La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Comitato Direttivo Nazionale della Flc Cgil Roma 2 Febbraio 2006 Roma 2 Febbraio 2006 Le ipotesi della Flc Cgil per attuare lart. 7 del CCNL 2004-05 federazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Comitato Direttivo Nazionale della Flc Cgil Roma 2 Febbraio 2006 Roma 2 Febbraio 2006 Le ipotesi della Flc Cgil per attuare lart. 7 del CCNL 2004-05 federazione."— Transcript della presentazione:

1 Comitato Direttivo Nazionale della Flc Cgil Roma 2 Febbraio 2006 Roma 2 Febbraio 2006 Le ipotesi della Flc Cgil per attuare lart. 7 del CCNL federazione lavoratori della conoscenza

2 Il confronto con il Miur sullattuazione dellart. 7 Occorre: realizzare in tempi brevi lart. 7 e il sistema di valorizzazione professionale di tutti i lavoratori realizzare in tempi brevi lart. 7 e il sistema di valorizzazione professionale di tutti i lavoratori conseguire il consenso sulle proposte tra i lavoratori conseguire il consenso sulle proposte tra i lavoratori costruire una proposta unitaria costruire una proposta unitaria la nostra proposta e la prospettiva del prossimo rinnovo contrattuale la nostra proposta e la prospettiva del prossimo rinnovo contrattuale

3 I punti fondamentali della Flc Cgil per la valorizzazione professionale degli ATA Un sistema che: riguardi tutti i lavoratori, a partire dal rinnovo del secondo biennio economico. generalizzare la presenza di figure professionali con competenze alte e qualificate in tutte le scuole tramite il passaggio al livelli professionali superiori di tutti i lavoratori per rispondere meglio alle esigenze della scuola Risolvere i problemi posti dallautonomia e dal decentramento, dai tagli degli organici, dal precariato, dagli appalti dei servizi. Risolvere i problemi posti dallautonomia e dal decentramento, dai tagli degli organici, dal precariato, dagli appalti dei servizi. Riorganizzare le competenze dellamministrazione sul territorio. Riorganizzare le competenze dellamministrazione sul territorio.

4 Lipotesi Flc Cgil, la vertenza nazionale unitaria sui servizi e sul lavoro ATA La richiesta unitaria fatta allAran per il rinnovo del 2° biennio: la La richiesta unitaria fatta allAran per il rinnovo del 2° biennio: la valorizzazione professionale di tutti i lavoratori mediante lattribuzione dei profili delle aree superiori e la rivalutazione economica in base alle risorse contrattuali Con laccordo del 2° biennio sono stati acquisiti importanti risultati sul piano retributivo e professionale per gli ATA Lart. 7 è una soluzione ponte per realizzare lipotesi unitaria I problemi ancora irrisolti: precariato, appalti, organici, decentramento, formazione che aggravano le condizioni di lavoro ATA

5 Lart. 7 in sintesi a tutto il personale che farà domanda è attribuita una posizione economica per tredici mensilità finalizzata alla valorizzazione professionale pari a 330 x larea A x lArea B pari a 330 x larea A x lArea B Il beneficio economico è attribuito a seguito dellesito favorevole della frequenza di uno specifico corso di formazione a cui partecipa il personale utilmente collocato (105%) nella graduatoria dei richiedenti La graduatoria è formulata sulla base della valutazione del servizio prestato, dei titoli di studio posseduti e dei crediti professionali maturati. Le risorse per finanziare a regime il funzionamento del sistema sono previste in dal 1/1/06 a cui andranno aggiunte eventuali risparmi certificati e le risorse stabilite con il successivo rinnovo contrattuale Le risorse per finanziare a regime il funzionamento del sistema sono previste in dal 1/1/06 a cui andranno aggiunte eventuali risparmi certificati e le risorse stabilite con il successivo rinnovo contrattuale

6 Lart. 7 in sintesi (2) Il personale con la posizione economica dovrà svolgere, oltre a quanto previsto dallo specifico profilo: Per larea A)…ulteriori e più complesse mansioni (a esempio lassistenza agli alunni diversamente abili, lorganizzazione degli interventi di primo soccorso). Per larea A)…ulteriori e più complesse mansioni (a esempio lassistenza agli alunni diversamente abili, lorganizzazione degli interventi di primo soccorso). Per larea B)...compiti di collaborazione amministrativa e tecnica caratterizzati da autonomia e responsabilità operativa, aderenti alla logica del percorso di valorizzazione compiuto, (a esempio la sostituzione del DSGA). Per larea B)...compiti di collaborazione amministrativa e tecnica caratterizzati da autonomia e responsabilità operativa, aderenti alla logica del percorso di valorizzazione compiuto, (a esempio la sostituzione del DSGA).

7 La tempistica di realizzazione Il 1 Settembre 2006 va attribuito il beneficio economico e lesercizio delle nuove competenze. Non oltre il mese di febbraio 2006 deve essere: sottoscritto il contratto integrativo e sottoposto alle valutazioni degli organi di controllo sottoscritto il contratto integrativo e sottoposto alle valutazioni degli organi di controllo emanata la direttiva del Miur per avviare la formazione indicate le risorse e fornite le indicazioni agli USR e ai CSA per la gestione delle graduatorie. emanata la direttiva del Miur per avviare la formazione indicate le risorse e fornite le indicazioni agli USR e ai CSA per la gestione delle graduatorie. Le scadenze per le graduatorie: Le scadenze per le graduatorie: 10 marzo presentazione delle domande per lacquisizione del beneficio; 10 marzo presentazione delle domande per lacquisizione del beneficio; 10 maggio pubblicazione delle graduatorie provvisorie; 10 maggio pubblicazione delle graduatorie provvisorie; 10 giugno pubblicazione delle graduatorie definitive. 10 giugno pubblicazione delle graduatorie definitive.

