La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SOCIETÀ TRIVENETA DI CHIRURGIA LA CHIRURGIA NELLA RETE OSPEDALIERA REGIONALE PRESIDENTI ONORARI PROF. ALDO LEGGERI E PROF. DAVIDE FRANCESCO DAMICO PRESIDENTE:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SOCIETÀ TRIVENETA DI CHIRURGIA LA CHIRURGIA NELLA RETE OSPEDALIERA REGIONALE PRESIDENTI ONORARI PROF. ALDO LEGGERI E PROF. DAVIDE FRANCESCO DAMICO PRESIDENTE:"— Transcript della presentazione:

1 SOCIETÀ TRIVENETA DI CHIRURGIA LA CHIRURGIA NELLA RETE OSPEDALIERA REGIONALE PRESIDENTI ONORARI PROF. ALDO LEGGERI E PROF. DAVIDE FRANCESCO DAMICO PRESIDENTE: GIANCARLO TOSOLINI PORDENONE - 5 OTTOBRE 2013 AUDITORIUM - PALAZZO DELLA REGIONE

2 REGIMI DI RICOVERO E TASSI DI APPROPRIATEZZA VINCENZO PEZZANGORA Con la collaborazione del dott. Maurizio Rizzo

3 STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEI RICOVERI CHIRURGICI ORDINARI URGENTI ELEZIONE Con più di cinque notti Week-Surgery CHIRURGIA DI GIORNO Day-Surgery Chirurgia Ambulatoriale

4 PROCEDURE CHIRURGICHE A CONFRONTO

5 RAPPORTO TRA REGIMI DI TUTTE LE SPECIALITÀ CHIRURGICHE E DELLA SOLA CHIRURGIA GENERALE Chirurgia generaleTutte le specialità chirurgiche

6 NEL 2010 SONO STATI ESEGUITI INTERVENTI. SONO STATI QUINDI ESTRATTI GLI INTERVENTI CON MENO DI 5 NOTTI. DUE FIGURE APICALI PER OGNI SPECIALITÀ HANNO ANALIZZATO I DATI PER VERIFICARNE LA CONGRUENZA ED APPORTARE LE EVENTUALI CORREZIONI.

7 RAPPORTI TRA REGIME DI RICOVERO DOPO LINTRODUZIONE DELLA WEEK-SURGERY Chirurgia generaleTutte le specialità chirurgiche

8 Incidenza % DRG chirurgici Ricoveri Programmati Ricoveri Urgenti RicoveriRicoveri urgenti Chirurgia generale %*41% Totale regione(di tutte le specialità chirurgiche) %53%** *dovrebbe essere superiore al 95% **questo dato comporta una significativa riduzione dei PL disponibili REGIMI DI RICOVERO TASSO DI APPROPRIATEZZA

9 RICOVERI SOLO PER ESAMI INSUFFICIENTE O INCOMPLETO PERCORSO DIAGNOSTICO RIFIUTO DEL PAZIENTE ALLINTERVENTO COMPARSA DI NUOVI PROBLEMI CLINICI INAPPROPRIATEZZA RICOVERI IN ELEZIONE

10 NEL VENETO LAPPROPRIATEZZA DEI RICOVERI URGENTI NELLE VARIE USL VA DAL 21,4% AL 59,2% NELLANNO ESAMINATO PRONTO SOCCORSO PRIVO DI ASTANTERIA (MANCANZA DI LETTI PER OSSERVAZIONE BREVE) MANCATO OBBLIGO DA PARTE DEL MEDICO DEL PRONTO SOCCORSO DI CHIAMARE LO SPECIALISTA (CHE PUÒ ESSERE ANCHE IL REPERIBILE) MANCATA FORMAZIONE CHIRURGICA PER TALUNI MEDICI DEL P.S. INAPPROPRIATEZZA RICOVERI URGENTI

11 ORGANIZZAZIONE DELLA W.S. REPARTO MULTIDISCIPLINARE SEPARATO NUMERO DI INTERVENTI CHE GARANTISCA LA PRODUTTIVITÀ DEL SISTEMA NESSUN AUMENTO DEI POSTI LETTO APRE LUNEDÌ ORE 7CHIUDE VENERDÌ ORE 10

12 ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO CHIRURGICO GESTIONE DEI MALATI DA PARTE DEI MEDICI DELLA STESSA U.O. AFFERENTE LA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI (SUPERVISIONATA DAL CAPO DIPARTIMENTO) DEVE AVVENIRE ALMENO UNA SETTIMANA PRIMA U.O. SEMPLICE OPPUREU.O. COMPLESSA?

