenico), e lemozione del pericolo di una secca, nellandirivieni della navigazione, sospesa ai venti, si toccano molte isole e isolotti come quello di SantAndrea, disabitato e selvaggio, Vis (Lissa), dai vini rinomati, tra i quali si ricorda il vino bianco Vugava o Bugava, simbolo dell'isola, fertile, e famosa per la preparazione e il commercio delle sardine; da mano sinistra Traù (Trogir) e Split (Spalato).

28 Fase 6: presentazione delle risorse turistiche attualmente presenti lungo il percorso

29 Uno degli aspetti che va maggiormente curato nella costruzione degli itinerari turistico- letterari è quello della combinazione e commistione di notizie antiche e notizie moderne, nel senso di alternanza da un lato di descrizioni paesaggistiche o informazioni di vario genere tratte dal testo letterario del passato e dallaltro di indicazioni relative allodierna realtà dei luoghi citati e dei loro dintorni. Sollecitare il viaggiatore moderno alla scoperta di quanto sia rimasto intatto del passato, di come sia cambiato lambiente e di cosa ci sia di nuovo è, infatti, tra gli obiettivi dellofferta di proposte turistiche che siano la riproposizione di precedenti esperienze odeporiche di cui sia stata lasciata testimonianza in opere letterarie.

30 Nella stesura dellitinerario bisogna tener presente questo aspetto come uno dei parametri principali per la scelta delle notizie da fornire al viaggiatore doggi, allo scopo di suscitare in lui la curiosità di andare a scovare ciò che del racconto odeporico ancora sopravvive e ciò che di nuovo quelle terre hanno da proporre a distanza di secoli. Ecco qui di seguito un passo dellitinerario di Casola nel quale cè un esempio di passaggio dallantico allodierno, di confronto tra ieri ed oggi: Marinai e pellegrini si affrettano, chi al grande mercato sulla piazza della città[Ragusa], luogo di scambio tra Oriente e Occidente, chi a rinfrescarsi, a cercare relax e il piacere della scoperta per le strade e i panorami che si susseguono. Anche oggi la città offre le sue vie, i merletti delle sue architetture, dei suoi palazzi che si rispecchiano sullAdriatico, le vedute della costa e degli isolotti che la fronteggiano, mercatini dove acquistare oggetti dal sapore dOriente, e ancora spiagge nei suoi immediati dintorni, dove poter giungere con piccole imbarcazioni.

31 Oltre ad istituire un raffronto tra il passato e il presente, attraverso i brani di raccordo si possono fornire al viaggiatore moderno informazioni utili per affrontare il viaggio e suggerimenti di vario genere, dai mezzi di spostamento più agevoli o caratteristici ai tragitti da privilegiare: Litinerario che noi proponiamo al viaggiatore moderno, sulla scorta di quello compiuto da Casola, potrà essere realizzato per mare, come nellesperienza originaria, anche se non si possiede una barca, grazie alle diverse compagnie che fittano imbarcazioni col marinaio per crociere nellAdriatico, ma il percorso sarà ugualmente interessante se seguito in macchina lungo le coste, con la possibilità di integrarlo con puntate nellinterno, alla scoperta di luoghi affascinanti, e di raggiungere coi traghetti locali le isole lungo la costa.

32 In questi spazi extra-letterari, chi è responsabile dellelaborazione di un itinerario si può sfiziare anche andando alla ricerca di curiosità sugli usi e i costumi del luogo per informarne il viaggatore: troverete ospitalità presso case di contadini e di pescatori di pesce dacqua dolce, nei cui nuclei familiari è possibile assistere e partecipare alla produzione domestica di formaggi, vino, miele, acquavite e alla pesca di pesce. O, ancora, si possono fornire notizie sulleconomia locale o proporre eventuali attività da svolgere sul posto: Grazie allassoluta mancanza di unindustria pesante, il territorio è ecologicamente pulito e intatto, tanto che esistono alcune fonti dacqua sorgiva dove le popolazioni locali si servono per lapprovigionamento idrico. E inoltre possibile praticare trekking, oppure semplicemente passeggiare lungo i canyon scavati dai fiumi e raccogliere la frutta di bosco tipica della locale