8 Cosa prevedere nellaccordo con il Miur ? la distribuzione delle risorse a livello provinciale in proporzione allorganico (mod. ex funzioni aggiuntive) lindividuazione del livello provinciale per la costituzione delle graduatorie e per la presentazione della domanda la temporalità degli adempimenti dellAmministrazione periferica (gli USR e i CSA) – in modo da dare certezza e omogeneità ai tempi dellattribuzione delle posizioni economiche; la decorrenza dellattribuzione del beneficio economico agli aspiranti collocati in posizione utile della graduatoria provinciale; i tempi e le modalità di svolgimento della formazione necessaria al conseguimento del beneficio economico.

9 La formazione la formazione deve essere caratterizzate da brevi corsi nei quali vanno svolte attività in situazione con il sostegno di esperti mirate ad acquisire/migliorare le competenze professionali richieste la formazione deve essere caratterizzate da brevi corsi nei quali vanno svolte attività in situazione con il sostegno di esperti mirate ad acquisire/migliorare le competenze professionali richieste la formazione deve avere carattere di sostegno professionale allo svolgimento delle competenze e pertanto può partire dal 1/9/06 in conseguenza dellattribuzione della nuova funzione la formazione deve avere carattere di sostegno professionale allo svolgimento delle competenze e pertanto può partire dal 1/9/06 in conseguenza dellattribuzione della nuova funzione

10 La formazione (2) Massimo 30 ore compreso la quota e- learning Massimo 30 ore compreso la quota e- learning Tutti sono obbligati a parteciparvi compreso il personale proveniente dagli ee.ll. Tutti sono obbligati a parteciparvi compreso il personale proveniente dagli ee.ll. La partecipazione alla quota in learning non è obbligatoria per coloro che hanno già partecipato ai corsi per la qualificazione già espletati La partecipazione alla quota in learning non è obbligatoria per coloro che hanno già partecipato ai corsi per la qualificazione già espletati Il personale va formato in relazione alle principali competenze da svolgere e alle esigenze della funzionalità della scuola Il personale va formato in relazione alle principali competenze da svolgere e alle esigenze della funzionalità della scuola Non è valutabile ai fini della collocazione nella graduatoria per lattribuzione del beneficio economico Non è valutabile ai fini della collocazione nella graduatoria per lattribuzione del beneficio economico

11 deve essere semplice per evitare il contenzioso e complessità di valutazione dei punteggi basata su un punteggio complessivo di 100 punti da distribuire: 60% al servizio, il 20% per i titoli di studio e il rimanente 20% per i crediti professionali il peso del servizio non deve penalizzare i restanti criteri di valutazione riguardanti i titoli di studio e i crediti professionali riducendo tutto al mero riconoscimento della anzianità ( un tetto massimo 30 anni) vanno riconosciute le esperienze legate allo svolgimento degli incarichi aggiuntivi, delle funzioni aggiuntive e di funzioni superiori, i diplomi di maturità e di qualifica posseduti e i titoli specifici per laccesso al profilo, la patente Ecdl La Graduatoria per lassegnazione del beneficio economico

12 Le ricadute sul lavoro Lattribuzione delle nuove posizioni economiche dal 1/9/06 modificherà lO.d.L. esistente; il nuovo contratto di scuola dovrà tenere conto delle competenze professionali assegnate con lart. 7 in modo da definire una organizzazione del lavoro che eviti arretramenti di carattere economico ai beneficiari rispetto alla retribuzione accessoria percepita con gli incarichi (es. collaboratori scolastici); A partire dal 1 Settembre 2006 chi usufruirà della nuova posizione economica non deve concorrere allattribuzione di nuovi incarichi ma, invece, essere inserito in una o.d.l. funzionale alla scuola contrattata e retribuita sulla base del Fondo di scuola (lettera i) dell art. 6 del CCNL 2002/05).

13 Le ricadute sul lavoro (2) I compiti specifici inerenti lo.d.l. sono stabiliti dalla contrattazione di scuola: 1. le indicazioni dei profili professionali darea; 2. gli incarichi retribuiti da attribuire. Lart. 7 aggiunge unaltra categoria di personale che consolida nel proprio profilo lo svolgimento di una serie di prestazioni più complesse e/o caratterizzate da maggiore responsabilità prima retribuite tramite gli incarichi

14 Lapplicazione dellart. 7 secondo i principi del CCNL : rafforza il ruolo della contrattazione; da risposte positive a tutti i lavoratori coinvolti nel processo di valorizzazione; evita scelte diverse a livello di scuola che porterebbero ad una interpretazione autentica con il rischio di mettere in discussione il sistema di valorizzazione professionale di tutti i lavoratori; consente, stante le risorse a disposizione, di evitare squilibri retributivi coinvolgendo nellattribuzione e nella retribuzione degli incarichi specifici un maggiore numero di lavoratori; rafforza la possibilità che con il prossimo contratto si possano spostare parte delle risorse per laccessorio a favore del sistema di valorizzazione professionale. Le ricadute sul lavoro e le prospettive contrattuali (3)


Scaricare ppt "Comitato Direttivo Nazionale della Flc Cgil Roma 2 Febbraio 2006 Roma 2 Febbraio 2006 Le ipotesi della Flc Cgil per attuare lart. 7 del CCNL 2004-05 federazione."

Presentazioni simili


Annunci Google