13 PROBLEMI LEGATI ALLA W.S. LAVORO INFERMIERISTICO LORGANIZZAZIONE DEL LAVORO INFERMIERISTICO È DEMANDATA AL CAPOSALA DEL DIPARTIMENTO INFLUENZA DELLA FLORA MICROBICA NELLE VARIE PATOLOGIE

14 DIMINUIZIONE DELLE LISTE DI ATTESA (PER UNA MIGLIORE PROGRAMMAZIONE) AUMENTO DELLA PRODUTTIVITÀ (CHIUSURA DI TRE GIORNI) RIDUZIONE DEL LAVORO INFERMIERISTICO (+ DEL 30%) UNORGANIZZAZIONE DEDICATA PORTA SEMPRE AD UN MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLE CURE (SIA PERCEPITA CHE ASSISTENZIALE) RISULTATI DELLA W.S.

15 ADI Week- Surgery Distretto Lettera di dimissione MMG Telechirurgia Una buona integrazione fra ospedale e territorio, permetterà nel futuro una estensione delle patologie eseguibili in Week-Surgery. CONTINUITÀ DELLE CURE

16 CHIRURGIA DI GIORNO DAY-SURGERY E AMBULATORIALE TOTALE INTERVENTI

17 *QUANTO A SALE OPERATORIE, POSTI LETTO, PERSONALE ASSISTENZIALE **INSISTE SULLE MEDESIME STRUTTURE E PROCESSI ORGANIZZATIVI DELLA CHIRURGIA IN DEGENZA TRADIZIONALE, DI CUI TURBA E DA CUI È TURBATA NEL CORSO DELLA PRODUZIONE CHIRURGICA. 10% TOTALE CHIRURGIA DI GIORNO ( INTERVENTI)

18 STUDI DELLARSS E LETTERATURA INTERNAZIONALE DIMOSTRANO CHE I CENTRI DEDICATI PER LA CHIRUGIA DIURNA REALIZZANO COSTI MEDI PER PAZIENTE INFERIORI DEL 30% RISPETTO ALLE ANALOGHE PRESTAZIONI DI CHIRURGIA DI GIORNO EROGATE IN COMMISTIONE CON I PERCORSI DI DEGENZE TRADIZIONALI. 30%

19 LINEE DI INTERVENTO SEPARARE SEDE E PERCORSO DELLA CHIRURGIA DI GIORNO MULTIDISCIPLINARIETÀ (SOLO IL 21% DEI CASI DI DS VIENE REALIZZATO IN QUESTO MODO) ESCLUDERE LA ONE-DAY-SURGERY (FENOMENO PRESENTE NEL 30% DEI CASI)

20 Dipartimento Chirurgico In elezione, sopra le 5 notti e urgenze ~ 27% degli interventi L M M G V Sab Dom Week Surgery ~ 19% degli interventi Chirurgia di giorno ~ 54% degli interventi Si ribadisce che non è il modello organizzativo che determina la durata del ricovero, ma sono le nuove tecnologie ed acquisizioni anestesiologiche. ~ 50% interventi a ciclo continuo ~ 50% interventi in chirurgia di giorno NUOVA ORGANIZZAZIONE DOPO ISTITUZIONE DELLA WEEK SURGERY LOGISTICA E PERCORSI NETTAMENTE SEPARATI LOGISTICA E ORGANIZZAZIONE DEDICATA

21 DAY-SURGERY E CHIRURGIA AMBULATORIALE NON SI TRATTA DI UN PROBLEMA CLINICO. LA DIFFERENZA È SOLO AMMINISTRATIVA. LA CHIRURGIA AMBULATORIALE È NATA SOSTANZIALMENTE PER RIDURRE IL TASSO DI OSPEDALIZZAZIONE (E IN QUESTO HA AVUTO SUCCESSO).