33 Unaltra opportunità da poter sviluppare in questi brani di commento alle citazioni dautore è quella di proporre in alcuni punti anche percorsi alternativi, visite a luoghi limitrofi che, seppur non toccati dal viaggiatore-scrittore, presentano un interesse storico, artistico o naturale di particolare rilievo che li rende imperdibili: E nei dintorni suggeriamo un possibile allargamento dellitinerario, varcando il confine della Croazia subito dopo Dubrovnik, alla boscosa Erzegovina, alle montagne che fanno da sfondo allantica Ragusa, facendo tappa, a circa venti minuti dauto, a Trebinje, in Bosnia Erzegovina. Negli allegri caffè sotto i suoi platani secolari o lungo il fiume che costeggia le mura della cittadella turca, si potrà consultare le carte e programmare una sosta di qualche giorno, alla ricerca del tempo perduto.. Subito a ritroso delle spiagge di Croazia e Montenegro, da raggiungere in brevissimi percorsi, vi troverete fra laghi e fiumi, dove sulle montagne (se non preferite i piccoli e buoni alberghi a bassissimo costo, di Trebinje e altre cittadine) troverete ospitalità presso case di contadini e di pescatori di pesce dacqua dolce

34 Fase 7: creazione di link

35 Una volta completata la stesura del testo dellitinerario, con questa alternanza di brani tratti da un testo odeporico e di passi esplicativi o di commento scritti da chi elabora litinerario, occorre arricchire il testo di link e immagini. Innanzitutto i link. Per unofferta turistica il più esaustiva possibile, si può rendere il testo dellitinerario più completo aggiungendovi dei link utili per il viaggiatore moderno, come nel caso seguente si è fatto con i siti web delle compagnie di crociere e di traghetti: Litinerario […] potrà essere realizzato per mare […] grazie alle diverse compagnie che fittano imbarcazioni col marinaio per crociere nellAdriatico, ma il percorso sarà ugualmente interessante se seguito in macchina lungo le coste, con la possibilità di […] raggiungere coi traghetti locali le isole lungo la costa.crociere nellAdriaticotraghetti

36 Ma di link che arricchiscano litinerario possono essercene anche di altri tipi, in base alla fantasia del realizzatore dellitinerario. Qui di seguito ne presentiamo due differenti opzioni: link di approfondimento alle città citate e link di presentazione dei beni che si propone di visitare: Ma tornando col nostro pellegrino, spostiamoci con lui rapidamente a Budua (Budva) e Bar (Antivari) coi loro castelli, e Dulcino (Ulcinj), in Montenegro, ma allora considerati Albania, a ridosso del lago di Shkoder (Scutari) Budua (Budva)Bar (Antivari) Shkoder (Scutari) E ancora Casola visita il monastero benedettino di Santa Maria situato su uno scoglio, un isolotto fuori della città (l'isola di Lokrum), locus amoenus, secondo la tradizione letteraria dei luoghi di delizie, coi suoi giardini bagnati dal mare.monastero benedettino di Santa Maria

37 Ovviamente questi link dovranno rimandare ad alcune schede di presentazione che dovrebbero essere preventivamente costruite per ogni città e ogni bene incontrati nel corso dellitinerario, sia per quelli descritti dallo scrittore-viaggiatore, sia per quelli proposti dallelaboratore dellitinerario. Ecco qui affianco un esempio di scheda di presentazione di un bene, con la foto del bene e una sua breve descrizione. Pagina di bene

38 Nel caso delle schede di presentazione delle città, invece, alla foto dovrà far seguito una descrizione della città più dettagliata, che ne delinei in breve la storia, le attività economiche, le principali attrattive, eventi, tradizione e cultura:

39 Fase 8: reperimento immagini antiche e moderne

40 Infine, per rendere più attrattiva lofferta turistica, il testo dellitinerario va arricchito di immagini, che possono essere fotografie, dipinti, disegni, incisioni, illustrazioni, ecc. In questa fase di reperimento delle immagini è necessario tener presenti due parametri. In primo luogo occorre valutare forma e dimensioni delle immagini: a inframmezzare il testo dellitinerario si possono, infatti, inserire sia immagini dalle dimensioni più ridotte (queste in numero maggiore), sia immagini più grandi, che occupino tutta la larghezza del foglio (almeno tre o quattro di queste immagini per ogni itinerario).

41 Laltro parametro è di ordine cronologico: cè infatti la possibilità di alternare immagini antiche e immagini moderne, conformemente alla natura stessa di questi itinerari turistico-letterari, che mirano a coniugare citazioni letterarie riferite al passato e offerte turistiche relative allattuale realtà dei luoghi. Può risultare molto interessante anche riuscire a reperire di uno stesso soggetto sia limmagine antica che quella attuale, così da poter istituire un raffronto tra le due.

42 Fase finale: sistemazione grafica di testo e immagini

43 Elaborato il testo dellitinerario e reperite le immagini ad esso relative, resta solo da dedicarsi alla fase finale: organizzare la disposizione di testo e immagini, la loro alternanza in funzione di una varietà visiva che catturi lattenzione del viaggiatore moderno e non appesantisca la lettura dellitinerario che gli viene proposto.

44 Tale lavoro di sistemazione grafica di testo e immagini può essere attuato con molteplici combinazioni

45 Ecco qui di seguito un esempio di possibile combinazione di testo, immagine piccola ed immagine grande:

46 Un modello di itinerario turistico-letterario: il viaggio adriatico di Pietro Casola

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60 CONCLUSIONI

61 In conclusione, quello che si intende realizzare attraverso la costruzione di itinerari turistico-letterari è lopportunità di rivivere le medesime scoperte e le medesime emozioni degli antichi viaggiatori, sulle tracce dei racconti che essi ci hanno lasciato nei loro taccuini di viaggio, nei loro diari odeporici. Perché, per riprendere la citazione iniziale, «solo quel passato è morto, che non rivive per noi». Proporre al viaggiatore moderno questi itinerari significa guidarlo nella ricerca di quel che sopravvive ancora di quei ricordi e, nello stesso tempo, indirizzarlo alla scoperta delle nuove risorse che quegli stessi luoghi oggi offrono. Due osservazioni conclusive possono valere a meglio caratterizzare questa nuova tipologia di turismo letterario.

62 Slow tour e turismo destagionalizzato In primo luogo occorre tener presente lopportunità di improntare questo nuovo modo di viaggiare all'insegna dello slow tour, del lento penetrare nei luoghi, nelle suggestioni e nelle emozioni che questi sono in grado di suscitare, cogliendone l'identità profonda, il carattere unico e irripetibile che essi celano e che hanno disvelato a chi (da Orazio ai pellegrini del medioevo, da Goethe agli autori di brillanti reportages) quei posti ha visitato e vissuto prima di noi. In secondo luogo, sempre per la stessa necessità di vivere e scoprire l'anima dei luoghi (lontano dalle logiche frettolose e passivanti del turismo di massa dellera della globalizzazione), sarebbe preferibile suggerire al viaggiatore moderno di seguire questi itinerari nelle stagioni meno affollate, per poter percepire la vera essenza di un borgo o di una città e i silenzi del paesaggio.


Scaricare ppt "Sulle orme degli scrittori odeporici: schemi per la costruzione di un itinerario turistico-letterario DOTT. ALESSANDRA DE PAOLIS."

Presentazioni simili


Annunci Google