22 DAY-SURGERY E CHIRURGIA AMBULATORIALE SE VI SONO ESIGENZE TARIFFARIE, DEVONO COLLOCARSI ALLINTERNO DI DRG CLINICI OMOGENEI E NON PER PROBLEMI DI ORGANIZZAZIONE DEL REGIME DI RICOVERO. (ESEMPIO: LERNIA SARA TARIFFATA COME ERNIA INDIPENDENTEMENTE DAL REGIME DI RICOVERO, CHE COMUNQUE DOVRA SEMPRE ESSERE DIURNO, COME LA LETTERATURA INTERNAZIONALE INSEGNA)

23 LOGISTICA DELLA CHIRURGIA DI GIORNO DEVE ESSERE DEDICATA QUANTO S.O., PERSONALE INFERMIERISTICO E PERCORSI ASSISTENZIALI. SE POSSIBILE SI PRESTANO BENE GLI OSPEDALI DISMESSI CHE POSSONO SVOLGERE ANCHE ALTRE ATTIVITÀ LEGATE AL TERRITORIO. È POSSIBILE EFFETTUARLA ANCHE NEGLI OSPEDALI DI RETE E NEGLI HUB, PURCHÈVENGA RISPETTATO IL PRINCIPIO DELLA SEPARAZIONE.

24 INTERVENTI PER POSTO LETTO IN CHIRURGIA DI GIORNO *NELLA MAGGIORANZA DEI CASI VANNO CONSIDERATI 4 INTERVENTI PER POSTO LETTO (ERNIE, VARICI…). **SE LANESTESIA E GENERALE (E IN FUTURO SI PREVEDE UN PASSAGGIO DI INTERVENTI DALLA WEEK-SURGERY ALLA CHIRURGIA DI GIORNO) SI DEVE PREVEDERE 1 INTERVENTO PER POSTO LETTO. ***PER CHIRURGIE MINORI SI POSSONO PREVEDERE ANCHE PIU DI 4 INTERVENTI PER POSTO LETTO (RAGADI, SENI PILONIDALI…).

25 ORGANIZZAZIONE DELLA CHIRURGIA DI GIORNO UNACCURATA ANAMNESI E VISITA PRE- OPERATORIA DECIDERÀ LA NECESSITÀ DI EVENTUALI ESAMI PRE-OPERATORI. APRE LUNEDÌ ORE 7CHIUDE VENERDÌ ORE 14 SE LANESTESIA È LOCALE O LOCO-REGIONALE, PRATICATA DAL CHIRURGO, NON OCCORRE LANESTESISTA IN SALA OPERATORIA, MA E SUFFICIENTE CHE SIA PRESENTE NELLA STRUTTURA. SONO POSSIBILI ALTRI TIPO DI ANESTESIA CHE RICHIEDONO LA PRESENZA DELLANESTESISTA IN SALA OPERATORIA.

26 πάντα ε OGGI RISPETTO A QUELLO CHE ERA SCRITTO NEL 2004 IN QUESTO TESTO SI STA ASSISTENDO AD UNA NUOVA RIVOLUZIONE. LEMERGERE DELLA WEEK-SURGERY RENDE PIÙ SOFISTICATO IL PAESAGGIO SUL PIANO ORGANIZZATIVO E GESTIONALE…E NON È ANCORA FINITO.

27 I CONTENUTI SONO BASATI SULLA MIA ESPERIENZA PERSONALE E SULLE VALUTAZIONI NUMERICHE DEL GRUPPO DI STUDIO DELLA REGIONE VENETO: M.BONIN G.NUBE T.MARTELLO C.CORDIANO


Scaricare ppt "SOCIETÀ TRIVENETA DI CHIRURGIA LA CHIRURGIA NELLA RETE OSPEDALIERA REGIONALE PRESIDENTI ONORARI PROF. ALDO LEGGERI E PROF. DAVIDE FRANCESCO DAMICO PRESIDENTE:"

Presentazioni simili


Annunci Google